Top 12: Verona batte Valsugana e prenota la salvezza. La Lazio espugna il campo dei Medicei

Fiamme Oro e Rovigo vincono largamente su Mogliano e Viadana. Calvisano resta in vetta

ph. Verona Rugby

I primi risultati della ventesima giornata del Top12 sono andati in archivio. Ecco cosa è successo sui campi italiani e come è cambiata la classifica, in attesa che si disputino le ultime due partite in programma fra stasera e domani pomeriggio.

Fiamme Oro-San Donà: nell’anticipo delle quindici, la formazione capitolina non lascia scampo ai rivali imponendosi in casa per 50-19. I Cremisi vanno subito in meta con D’Onofrio e McCarthy ottenendo poi il punto di bonus offensivo al ventesimo minuto con la marcatura pesante di Biondelli, che di fatto chiude una contesa sempre controllata dalla formazione di Guidi.

Valsugana-Verona: la partita inizia con il botta e risposta al piede fra Mortali e Roden, per il 3-3 dei primi dieci minuti di gioco. Gli scaligeri appaiono più intraprendenti e al quarto d’ora infatti, sugli sviluppi di una mischia in posizione avanzatissima, vanno in meta con il mediano di mischia Navarra, che schiaccia sotto ai pali. C’è la conversione per il 3-10. Superata la metà della prima frazione di gara però, le cose si rovesciano: il Valsugana costringe i rivali a indietreggiare e a diventare indisciplinati. Rossi si vede comminare un’ammonizione che lascia il Verona in quattordici. I patavini ne approfittano subito: punizione, touche e carrettino, con Pivetta che chiude sull’abbrivio andando oltre. Tutto in equilibrio, sul 10-10. Non c’è un attimo di sosta, i padroni di casa alzano il volume della radio con l’accelerazione slalomeggiante di Kurimudu, che sfrutta il riciclo di Citton per andare in meta. Roden, dalla piazzola non sbaglia. Si va sul 17-10. Il match prosegue, alla mezz’ora i veronesi – poco prima che Rossi rientri per ristabilire la parità numerica –  accorciano con Mortali trovando i punti del 17-13. La tensione al Plebiscito è palpabile, ma i calciatori di entrambe le squadre non sembrano patirla. Negli ultimi minuti c’è tempo per un’ulteriore scambio di cortesie da tre punti a testa, che manda le contendenti al riposo sul 20-16.
La ripresa si apre sempre al piede: Roden sfrutta il lavoro dei suoi compagni in mischia per andare nuovamente a piazzare un calcio non facile risistemando i suoi a distanza di break, per il momentaneo 23-16. Verona va spalle al muro. Gli uomini di Doorey hanno una sola chance, quella di prendere in mano il comando delle operazioni e cosi fanno. Le cariche ripetute scuotono la difesa dei rivali che al ventitreesimo del secondo tempo cede all’avanzata decisiva di Riccioli. Mortali converte: si va sul 23-23, in perfetto equilibrio. Saltano gli schemi, gli allenatori pescano a piene mani dalle rispettive panchine mentre in campo – a fronte di qualche errore – è lotta senza quartiere: in palio c’è la salvezza.
La parità si rompe a poco più di dieci minuti dalla fine, ancora una volta dalla piazzola. Verona ottiene una punizione: Mortali si incarica della trasformazione senza sbagliare, per il 23-26. I padroni di casa incassano il colpo, rischiano di andare al tappeto, ma nel finale si riorganizzano tentando il “serrate finale”. Si gioca praticamente l’ultima azione: il Valsugana sfrutta una serie di serie di falli subiti per risalire il campo e arrivare a giocarsi una touche sui cinque metri avversari. Un tentativo, due tentativi, il pubblico spinge i patavini che intanto si prendono il vantaggio numerico, vista l’ammonizione all’indirizzo di Rossi, il quale peraltro viene espulso per un doppio cartellino giallo. Dalla touche si passa alla mischia, per un “tenuto alto” in area di meta, senza esito. Quindi si torna in rimessa laterale, ma questa volta le guardie veronesi contengono al meglio tenendo alto l’attacco dei padovani. Il direttore di gara fischia la fine. In campo si anima un po’ di polemica, ma quel che conta è il risultato. Valsugana 23-26 Verona, gli scaligeri si impongono in una sfida praticamente decisiva per la lotta salvezza.

Rovigo-Viadana: Al Battaglini i Bersaglieri tornano a ruggire. I veneti infatti superano il Viadana con il risultato di 40-7. Ottima prova per gli uomini di Casellato che mostrano forza tanto in attacco, segnando sei mete, quanto in difesa, subendo solo una marcatura dai gialloneri; firmata nel finale da Wagenpfeil. Sul tabellino dei marcatori ci finiscono Barion (due volte), Majstrovic e Cioffi, che si rende autore di una tripletta. I tre consentono ai rossoblu di conquistare ovviamente il punto di bonus offensivo

Medicei-Lazio: impresa clamorosa dei biancocelesti, che sul campo dei toscani si impongono 28-35. In una sfida equilibrata sin dalle prime battute, e che ha visto le formazioni andare al riposo sul 15-14 ma per i fiorentini, a decidere –  nel final – è stata la meta di Ceballos, convertita da Bonifazi.

Calvisano-Mogliano: nessun problema per la capolista, che batte i veneti con un gran rush finale negli ultimi venti minuti. Il bonus arriva al 71′: cinwue le mete segnate in totale e primo posto al sicuro (34-10).

Classifica parziale: Calvisano 71, Rovigo 78, Valorugby Emilia 72*, Petrarca 69*, Fiamme Oro 63, Medicei 45, Viadana 40, San Donà 40, Mogliano 36, Verona 28, Valsugana 21, Lazio 20.
* = una partita in meno

Di Michele Cassano

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

E’ tornato il Top 12

Presentata a Padova la nuova edizione del massimo campionato italiano: partenza il prossimo 19 ottobre

9 Ottobre 2019 Campionati Italiani / TOP12
item-thumbnail

Rugbymercato: come cambiano le rose del Top12 (in aggiornamento)

Tutti gli ingaggi e gli addii per la stagione 2019/2020, man mano che arrivano le notizie

8 Ottobre 2019 Campionati Italiani / TOP12
item-thumbnail

Top12, Rovigo: dal mercato arriva il pilone sudafricano Daniel Jacobus Mienie

Rinforzerà la prima linea con fisico ed esperienza

17 Settembre 2019 Campionati Italiani / TOP12
item-thumbnail

Top 12: il resoconto delle amichevoli del 14 settembre

Otto squadre del massimo campionato in campo fra di loro: ecco i risultati

15 Settembre 2019 Campionati Italiani / TOP12
item-thumbnail

Top12, amichevoli: la vittoria di Rovigo ed il programma odierno

In serata debuttano, tra le altre, i campioni d'Italia di Calvisano ed il Petrarca

14 Settembre 2019 Campionati Italiani / TOP12
  1. Marte_ 6 Aprile 2019, 18:12

    Daje Verona, salvezza in tasca

    • Federico Barbarossa 6 Aprile 2019, 18:14

      Infatti. Fra un paio di anni ci caveranno i soldi. La società fallirà e nel vostro bellissimo stadio giocherà il calcio. Complimenti!

      • Marte_ 6 Aprile 2019, 18:30

        Boh non tifo Verona né sono di quelle parti. Guardo con simpatia ad una realtà che sembra essere seria e investe in infrastrutture e formazione. Valsugana è encomiabile, se ci fossero 100 società così saremmo nella top10 mondiale ma non capisco questo astio. Sono due modelli diversi, agli antipodi ma a loro modo virtuosi

        • Federico Barbarossa 6 Aprile 2019, 18:43

          Ma simpatia di cosa? Ma che giocatori decenti ha verona? Ha gli scarti delle altre squadre. Tra 5 anni Verona che la ricorderemo come squadra fallita.

          • Marte_ 6 Aprile 2019, 19:09

            Mi sembri nervoso più del dovuto

          • Obelix-it 7 Aprile 2019, 00:37

            Sara’ del Valsugana…

      • Dusty 6 Aprile 2019, 19:25

        Scusa ma che commento è il tuo? Vedo quasi un desiderio perché al Verona il futuro riservi amare sorprese.

        • Federico Barbarossa 6 Aprile 2019, 19:47

          Sarà così. Basta conoscere la situazione societaria e capire l’abc di una società sportiva. Tipo Costi vs Ricavi? Hai presente?

          • Dusty 6 Aprile 2019, 20:22

            Guarda che quello che tu dici è una ipotesi che vale per quasi tutte le società ma questo non significa che Verona debba essere giudicato negativamente s priori. Non credi?

          • Federico Barbarossa 7 Aprile 2019, 02:38

            No

      • Federico Barbarossa 6 Aprile 2019, 20:01

        Ah dalle foto il “tenuto alto” era meta. Ecco cos’è il rugby in Italia. Vincono gli scarsi. Perdono i meritevoli.

        • Obelix-it 7 Aprile 2019, 00:39

          Sisisi, Valsugana, mai saputo perdere…

          • Federico Barbarossa 7 Aprile 2019, 02:41

            E quindi? Hai visto la partita? Se sì e se conosci le regole del rugby, è stata una vergogna. Poi chi dice che Verona è stata brava a giocare sull’arbitro non tiene presente un aspetto: quello in campo non era un arbitro. Era uno capitato lì per caso.

      • Nuvole! 7 Aprile 2019, 03:39

        Questi commenti sulle società’ con un bilancio “ballerino” che falsano i campionati ai danni delle società “responsabili” sono state scritta a suo tempo quando passo’ L’Aquila ai play off di serie A. La differenza e’ che poi alle stagioni successive L’Aquila e’ stata costretta a fare dei passi indietro, mentre il Valsu era ancora li’ per riprovarci, avendo fatto delle scelte di bilancio non sbilanciate.
        Certo, sarebbe un sogno se la FIR vigilasse di più’, ma non lo ha mai fatto…

  2. Federico Barbarossa 6 Aprile 2019, 18:13

    A Padova arbitraggio vergognoso. Questo purtroppo è il livello del rugby italiano. Si salva una squadra di mercenari che non serve a nulla per lo sviluppo del nostro rugby. Cittadini arato da gente di 20anni, Mortali penoso sa solo calciare. Buondonno perché ha giocato in pro14? Che vergogna. Complimenti a Verona che viene ripagata della marchetta a Gavazzi! Bravi!

    • porcorosso 6 Aprile 2019, 18:30

      Veramente Beraldin, presidente Valsugana, è in quota Gavazzi.
      http://ricerca.gelocal.it/mattinopadova/archivio/mattinodipadova/2016/09/20/padova-con-beraldin-zanovello-e-presutti-il-vento-padovano-soffia-sulla-fir-67.html

      Il gioco è gioco e, delusione a parte, alla fine uno vince e l’altro perde.

      Un saluto.
      PR-WSM

      • Federico Barbarossa 6 Aprile 2019, 18:41

        E quindi? Hai visto la partita? Poi certo uno fa la battuta però delle due resta la squadra più inutile.

        • porcorosso 6 Aprile 2019, 18:57

          Si. Vista.
          E secondo me resta quella più utile.
          Ma immagino che la si veda diversamente.
          Saluti PR-WSM

        • onit52 6 Aprile 2019, 19:06

          Due squadre / società molto diverse dove una parte dal territorio e costruisce nel tempo con risultati, l’altra accorcia i tempi prendendo quello che offre il mercato ( non è una colpa vero ?) poi il futuro ci dira’ se hanno avuto ragione.
          Poi onestamente non saprei per discorso relativo ( marchetta ..) a G. visto che anche gli altri sono G. sostenitori , almeno quanto è dato sapere dai giornali.
          Ma in un noioso pomeriggio, ho visto uno spareggio salvezza tra due squadre che ” meritano” la posizione .
          Gli arbitri poi sono per il livello di cui sopra.
          Il finale : mi piacerebbe che chi sa, mi spiegasse ” quanti falli si possono fare” (con tanto di cartellino giallo ) prima che ti arrivi o a meta tecnica.

      • Nuvole! 6 Aprile 2019, 19:13

        Solo una precisazione: il Beraldin in quota Gavazzi non e’ l’attuale presidente del Valsu.
        Uno si chiama Flavio e l’altro Franco, se ricordo bene i nomi.

  3. Parvus 6 Aprile 2019, 18:34

    sempre e comunque valsugana, anche se ha perso, per lo splendido progetto che ha in essere.
    ragazzi andate avanti che il futuro non è di verona ma solo vostro.

  4. fano 6 Aprile 2019, 18:50

    E bravo Rovigo, anche se gioca contro un Viadana modello ferie a Riccione, gioca bene e con un sacco di ragazzi giovani. Bravi,bella risposta dopo 2 sconfitte pesanti. Avanti così, passo dopo passo, poi vediamo cosa succede.complimenti ai 2 allenatori allo staff e al pres!

  5. carneade 6 Aprile 2019, 18:57

    Il Verona ha forse nel complesso della gara meritato. Sicuramente più falloso, ma si è adattatto meglio al metro dell’arbitro.
    Non ha diretto bene, anzi, lasciando fare al Verona anche ben oltre il lecito, specie negli ultimi 5 minuti.
    Personalmente per una gara così importante ci voleva una designazione di qualità migliore: alla fine le 2 squadre si giocavano la permanenza in T12 ed era doveroso da parte della FIR/Cnar mandare qualcuno con più esperienza. Visto che Mitrea e Piardi erano impegnati in Pro14, mi sarei aspettato Liperini.

    • Federico Barbarossa 6 Aprile 2019, 19:53

      Ma cosa dici??? Ma ci si adatta al metro dell’arbitro se l’arbitro sa arbitrare. Altrimenti vince la squadra più sporca e fallosa. In questo Verona è bravissima in quanto ha tutti i trombati delle altre squadre. Semplicemente le squadre così sono controproducenti per lo sviluppo del rugby italiano. Ma tranquilli applaudiamo alla bella realtà. Ci vediamo l’anno prossimo quando piangerete per l’ennesimo 6 nazioni e vi eaalterete per quei tre giocatori decenti che abbiamo cresciuti nelle poche società serie che abbiamo e che penalizziamo.

      • carneade 6 Aprile 2019, 21:26

        Se l’arbitro sa arbitrare o arbitra bene, è molo meglio, ed oggi avrebbe vinto il Valsugana.
        Il Verona ha avuto il merito o la furbizia di capire che tante cose non venivano fischiate. Gli ultimi 5 minuti sono esemplari. Purtroppo l’arbitro fa parte del gioco: chi riesce ad adattarsi meglio, chi lo “legge” meglio, in una partita tirata come questa, riesce a portare a casa la vittoria.
        Come ho scritto, per rispetto all’importanza della sfida sarebbe stato opportuno designare un arbitro con maggiore esperienza. Per esempio Liperini.

      • Heiniken Cup 7 Aprile 2019, 09:34

        Buongiorno, Federico Barbarossa …
        quando posso vado a vedere tutti i derby Veneti e oggi ero sugli spalti al plebiscito. ho visto la partita … ho visto tutto, …”gli ultimi 5’ del Verona” … e il metro di arbitraggio.
        Posso darti anche ragione su molte cose, ma … ti ricordo che :
        Troppo facile sparare oggi contro l’arbitro e non ricordarsi l’arbitraggio ricevuto in casa con il mogliano.
        Sarà che oggi la marchetta l’ha ricevuta il verona e qualche domenica fa il Valsu?
        Ti ricordo che, tutte e due le società le scorse elezioni hanno votato l’attuale dirigenza federale.
        Per cui sono entrambe corresponsabili ( in parte) della attuale situazione del rugby italiano.
        Cordialità

  6. Nuvole! 6 Aprile 2019, 19:06

    Sia all’andata che al ritorno il Valsu non e’ riuscito a concretizzare all’ultimissimo secondo. Peccato.
    Le posizioni e i punteggi avrebbero potuto essere all’opposto.
    Onore anche alla Lazio che ha fatto vedere che si può continuare a sperare nella salvezza fino all’ultimo, andando a vincere contro un avversario per nulla facile. Continuiamo a giocarle fino all’ultima!

  7. aries 6 Aprile 2019, 19:31

    Non ho visto niente sto pomeriggio, ľunica cosa, mi dispiace molto per il Valsugana…

  8. xnebiax 6 Aprile 2019, 21:08

    Mah, anch’io sono neutrale ma ho visto un arbitraggio ampiamente insufficiente.
    Serviva un arbitro straniero se Piardi è Mitrea erano impegnati in Pro14.
    Il finale poi è stato un susseguirsi di falli del Verona. Senza falli non si sarebbero salvati dalla meta.
    Forse è meglio avere una squadra coi soldi in Top12, ma boh, da neutrale non trovo bella una vittoria raggiunta così.
    Comunque, con quei giocatori e quello staff tecnico che si ritrova, Verona dovrebbe giocare meglio.

    • Obelix-it 7 Aprile 2019, 00:45

      L’insufficenza degli arbitri, a tutti i livelli, e’ ampiamente dimostrata. Ci sono pochi buoni, su altri stendiamo un velo pietoso.
      FIno a che non riusciremo a liberarci, da un lato della fisima de “l’arbitro non si discute’ mentre invece il suo operato andrebbe analizzato oggettivamente, separando i migliori dagli scarsi, e dall’altra dal ‘venduto a quegli altri’ non riusciremo mai a migliorarne il livello.

      • Nuvole! 7 Aprile 2019, 03:35

        Certo che si può’ discutere degli arbitraggi a partita finita, ma in Eccellenza non mi sembra che gli arbitri siano professionisti… e mi dicono che normalmente anche i rimborsi spesa vengono pagati con ritardi enormi, per cui… mettiamo in conto anche questo.
        Purtroppo questa volta ha detto male al Valsu, ma non e’ detto che il campionato sia finito qui.

        • xnebiax 7 Aprile 2019, 16:18

          Sì ma sinceramente Schipani ha sbagliato in modo grave. Se dico che Verona non si sarebbe salvata dalla meta senza i falli vuol dire che il Valsu meritava di vincere con una meta tecnica. E non ha sbagliato solo il finale, c’erano decisioni dubbie già all’inizio. Se non vince il migliore in campo io non mi diverto.

    • Federico Barbarossa 7 Aprile 2019, 02:45

      Scherzate??? Vincenzo Schipani da Benevento era ampiamente all’altezza della partita!!! Riguardatela! È un manuale di ottimo arbitraggio. A partire dalla gestione del tempo. Complimenti! Arbitraggio di livello internazionale

    • Dusty 7 Aprile 2019, 18:51

      Schipani vale Mitrea e Piardi. Ha un’esperienza in termini di partite dirette nel massimo campionato che parla per lui. Cerchiamo di non sparare a caso quando si commenta.

  9. geovale 6 Aprile 2019, 22:13

    Ho visto in streaming il finale di questa partita è l’unico commento che mi viene spontaneo è che forse chi di spada ferisce…di spada perisce!
    A me questo risultato piace molto molto grazie!

  10. franzele 7 Aprile 2019, 08:18

    Mi dispiace molto per Valsu, bel progetto che dovrebbe essere supportato ed imitato, ce ne fossero di più di Valsugana.
    Di Verona ne abbiamo già viste un po’, articolo quinto, chi ga i schèi ga vinto…. hanno impiantato una bella struttura, bisogna vedere quanto durerà e se durerà.
    Valsugana durerà sicuramente, lavora su basi completamente diverse, con i giovani del vivaio, insegnando rugby dalla a alla zeta.
    Verona è un cincinino più artificiale (hanno preso di tutto, anca el gato cò la scùfia).
    Prende poco adesso, dopo aver speso molto, vediamo cosa prenderà quando caleranno i dindi, non sarebbe la prima volta che succede.
    L’unica cosa positiva della faccenda: se dovesse retrocedere Valsugana non sarebbe grave, la loro passione ed i loro giovani continueranno ad esserci, dovesse retrocedere Verona…. non lo so, ma ho paura che la squadra esploderebbe e gran parte di essa andrebbe a prendere lo stipendio da un’altra parte.

  11. Flaviuz 7 Aprile 2019, 10:05

    Redazione le Fiamme Oro hanno giocato contro San Donà, non contro Mogliano

Lascia un commento