Inghilterra: i metodi di allenamento di Eddie Jones? Aumentano le possibilità di infortunio

Un rapporto federale e degli episodi del passato hanno fatto emergere alcuni dati su cui la RFU sta riflettendo

eddie jones inghilterra

ph. Paul Childs/Action Images

L’infermeria della nazionale inglese è ormai piena da tempo, senza alcuna possibilità di schierare una formazione che si avvicini il più possibile a quella titolare? La colpa principale sembra essere del ct Eddie Jones e delle sue sessioni di allenamento. Alla vigilia del Sei Nazioni 2019 spunta un altro problema per il coach della Nazionale della Rosa. Ecco come, secondo un rapporto federale, i suoi metodi e i continui stop dei giocatori sarebbero collegati.

Dal 2002-2003 l’anno di grazia, 2017-2018 l’annus horribilis 
Per effettuare delle comparazioni la RFU è partita da una certezza: i dodici mesi che hanno preceduto la vittoria mondiale di Wilkinson e soci. In quell’annata gli infortuni furono ridotti al minimo, mentre nel recentissimo passato i numeri parlano di un aumento cinque volte maggiore di traumi e lesioni.

Training camp troppo duri
Sam Jones (Wasps, flanker), Beno Obano (Bath, pilone) : due nomi che in questo momento sono purtroppo famosi, e non per le loro gesta sul campo. Il terza linea infatti ha dovuto cessare la sua attività nel 2016 quando, durante una sessione di judo – allenamenti specifici voluti da Eddie Jones –  in ritiro con la nazionale, ha riportato una drammatica rottura della gamba; mentre il prima linea non è più disponibile per il suo club dallo scorso maggio, visto che il suo legamento ha subito una lesione piuttosto seria. Quest’ultimo episodio ha fatto scattare l’ira di Bruce Craig, proprietario di Bath, che non si è certo tirato indietro nel definire “totalmente inaccettabili” i numeri di infortunati verificatisi durante i training camp.

La posizione della RFU
I vertici del rugby d’Oltremanica, davanti al quadro prospettatosi, non hanno perso comunque la loro lucidità esaminando i dati e cercando possibili rimedi: “Abbiamo constatato la problematica – ha affermato Nigel Melville – e stiamo cercando di capire come risolverla, anche perchè sappiamo che i giocatori di livello internazionale devono essere allenati in maniera particolare. Stiamo intervenendo già adesso e pensiamo di raccogliere da subito segnali positivi”.

Le esposizioni mediche
Il compito più difficile ovviamente, quando si parla di infortuni, è toccato al dottor Kemp. Il capo dei servizi sanitari della RFU dopo aver verificato un aumento dei giorni necessari al recupero di un giocatore infortunato (che per rientrare in campo ci metteva prima 32 giorni, mentre ora ce ne mette 37), una diminuzione nei casi di concussion, individuabili con più frequenza addirittura nel terzo anno di attività internazionale consecutiva e una possibile richiesta a World Rugby di ulteriore revisione sulle regole di altezza dei placcaggi, si è anche soffermato sui terreni sintetici affermando che le lesioni subite su quelle superfici costringono gli atleti a tempi di pausa più lunghi rispetto a quando le medesime condizioni si verificano su un campo da gioco in erba naturale.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Julian Savea resta a Tolone e si riduce lo stipendio

Il giocatore lo ha indirettamente confermato su Twitter, dopo la rivelazione di un giornale francese

26 giugno 2019 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

David Mélé: esordio e ritiro nel giro di quattro caps

Il 33enne di Perpignan ha giocato per la prima volta con la Spagna a marzo, ma dopo tre mesi lascia la nazionale

26 giugno 2019 Emisfero Nord
item-thumbnail

I Leicester Tigers sono in vendita

Lo ha annunciato la società con un comunicato ufficiale, per cercare di rilanciare il club dopo le ultime stagioni negative

25 giugno 2019 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Mathieu Bastareaud si è ritirato dal rugby internazionale

Il giorno dopo la sorprendente esclusione dal gruppo francese per la RWC, il centro ha messo la parola fine alla sua carriera in nazionale

19 giugno 2019 Emisfero Nord
item-thumbnail

Top14: il bellissimo gesto di Jerome Kaino

L'ex All Blacks si è dimostrato uomo di grande classe nel corso della celebrazione del titolo del suo Tolosa

19 giugno 2019 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Top 14: gli highlights della finale Tolosa-Clermont

Le due mete decisive di Huget, ma soprattutto la grande giocata di Thomas Ramos in occasione della seconda marcatura

17 giugno 2019 Foto e video
  1. mic.vit 11 gennaio 2019, 00:46

    la storia di Sam Jones…davvero assurda!!

  2. xnebiax 11 gennaio 2019, 11:26
  3. gian 11 gennaio 2019, 12:42

    gli infortuni erano stati minori l’anno in cui erano stati con i royal marines, che è risaputo, essere delle ballerine fragili con allenamenti adatti a winnie pooh…
    al di fuori della testa da peri di jones, valutare che il problema sono i fisici dei ragazzi e l’intensità che si richiede, no?!

  4. fulvio.manfredi 11 gennaio 2019, 12:49

    Vado controcorrente: Eddie Jones farebbe comodo all’Italia.

Lascia un commento