Serie A: i Lyons Piacenza superano 12-45 l’Accademia Nazionale nella semifinale d’andata dei playoff

Gli emiliani si impongono in trasferta marcando sette mete. Promozione vicinissima

lyons piacenza

ph. Angela Petrarelli

La promozione verso il Top12 è più vicina per i Lyons Piacenza. La squadra allenata dal duo Solari-Baracchi è riuscita infatti a passare in trasferta per 12-45 (0-5) in quel di Calvisano, sul campo dell’Accademia Nazionale nella semifinale d’andata dei playoff del Campionato di Serie A incamerando il massimo bottino disponibile in vista del match di ritorno della prossima settimana.

Gli emiliani fanno da subito la voce grossa andando in meta prima con Della Ragione e poi con Guillomot (autore anche della conversione) nella prima mezz’ora contenendo senza troppi problemi il rientro dell’Accademia, finalizzatosi nella segnatura di Capone a cui però – un minuto prima della fine dell’intervallo – rispondeva Grassotti mandando le squadre al riposo sul 5-19.
Un gap difficile da colmare per gli uomini di Raineri, privi nel loro roster di molti elementi impegnati nella preparazione del Mondiale U20, come ha dimostrato la ripresa dove i piacentini hanno dilagato. Bruno, Via G. (Votato Man of the Match) e Masselli scavavano infatti un solco ampio sino al 5-38.
Un colpo definitivo, sistemato nelle battute finali sul 12-45 appunto; per effetto delle mete di Gemma da una parte e Potgieter dall’altra.

Accademia Nazionale Ivan Francescato v Sitav Rugby Lyons 12-45 (0-5)
Calvisano, Pata Stadium, 25 maggio 2019
Serie A, Semifinale di andata  
Marcatorip.t 10’ m Della Ragione (0-5), 26’ m Guillomot tr. Guillomot (0-12), 30’ m Capone (5-12), 39’ m Grassotti trasf. Guillomot (5-19); s.t.  45’ m Bruno (5-24), 48’ m  Via G. tr Guillomot (5-31), 56’ m Masselli tr. Guillomot (5-38), 72’ m Gemma tr. Bientinesi (12-38), 78’ m Potgieter trasf. Guillomot (12-45)
Accademia Nazionale “Ivan Francescato”: Bientinesi, Petrozzi, Batista, Bertaccini, Capone, Zaridze, Jelic, Maurizi, Zuliani, Zecchini, Zambonin, Butturini (52’ Steolo), Florio (64’ Avaca), Bonanni, Gemma. All. Raineri
Sitav Rugby Lyons: Via G, Via A., Della Ragione (62’ Malta), Subacchi (72’ Conti), Bruno (Cap.), Guillomot, Efori (65’ Gherardi), Masselli (69’ Tarantini), Lekic (62’ Bedini), Bance. Pedrazzani (v.cap), Grassotti (75’ Benelli), Greco (36’ Salerno), Rollero (65’ Canderle), Potgieter. All. Solari, Baracchi

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Il Civitavecchia parteciperà alla Serie A al posto dell’Unione L’Aquila

I laziali saranno nel girone 3 del torneo cadetto dopo la rinuncia della società abruzzese

item-thumbnail

Serie A: l’Unione Rugby L’Aquila rinuncia al campionato

Non c'è stata la ricapitalizzazione sperata: il club ha dovuto annunciare la liquidazione

item-thumbnail

Serie A: per l’Unione Rugby L’Aquila non sembrano esserci speranze

Alle 18 è in programma l'assemblea dei soci: serve la ricapitalizzazione e un budget per la Serie A, ma entrambe le cose sono improbabili

item-thumbnail

L’iscrizione dell’Unione Rugby L’Aquila alla Serie A è a forte rischio

Il presidente Anibaldi ha detto che c'è tempo fino al 10 settembre per trovare nuovi fondi, altrimenti scioglierà la società

item-thumbnail

Serie B: il calendario della stagione 2019/2020

Definite tutte le giornate della terza serie nazionale

item-thumbnail

Serie A: il calendario completo della stagione 2019/2020

Kick-off del campionato previsto per il prossimo 20 ottobre

  1. Rugby4ever 25 Maggio 2019, 18:46

    Come da pronostico lyons in top12. Qualcuno addirittura aveva definito interessante il match e vedeva qualche possibilità per gli azzurrini, ma come volevasi dimostrare non c’è storia. Lyons nettamente superiori anche a ranghi completi, figurarsi con questa accademia che, a questo punto, non so come affronterà il ritorno date anche le assenze dei 17 convocati. Ai lyons va decisamente stretta questa serie A, il resto è noia.

  2. Lazzaro 25 Maggio 2019, 20:36

    Lyons assolutamente irrispettosi. Hdemia merita il Top 12 e trequarti dei ragazzi da subito nel Pro 14. Prendere 40 e rotti punti da una squadra di A non è nei programmi… E spero vogliate cogliere l’ironia. Altrimenti non c’è speranza.

    • lupobz 25 Maggio 2019, 21:03

      Apprezzo l’ironia ma forse vi sfugge che le motivazioni in campo erano leggermrnte diverse…Ragazzi esclusi dal mondiale e alcuni che finita la partita hanno raggiunto il ritiro della nazionale. Bravi i Lyons, ma il prossimo anno dovete comprare 15 titolari….

      • Lazzaro 25 Maggio 2019, 22:04

        Grazie. Speravo di essere letto nel modo corretto. Stupisce l’assenza di commenti, ma esiste anche la gara di ritorno. Le motivazioni che citi fanno parte dell’essere squadra, Hdemia è un esperimento, riuscito, ma fine a se stesso. Nel caso i Lyons faranno mercato ma di sicuro per stare nella parte bassa. Oppure succederà come per il Valorugby ?

    • Darko 26 Maggio 2019, 10:42

      I Lyons erano e sono nettamente superiori a tutte le altre , del girone 1 e del girone 3, in uno scontro andata e ritorno un ASR Milano (per dire) avrebbe portato a casa più o meno gli stessi risultati. È inutile, si meritano la massima serie e i play off sono solo un corollario. Magari tornano giù subito ma cosa hanno fatto quest’anno Verona e Valsugana?
      A mio modo di vedere all’Accademia ora come ora non si merita la il Top12 in quanto vive annate alterne per via dei cicli biennali dei ragazzi, due anni fa play off , l’anno scorso male, quest’anno bene, l’anno prossimo?

  3. LiukMarc 25 Maggio 2019, 22:45

    Be, a meno di stravolgimenti, non vedo l’ora di vedere Masselli in Top12

    • Lazzaro 25 Maggio 2019, 23:33

      Credo possa essere il suo livello. Qui in club house dicono che ovviamente non è da Zebre e nemmeno da Treviso. Ma aumentando il livello di sicuro ci può arrivare. I numeri ci sono.

      • LiukMarc 26 Maggio 2019, 11:11

        Per me quando era in U20 i numeri li aveva, e infatti mi aveva un po’ sorpreso la sua scelta di scendere in A con i Lyons. Vedremo l’anno prossimo,con Manni sono due permit che terrei d’occhio in terza linea.

        • xnebiax 26 Maggio 2019, 12:34

          Masselli in Pro14 dovrebbe poterci arrivare. Non l’ho più visto dopo la U20 quindi non ho un’idea aggiornata di quanto sia forte ma penso sarà superiore a Manni.

  4. tony 26 Maggio 2019, 08:35

    Accademia che gioca rimaneggiata, evidentemente non aveva grande interesse a cercare di passare il turno , resta il fatto che comunque anche al completo era sfavorita …….

    • xnebiax 26 Maggio 2019, 12:36

      Mi sembra giusto che la nazionale U20 abbia priorità. L’obbiettivo di non retrocedere nel trophy è importantissimo.

      • kpi 26 Maggio 2019, 12:51

        Giusto che la U20 abbia priorita’ e secondo me sarebbe stato meglio, come tempo fa, che l’Accademia non avesse giocato i play-off ma avesse lasciato che altre squadre, piu’ motivate, si giocassero l’accesso in Eccellenza. Non so quale possa essere la motivazione degli accademici a dare tutto in queste semifinali quando, per molti di loro, ci sono i mondiali fra pochi giorni e quando, per molti di loro, ci sara’ comunque una squadra diversa l’anno prossimo…

  5. bomber 26 Maggio 2019, 08:47

    che motivazioni puo’ avere una squadra che sa gia’ di non poter salire in top 12?…….decisione fir!……mi sembra un po’ una presa in giro per le altre squadre che magari avevano ambizioni….

  6. Dusty 26 Maggio 2019, 11:22

    Ok i Lyons saliranno in top12 ma oggi non valgono minimamente Valsu e Verona. E non basterà aggiungerei 5/6 giocatori di livello sempre che li trovino. Auguri.

    • kpi 26 Maggio 2019, 12:41

      Sono d’accordo e forse non basterebbero 10 giocatori di livello. Pero’, a mio avviso, il vero problema e’ la struttura dirigenziale e lo staff tecnico che non li mette a livello di Verona e Valsugana e di altre squadre Top12 (Valorugby) che hanno un progetto nel medio termine e uno staff dirigenziale e tecnico ingaggiato a realizzarlo.
      Se ricordo bene, ma vista l’eta’ potrei sbagliare, l’anno scorso i Lyons mancarono il passaggio in Eccellenza sbagliando completamente la partita di ritorno in casa per incapacita’ tecnico-tattica di gestire la vittoria esterna a Verona. I migliori auguri anche da parte mia.

      • Rugby4ever 26 Maggio 2019, 13:57

        La partita di ritorno contro Verona è una storia lunga e di certo l’anno scorso i lyons non potevano definirsi inferiori ad alcuna squadra di Serie A. Mi sembra ovvio che l’organico di Piacenza non sia quest’anno al livello della Top 12, sarebbe stato uno spreco inutile di risorse data la già netta superiorità per questo livello. Non capisco quindi cosa dovevano fare? Presentarsi ad Ottobre con un 15 già competitivo per la Top12? Il prossimo anno Piacenza dovrà fare i giusti acquisti e puntare a rimanere a galla, come spesso e volentieri accade. Poi se vogliamo parlare di divario con il salto in Top12 siamo tutti d’accordo, ma qualcuno deve salire ed i Lyons sono la squadra giusta quest’anno, più di qualsiasi altra, punto.

        • Dusty 26 Maggio 2019, 14:28

          Forse non ci siamo capiti. I Lyons meritano assolutamente di salire, quello che volevo dire che quando sali di categoria dovresti farlo con un gruppo di 6/7 giocatori di assoluto valore intorno ai quali creare una nuova squadra con gli opportuni inserimenti per la categoria superiore. Oggi io questo nucleo non lo vedo. Però magari mi sbaglio.

          • Rugby4ever 26 Maggio 2019, 14:53

            Scusa ma mi riaggancio al tuo discorso del Valsu e del Verona..quali erano secondo te i giocatori di assoluto valore l’anno scorso? A mio avviso Piacenza ha 3 giocatori che possono tranquillamente puntare a fare i permit player per Zebre/Treviso (e lo saranno), e altri 5-6 giocatori che sono da Top12, quindi non capisco di cosa stiamo parlando…

        • kpi 26 Maggio 2019, 14:53

          Probabilmente non mi sono spiegato, chiedo venia. Non mi riferivo al livello dei giocatori che sicuramente e’ adeguato per la categoria e che, comunque, non e’ cambiato granche’ rispetto all’anno scorso e rispetto all’anno di Eccellenza. Livello che comunque dovra’ essere rinforzato come detto da piu’ parti. Mi riferivo piuttosto allo staff dirigenziale e tecnico in confronto a quello di altre squadre di Eccellenza: nutro qualche dubbio che siano adeguatamente strutturati per pianificare una squadra competitiva per il livello superiore con l’obiettivo di restarci per piu’ anni. Per quanto riguarda la squadra giusta quest’anno per il salto, piu’ di qualsiasi altra, io voto Colorno

          • Rugby4ever 26 Maggio 2019, 16:26

            Squadra forte quella di Colorno, ma rimane il fatto che ha perso all’andata e pareggiato al ritorno contro un Noceto che era al livello dell’accademia. piacenza ha comunque ottenuto un netto 10-0 contro gli azzurrini. E’ vero che ogni partita è a se..ma se devo fare una classifica la metterei dietro al momento…

  7. nonnorugby 26 Maggio 2019, 18:57

    Forse l’Accademia dovrebbe partecipare alla Top 12, fuoriclassifica, giusto per far fare esperienza ai giovani, che piaccia o no, nella maggior parte dei casi, sono il futuro del movimento . Ritengo che la Serie A, non sia il torneo adatto dove far crescere i piccoli federali, sopratutto quella di quest’anno, non sono presenti 15 come quelli della scorsa stagione che erano, non me ne voglia nessuno, Lyons, Verona, Valsu e poche altre; a mio avviso il livello del campionato, rispetto allo scorso anno è un minimo meno competitivo. I ragazzi di Moretti (che sono i nostri quando cantano l’Inno di Mameli), hanno onorato l’impegno, con il massimo che potevano dare visto che mancavano quasi tutti (in campo ne erano ben pochi) di quelli con il biglietto in tasca per l’Argentina. La partecipazione a questa fase post gironi ha permesso alla Federazione, sempre in bolletta, di risparmiare su raduni ed amichevoli per la U 20. Comunque complimenti al Piacenza, con l’augurio che diventi una realtà come è diventato il Valorugby di Reggio.
    Buon Rugby a tutti.

    • Sandokan 27 Maggio 2019, 09:39

      Cosi’ avremmo un percorso per la nazionale che non mette mai i ragazzi nella necessita’ di vincere: accademie zonali, accademia nazionale, Pro14… praticamente li facciamo crescere senza che abbiamo mai veramente problemi di classifica, ne paura di retrocedere (che si vinca o che si perda, che diffeenza fara’ mai): cosi’ finalmente arrivano in Nazionale, nel 6 Nazioni, dal quale a sua volta non si puo’ retrocedere, e continuerebero il filotto record di sconfitte consecutive in un torneo secolare… fino a sbattere il muso per la prima volta nella retrocessione dal 6 Nazioni che, continuando cosi’, prima o poi necessariamente arrivera’. 🙁

Lascia un commento