Nelle pieghe dell’ultimo Mondiale Under 20: intervista a Fabio Roselli

Con l’allenatore degli azzurrini abbiamo parlato della salvezza, del prossimo torneo iridato in casa e di due squadre agli antipodi

COMMENTI DEI LETTORI
  1. GDF 30 Giugno 2019, 04:26

    Buongiorno, senza voler offendere nessuno, arrivando alla fine dell’intervista mi sono fatto UNA sola domanda: ma cosa ha detto? Solo ovvietà. Forse, se si evitassero le interviste cosidette “telefonate”. E di argomenti certamente più intetessanti……. ma forse sono scomodi per un “selezionatore” della FIR.

    • Sandokan 30 Giugno 2019, 04:38

      Hai ragione: l’intervistato ha risposto alle domande (generalmente pertinenti) in modo sensato, senza voler fare sensazionalismi. Terribile!
      Pero’ alla fine, per parlare di argomenti “scomodi” non serve nemmeno fare un’intervista, basta fare un articolo dove l’autore si assume le responsabilità’ di quello scrive dice, anche se “scomodo”.
      Fare una “finta” intervista nella quale l’intervistato o dice quelle cose “scomode” che vuole l’intervistatore, oppure niente interrotto o tagliato sara’ forse una moda, ma e’ professionalmente scorretto.

      • Darko 30 Giugno 2019, 09:39

        Suppongo che per voi non essere banale significhi criticare la Fir…. ? dopo un mondiale andato bene perche’ dovrebbe inimicarsi il proprio datore di lavoro? Oppure avrebbe potuto dire: si ho messo in campo il mediano di mischia sbagliato per tutto il mondiale 😁…
        E comunque leggendo tra le righe qualcosa che non funziona l’ha sottolineato: non ha potuto radunare la squadra dopo il 6 nazioni se non 5 giorni prima… e’ un elemento importante ed e’ dovuto a chi sta sopra di lui.
        In generale io darei a questa squadra un Mental coach… il gap da colmare con le prime 8 c’e’ sulla mole massiccia di errori che commettono in campo, e siccome il talento c’e’ si tratta di frenesia, insicurezza, paura..

        • Sandokan 30 Giugno 2019, 11:56

          Che centri anche il fatto che può’ capitare di incontrare avversari più’ forti?
          Sono cose che succedono nella vita.

          • Darko 30 Giugno 2019, 12:30

            Giocando al 100% del loro potenziale se la potevano giocare anche con Inghilterra, Irlanda e Galles.

          • Sandokan 30 Giugno 2019, 12:44

            Infatti con Inghilterra se la sono giocata (perdendo di un solo punto), mentre Irlanda e Australia erano evidentemente fuori portata per noi, in questo torneo.

          • Marte_ 30 Giugno 2019, 12:51

            L’Inghilterra è più forte dell’Irlanda e le posizioni finali lo confermano. Quella con i verdi è stata l’unica partita negativa

          • Sandokan 30 Giugno 2019, 12:55

            Diciamoci la verità, guardandoci nelle palle degli occhi: il nostro movimento e’ superiore a quelli inglese, irlandese, australiano? No.
            Si sarebbe potuto magari anche fare un exploit, ma sarebbe stato un po’ una bugia. Alla fine siamo arrivati più’ o meno dove ci meritavamo di essere come paese.

          • Marte_ 30 Giugno 2019, 13:58

            Certamente. Ma in questo torneo Ingilterra>Irlanda. Con una abbiamo fatto una grande partita e perso di un punto, con l’altra abbiamo fatto ridere. E comunque l’Irlanda a livello di U20 ultimamente non è che abbia fatto granchè bene. E’ vero che ha vinto il 6N di categoria ma mi aspettavo più convinzione per prendere lo scalpo. Se non c’è l’ambizione di battere i più forti non si fa il salto di qualità

          • Sandokan 30 Giugno 2019, 15:21

            @Marte
            Il salto di qualità’ prima lo deve fare il movimento.
            Aspettarsi miracoli da chi va in campo, quando dietro non c’e’ un movimento all’altezza degli avversari e’ una forma di illusionismo.

  2. Sandokan 30 Giugno 2019, 04:41

    In generale e’ stato un buon mondiale, che da’ continuità’ agli ottimi risultati precedenti (che sono i nostri migliori risultati storici nei mondiali U20) e che rappresenta un po’ il massimo che il nostro movimento, oggi come oggi, può’ ottenere a questo livello e in questa categoria.
    Per migliorare ulteriormente, bisognerebbe allargare di molto la base (sia di giocatori U20 che, soprattutto, di spettatori) e migliorare la filiera di formazione e di selezione, dando la possibilità’ agli allenatori dei livelli giovanili di farne una professione anziché’ essere in strangrandissima maggioranza dei volontari di buona volontà’.

    • LiukMarc 30 Giugno 2019, 10:27

      Esatto. E magari un bel campionato U21 o U23. Ma non credo ci siano i numeri, considerando che già molto prima (U12, U14) i ragazzi iniziano a non essere numerosi come 10 anni fa. Servirebbero le scuole, ma sappiamo che in Italia un sistema scuola-sport è abbastanza utopistico

      • Sandokan 30 Giugno 2019, 11:58

        Se si potessero pagare (come giusto) dei diplomati ISEF per girare per le scuole a tappeto e in modo professionale i risultati si vedrebbero, come reclutamento.
        Pero’ non vedo gradi investimenti muoversi in quella direzione…

  3. Parvus 30 Giugno 2019, 07:12

    Per migliorare ulteriormente, bisognerebbe allargare di molto la base (sia di giocatori U20 che, soprattutto, di spettatori) e migliorare la filiera di formazione e di selezione, dando la possibilità’ agli allenatori dei livelli giovanili di farne una professione anziché’ essere in strangrandissima maggioranza dei volontari di buona volontà’.
    scusa sandokan se ti copio …..

    • Sandokan 30 Giugno 2019, 11:59

      Non ci ho messo il copyright, chiunque può far sua quella frase.

  4. LiukMarc 30 Giugno 2019, 10:07

    A Roselli, vorrei fare i complimenti per il risultato sul campo, non scontato visto il girone da pazzi che avevamo, e che nel complesso la squadra non era quella del 2018.
    Però vorrei chiedere due cose: primo se è convinto che avere una sola Accademia non riduca enormemente la possibilità dei selezionatori (senza le risposte su “ma ci sono anche esterni”, che sono max 4/5 su 30), e invece sembri dare ad alcuni ragazzi una “corsia preferenziale” (o “chiaro percorso” se vogliamo). Domanda, nessuna provocazione.
    Secondo, come mai i suoi giocatori (ma non solo quest’anno, il 2017 me lo ricordo bene) danno l’idea di essere poco concentrati e attenti, molto frenetici, quasi per loro l’intensità volesse dire smania e impazienza. E’ un problema di testa? O non abbiamo le skills per giocare a certi ritmi e quindi andiamo in confusione?

    • Sandokan 30 Giugno 2019, 12:52

      Diciamo che le alternative sarebbero avere DUE accademie (allineate alle due franchigie) anziché UNA (ma non abbiamo il budget, e, anche se lo avessimo, gli “esterni” a questo punto diventerebbero veramente delle mosche bianche), oppure avere ZERO accademie stabili (ovvero strutturate più’ o meno come l’attuale, con un gruppetto di ragazzi e allenatori in una struttura fissa) e un gruppo di allenatori che girano come trottole per l’Italia, seguendo centinaia di ragazzi, che pero’ continuano a giocare prevalentemente nei loro club, come a suo tempo aveva proposto Fourcade e come sarebbe piaciuto anche a me.
      Oggi come oggi non vedo grandi probabilità’ che si passi alle zero accademie, ma non abbiamo nemmeno i soldi per farne due. Siamo un po’ ne’ carne, ne’ pesce? Si, ma a quanto pare, pianino pianino si sta migliorando, in linea anche con i miglioramenti dei tecnici, che all’inizio del progetto accademie, come candidamente ammesso dal Presidente del FIR, non erano ancora preparati. Effettivamente non e’ semplice preparare un tecnico ad un lavoro che nessuno ha mai fatto prima in un dato paese e che e’ stato strutturato senza averci fatto prima grandi studi… ma tant’e’.

      • LiukMarc 30 Giugno 2019, 13:35

        Una Accademia federale non serve secondo me, se non nel creare un ristretto gruppo di ragazzi che si giocano il posto. Posto che credo che tutti i ragazzi siano li perchè se lo meritino, o le accademie sono dei club (quindi poi non creano un “percorso” diretto verso l’alto), o non ci sono, come dici tu (e Fourcade), e i club si creano e tirano su i loro vivai (da leggersi l’articolo de Il Nero a riguardo).
        Sugli allenatori lasciamo perdere, discorso annoso, ma d’altronde se non ti porti i migliori per imparare, fare l’autodidatta è rischioso, oltre che lungo.

  5. Parvus 30 Giugno 2019, 13:38

    a questo riguardo l’ultimo tinello di vittorio munari…., fa capire molte cose…
    questa intervista lascia il tempo che trova……., mi sembrano ormai tutte interviste accomodate a monte….

  6. ermy 30 Giugno 2019, 18:15

    L’asse DORCOS/ ABOUT sta dando i primi frutti : “non abbiamo più avuto il modo di ritrovarci, se non a 5 giorni dal torneo, è chiaro che è complicato far combaciare tutto.”
    😂😂😂

    • balin 30 Giugno 2019, 18:24

      l’affermazione di Roselli “dopo il Sei Nazioni non abbiamo avuto praticamente più occasione di trovarci, se non cinque giorni prima dell’inizio del torneo iridato” è proprio da rimarcare, come si fa a gestire così un even to monmdiale?? in questo caso About non dovrebbe voler dire “all’incirca” ma chiarezza di ruoli e programmazione.
      Poi se ben ricordo a febbraio-marzo Capuozzo stava a Grenoble, per fortuna che hanno alzato la testa e l’hanno notato, chiaro che se ci si trova 5 gg prima anche nell’ultima partita ci può stare l’errore di Capuozzo (che mi pare si sia comunque riscattato ampiamente).

  7. sanfrancesco 1 Luglio 2019, 08:33

    Mah…bla bla su dobbiamo imparare a gestire i momenti chiave…intervista poco interessante

  8. TommyHowlett 1 Luglio 2019, 09:04

    Onestamente, senza aver letto i commenti precedenti, a me pare un’intervista in cui si dice tanto per non dire nulla. Non si è parlato del nostro sistema di reclutamento, non si è parlato delle prospettive di crescita, non si è parlato di giovani interessanti, non si capisce cosa intenda dire quando afferma di non aver avuto tempo a disposizione per preparare i mondiali. La partita contro l’Australia non mi è sembrata poi così ben giocata. Ha spiegato di più e meglio in due righe sulla situazione di Scozia e Francia, che in un’intera intervista su di noi

Lascia un commento

item-thumbnail

Sei Nazioni Under 20, Italia: l’analisi di coach Fabio Roselli dopo le prime due partite

Con l'allenatore degli azzurrini abbiamo analizzato le sfide in trasferta contro Galles e Francia

item-thumbnail

Sei Nazioni Under 20: i convocati dell’Italia per la partita contro la Scozia

Saranno 25 i giocatori che si prepareranno a Parma a partire da domenica prossima

item-thumbnail

Sei Nazioni Under 20: l’Italia è superba, ma la Francia si impone 31-19

Primo tempo eccellente dei ragazzi di Roselli, che cedono solo nel finale ai transalpini

item-thumbnail

Sei Nazioni Under 20: Italia, la formazione per la sfida con la Francia

Le scelte di Fabio Roselli per la gara di Aix-en-Provence

item-thumbnail

Under 20, Varney: “Sono nato in Galles, ma ho deciso di giocare per l’Italia. Mi son divertito”

Il mediano di mischia degli azzurrini ha parlato ai microfoni di S4C al termine della gara di Colwyn Bay