Sei Nazioni 2019: una sorpresa tra i 33 convocati dell’Italia per preparare la sfida all’Irlanda

Conor O’Shea ha chiamato anche un mediano di mischia inedito, in forza a Gloucester

ph. Sebastiano Pessina

Conor O’Shea, head coach della nazionale italiana, ha diramato la lista dei convocati in vista della sfida all’Irlanda, in programma domenica 24 febbraio allo Stadio Olimpico di Roma.

Nel gruppone azzurro tornano Giulio Bisegni e Tito Tebaldi, ma soprattutto si vede, in qualità di invitato, Callum Braley, 24enne mediano di mischia di Gloucester, ex Under 20 britannica campione del Mondo nel 2013 e 2014 (la selezione giovanile inglese, all’epoca, non bloccava la possibilità di vestire maglie diverse da senior), qualificato per gli azzurri tramite le origini del nonno.

Una convocazione commentata così, dallo stesso Braley, sui canali stampa ufficiali di Gloucester:

Italia – Irlanda sarà trasmessa (con calcio d’inizio alle ore 16) da DMAX (canale 52 DDT) e in diretta streaming su OnRugby checirca mezzora prima del kick off, pubblicherà un’apposita notizia contenente il player per vedere e commentare la partita.

La lista dei convocati

Piloni
Simone FERRARI (Benetton Rugby, 19caps)
Andrea LOVOTTI (Zebre Rugby Club, 31caps)*
Tiziano PASQUALI (Benetton Rugby, 15caps)
Nicola QUAGLIO (Benetton Rugby, 9 caps)*
Cherif TRAORE’ (Benetton Rugby, 7 caps)*

Tallonatori
Luca BIGI (Benetton Rugby, 17 caps)
Leonardo GHIRALDINI (Stade Toulousian, 101 caps)

Seconde Linee
Dean BUDD (Benetton Rugby, 18 caps)
Federico RUZZA (Benetton Rugby, 9 caps)*
David SISI (Zebre Rugby Club, 2 cap)
Alessandro ZANNI (Benetton Rugby, 109 caps)

Flanker/n.8
Marco BARBINI (Benetton Rugby, 3 caps)
Maxime MBANDA’ (Zebre Rugby Club, 15 caps)*
Sebastian NEGRI (Benetton Rugby, 14 caps)
Sergio PARISSE (Stade Francais, 136 caps) – capitano
Abraham Jurgens STEYN (Benetton Rugby, 27 caps)
Jimmy TUIVAITI (Zebre Rugby Club, 2 caps)

Mediani di Mischia
Callum BRALEY (Gloucester Rugby, esordiente) – invitato
Edoardo GORI (Benetton Rugby, 69 caps)*
Guglielmo PALAZZANI (Zebre Rugby Club, 30 caps)
Tito TEBALDI (Benetton Rugby, 29 caps) 

Mediani di Apertura
Tommaso ALLAN (Benetton Rugby, 45 caps)
Carlo CANNA (Zebre Rugby Club, 32 caps)
Ian MCKINLEY (Benetton Rugby, 6 caps) 

Centri
Michele CAMPAGNARO (Wasps, 40 caps)*
Tommaso CASTELLO (Zebre Rugby Club, 16 caps)
Luca MORISI (Benetton Rugby, 22 caps)*
Marco ZANON (Benetton Rugby, esordiente)* 

Ali/Estremi
Giulio BISEGNI (Zebre Rugby Club, 11 caps)
Angelo ESPOSITO (Benetton Rugby, 17 caps)
Jayden HAYWARD (Benetton Rugby, 14 caps)
Edoardo PADOVANI (Zebre Rugby Club, 17 caps)*
Luca SPERANDIO (Benetton Rugby, 5 caps)*

*è/è stato membro dell’Accademia Nazionale “Ivan Francescato”

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Italia, verso la Rugby World Cup 2019: i convocati per l’ultimo raduno di Pergine Valsugana

Conor O'Shea lavorerà con 41 elementi: assente Traore, da valutare Castello e Fuser. L'agosto dei Warm Up Match è alle porte

20 luglio 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Ufficiale: Franco Smith sarà l’allenatore dell’attacco dell’Italia

La Federazione ha annunciato l'accordo con l'ex allenatore del Benetton Rugby

19 luglio 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Rugby World Cup: i Test Match di preparazione dell’Italia in diretta su Rai 2

Le partite degli azzurri del mese di agosto saranno trasmesse in chiaro dall'emittente di Stato

17 luglio 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, la voglia di Leonardo Ghiraldini: “Sto recuperando, va sempre meglio”

Il tallonatore sta lavorando per essere disponibile in vista della Rugby World Cup

12 luglio 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, la carica di capitan Parisse: “Volontà e consapevolezza di poter centrare i quarti di finale”

Il numero otto azzurro fotografa la marcia di avvicinamento verso la Rugby World Cup e l'obiettivo da perseguire

9 luglio 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: i 42 convocati per il terzo raduno di Pergine Valsugana

Conor O'Shea potrà contare sulla quasi totalità della preliminary squad

5 luglio 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
  1. Hastings15 12 febbraio 2019, 15:31

    Come in Scozia, anche O’Shea si rivolge a equiparati con un parente di origine italiana. Si tratta di copiare pari pari quanto hanno fatto gli scozzesi

  2. mic.vit 12 febbraio 2019, 15:34

    ecco, perfetto!!…il problema delle prime 2 sfide sta proprio lì…nulla contro Palazzani fuori ruolo e Gori fuori forma, ma abbiamo bisogno di un mm…certo contro l’Irlanda ci sarà bisogno anche di tanto altro…ma già un miglioramento della trasmissione sarebbe un grande passo avanti…così vediamo se avanti e 3/4 prendono o non prendono metri…

  3. balin 12 febbraio 2019, 15:43

    peccato per Trussardi, superato anche da uno che manco sapevamo potesse avere un nonno italico (almeno Polledri c’ha un bel cognome nostrano)
    quasi quasi scrivo ai cugini d’Argentina (erano nati in italia i bisnonni ed il passaporto ce l’hanno ancora tutti) magari un amico rugbista esce fuori (ma forse ci avrà già pensato qualcono in FIR).

    • Giambo 12 febbraio 2019, 15:45

      Trussardi fa panchina in serie B francese. Francamente, non so quanto possa essere pronto per il 6N (non che tanti altri convocati lo siano, eh). Almeno questo Braley gioca in Premiership, e con una certa frequenza.

      • onit52 12 febbraio 2019, 15:59

        ….con una certa frequenza…!!?!?
        ma cio’ riguarda il 24/2 che comunque è una battaglia che lascia poche speranze, mi interessa sapere, invece, se i giocatori di Treviso, vista la partita piu’ importante da anni , sono a disposizione di Crowley o eventualmente chi è a disposizione.
        Già l’anno scorso l’irlandese non ha brillato, a mio modo di vedere, sotto questo aspetto.

      • xnebiax 12 febbraio 2019, 16:02

        Bisogna avere pazienza, con gli attuali e con i futuri giocatori.
        Trussardi sta facendo la sua gavetta. Adesso bisogna farla fare anche a Panunzi, Casilio e Co.. E poi, forse, un giorno, si spera che ci siano più mediani di qualità.

    • gasport 12 febbraio 2019, 17:15

      Il problema è che siamo in Italia, abbiamo sempre fretta, il tutto e subito!
      Trussardi per lo meno è un prodotto della nostra filiera, un passaggio nelle nostre nazionali giovanili lo ha fatto. Non è un fenomeno, sia chiaro, ma se non viene chiamato nemmeno quando son tutti morti come quinta scelta (Violi, Tebaldi, Palazzani, Gori) che speranza ha di esser convocato?
      Che, voglio dire, quanti minuti ha giocato Gori quest’anno? L’esperienza internazionale? Va bene, ma un cadavere come quello visto in campo sabato, anche in considerazione di quello che ha dato in passato per la nostra nazionale, anche no…Era come il Parisse che abbiamo fatto giocare l’anno scorso…
      Noi abbiamo il problema che vogliamo subito i risultati, tutto e subito, ma dimentichiamo che prima di ottenere i risultati che sta ottenendo adesso l’Irlanda, il buon Abaoud ha lavorato 10 anni sul sistema di formazione dei giocatori e dei formatori, in un periodo storico dove il livello irlandese era ai minimi storici.
      Le nostre nazionali giovanili, sotto traccia, dopo 2-3 anni dall’insediamento del nuovo staff, stanno alzando il loro livello e i risultati stanno migliorando (non solo in termini di punteggi delle partite).
      Purtroppo qualcuno pensava di poter vedere l’Italia vincere con questo ciclo di giocatori solo perchè è arrivato uno staff di livello..
      Sono del parere che per vedere qualcosa di diverso dovremo tener duro almeno ancora 2-3 anni e una coppa del mondo disastrosa…Nel 2023 (prossima coppa del mondo) potremo sparare a zero come stiamo facendo in questo momento.
      I limiti, solamente tecnici, dei nostri ragazzi in questo momento derivano dal nulla cosmico fatto negli anni precedenti da chi ha preceduto questo staff…Come hanno potuto O’Shea e Catt incidere sulla formazione di ogni singolo giocatore messo in campo in questo 6N?
      Con questa mentalità abbiamo bruciato e isolato qualunque staff sia passato negli anni per la nazionale maggiore e sta succedendo la stessa cosa adesso…Chiamare un 24enne, prodotto della filiera inglese, è un bruttissimo segnale, i vertici hanno già messo alle strette COS & C ..
      Cambiando COS e C ricominceremmo semplicemente da capo, non sarebbe la soluzione, semplicemente parte del nuovo problema..

      • LiukMarc 12 febbraio 2019, 17:34

        D’accordo sulla mentalità italiana, è uno degli annosi problemi che ci trasciniamo dietro e che ci fa mancare una cosa che nel rugby è FONDAMENTALE: la programmazione.
        E sono d’accordo che Co’S ha fatto quello che ha potuto fino ad ora, ma è una questione che si risolverà tra 10 anni, la coppa del mondo da mettere nel mirino era la 2023, sperando poi di essere competitivi nel 2027. Ma anche li, servono investimenti sulla base, non solo su franchigie e nazionale.
        Un appunto, Trussardi ok, ha fatto parte delle giovanili, ma è un prodotto del rugby francese, da sempre nell’Accademia di Clermont, è italiano grazie ai nonni (se non sbaglio). Proprio come Braley 🙂

        • wolframius 12 febbraio 2019, 20:46

          A proposito di programmazione, io farei notare una cosa che nei commenti alle due partite del 6N mi sembra non siano state sottolineate. Appena COS è arrivato 3 anni fa, qual era la prima parola d’ordine? Fitness. È stato grandemente perculato in questo forum e altrove, ma un punto in comune delle due partite viste finora è che l’Italia non ha sbracato fisicamente e ha giocato fino all’80esimo. Sarà un caso?

          • Nuvole! 12 febbraio 2019, 21:50

            Fantastico.
            Chissá quando arriverá la prossima parola d’ordine.

          • Nuvole! 12 febbraio 2019, 21:53

            Intanto in questi tre anni non abbiamo vinto UNA partita del sei Nazioni. Record. 🙁

          • fabrio13H 12 febbraio 2019, 23:15

            …presto sbracheremo di nuovo, esattamente tra due settimane 😀

          • fabrio13H 12 febbraio 2019, 23:16

            …anzi meno, una decina di giorni di pazienza 😀

      • xnebiax 12 febbraio 2019, 18:29

        Chiamare Brady non significa smettere di lavorare sui giovani italiani.
        Sul resto sono d’accordo con te. Ci vorrà qualche anno per vedere risultati e sarebbe bene COS, Catt e Aboud rimanessero per altri 5-8 anni.
        Su Trussardi o gli altri invece non sono d’accordo: non sono pronti. Trussardi deve farsi la sua gavetta in ProD2, Italia Emergenti, e, spero, arrivare al Top14 o arrivare alle Zebre fra qualche anno.

        • fabrio13H 12 febbraio 2019, 23:18

          …tipo i giovani che hanno giocato domenica nel 6 Naizoni under20 ?!

        • Dusty 12 febbraio 2019, 23:42

          Come fra qualche anno? Trussardi i è pronto adesso o non lo sarà mai. Il rugby attuale non ti da molto tempo per far vedere chi sei.

      • Obelix-it 12 febbraio 2019, 21:33

        Ah la federazione sta lavorando sui giovani…. dev’essere una federazione diversa da quella che si vede da qui (lato giovani), o, per meglio dire, che NON si vede qui.
        Concordo sul fatto che bisogna lavorare efd avere pazienza, il problema e’ che qui non si e’ visto nessuno che sia venuto a lavorare, il tran-tran dell’era pre-CoS e’ rimasto uguale, almeno per noi, miseri mortali.
        Non so in lochi piu’ alti, eh..

      • Nuvole! 13 febbraio 2019, 19:19

        Abbiamo sempre fretta?!? Vogliamo tutto e subito?!? Diciannove sconfitte consecutive nel Sei Nazioni e ancora stiamo tranquilli e abbottonati! Si tratta di RECORD!
        In quali altre nazioni sarebbero state accettate in questo modo?

  4. Giambo 12 febbraio 2019, 15:44

    Domanda: invitato significa che Callum Braley può rifiutare di giocare per l’Italia, giusto?
    In ogni caso, se venisse sarebbe sicuramente utile per risolvere sul momento il deserto che c’è dietro Violi a 9, ma francamente la cosa mi lascia l’amaro in bocca. Intendiamoci, nulla contro questo ragazzo (che probabilmente è caduto dalle nuvole quando ha ricevuto la chiamata), e se accettasse sarei felicissimo perché ha dimostrato di essere un buon giocatore, però questo continuo rattoppare alla buona nel lungo periodo non risolve un bel nulla (e lo dice uno che non disprezza affatto le equiparazioni).

    • balin 12 febbraio 2019, 15:56

      direi che prima di ufficializzare la chiamta si telefona e si chiede la disponiblità, agire diversamente sarebbe troppo sputtanante anche per la FIR. Chissà come han scoperto l’ascendete italico, colloqui di spogliatoio con Polledri?
      Per il resto, prontissimo ad applaudirlo se è bravo, ma son d’accordo sull’amaro in bocca.

      • mcasal 12 febbraio 2019, 16:10

        Entrambi di Bristol, dove si è sedimentata una buona densità di migranti di origine italiana, può anche essere…

  5. fabrio13H 12 febbraio 2019, 15:47

    La RWC sarà alla nostra portata 😀 …o magari prendiamo 2 punti di distacco in meno da qualcuno…

    • xnebiax 12 febbraio 2019, 16:04

      La RWC 2023! Si sta puntando a quella.

      • fabrio13H 12 febbraio 2019, 23:19

        …infatti! Ho dimenticato di scriverlo ma anch’io, ovviamente, pensavo alla RWC del 2023. Ora pero’, ragionandoci, penso stiano programmando per il 2031 😀

  6. SilverShadow 12 febbraio 2019, 15:52

    Io qua mi arrabbio, per non dire altro… C’è bisogno di un mediano di mischia bravo, si sa da tempo, ma cosa si è fatto in questi anni? O’Shea è a cavallo da 3 anni, ha piazzato l’amico Bradley alle Zebre da uno e mezzo, le Zebre sono di proprietà della federazione dallo stesso tempo e ci siamo ridotti a convocare uno con un nonno italiano che l’anno scorso è sceso dal Gloucester a Hartpury in Championship.
    In un anno e mezzo la federazione ha ben pensato che nella sua franchigia bastasse il solo Violi a tirare avanti la baracca, ha cambiato di ruolo Palazzani, ha lasciato marcire Raffaele in panchina e ha trovato il salvatore della patria in un neozelandese di seconda serie. Panunzi, Crosato, Casilio marciscono in top12, O’Shea in conferenza stampa a domanda diretta (finalmente! L’ultimo giornalista italiano, guardate su fb l’intervista post-partita) risponde che la soluzione non è buttare nella mischia al macello i giovani, ché si rischia di bruciarli. Io sono anche d’accordo, ma se sei in capo tu da anni, hai la franchigia di proprietà, ma perché cavolo non fai inserire gradualmente dei giovani, soprattutto nei ruoli in cui servono?

    • SilverShadow 12 febbraio 2019, 15:54

      P. S. Non parlo di Treviso, dato che ha giustamente trovato uno straniero forte con anche ruolo di coach da affiancare a Tebaldi, e Gori e Bronzini sono stati infortunati a lungo…

      • balin 12 febbraio 2019, 21:15

        Anche le zebre avevano il M.M. Coach, si chiamava Leonard e l’han lasciato andare dopo un anno, almeno in quel periodo Palazzani aveva migliorato le sue capacità, peccato non l’abbiano tenuto.

    • Obelix-it 12 febbraio 2019, 21:45

      Non e’ buffo come da noi si buttino al macello o giovani se li si fa giocare presto (oddio, ricordate quando hanno esordito i varii Parisse, Bergamasco, Castro ??) mentre invece nelle altre federazioni i 97/98 si sprecano…

  7. Acerline 12 febbraio 2019, 15:52

    Scusate allora chiamo Trussardi mediano di mischia. Sta avendo un ottimo minutaggio in Francia e la FIR vuoi o non vuoi ci ha investito sopra facendogli fare tutta la trafila U18 U20 e Emergenti. Che tristezza!!!

  8. Marte_ 12 febbraio 2019, 15:53

    Non ci si annoia mai 😀

    • xnebiax 12 febbraio 2019, 15:57

      Ho pensato lo stesso! 😀

      • robertopack 12 febbraio 2019, 20:48

        penso lo stesso, viva le opinioni. Qualunque decisione prendano scontentano sempre una parte degli allenatori italiani (non ho ancora letto il commento di chi vuole le dimissioni del tecnico perché, oltre a non avere un “game plain” convoca gli stranieri). Sono daccordo con xnebiax, far giocare brady non impedisce di lavorare con i giovani e, opinione mia, io lo farei giocare giá in questo 6 nazioni per fare contenti gli allenatori che non sopportano Tebaldi e per dare “un turno di riposo” a Palazzani (al quale offrirei volentieri una birra, peró il turno di riposo lo approfitterei anche io). In Italia siamo talmente delicati che abbiamo l’amaro in bocca per la convocazione di brady, mentre in nuova zelanda convocano gli isolani, hanno l’alito pulito, e lavorano con i bambini.

        • fabrio13H 12 febbraio 2019, 23:24

          …il problema non è da dove li convocano il problema è che perdono di continuo e, mi arrischio e ci metto la faccia, qualcosa mi dice che continueranno a perdere anche con a referto 23 australiani puri senza neppure un parente italiano. Appuntamento con la Russia ad agosto, poi, forse, Namibia e Canada, poi, probabilmente, qualche altro anno a secco o giu’ di li’. 😀

  9. xnebiax 12 febbraio 2019, 15:56

    Callum who????? 😯😯😯

  10. xnebiax 12 febbraio 2019, 15:58

    Ringrazio di cuore tutti i nonni emigrati.

  11. Gremo 12 febbraio 2019, 15:59

    Siamo alla fruttaaaaaaaa

  12. Gremo 12 febbraio 2019, 15:59

    Siamo alla fruttaaaaaaaa

  13. try 12 febbraio 2019, 16:01

    Fortunatamente è tutto frutto della programmazione. Niente è dato al caso.
    Bene avanti così.

  14. Parvus 12 febbraio 2019, 16:01

    si marte qua in fir non ci si annoia mai……….

    allora bene per l’equiparazione.
    direi di continuare a tavoletta……, servono giocatori e anche tanti e anche tanto bravi…., avanti con braley…., qua nessuno si scandalizza.

    però sollevare dall’ncarico il responsabile della comissione tecnica fir sarebbe anche tardi.
    altresì bisognerebbe rnforzare tutti gli staff delle accademie e delle nazionali minori nonchè della nazionale maggiore, questo per avere un parco tecnici, più numeroso e più efficiente.
    farei sceglire i sopracitati tecnici solo da cos, perché si prenda delle responsabilità sacrosante.

  15. ghiacciosecco 12 febbraio 2019, 16:02

    Qui trovate l’intervista a Braley dove commenta la convocazione: https://twitter.com/gloucesterrugby/status/1095326290801057792

  16. Marte_ 12 febbraio 2019, 16:03

    Diciamo le cose come stanno. COS ha fatto benissimo a convocarlo se lo ritiene all’altezza (o comunque di più dei nostri attuali) come lui farà bene a declinare se non se la sentirà. Trussardi, Bronzini, Raffaele oggi non sono pronti (o forse mai lo saranno). Per non parlare di quelli del Top12. Certo è sconfortante che si sia riuscito a costruire qualcosa oltre a Violi che spesso subisce infortuni purtroppo.
    L’anno prossimo alle Zebre mi aspetto due giovani da far crescere a fianco di Violi e Palazzani, possibilmente Trussardi e Panunzi.
    Speriamo che Tito recuperi

    • xnebiax 12 febbraio 2019, 16:33

      Io spero in Violi, Palazzani, Bronzini e due permit costanti Panunzi e Casilio che si allenano tutte le settimane a Parma alle Zebre, e Duvenage, Tebaldi, Gori a Treviso con Crosato e Piva come permit player costanti.

      • Marte_ 12 febbraio 2019, 17:02

        Non mi sono spinto a richiedere cotanta razionalità, magari!

  17. Iatta 12 febbraio 2019, 16:04

    Dopo questa allo stadio non deve andare più nessunoooo.
    Sappiamo tutti lo stato e i risultati che saranno di questa nazionale.
    Questo servirebbe a tappare gli occhi di chi non sa.
    È meglio prendere 60 punti con i giovani che 40 con i vecchi.
    Comunque complimenti agli scienziati.

    • robertopack 12 febbraio 2019, 20:51

      penso lo stesso, viva le opinioni. Qualunque decisione prendano scontentano sempre una parte degli allenatori italiani (non ho ancora letto il commento di chi vuole le dimissioni del tecnico perché, oltre a non avere un “game plain” convoca gli stranieri). Sono daccordo con xnebiax, far giocare brady non impedisce di lavorare con i giovani e, opinione mia, io lo farei giocare giá in questo 6 nazioni per fare contenti gli allenatori che non sopportano Tebaldi e per dare “un turno di riposo” a Palazzani (al quale offrirei volentieri una birra, peró il turno di riposo lo approfitterei anche io). In Italia siamo talmente delicati che abbiamo l’amaro in bocca per la convocazione di brady, mentre in nuova zelanda convocano gli isolani, hanno l’alito pulito, e lavorano con i bambini.

      • fabrio13H 12 febbraio 2019, 23:30

        …il discorso è che in Nuova Zelanda vincono mentre in maglia azzurra perdono e perderanno anche 23 Kiwi 😀

    • robertopack 12 febbraio 2019, 20:54

      solo che in questo 6 nazioni hanno preso 13 e 11 punti non 40. se qualcuno pensava in qualcosa di piú dignitoso un mese fa, alzi la mano, birra pagata.

      • fabrio13H 12 febbraio 2019, 23:36

        …aspetta una decina di giorni, poi un’altra settimana e pioverà bello forte. Poi c’è la Francia di Baffo e magari si vince ma se, come penso, ne prendiamo meno 15-20 anche là… 😀

  18. Diesel83 12 febbraio 2019, 16:12

    fa bene a chiamarlo, era ora! Peccato aver perso Lozowski assieme avrebbero fatto una bella coppia.

  19. narodnik 12 febbraio 2019, 16:14

    dopo 3 anni siamo ancora agli albori dell’era oshea,lungo periodo si si,coperta allungata come no,programmazione con le franchigie fulgido esempio di..sara’ anche irlandese a me pare italianissimo nell’agire,democristiano dentro!

    • Acerline 12 febbraio 2019, 16:18

      Democristiano dentro è bellissima😂😂😂

    • massimiliano 12 febbraio 2019, 17:59

      ti stimo narodnik, non la si poteva dire meglio!

    • ermy 12 febbraio 2019, 20:27

      Ma cosa vi diceva Ermy due anni fa? 😉

    • Giovanni 12 febbraio 2019, 22:15

      La coperta s’è allungata a tal punto da diventare di tweed 😀

  20. LiukMarc 12 febbraio 2019, 16:20

    Posto che anche io come molti storgo il naso all’ennesimo non-italico, ma vorrei sapere cosa secondo voi avrebbe dovuto fare Co’S.
    Posto che i suoi due titolari sono infortunati o appena tornati (Violi e Tebaldi), gli altri tre mediani di mischia di Pro14 non credo mettano insieme 2 partite complete (Gori, Bronzini e Raffaele), Trussardi non è mai stato testato (e qui sono d’accordo che magari a Novembre ce lo si poteva portare in raduno), gli altri giocano in Top12 che sicuramente non può essere paragonabile manco ad un allenamento da 6N, va a pescare all’estero per quello che può. Già il fatto che sappia che sto Bradley è convocabile, fa vedere che Co’S informazioni ne ha prese.
    Poi, la Scozia nei suoi 30 e passa convocati ne aveva un terzo buono di non nati e cresciuti in Scozia, gente come Seymour, Maitland e Ali Price sono li grazie ai nonni scozzesi, e quasi “applaudiamo” la Scozia quando equipara (perchè diciamocelo, loro lo fanno bene).
    Sicuro, ennesima sconfitta del movimemento, ma ragazzi non ce ne vai mai bene una 🙂

    • Maggicopinti 12 febbraio 2019, 16:26

      Nei test di novembre la scozia era arrivata ad avere metà (!) dei giocatori convocati al primo raduno non scozzesi.

      • xnebiax 12 febbraio 2019, 16:43

        Non nati in Scozia, che non è la stessa cosa.
        Cmq sì, loro importano.
        Il loro nuovo miglior centro Johnson è Australiano qualificatosi grazie ai 3 anni di residenza.
        Certo, ci se ne accorge di meno perché hanno quasi tutti nomi anglosassoni.

      • fabrio13H 12 febbraio 2019, 23:54

        Gli altri vincono ma noi, mi arrischio e ci metto la faccia, continueremo a perdere anche con 23 australiani veri e dei migliori a referto 😀

    • Nuvole! 12 febbraio 2019, 21:31

      Secondo me COS non avrebbe dovuto aspettare di avere tutti i mediani infortunati o in cattive condizioni, ma avrebbe dovuto creare in tre anni la profonditá che serivia con i tanto decantati buoni rapporti con le franchigie e con i suoi uomini di fiducia (Aboud etc.) in U20, avrebbe dovuto convocare piú gente in Nazionale (e non solo 26 o giú di lí…) in modo da far respirare l’aria dei raduni anche ad altri giocatori che possono sempre tornare buoni, avrebbe dovuto essere piú presente ai raduni della Nazionale Emergenti, facendo loro convocare qualche giocatore papabile per il salto in prima squadra che avesse bisogno di esperienza, e avrebbe dovuto far ruotare un po’ di piú le squadre che mandava in campo durante gli ultimi tre anni, specialmente nei test match, evitando di focalizzarsi in pochi giocatori e facendo i cambi quasi solo per infortunio.
      Suona strano?
      Se non si fanno (abbastanza) le cose dette piú sopra, poi non ci si puó aspettare di avere una soluzione pronta all’ultimo secondo.
      Certo, non fa male anche qualche piccola botta di culo, ogni tanto… 😉

    • fabrio13H 12 febbraio 2019, 23:28

      …il fatto è che ci saranno ennesime sconfitte, e sonore, sul campo 😀

    • fabrio13H 12 febbraio 2019, 23:37

      …non ce ne va mai bene una in campo…e ce ne andranno sempre meno 😀

  21. ranger 12 febbraio 2019, 16:21

    Domanda per quelli che conoscono l’ambiente Benetton: come mai Bronzini è sparito dai radar? Infortunio?
    Mi sono perso qualcosa mi sa, perché veramente non mi spiego come mai venga lasciato completamente ai margini, a me sembrava un buon prospetto.. non un fenomeno ma sicuramente avrebbe fatto comodo ora

    • Fischio 12 febbraio 2019, 17:33

      Mah! difficile da spiegarsi, sicuramente non un fenomeno, ma nessuno si ricorda come ha giocato Bronzini contro il Sud Africa, nell’ unico vero incontro vinto dalla nostra Nazionale contro una grande del rugby ? nessuno si ricorda di come ha giocato nel 6 Nazioni ? Chi ha fatto meglio ? Inspiegabile….

    • gattonero 12 febbraio 2019, 18:37

      da quel che so io avendo parlato con chi consce un po’ l’ambiente e’ lo stesso giocatore ad aver fatto un passo indietro rendendosi conto dei propri limiti ,non so se il prossimo anno sara’ ancora a treviso.

      • Fischio 13 febbraio 2019, 08:41

        Se così fosse, amen, io non ci credo. Le sue prestazioni nel primo anno al Benetton, lo avevano portato ad esordire in Nazionale e ad essere molto performante, tant’è vero che all’epoca tutti ne parlavano come una bella scoperta. Per me inspiegabile, come il caso di Lucchese. Comunque vediamo com’è questo Braley.

  22. xnebiax 12 febbraio 2019, 16:23

    Io sono contento.
    Non me ne frega niente della vostra autarchia.
    Hanno provato un ragazzo giovane alle Zebre e la ciambella è purtroppo uscita senza buco. Peccato, sono sicuro che sia il giocatore che Tronky abbiano dato il massimo.
    Trussardi ha 22 anni e gioca in ProD2, non gli hanno rinnovato il contratto a Clermont l’anno scorso. L’ho visto con la Emergenti, deve ancora migliorare.
    Vero, i giovani devono allenarsi con le franchigie già da quando hanno 19 anni, se sono talentuosi. Ma al momento nessuno del Top12 ha mai seriamente assaggiato la velocità e l’intensità del Pro14, figuriamoci il salto mortale triplo carpriato con avvitamento da Top12 a 6 Nazioni.
    Ha ragione O’Shea a non dare un povero innocente in pasto ai leoni.
    Io spero che questo ragazzo inglese con nonni italiani scelga di giocare per l’Italia, per se, perché gli ricorda suo nonno o perché è ambizioso.
    Peccato che Lozowsky e Devoto abbiano scelto la rosa. Lo hanno fatto in parte per soldi. 25 mila cucuzze a botta. E non c’è niente di male a voler mettere da parte qualche soldo. Fanno bene i giocatori a sfruttare la breve carriera che hanno.
    E se Brady cambia idea e sceglie di non giocare con gli azzurri peccato, ma rispetterò anche questo.
    Adesso spero in Ricky Riccitelli tallonatore.

    • Marte_ 12 febbraio 2019, 16:56

      Azz, al prossimo presidente federale bisogna proporti come talent scout per i figli di emigrati. Entro qualche anno vinciamo il 6N 😀
      Al di là delle battute, sono favorevole ma la cosa che mi interessa di più è appunto quello che pensa il ragazzo. Prendo l’esempio di Steyn, lui non ha neanche parenti italici ma ha dimostrato di tenere al nostro paese e alla nostra cultura più di molti altri. Ecco per chi ha la carriera già ben avviata all’estero questo può essere più difficile ma tentar non costa nulla. Basta che questo non sia il rimedio alla nostra incapacità di produrre talenti, cosa per la quale prima o poi bisognerà trovare una soluzione

      • xnebiax 12 febbraio 2019, 17:07

        Certo, non deve essere una scusa per non migliorare la filiera!
        Più su @ghiacciosecco ha postato l’intervista a Brady, che mi sembra contento dell’opportunità.
        Spero sposi la causa italiana, ma come dice nell’intervista, O’Shea lo ha invitato per fargli assaggiare l’ambiente e fargli conoscere la situazione cosicché potrà decidere e accettare se veramente ha interesse e non accettare se invece si accorge che non gli interessa.

        • robertopack 12 febbraio 2019, 21:01

          ci sará da valutare anche se la filosofia é compatibile

    • western-province 12 febbraio 2019, 19:04

      Giusto per….
      Devoto e Lozowsky non credo lo facciano per soldi
      Lozowsky visto chi ha davanti e dietro potrebbe anche fare qualche cap e poi sparire dai radar, idem Devoto.
      Semplicemente preferiscono fare un cap con l’Inghilterra che 100 con l’Italia, e un po li capisco visto che sono inglesi e possono giocare con una delle squadre più forti del mondo

      • xnebiax 12 febbraio 2019, 21:07

        Ho detto “in parte”. Probabilmente si sentono inglesi e vogliono giocare per l’Inghilterra. Tutto qui. Però i soldi non fanno schifo. Nathan Hughes perché gioca con il XV di sua maestà?

        • western-province 12 febbraio 2019, 21:48

          Devoto ha collezionato 1 cap con l’Inghilterra (e sono 25mila cucuzze), se giocasse con l’italia di cap ne avrebbe almeno 50 (e a 500euro a partita a 25mila ci arrivava lo stesso) 🙂

    • Nuvole! 12 febbraio 2019, 21:57

      A Clermont gli hanno rinnovato il contratto e lo hanno mandato in prestito in ProD2. É un po’ diverso.

  23. narodnik 12 febbraio 2019, 16:31
  24. fracassosandona 12 febbraio 2019, 16:32

    Buon 1° Aprile!!!
    Bravi bravi bravi i tecnici delle accademie… in dieci anni non sono riusciti a trovarne uno… UNO!!!
    Speren che sie mejo el tacòn del zbrego…

  25. Iatta 12 febbraio 2019, 16:33

    Ho capito…. meglio l’uovo oggi che la gallina domani.
    Di tutto ciò non rimarrà nulla.
    Si gioca per la maglia e si gioca con il cuore.
    Gli altri fanno giocare ventenni e noi facciamo giocare quarantenni di altre nazioni.
    Questa è la differenza.

    • Giambo 12 febbraio 2019, 16:39

      24 anni, e sarebbe un quarantenne? Sai chi sono in rosa i giocatori ad avere più di 30 anni? 7: Parisse, Ghiraldini, Hayward, Palazzani, Budd, Zanni e Tebaldi.
      7 su 33 sopra i 30 anni sarebbe far giocare quarantenni?

      • Iatta 12 febbraio 2019, 16:44

        Non è 40…..ma non è italiano….. Giambo!

        • Iatta 12 febbraio 2019, 16:51

          Cmq quelli che mi hai citato sono l’asse e l’asse è fondamentale.

        • LiukMarc 12 febbraio 2019, 17:57

          A dirla tutta manco Hayward e Budd sono italiani, e Parisse è cresciuto rugbysticamente in Argentina. Quindi comunque manco per l’asse ci va bene al 100% 🙂

          • fabrio13H 12 febbraio 2019, 23:33

            …comunque, italiani o no, perdiamo e continueremo a perdere 😀

    • xnebiax 12 febbraio 2019, 16:49

      Falsa dicotomia:
      l’uovo di oggi non preclude la gallina di domani. Non c’è connessione fra l’invitare Brady e lo sviluppare i vari giovani mediani.

  26. fracassosandona 12 febbraio 2019, 16:58

    Al di là delle polemiche, capisco molto di più la convocazione di un mm che gioca in che quella di Tuivaiti che gioca in terza, ruolo dove qualcosa di simile made in italy si poteva rimediare…
    se la cosa funziona il ragazzo ci risolve un problema urgente, esattamente come fece Gower all’epoca…
    Trussardi avrà anche il cognome italian sounding e un paio d’anni in U20, resta anche lui un passaportabile che gioca (fa panchina) in una serie inferiore a Braley…

    https://pixel.nymag.com/imgs/daily/intelligencer/2015/12/02/02-gollum-turkish-president.w330.h330.jpg

    • aries 12 febbraio 2019, 17:39

      Col riflesso sul telefono, avevo proprio letto gollum nell’articolo! 😂

    • Nickkkkk 12 febbraio 2019, 19:08

      Quoto al 100%, forse si poteva comunque pensarci prima del 6 nazioni dove avevamo comunque solo tebaldi e palazzani disponibili.

  27. Diesel83 12 febbraio 2019, 17:05

    Sisi, Negri, Polledri, McKinley il loro lo stan facendo egregiamente magari forse anche Braley farà il suo senza far rimpiangere nessuno o meglio facendoci rimpiangere di non esserci mossi prima nel processo di formazione. Cosa curiosa è che nessuno dei sopraccitati è arrivato in Nazionale da prima scelta, ma solo quando i vari Zanni, Mbandà, Allan si sono infortunati quindì la volontà di puntare su italiani per me c’è e ci sarà sempre ma onestamente i calci “sbananati”, la lentezza nei passaggi, il non chiamare la palla visti sabato non si possono proprio più vedere…

  28. roberto43 12 febbraio 2019, 17:15

    io proverei la Sara Barattin, ci facciamo anche un figurone a giocare con una squadra mista

  29. Gremo 12 febbraio 2019, 17:29

    Domandina: cosa vuol dire esattamente “qualificato tramite le origini del nonno”? Nel rugby non bisogna avere necessariamente la cittadinanza, ma in quel caso ci sono i 3 (diventeranno 5) anni di residenza e tesseramento da rispettare. Oppure c’è una terza via, ovvero dimostrare di avere antenati pur non avendo il passaporto?

    • xnebiax 12 febbraio 2019, 17:35

      Esatto, serve un nonno o nonna.
      Maitland è qualificato per la Scozia così.

  30. Iatta 12 febbraio 2019, 17:30

    Siamo proprio Italiani.
    Posto fisso é la parola giusta.
    Guardiamo il risultato ma non il progetto a lungo termine.
    Era meglio prima, quando giovani diciottenni ci facevano entrare al sei nazioni giocando con il cuore.
    Preferisco vedere giocare italiani in serie b che stranieri in nazionale italiana.
    Al massimo e se ho i soldi mi vado a vedere le partite delle altre nazionali.
    Tipo Scozia Galles.
    Aloha

    • xnebiax 12 febbraio 2019, 18:33

      Siamo arrivati al 6 Nazioni grazie al Super 10 che è stato uno dei primi campionati professionistici, che ci ha permesso di avere tanti argentini tra cui Dominguez.

    • Nickkkkk 12 febbraio 2019, 22:37

      Scozia Galles, piena di equiparati da ambo le parti. Contento tu..

  31. madmax 12 febbraio 2019, 17:55

    Mai capito perché gli oriundi debbano venire dalle Fiji o Maori e non dalla Francia, piena di nipoti di immigrati italiani nel sud del paese che giocano a rugby. Ricordo i francesi Venditti e Benetton, tanto per fare due nomi. Qualcuno sa spiegarmelo?

  32. TheTexanProp 12 febbraio 2019, 18:07

    Certo che il progetto accademia funziona alla grande. Andiamo a prendere un giocatore X sconosciuto (saranno andati all’anagrafe a controllare gli avi di sto giocatore) ma lasciamo i nostri giovani post-U20 ad impantanarsi nel campionato casalingo. Siamo gestiti veramente male. Serve un po di pulizia in FIR.

  33. albe 12 febbraio 2019, 18:13

    Comunque prima di scrivere a caso nei commenti: Trussardi ha giocato 540min quest anno, era in prestito come altri giovani e lo danno rientrante a Clermont a fine stagione.

    • xnebiax 12 febbraio 2019, 18:35

      540 non sono tantissimi, ma se rientra a Clermont è un bel segnale che credono in lui.

      • albe 12 febbraio 2019, 18:41

        Sembra che si dividano il posto in 2… e comunque anche Braley ha giocato nella divisione inferiore l anno scorso, pur avendone 24 di anni, quello che voglio dire è che forse valeva la pena provare anche Trussardi, che magari peggio di un rientrante da infortunio non poteva fare

        • xnebiax 12 febbraio 2019, 21:15

          Però O’Shea in conferenza stampa ha spiegato che non vuole bruciare i giovani buttandoli dentro senza che siano pronti. Ha un suo senso.

          • massimiliano 12 febbraio 2019, 23:50

            Come fatto con Panico, Licata, Zilocchi in parte…

  34. gattonero 12 febbraio 2019, 18:28

    beh, in caso di emergenza va bene, sembra che CoS lo abbia scoperto da poco che Callum Braley poteva essere convocato altrimenti non capisco perche’ non l’abbia invitato prima, all’inizio del 6N ,dato che eravamo gia’ in crisi di mediani anche 3 settimane fa.
    non mi stupirei affatto se lo fa esordire da titolare contro l’irlanda.
    Comunque per Braley deve essere una grande opportunità giocare al 6N e magari al mondiale, se aspettava la chiamata inglese ne passava di acqua sotto il Tamigi.
    deluso dal fatto che come al solito non si ha il coraggio di convocare un giovane,anche solo per far assaporare un po’ il mondo del cosiddetto alto livello,non penso che Gori come e’ messo ora sia superiore a Casilio, Panunzi e compagnia che almeno giocano con continuità anche se a un livello inferiore.

  35. Dvd 12 febbraio 2019, 18:28

    Anch’io non ho nulla contro l’utilizzo di giocatori oriundi, se danno in più di quel che ora non abbiamo…. Scozia docet

    • fabrio13H 12 febbraio 2019, 23:26

      …il fatto è che continueremo a prenderle di santa ragione 😀

  36. fulvio.manfredi 12 febbraio 2019, 18:41

    L’ho sempre detto io che come Commissario Tecnico vale poco, ma in quanto a trovate va lasciato stare (prima la fox, ora Callum Braley…)😉😉

    • fabrio13H 12 febbraio 2019, 23:45

      Sperando che tutti lo ricordiate, si potrebbe provare ad adattare il detto sul Galles (Gli altri possono fare piu’ punti del Galles ma nessuno puo’ battere il Galles): “Gli altri possono fare (e fanno) piu’ punti dell’Italia (e tanti punti di piu’ e li continueranno a fare anche con i non italiani in campo), ma nessuno puo’ battere l’Italia (in trovate).

      • narodnik 13 febbraio 2019, 00:22

        in quanto a trovate magheggiano alla grande,le svendite di biglietti per arrotondare e trascinare gente allo stadio continuano(gli manca il porta a porta ma non si sa mai..),veramente da mo che hanno toccato il fondo e si so messi a scavare….

  37. irish shrink 12 febbraio 2019, 18:44

    Tutte, ma proprio tutte le nazionali di equiparati ne hanno un sacco, basta guardare a quanti isolani finiscono con gli All Blacks. Nel 6 nazioni L’irlanda ne ha , in Galles ne ha l’Inghilterra pure, la Scozia se gli togli gli equiparati finisce che gioca solo nei sevens…e noi invece vogliamo fare I puristi. Boh,…. Se non abbiamo occhi per piangere, che facciamo, sputiamo sul trapianto di retina?

    • western-province 12 febbraio 2019, 21:36

      A dirla tutta gli inglesi e i neozelandesi agli isolani insegnano anche a giocare a rugby.
      Comunque io non mi scandalizzo; è solo la situazione che un po’ paradossale; ti ritrovi con 2 mm infortunati e spunta fuori dal cilindro un oriundo nel bel mezzo del 6n

      • fabrio13H 12 febbraio 2019, 23:14

        Non c’è nulla da scandalizzarsi tranne il fatto che continueremo a prenderle 😀

  38. Camoto 12 febbraio 2019, 19:16

    Eppure ci sono altre 2 novità
    Benvenuti escluso
    Bisegni convocato come ala

    • xnebiax 12 febbraio 2019, 21:21

      Che sono due buone notizie.
      (Con tutto il rispetto per Benvenuti che però non sembra in gran forma).

  39. ermy 12 febbraio 2019, 20:39

    Niente da dire, un DOR coi fiocchi!

  40. Twickers 12 febbraio 2019, 20:46

    manca solo Silvio a scendere in campo a salvare il rugby Italiano – poi e’ fatta…. Ma dai, qui si fa’ rider i polli e basta abbiamo perso ogni credibilità’ con questo COS……

    • Giovanni 12 febbraio 2019, 22:39

      Ehhh lascia perdere che all’Amatori Milano ne sanno qualcosa di quando passa Silvio…

  41. aries 12 febbraio 2019, 20:52

    Ho cercato un po’ tra i video in circolazione, sembra bello reattivo il ragazzo da quel poco che ho visto.
    Poi, ho visto che in casa vive con due cani e un porco, direi che si presenta benissimo!!

    • Camoto 12 febbraio 2019, 20:57

      Io ho trovato solo il secondo. Dilla bene, col porco ci dorme. Fai simpatia. Fuori ha pure il cavallo.

      • aries 12 febbraio 2019, 21:17

        Ho omesso di proposito i dettagli più scabrosi, c’è da dire che almeno il cavallo sembra dormire fuori…
        Va beh, vedremo…
        Se dovesse accettare di buon grado di vestire la maglia azzurra, credo lo vedremo presto!

      • xnebiax 12 febbraio 2019, 21:18

        Oddio, è quando è ritiro chi bada alla fattoria?

    • Giovanni 12 febbraio 2019, 22:44

      Due cani e un porco? Direi che s’è messo avanti col lavoro… 😀

  42. Jager 12 febbraio 2019, 21:01

    Sono curioso di sentire le motivazioni di questa scelta , così a bruciapelo non la condivido per niente non per motivi tecnici ( ammetto la mia ignoranza , ma non avevo mai sentito questo nome prima di adesso ) , ma per motivi di “ opportunità “. Quindi siamo una nazione tier1 che non è in grado di garantire tra franchigie e club del domestic 3 mm senza dover ricorrere a uno “ straniero” ? Se così si è la copla non è da attrbuire alla gestione tecnica , ma a noi italiani .

    • robertopack 12 febbraio 2019, 21:16

      é una novitá che non ci siano 3 mm pronti per il 6n? se hai bisogno di motivazioni guarda le due partite appena giocate. Dovrebbero sputare in faccia a chi ha giocato cercando di superare i suoi limiti per darci delle motivazioni?

    • western-province 12 febbraio 2019, 21:29

      E’ talmente evidente che la colpa è di noi italiani che non dovrebbe neanche esserci bisogno di scriverlo.

      Basta guardare qualsiasi partita (Pro14, nazionale maggiore o u20) per rendersi conto che il tasso tecnico degli italiani (fondamentali e visione di gioco) è mediamente più basso di quello degli avversari.
      In vent’anni di sei nazioni non si è investito adeguatamente nella formazione degli allenatori, nella formazione degli arbitri, si sono abbandonati i club, hanno buttato a mare milioni di euro in accademie da dove escono persone gonfie di muscoli e povere di capacità tecnico-tattiche. Si danno i premi di formazione al Calvisano perché “ha formato” Steyn.
      Si gioca da 10 anni in Pro14 e ancora non c’è un sistema di permit decente
      Si gioca da 10 anni in Pro14 e la franchigia federale è imbottita di stranieri di dubbie capacità, perchè a campionato iniziato non si possono prelevare i campioni di quel popo di campionato che è il top12
      E i responsabili di tanto scempio sono sempre lì e i club continuano a votarli in cambio di qualche favore. E la colpa di chi dovrebbe essere? Di o’shea o di Catt?

      • fabrio13H 12 febbraio 2019, 23:50

        ..perché, i club non sono anch’essi responsabili?

      • TheTexanProp 13 febbraio 2019, 03:26

        Dovrebbero mandare a casa tutta la federazione. Ci sono persone che sono lì da anni e hanno fatto malissimo. Si sono adeguati alle novità del rugby (franchigie, permits etc) perché in qualche modo hanno visto un guadagno/riscontro economico ma l’hanno fatto malissimo.
        Devono andare a casa ma nessuno perderà un posto: si tratta sempre e comunque di una federazione italiana e le poltrone si sa sono troppo comode. Che non si pensi che poiché si tratta di rugby la cosa sia diversa.
        Ci sono personaggi, ex rugbisti con una laurea nella scuola del rugby, che hanno cambiato 3 ruoli completamente diversi in federazione pur di rimanerci. Entri in federazione e diventi pluri-laureato con master in diversi ambiti.
        Dove vuoi andare e chi vuoi che perda la poltrona anche di fronte a figure tristemente di guano da più di 15 anni?
        Quelli presi per i fondelli sono i tifosi italiani, che dovrebbero cominciare a tifare altro.

    • Jager 12 febbraio 2019, 21:55

      Il mio intervento era volutamente provocatorio . È chiaro che la colpa è nostra , come è chiaro che siamo una nazione tier2 , come è chiaro che il livello che esprime la nazionale rappresenta il valore del movimento , come è chiaro che la colpa non è di COS ( e di chi lo ha preceduto ) , come è chiaro che non sarà colpa di chi arriverà dopo , ecc , ecc . Quindi secondo me inutile farsi inlusioni la situazione sarà questa per molto tempo a venire . Non possiamo essere problema è soluzione nello stesso tempo !

  43. kinky 12 febbraio 2019, 21:03

    Siete come gli ultras di calcio…poi alla prima partita che gioca bene tutto ad osannarlo!

    • Il Bonzo Tama 12 febbraio 2019, 21:53
    • Iatta 12 febbraio 2019, 22:05

      Faremo la stessa fino in ugual proporzione.
      Sempre per lo stesso errore.
      Ma poi il problema era il bd o il mm????
      A questo punto lasciate liberi i giovani di andare dove vogliono.

  44. Galeone 12 febbraio 2019, 22:01

    Bene cosi, anche a me ricorda la convocazione di Gower che fu cruciale per il gioco di Mallet, speriamo che Braley lo sia per quello di O’Shea…. e poi , se come pare, è prossimo il ritorno di Polledri magari accompagnato da almeno uno fra Bellini e Sarto, la partita con la Francia diventa un filo piu’ potabile . Forza Azzurri !!!

  45. franzele 12 febbraio 2019, 22:30

    È disperazione.
    Tra i giovani non ne vedo uno di buono, buono davvero. Forse Panunzi, ma bisogna vedere a ritmi più alti cosa riesce a fare.
    Trussardi pareva buono, ma rischia di svanire tra gli effluvi di lavanda della Camargue….
    D’altronde chi pensate di buttare in campo, a confrontarsi con Murray tra dieci giorni?

  46. lucadiscepolo 12 febbraio 2019, 23:07

    Sinceramente col bisogno che abbiamo di una vittoria, stare ancora a discutere di equiparati e simili mi sembra alquanto inopportuno.. Se Braley ha un nonno italiano dalla parte della mamma ed acconsente a giocare per la nostra nazionale, portamelo dentro immediatamente! Cos che poteva mai programmare se il primo mm si è rotto, il secondo si è acciaccato nel riscaldamento prima della partita, e il terzo e quarto si sono rivelati non all’altezza? Palazzani non aveva mai giocato dal primo minuto di recente in nazionale e Gori è fuori forma perché è appena tornato da un lungo infortunio

    • fabrio13H 12 febbraio 2019, 23:47

      …e mi sa che te la sogni la vittoria 😀

      • fabrio13H 12 febbraio 2019, 23:48

        …almeno fino alla Francia ma piu’ facilmente fino ad agosto con la Russia.

  47. lucadiscepolo 12 febbraio 2019, 23:08

    Magari è la volta buona che troviamo un duvenage per la nazionale

  48. fabrio13H 12 febbraio 2019, 23:10

    Comunque, animi in pace! Continueremo a perdere fino ad agosto con la Russia! 😀

    • fabrio13H 12 febbraio 2019, 23:12

      Pero’ per essere certi di battere con buon scarto il Canada in settembre alla RWC occorrerà trovare altri 3-4 giocatori simili.

      • LiukMarc 13 febbraio 2019, 06:19

        Fabrio, scusa la domanda, ma tu cosa faresti?
        No che ovvio che invitare (perchè ragazzi non l’ha manco convocato, l’ha invitato, e in molti a dirgli di tutto) uno che di italiano ha poco o niente se non appunto i nonni non è certo una bella cosa, ma non perchè Co’S sbagli (lo fanno tutti, tutti, compresa l’Inghilterra), ma perchè non fa che sottolineare quanto sia povero il nostro movimento.
        Poi saprete meglio di me che non bastano 3 anni a tirare su un giocatore, quindi se Co’S non ritiene i giovani pronti (visto che già 1-2 han rischiato di bruciarsi) fa bene a non chiamarli. Se poi Casilio o Panunzi o Trussardi facessero vedere grandi cose in stagione, sicuro dopo i mondiali una riflessione la farà.
        Però ovvio che non basterà questo per farci vincere, ma manco avessimo 10 Braley forse vinceremmo. Ci servirebbero 10 Vunipola o Slade. 🙂

  49. Danthegun 12 febbraio 2019, 23:30

    Questa notizia mi fa venire in mente alcune riflessioni: com’è che abbiamo scovato questo ragazzo solo ora? Se era un ex U20 inglese com’è che a 21 anni non era già nel radar della nazionale? Quanti altri inglesi con genitori o nonni italiani ci sono che non conosciamo e quanti altri neipaesi del 6nazioni come nei paesi del Championship? Gli italiani sono un paese di emigrazione da sempre, davvero non ci sono giocatori di origini italiane che possano essere presi in considerazione?
    Come detto da altri lowsoski o devoto sono state due occasioni sprecate. Altre ce ne sono state se si leggono le recenti rose di tutte le squadre. Quante ne vogliamo ancora sprecare?
    Fossi nella FIR organizzerei un team di persone dedicate solo alla ricerca di oriundi da considerare per le nazionali e da sottoporre alle squadre del pro14 e del top12 per eventuali operazioni di mercato. Farei anche di più, farei dei veri e propri eventi di promozione del rugby nei confronti delle comunità di italiani in questi paesi per fargli sentire la vicinanza del sistema italia facendo capire che in Italia possono esserci opportunità per i giocatori talentuosi.
    Uno dei problemi della nazionale è la mancanza di concorrenza in molti ruoli e questo per una mancanza di opzioni pronte peril livello richiesto dal rugby internazionale. Poter contare su sole due squadre professionistiche ci limita nelle opzioni (stesso problema per la Scozia che è com7nque organizzata meglio di noi). Se a queste due squadre si aggiugessero diverse opzioni estere si avrebbe sicuramente più competitività. Quando la nostra naionale è stata competitivita è stato quando avevamo una intera squadra che giocava all’estero. Questa è la strada che dovremmo tornare ad intraprendere.

    • fabrio13H 12 febbraio 2019, 23:46

      Quando la nostra Nazionale è stata competitiva?

  50. Diesel83 13 febbraio 2019, 09:41

    Se Braley ha le carte in regola per giocare con noi, che giochi tanto più se in Championship ha già giocato. Sta a lui dimostrare di non essere un semplice tappabuchi e non ha alcuna responsabilità se quei pochi buoni come i Lucchese cambiano mestiere per far spazio agli Engelbrecht e se i Bronzini li teniamo in panchina…. In un 6N provare un Trussardi, un Casilio o un Panunzi a caso che il livello PRO l’hanno solo intravisto vuol dire voler mandare in campo un bersaglio facile che non sarebbe d’aiuto ne a se stesso, ne al gioco, ne tantomeno alla squadra.

  51. tinapica 13 febbraio 2019, 10:20

    …almeno questo c’ha il nonno italiano…ma, voi che ne sapete, fatemi capire: una volta che costui abbia accettata la convocazione per l’Italia perde il diritto ad essere convocato per l’Inghilterra o deve scendere in campo per perderlo? Va be’ che là la concorrenza è terrificante ma io uno che eventualmente decida di rinunciare alla possibilità di vestire la maglia (da me, sia chiaro, odiatissima!) della Rosa per avere la certezza di vestire quella azzurra proprio non lo capisco.

  52. Machete 13 febbraio 2019, 10:35

    Gori e Palazzani sono inguardabili a certi livelli c’è poco da fare……
    Violi è fuori e Tebaldi se recupera non si potrà fare di certo fare 80 minuti
    Bradley non sarà un fenomeno ma almeno è abituato ad allenarsi ad un certo ritmo
    meglio Trussardi ?…….non è stato preso in considerazione dalle nostre 2 franchigie….perchè???
    cmq…..in attesa di vedere se il progetto giovani funziona…ci servono gli oriundi per andare avanti……c’è poco da fare…qualche partita la dobbiamo protare a casa e COS lo sa bene

    • fabrio13H 13 febbraio 2019, 18:39

      Non ne porteremo a casa nessuna fino ad agosto con la Russia, poi Namibia e Canada (ma deve proprio andarci dritta) e poi si ricomincerà a perdere.

    • Nuvole! 13 febbraio 2019, 19:30

      Trussardi é sotto contratto con Clermont, che lo ha ceduto in prestito quest’anno e probabilmente rientrerá a Clermont in prossimo anno.
      Chi ti dice che non é stato preso in considerazione dalle nostre franchigie, visto che é giá sotto contratto con Clermont (dove é cresciuto come professionista)?!?

Lascia un commento