Francia: dopo la morte di Nicolas Chauvin, si vogliono sperimentare regole di placcaggio più sicure

La prima idea sarebbe quella di abbassare la linea d’intervento dalle spalle alla cintura

COMMENTI DEI LETTORI
  1. gian 21 Dicembre 2018, 11:31

    puoi placcare solo da solo (voglio vedere cosa fai se uno prende un intervallo stretto tra due avversari? gridi mio come sulle palle alte, se la giocano a pari e dispari o fanno è mio, è tuo, è mio, è tuo… porca… è passato!), placcaggio solo alle caviglie o andiamo direttamente a giocare a tocco? se uno si abbassa cosa posso placcare? inseriranno il placcaggio d’ufficio se ti viene addosso, ma non hai bersaglio valido?
    siamo alle barzellette, continuano a non rendersi conto che il placcaggio è una parte del problema, non il problema principale, che è lo sviluppo che hanno dato al gioco depotenziando l’aspetto di combattimento della mischia che toglieva giocatori dal campo aperto favorendo l’aggiramento, invece che lo sfondamento e creando situazioni di sfondamento, mediamente fatte a velocità molto inferiori (principalmente raccogli e vai o intorno alla mischia)

  2. TommyHowlett 21 Dicembre 2018, 11:37

    Purtroppo in pieno chilorugby questa è la strada da percorrere; i placcaggi, che sono l’essenza del gioco, ovviamente rimangono ma dovranno essere fatti nella maniera meno rischiosa possibile. Poi è chiaro che l’evento fortuito può comunque accadere, ma così facendo si eliminano un bel po’ di probabilità.
    Per quanto riguarda il calo di tesserati del 10% in Francia, il dato è sorprendente se paragonato all’esplosione economica e mediatica del rugby in patria. Evidentemente la paura è più forte del denaro…

    • gian 21 Dicembre 2018, 13:23

      solo una nota, ma senza fare polemiche, allora, posso placcare solo sotto la cintura e da solo, benissimo, ma questo porterà ad aumentare i placcaggi rotti o mancati e a favorire i recicli, quindi si comincerà a giocare a ciapanò, punteggi altissimi e rugby solo a correre, sempre meno raggruppamenti, difesa a “zona” etc etc, praticamente a 7 in 15, ti sembra uno sviluppo del gioco?

      • TommyHowlett 21 Dicembre 2018, 15:50

        Assolutamente no, ma bisogna pur trovare una soluzione, perché il problema degli infortuni gravi sta facendo scalpore in Francia e in tutte le altre nazioni in cui il rugby è tra gli sport principali. Credo comunque che se dovesse essere intrapresa questa strada, sarà solo una questione di adattamento, che richiederà il suo tempo ovvio. Inutile negarlo, il rugby sta spingendo al massimo l’acceleratore e le conseguenze si vedono sui giocatori; che in ogni partita, dico ogni partita, di alto livello si registrino due-tre infortuni per squadra e tra questi parecchi sono di lunga durata, non può essere normale. Non può essere normale che uno dei più forti giocatori europei si ritiri a 29 anni. Non può essere normale che uno dei più noti rugbysti francesi degli ultimi anni consigli a suo figlio di non giocare a rugby. Un perché ci sarà.

  3. Jager 21 Dicembre 2018, 11:52

    Non voglio sembrare cinico o insensibile , però non sono d’ accordo , il gioco è anche fatto di contatto fisico a volte duro . Sulla sicurezza dei giocatori non discuto , però serve un compromesso accettabile , portare la linea del placcaggio alla cintura vorrebbe dire che si gioca ad un altro gioco non più a rugby .

  4. mic.vit 21 Dicembre 2018, 17:09

    le linee di placcaggio, i cartellini, le squalifiche durano il tempo di qualche settimana….la soluzione deve essere nella mentalità francese…quando assisti ad un loro match, a parte qualche rarissima eccezione tipo Tolosa quest’anno, hai l’idea che i giocatori cerchino il contatto fisico ad ogni costo e per questo si sono montati sempre più chili…forse chi di dovere ha smesso per troppo tempo ad insegnare l’elusione…è li che devono tornare a mettere mano…d’accordo è uno sport di contatto e combattimento come nella boxe ma in quest’ultima la differenza continua a farla la schivata…

Lascia un commento

item-thumbnail

George Clancy dice basta: dopo 17 anni di carriera, il fischietto si ritira

Il direttore di gara irlandese chiude un lungo percorso fatto di tante partite domestiche, continentali e internazionali

29 Ottobre 2020 Emisfero Nord
item-thumbnail

Premiership: Exeter batte i Wasps 19-13 in finale e bissa il trionfo in Champions Cup

Stagione trionfale per il team del Devon. Quasi un'ora in campo per Matteo Minozzi

25 Ottobre 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Lawrence Dallaglio lancia i Wasps in vista della finale di Premiership

L'ex grande giocatore inglese incoraggia la sua vecchia squadra che pomeriggio cercherà di fermare Exeter: servirà un'impresa

24 Ottobre 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Stephen Varney rimane in Premiership, rinnova con il Gloucester

Il mediano di mischia giocherà ancora per il club che lo ha cresciuto e formato

23 Ottobre 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Premiership: le formazioni per la finale fra Exeter e Wasps

Minozzi e i Wasps hanno ricevuto il via libera: affronteranno Exeter per il titolo di campione d'Inghilterra

23 Ottobre 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Adesso è ufficiale: la finale di Premiership sarà Wasps-Exeter

Sabato la squadra di Minozzi giocherà per il titolo inglese, e per vendicare l'amara sconfitta del 2017 all'extratime

21 Ottobre 2020 Emisfero Nord / Premiership