Cosa serve al Benetton per passare il turno in Challenge Cup

Con una vittoria a Grenoble, i Leoni dovranno sperare soprattutto nel Bordeaux e in un’eventuale sconfitta del Connacht

ph. Ettore Griffoni

Mentre Ryan Mills, a Swansea, faceva un notevole regalo al Benetton escludendo quasi totalmente gli Ospreys dalla corsa alla qualificazione con Worcester, a Galway i Sale Sharks non riuscivano nello stesso intento contro il Connacht, venendo scavalcati da un piazzato di Horwitz al minuto 71. Nonostante la bella vittoria contro Agen, insomma, i Leoni continuano a non essere padroni del loro destino e, anzi, si trovano in una posizione piuttosto scomoda in vista dell’ultima giornata della fase a gironi.

Dal punto di vista puramente aritmetico, il Benetton ha diverse opzioni a seconda del risultato che otterrà a Grenoble, ma solo poche di queste sono realmente percorribili. Prima di ragionare in maniera più concreta su quali siano le effettive speranze di una storica qualificazione ai quarti di finale, ecco tutte le possibili combinazioni matematicamente che porterebbero i veneti tra le prime otto del torneo continentale.

La matematica…

Il Benetton vince con bonus offensivo (20 punti in classifica). Passa da prima se:

– gli Harlequins non vincono

Passa da migliore seconda se:

– una tra Northampton nel Girone 1, Sale o Connacht nel Girone 3 e Bristol nel Girone 4 chiude con meno di 20 punti o con 20 punti e una differenza punti inferiore al Benetton

– Northampton, Sale, Connacht e Bristol vincono e arrivano a 21 punti, ma La Rochelle perde senza punti di bonus contro le Zebre e il Benetton supera i francesi nella differenza punti (+122 per i rochelais al momento)

Il Benetton vince senza punto di bonus offensivo (19 punti in classifica). Passa da prima se:

– gli Harlequins perdono o pareggiano senza bonus

Passa da migliore seconda se:

– una tra Northampton nel Girone 1 (16 punti, differenza punti +47), Sale o Connacht nel Girone 3 (17 e +59, 17 e +20), Bristol o Zebre (16 e +71, 14 e +23) nel Girone 4 chiude con meno di 19 punti o con 19 punti e una differenza punti inferiore al Benetton (attualmente a +33)

Il Benetton pareggia o perde con due punti di bonus (17 punti in classifica). Passa da prima se:

– gli Harlequins perdono senza bonus

Passa da seconda se:

– due tra Northampton nel Girone 1, Ospreys nel Girone 2 (12 punti, differenza +42) Sale o Connacht nel Girone 3 e Bristol o Zebre nel Girone 4 chiudono con meno di 17 punti o con 17 punti e una differenza punti inferiore al Benetton

Il Benetton pareggia con punto di bonus offensivo (18 punti in classifica). Passa da prima se:

– gli Harlequins perdono al massimo con un solo punto di bonus

Passa da seconda se:

– una tra Northampton nel Girone 1, Sale o Connacht nel Girone 3, Bristol o Zebre nel Girone 4 chiude con meno di 18 punti o con 18 punti e una differenza punti inferiore al Benetton (attualmente a +33)

Non passa in nessun caso solo se perde senza bonus (restando a 15 punti, insomma) o con il solo bonus difensivo (16 punti).

…e la realtà

Il mondo reale, in questo caso, è tuttavia è ben diverso dai numeri, per alcuni semplici motivi. Northampton e Bristol possono già essere considerate ai quarti di finale, perché affronteranno in casa i Timisoara Saracens e l’Enisej, seconda e prima peggior difesa del torneo e di un livello troppo basso per poter pensare di competere con Saints e Bears (è anche il motivo per cui le Zebre, pur restando in corsa matematicamente parlando, non hanno de facto alcuna chance per passare il turno: ai ducali servirebbe una sconfitta del Bristol in casa e una propria vittoria contro La Rochelle, e allo stesso tempo Connacht e Benetton dovrebbero fare peggio in classifica).

Considerando inoltre che i Sale Sharks affronteranno in casa il Perpignan, pure a zero vittorie e la cui sconfitta sembra già certa, e che gli Harlequins sono indiscutibilmente i favoriti contro Agen, le uniche speranze del Benetton risiedono nella sfida tra Bordeaux e Connacht. Gli irlandesi andranno allo stade Chaban-Delmas a giocarsi la qualificazione, contro una squadra che in coppa non ha espresso lo stesso livello di gioco del Top 14, tanto da pareggiare in casa proprio con il Perpignan.

Nella giornata successiva ha subito ben 50 punti in casa dagli Sharks, salvo poi prendersi un’inaspettata rivincita la settimana dopo a Sale vincendo 14-17 in Inghilterra. Venerdì sera ha battuto il Perpignan in Catalogna 27-34, ma il risultato positivo non è bastato per rientrare in corsa per la qualificazione. In teoria, la sfida contro il Connacht dovrebbe essere equilibrata e anzi leggermente sbilanciata a favore del Bordeaux visto il fattore campo, ma gli uomini di Andy Friend hanno dimostrato di aver compiuto un notevole salto di qualità rispetto alla scorsa stagione.

Nel testa a testa che li vede protagonisti, il Benetton scenderà in campo per primo nel weekend e giocherà a Grenoble venerdì sera, mentre Connacht sarà di scena a Bordeaux sabato pomeriggio. Con buone probabilità – e se i Leoni non faranno passi falsi a Grenoble – sarà solo il fischio finale allo Chaban-Delmas a decidere tutto.

Daniele Pansardi

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Challenge Cup: sorteggiati gli avversari di Zebre e Calvisano

Per le Zebre ci sono di nuovo i Bristol Bears, per Calvisano ci sono i Leicester Tigers

19 giugno 2019 Coppe Europee / Challenge Cup
item-thumbnail

Challenge Cup: Calvisano parteciperà alla competizione nel 2019/2020

Il club lombardo si iscriverà al torneo dopo la vittoria dello spareggio playoff in Continental Shield

11 giugno 2019 Coppe Europee / Challenge Cup
item-thumbnail

Challenge Cup: il Clermont batte La Rochelle 36-16 e trionfa per la terza volta

A Newcastle i jaunards sono sempre in controllo del match, soffrendo solo in parte i rochelais

10 maggio 2019 Coppe Europee / Challenge Cup
item-thumbnail

Champions Cup: la formazione del Leinster per la sfida ai Saracens

Tadhg Furlong taglia il traguardo dei 100 caps

10 maggio 2019 Coppe Europee / Challenge Cup
item-thumbnail

Challenge Cup: La Rochelle prova a essere David contro il gigante Clermont

Nella finale della coppa cadetta i pronostici sono tutti per i gialloblu, ma occhio a dare per battuta la squadra di Jono Gibbes

10 maggio 2019 Coppe Europee / Challenge Cup
item-thumbnail

Challenge Cup: le formazioni per la finale tutta francese

Clermont e La Rochelle si affrontano venerdì sera a St James Park: ecco i due XV

9 maggio 2019 Coppe Europee / Challenge Cup
  1. bangkok 14 gennaio 2019, 09:24

    Ritengo molto scorretto che l’ultima giornata (decisiva) si svolga con partite non in contemporanea.

  2. kinky 14 gennaio 2019, 09:36

    capirai…come se il Benetton vincesse con bonus e quelli del Connacht si mettessero d’accordo con il Begles! Su dai!

    • kinky 14 gennaio 2019, 09:41

      ….è molto più importante il fattore motivazionale. Tanto dipende come scenderanno in campo giocatori in campo (non discuto se titolari o no) e quindi come si alleneranno in settimana e approcceranno la partita!

      • bangkok 14 gennaio 2019, 09:54

        Vedi @Kinky, non sto dicendo quello.
        Resta il fatto che INDUBBIAMENTE qlcs cambia nella testa dei giocatori nel giocare conoscendo il risultato della diretta concorrente piuttosto che a giocare in contemporanea.
        E x il massimo della correttezza ed imparzialità l’organizzazione dovrebbe evitare – avendone la concreta possibilità- di creare queste situazioni.
        Nient’altro che questo.

      • try 14 gennaio 2019, 11:10

        E’ chiaro che giocare dopo del tuo diretto avversario un vantaggio ci sia, ma è una cosa che ci può stare.
        Io mi soffermerei su un altro punto: siamo stati buttati fuori dalla Champions (giustamente) perchè ci si deve guadagnare il posto. Era chiaro che “falsavamo” i gironi.
        Allo stesso modo in questa competizione Timisoara e Enisei falssano il campionato. Ad oggi 2 dell 3 terze che passano sono nel girone dove ci sono queste squadre.
        A questo punto o ne metti una per girone oppure fai un turno preliminare.

        • Fabruz 14 gennaio 2019, 14:11

          Ma infatti facessero 6 gironi con le 18 squadre vere distribuite 6 per girone e poi con una squadra per ogni campionato minore in ogni girone. Oppure abolissero la challenge cup che è competizione semi inutile, visto che la maggior parte delle squadre manda in campo le terze scelte

  3. InMedianaStatVirtus 14 gennaio 2019, 09:37

    Buongiorno,
    Grazie per l’esauriente articolo.
    Chiedo alla Redazione una informazione ulteriore, se fosse disponibile.
    EPCR, per la partecipazione alle coppe, fornisce incentivi/premi anche per la posizione in classifica nelle pool per il passaggio del turno, per i punti raccolti oppure viene elargito solo un contributo una tantum?
    E’ una curiosità, anche solo per capire, aldilà dei valori di sportività, anche l’interesse oggettivo nell’ottenere dei risultati.
    Grazie molte

  4. LiukMarc 14 gennaio 2019, 10:29

    Speriamo che i giocatori ce la mettano tutta senza farsi condizionare da pensieri e risultati esterni.
    Alla fine purtroppo Agen e Londra sono state due trasferte infami, con anche solo 1-2 punti in più la cosa cambiava potenzialmente molto.

    • bangkok 14 gennaio 2019, 10:50

      Cambiava TUTTO.
      Treviso, in caso di mancata qualificazione, deve fare un grandissimo mea culpa.

      • LiukMarc 14 gennaio 2019, 11:03

        Con un bonus difensivo a Londra molto, con due punti allo Stoop (o non aver lasciato l’offensivo ai Quins – o se vuoi il difensivo nell’andata a Treviso) moltissimo, con la vittoria ad Agen tutto. 🙂

      • mamo 14 gennaio 2019, 11:11

        @nangkok, giuro che ti strozzo se continui con questa solfa 😉

  5. LiukMarc 14 gennaio 2019, 11:46

    Comunque – parziale OT – sperando facciano una gara gagliarda, con un risultato positivo (difficile, ma ci si prova sempre) le Zebre rischiano di essere la migliore delle terze (o addirittura meglio di una seconda) come punteggio. Insomma, considerando che qualche tempo fa coi nostri erano 5 punti sicuri…

  6. TommyHowlett 14 gennaio 2019, 11:56

    E tutto per colpa di quel passaggio a vuoto all’andata con Agen. A quest’ora la calcolatrice e il rosario sarebbero in mano ad altri

    • massimiliano 14 gennaio 2019, 12:10

      vincendo ad Agen, a quest’ora, gli altri rosario e calcolatrice ce li avevano piantati da un’altra parte

      • LiukMarc 14 gennaio 2019, 12:15

        Be insomma, comunque i Quins (a loro avrei voluto togliere punti, sia a Treviso che a Londra) e Connacht (e Sale) sarebbero ancora in corsa, con Northampton e uno tra Bears e La Rochelle comunque sicure del posto, però si, diciamo che la pressione era tutta su di loro e dover fare risultato per forza. Treviso sarebbe padrona del suo destino.
        Però vabbè, per ora è andata cosi, e settimana prossima vada come vada.

  7. fracassosandona 14 gennaio 2019, 12:45
  8. Marte_ 14 gennaio 2019, 12:45

    Mi sono reso conto solo ora che non c’è neanche una squadra georgiana.. È normale/sempre accaduto?
    Detto questo che ad un turno dalla fine Treviso sia in piena corsa, seppur da una posizione di vantaggio e le Zebre lo siano anche solo matematicamente, è un ottimo segno. Ad ora credo che Treviso non si qualificherà ma è stato uno step importante per le due franchigie. (e chissà che non porti TV a focalizzarsi sui playoff del Pro14, due obbiettivi del genere forse non sono ancora sostenibili)
    Peccato per il punto di bonus finale de La Rochelle

  9. ginomonza 14 gennaio 2019, 13:31

    Io gicherei tutto sul PRO 14

  10. Zamax 14 gennaio 2019, 14:23

    Sunto pratico della situazione, dando per scontato che Clermont. Northampton, Worcester, Sale, La Rochelle, Bristol, Harlequins siano in sostanza già qualificate:
    1) Se Connacht vince a Bordeaux, per il Benetton è finita.
    2) Se Connacht pareggia facendo un punto di bonus (offensivo) il Benetton deve vincere a Grenoble col bonus offensivo e si qualifica.
    3) Se Connacht pareggia a Bordeaux senza punti di bonus o perde facendo due punti di bonus (difensivo e offensivo) al Benetton basta la vittoria semplice.
    4) Se Connacht perde facendo un punto di bonus qualsiasi al Benetton serve almeno un pareggio con un punto di bonus (offensivo).
    5) Se Connacht perde a Bordeaux senza punti di bonus e gli Ospreys non vincono col bonus offensivo a Pau, al Benetton basta il pareggio semplice o una sconfitta con due punti bonus (difensivo e offensivo).
    P.S – Sempre tenendo conto che comunque il Benetton gioca prima del Connacht.

    • Marte_ 14 gennaio 2019, 14:56

      In linea teorica, il Benetton passa anche se gli Harlequins non fanno il bonus fuori casa con l’Agen e TV vince con bonus colmando 17 punti di differenza con gli inglesi.

      • LiukMarc 14 gennaio 2019, 15:06

        Li dipende, perchè i Quins sono in vantaggio negli scontri diretti

        • Zamax 14 gennaio 2019, 15:29

          Esatto, e in ogni caso io ho ragionato premettendo di lasciare da parte le variabili clamorose.

        • try 14 gennaio 2019, 16:06

          Per essere più realisti del re, l’unica possibilità che Treviso ha di qualificarsi è quella di vincere contro Grenoble e sperare nella sconfitta di Connacht (o più difficilmente di Sale). Fine.
          I pareggi e i doppi punti di bonus, con il pallottoliere in mano, sono cose che non capitano così spesso e non sono neanche da prendere in considerazione.

          • Zamax 14 gennaio 2019, 16:08

            Diciamo che quello è il sunto pratico del mio sunto pratico.

  11. Giacomo 14 gennaio 2019, 16:55

    Ragazzi state facendo un poco di confusione con tutti sti calcoli e previsioni, facciamo ordine altrimenti mettiamo che uno apre i commenti per la prima volta in vita sua su onrugby e prende la community per un branco di mammalucchi ovalizzati, e ci si fa tutti brutta figura.
    Riassumendo il benetton si qualifica se:
    Vince, e nel contempo Connacth perde.
    Il dono del riassunto facile.
    😁😂😂😝

    • Zamax 14 gennaio 2019, 17:18

      Il fatto è che sono però propri i grandi squadroni abituati agli alti livelli delle coppe che in campo si comportano come se stessero facendo i conticini con la pignoleria di un commerciante avaro, per cui al punticino di bonus, per ormai un’inveterata consuetudine figlia dell’esperienza, se c’è qualche remota possibilità di prenderlo, non rinunciano mai e poi mai. Se i conticini si facevano per benino, ma proprio per benino, si doveva capire, per esempio, che la partita di Agen – all’andata – poteva essere quella decisiva di tutta la stagione di Challenge, e che di conseguenza su quella partita bisogna impegnare il massimo delle energie fisiche e mentali; e non su quella successiva col Leinster, sulla quale invece era puntata l’attenzione di molti fessacchiotti faciloni, attenti più all’etichetta che alla sostanza dell’avvenimento. E questo io lo dissi e lo scrissi su queste colonne prima della partita di Agen.

      • Zamax 14 gennaio 2019, 17:46

        Facciamo un esempio pratico e poi chiudo. Mettiamo che il Benetton a un minuto dalla fine della partita di Grenoble stia perdendo e sia a più di 7 punti di distacco e quindi non abbia più speranza di vincere. Mettiamo che però facendo una meta nell’ultima azione riesca a prendere sia il punto di bonus difensivo sia quello offensivo. Se la facesse andrebbe a 17 punti, e si qualificherebbe se il giorno dopo il Connacht perdesse senza bonus difensivo o bonus offensivo a Bordeaux, e gli Ospreys non vincessero col bonus a Pau. Quindi il Benetton si qualificherebbe in questo caso anche perdendo a Grenoble. E’ chiaro che se si arrivasse a all’ultimo minuto nella situazione sopradescritta (che non è fantomatica, per quanto poco probabile) i giocatori dovrebbero però essere pienamente consapevoli di tutti questi “ridicoli” calcoletti, per giocare al meglio. O no? Quindi i due punti possibili senza vittoria non andrebbero assolutamente buttati via.

      • try 14 gennaio 2019, 17:53

        In quella partita disgraziata ad Agen, erano patiti bene. Poi le cose si sono complicate.
        L’esito delle partite non le decidi sempre tu, ci sono anche gli avversari.

        • Zamax 14 gennaio 2019, 18:10

          Ma dopo l’ottimo inizio (anzi fantastico) forse non ci fu la giusta determinazione, e forse non ci fu perché non ci si rendeva perfettamente conto dell’importanza apicale del match…

          • fracassosandona 14 gennaio 2019, 18:44

            è che mentre loro stavano in campo a prendere per le corna quei marcantoni che non volevano perdere in casa con un’italiana tu potevi avere, comodamente seduto sul divano e senza neanche poterla vedere, “contezza dell’importanza apicale del match”…

            pronto, ACI?

          • Zamax 14 gennaio 2019, 19:00

            @ Fracasso: sbagli.
            Si trattava soltanto di avere il giusto approccio mentale per quel match. Magari con quello giusto, non con quello “giusto a metà”, cioè con quello perfettamente consapevole PRIMA della partita dell’importanza della stessa, forse – forse -non si sarebbe perduto… E’ per questo che scrissi un commento in QUESTO senso PRIMA della partita di Agen. Non c’è niente di complicato. E’ solo buon senso e giusta presenza di spirito per capire i momenti importanti della stagione. E magari anche di abitudine al professionismo ad alti livelli. Ma io non ne faccio affatto una tragedia. Solo sottolineo quello che a mio parere è un aspetto ancora del tutto migliorabile del nostro rugby. Cosa che si notò anche nell’avventura delle Zebre in Challenge lo scorso anno.

      • aldo68 14 gennaio 2019, 18:24

        E giusto per non esagerare, oltre ai punticini bonus ci sta fare i conti anche con la differenza punti. Ovviamente sto estremizzando, contro Agen era da fare più mete possibili prendendone il meno possibili anche per incrementare la differenza punti. Se ci si gioca il passaggio al pelo, tutto conta e questo vuol dire avere la mentalità da grande, ecco perchè nonostante la bellissima prestazione di sabato sono rimasto un po’ deluso dalla perdita di concentrazione dopo la 6 meta.

        • try 14 gennaio 2019, 19:07

          su questo concordo in pieno. Ma ho visto che a loro (squadra) non è importato molto. E non capisco il motivo. Potevano vincere con 14 punti in più, il che non sarebbe guastato. Perchè la squada in francia non era la squadra che hanno mandato a monigo…

  12. gattonero 14 gennaio 2019, 18:18

    la mia profezia: vince Agen di poco e Treviso fara’ vittoria senza bonus a Grenoble…

    • Giacomo 14 gennaio 2019, 18:59

      Visto il grande momento di forma dei connactesi la vedo dura. I verdi danno la sensazione di poter battere anche avversari superiori, speriamo che lo staff dei beaglès non butti dentro troppe seconde/terze scelte..
      Come ha detto qualcuno sopra, nel p14 è ancora tutto aperto, mal che vada…

      • Zamax 14 gennaio 2019, 19:28

        Il problema è Bordeaux. Sulla carta hanno uno squadrone e dopo un brutto inizio di campionato stanno passando un buon momento di forma nonostante la sconfitta a Pau nell’ultimo turno di Top14. Anche se priva di molti “titolari” una squadra abbastanza talentuosa la possono sempre schierare, vista la rosa, ma con quale animo giocheranno? C’è poco da essere ottimisti, da questo punto di vista.

        • Giacomo 15 gennaio 2019, 10:03

          Mi accontenterei di vedere in campo un certo Radrada 😁

    • massimiliano 15 gennaio 2019, 08:20

      …quindi Treviso prima nel girone? Se ci azzecchi hai vinto due birre!!!

Lascia un commento