Verso Benetton-Munster con Marco Bortolami

Intervista all’assistant coach dei Leoni, che ci ha parlato del Munster e di come è cambiato il gioco del Benetton ultimamente

COMMENTI DEI LETTORI
  1. try 11 Aprile 2019, 10:01

    Questa è la dimostrazione che per avere una buona squadra e raggiungere dei risultati devi avere una società professionale. Dal magaziniere al presidente.
    E’ chiaro il salto di qualità fatto dall’arrivo di Crowley e da Pavanello.
    Smith è stato storia per Treviso ma non aveva lo staff e la struttura di adesso (anche perchè era uno a cui piaceva gestire un po tutto), per non parlare del “povero” Casellato messo lì senza alcun supporto.

  2. bangkok 11 Aprile 2019, 10:14

    La svolta è avvenuta quando la “Federazione” si è finalmente resa conto che diktat e limitazioni assurde erano autolesioniste e non danneggiano SOLO la Benetton ma tutto il movimento

    • Flaviuz 11 Aprile 2019, 12:39

      Concordo in pieno. Se solo penso che squadra avevamo e fin dove potevamo crescere ed arrivare prima della lapidazione federale…

      • Parvus 11 Aprile 2019, 17:06

        flaviuz pochi si ricordano cosa ha fatto la federazione quando c’era munari e ha di fatto distrutto una bella squadra.

        • Flaviuz 11 Aprile 2019, 21:41

          Chissà se il buon Munari ci mette ancora il suo zampino…

          • robertopack 12 Aprile 2019, 00:01

            credo che in molti abbiamo questo dubbio, mentre chi è più dentro l’ambiente benetton ha qualche certezza in più. Per lo spirito e la passione che ha napoleone, sicuramente non si ferma per l’assenza di dindini

  3. mic.vit 11 Aprile 2019, 10:36

    altro elemento fondamentale che stiamo vedendo crescere di partita in partita nel Benetton è la velocità di esecuzione tra le fasi…elemento imprescindibile nel rugby odierno, segno che la squadra ha immagazzinato automatismi e lavora con fiducia e competenza ai fianchi dell’avversario…

  4. gian 11 Aprile 2019, 11:42

    a leggere queste dichiarazioni, l’impressione è che del benetton stiamo vedendo solo le prime potenzialità, ciò dimostrerebbe che il problema non è il materiale, ma il metodo (vedi il discorso ruzza)

  5. LiukMarc 11 Aprile 2019, 12:38

    Ora prendetevi un mediano di mischia giovane e fatelo crecsere con Duvenage per favore. Che li siamo messi da mani nei capelli

    • mmantova 11 Aprile 2019, 13:03

      onestamente non ricordo…. Ma quando c’era Lenard alle Zebre Violi c’era già???

      • LiukMarc 11 Aprile 2019, 13:06

        Se non sbaglio come permit. Ma in pianta stabile mi pare arrivò proprio quando andò via il kiwi

    • try 11 Aprile 2019, 14:04

      Eh si!
      Ormai il MM ha quasi più importanza del MA. E’ lui il metronomo di ogni squadra. Certo se poi hai Sexton a MA male non fa, ma abbiamo visto che anche lui ha soferto durante il 6N a causa di un Murray appannato.

Lascia un commento

item-thumbnail

Benetton Rugby: arriva il rinnovo di un veterano biancoverde

L'avanti continuerà a fare parte del club per diverse stagioni

item-thumbnail

Benetton Rugby, Rhyno Smith: “A Treviso mi sento a casa. Ruolo? Apertura, estremo o ala”

Il sudafricano fa il punto della situazione in vista della partita contro Edimburgo parlando anche del suo inserimento in Italia

item-thumbnail

Benetton Rugby, le parole di Lamaro e Lucchesi dopo la vittoria su Glasgow

I due giocatori del Benetton commentano il successo ottenuto contro Glasgow

item-thumbnail

URC, Leonardo Marin di nuovo a tempo scaduto: Benetton batte Glasgow 19-18

Dopo il drop allo scadere con Edimburgo il numero 10 decide a tempo scaduto anche la gara contro l'altra formazione scozzese

item-thumbnail

URC: la presentazione di Benetton-Glasgow Warriors

Gara importante per i Leoni, che puntano al sorpasso in classifica e a difendere il loro campo contro dei Warriors infarciti di nazionali scozzesi

item-thumbnail

Benetton: la formazione dei leoni per la sfida contro i Glasgow Warriors

Possibile debutto dalla panchina per Alessandro Garbisi. Assente all'apertura Albornoz