Sei Nazioni Under 20: l’Italia in campo per sfidare l’Irlanda a Rieti

Terzo appuntamento con il torneo di categoria: kick off previsto alle 19

Ph. Luca Sighinolfi

L’Italia Under 20 torna in campo per la terza giornata del Sei Nazioni di categoria. Gli azzurrini saranno di scena questa sera a Rieti allo stadio Centro d’Italia, con l’obiettivo di riscattare almeno nella prestazione la brutta partita giocata contro il Galles due settimane fa a Mantova. L’avversario sarà un’Irlanda fin qui in ottima forma, visto che è reduce da due vittorie consecutive contro Inghilterra (battuta a sorpresa a Donnybrook) e Scozia, in un successo che invece è stato tutt’altro che inaspettato.

Gli irlandesi allenati da Noel McNamara sono primi con 9 punti e sono gli unici ad aver vinto le prime due partite del torneo, e in generale sembrano una squadra migliore rispetto a quella delle ultime stagioni, nonostante anche i Verdi – come l’Italia – abbiano cambiato gran parte della rosa come spesso succede da un anno all’altro. Al momento, l’Irlanda però sembra aver assorbito meglio l’arrivo dei nuovi giovani rispetto all’Italia, visto che rispetto agli azzurrini hanno vinto senza soffrire più di tanto contro la Scozia e ha regolato una nazionale molto quotata come l’Inghilterra.

L’Italia ha invece sofferto per tutti gli ottanta minuti il Galles, soprattutto nel pareggiare il confronto fisico con gli avversari e la loro aggressività sui punti d’incontro. Solo a sprazzi – e quasi esclusivamente nel secondo tempo, quando la partita era già chiusa – si è visto qualcosa di interessante da parte dei ragazzi di Fabio Roselli, specialmente con alcuni dei subentrati dalla panchina.

Forse non a caso, Citton e Mori – tra i più propositivi a Mantova – avranno una chance dal primo minuto. Partirà dalla panchina Matteo Nocera, forse uno dei giocatori più esperti e talentuosi di questa squadra, ma tra gli obiettivi degli allenatori non può che esserci anche una rotazione di tutti gli uomini a disposizione.

Tra gli irlandesi, c’è da segnalare il ritorno in campo di Angus Kernohan, ala classe 1999 che quest’anno ha già collezionato 11 presenze e due mete con Ulster nel Pro14. In mediana, la maglia numero 10 sarà vestita da Harry Byrne, fratello minore di Ross Byrne che è molto spesso il titolare del Leinster nello stesso ruolo.

Giocheremo al centro dell’Italia in uno stadio che ci farà sentire il proprio calore – ha dichiarato Fabio Roselli – Nello scorso Sei Nazioni giocammo quasi tutta la partita in inferiorità numerica contro l’Irlanda sfiorando una vittoria in rimonta (da 31-8 l’Italia rimontò fino a 38-34, ndr). Abbiamo voglia di mostrare il nostro valore e, in qualche modo, rifarci di quella partita che per come era stata impostata avremmo meritato di vincere”.

Il calcio d’inizio è previsto per le 19: la partita sarà visibile in diretta streaming su OnRugby e sui canali ufficiali della FIR (Facebook, YouTube, App).

Le formazioni

Italia: 15 Giacomo Da Re, 14 Edoardo Mastandrea, 13 Matteo Moscardi, 12 Federico Mori, 11 Michael Mba, 10 Paolo Garbisi, 9 Lorenzo Citton, 8 Antoine Koffi, 7 Davide Ruggeri (c), 6 Andrea Chianucci, 5 Thomas Parolo, 4 Nicolae Cristian Stoian, 3 Filippo Alongi, 2 Andrej Marinello, 1 Matteo Drudi
A disposizione: 16 Marco Bonanni, 17 Luca Franceschetto, 18 Matteo Nocera, 19 Marco Butturini, 20 Manuel Zuliani, 21 Gianmarco Piva, 22 Damiano Mazza, 23 Jacopo Trulla

Irlanda: 15 Jake Flannery, 14 Angus Kernohan, 13 Liam Turner, 12 David Hawkshaw, 11 Jonathan Wren, 10 Harry Byrne, 9 Craig Casey, 8 John Hodnett, 7 Scott Penny, 6 Martin Moloney, 5 Niall Murray, 4 Charlie Ryan, 3 Thomas Clarkson, 2 Dylan Tierney-Martin, 1 Josh Wycherley
A disposizione: 16 Billy Scannell, 17 Callum Reid, 18 Michael Milne, 19 Brian Deeny, 20 Ronan Watters, 21 Cormac Foley, 22 Ben Healy, 23 Rob Russell

– La classifica del Sei Nazioni Under 20 2019

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

L’Italia Under 18 ha perso in Francia 34-22

Era la prima uscita stagionale per gli azzurrini allenati dal CT Mattia Dolcetto, che torneranno in campo il 13 aprile

item-thumbnail

Sei Nazioni Under 20: all’Italia manca solo la vittoria. A Biella, la Francia si impone 31-35

Gli azzurrini lottano alla pari con i pari età transalpini ottenendo sia il punto di bonus difensivo sia quello offensivo

item-thumbnail

Sei Nazioni Under 20: l’Italia chiude il suo torneo contro la Francia

I Bleus fanno ruotare diversi giocatori, lasciando fuori i big, Roselli opera tre cambi. Diretta streaming su OnRugby alle 19

item-thumbnail

Sei Nazioni Under 20: la diretta streaming di Italia-Francia

Potete seguire e commentare la partita dell’Italia su OnRugby. Calcio d’inizio alle ore 19

item-thumbnail

Sei Nazioni under 20: la formazione dell’Italia per l’ultimo incontro

A Biella gli Azzurrini affrontano la Francia venerdì alle ore 19:00

  1. kinky 22 febbraio 2019, 10:00

    Daje ragazzi! stasera presentissimo davanti al Mac!

  2. kinky 22 febbraio 2019, 10:04

    Mi aspettavo un po’ di sostituzioni con Mori e Da Re in primis e poi pure Citton (anche se mi rifiuto di pensare che Piva sia il giocatore del primo tempo visto contro il Galles). Però non mi aspettavo di certo esclusione di Mazza, ma con l’inserimento di Mori (d’obbligo farlo giocare) appunto uno tra Mazza e Mopscardi spostato all’ala, ma vedrai che gli allerntaotori sanno quel che fanno!
    Poi mi ha sorpreso pure la panchina di Nocera ma ad essere sinceri tutta la prima linea subentrata dalla panchina mi aveva ben impressionato.
    Oggi mi aspetto tutt’altra partita!

    • pippuzzo 22 febbraio 2019, 12:46

      Mi dispiace per Nocera. Per me è un ottimo prospetto da provare al più presto tra i pro.

  3. gattonero 22 febbraio 2019, 10:05

    il 38 a 34 non e’ da prendere in considerazione calcolando che le nazionali giovanili si rinnovano completamente ogni 1-2 anni e come le federazioni e il movimento riescono a formare i giocatori…

  4. ginomonza 22 febbraio 2019, 10:57

    Mi aspetto : Italia-Irlanda 0-3 nelle due giornate

  5. Parvus 22 febbraio 2019, 11:08

    un augurio ai nostri giovanotti.

  6. LiukMarc 22 febbraio 2019, 19:42

    Non so se è la giornata del cavolo che ho avuto che mi condiziona, ma mi sembra palese che gli irlandesi sappiano giocare meglio di noi. Sanno do più cosa fare con l’ovale e sanno farlo meglio.

Lascia un commento