Pro14: il Benetton non può sbagliare contro i Kings

I Leoni possono superare in classifica Edimburgo, ma devono tornare alla vittoria. Calcio d’inizio alle ore 18:15

benetton treviso duvenage meta

ph. Ettore Griffoni

Dopo due sconfitte piuttosto deludenti, il Benetton non ha vie d’uscite. A Port Elizabeth, nella seconda e ultima trasferta sudafricana, i biancoverdi dovranno necessariamente riscattare le recenti prestazioni negative per ridare slancio alla propria classifica e tornare alla vittoria dopo tre ko consecutive nel Pro14. Edimburgo, inoltre, venerdì sera ha perso contro Munster e una vittoria dei Leoni significherebbe sorpasso al quarto posto della Conference B.

L’ultimo successo, datato 6 ottobre, è arrivato tra l’altro proprio contro i Kings, ma il netto successo (28-5) di quasi due mesi fa potrebbe essere poco indicativo per l’approccio alla sfida di questo pomeriggio.

In primis, i Kings hanno dimostrato di saper essere una squadra decisamente più competitiva tra le mura di casa del Madibaz Stadium: hanno vinto segnando 38 punti a Glasgow e hanno strappato due punti di bonus sia a Scarlets sia a Leinster, per dare un’idea di quanto possano essere pericolosi. Ma il Benetton dovrebbe saperlo bene, del resto. Lo scorso marzo, senza diversi nazionali reduci dal Sei Nazioni concluso una settimana prima, i Leoni riuscirono a spuntarla contro i sudafricani solo per 35-36, rischiando di farsi rimontare dopo aver accumulato un discreto vantaggio nel primo tempo.

I rapporti di forza tra le due squadre, in ogni caso, restano immutati. Chi si presenta come favorito per il match di Port Elizabeth è il Benetton, che avrà l’onere di dimostrarlo anche sul campo e non solo alla lettura delle formazioni, come invece non è accaduto a Bloemfontein contro i Cheetahs in un’altra sfida alla portata dei Leoni. Indisciplina (16 falli subiti: troppi) e errori banali in fase difensiva hanno segnato tutta la partita del Toyota Stadium, dove sulla lunga distanza alla fine l’hanno spuntata i padroni di casa. È vero che il Benetton al 69′ era riuscito a rimettersi in carreggiata grazie alla meta di McKinley, ma la marcatura dell’irlandese era arrivata all’interno di un secondo tempo finito con il parziale di 24-10.

Dal canto loro, i Kings hanno pregi e difetti abbastanza chiari: i sudafricani diventano pericolosi quando riescono a correre in spazi allargati e a creare connessioni per dare continuità al gioco, con Maxisole Banda e Yaw Penxe principali pericoli per la difesa trevigiana. La retroguardia sudafricana, allo stesso tempo, resta comunque quella più battuta del campionato: il Benetton dovrà essere abile a produrre una grande mole di gioco e a tenere in mano il pallino del match più di quanto non abbia fatto nelle ultime uscite. Le qualità per farlo non mancano.

Giocatore da seguire

Da Monty Ioane ci si attende qualcosa in più. Nell’ultima partita ha corso per soli 10 metri nonostante 7 cariche palla in mano, battendo solo due avversari e non creando nemmeno un break. Nel complesso, l’australiano non è sempre stato incisivo fin qui in stagione, ma la fase offensiva del Benetton ha assoluto bisogno dei suoi strappi e dei suoi fulminei cambi di passo.

L’ultimo precedente

Come già accennato, l’unico precedente sudafricano risale allo scorso marzo, quando il Benetton espugnò con una certa fatica il Nelson Mandela Bay Stadium. La partita non diede grande risalto alle difese, visto che già il primo tempo si chiuse sul 21-26 per i Leoni con sette mete in totale. Nella ripresa fu Steyn ad allungare per il Benetton, ma solo temporaneamente, mentre a dare il vantaggio decisivo fu un calcio di punizione di Banks.

Le formazioni – Calcio d’inizio alle ore 18:15, diretta streaming su DAZN

Kings: 15 Michael Botha, 14 Yaw Penxe, 13 Meli Rokoua, 12 Tertius Kruger, 11 Bjorn Basson, 10 Masixole Banda, 9 Stefan Ungerer, 8 Ruaan Lerm, 7 Martinus Burger, 6 Cyril-John Velleman, 5 JC Astle (c), 4 Stephan Greeff, 3 Pieter Scholtz, 2 Kerron van Vuuren, 1 Nicolaas Oosthuizen
A disposizione: 16 Tango Balekile, 17 Alulutho Tshakweni, 18 Luvuyo Pupuma, 19 Schalk Oelofse, 20 Andries van Schalkwyk, 21 Godlen Masimla, 22 Ulrich Beyers, 23 Harlon Klaasen

Benetton: 15 Angelo Esposito, 14 Ratuva Tavuyara, 13 Tommaso Iannone, 12 Marco Zanon, 11 Monty Ioane, 10 Ian McKinley, 9 Dewaldt Duvenage, 8 Marco Barbini (c), 7 Michele Lamaro, 6 Giovanni Pettinelli, 5 Federico Ruzza, 4 Irné Herbst, 3 Marco Riccioni, 2 Hame Faiva, 1 Nicola Quaglio
A disposizione: 16 Engjel Makelara, 17 Alberto De Marchi, 18 Giuseppe Di Stefano, 19 Niccolò Cannone, 20 Marco Lazzaroni, 21 Giorgio Bronzini, 22 Antonio Rizzi, 23 Alberto Sgarbi

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
TAG:
item-thumbnail

La visione di Antonio Pavanello: intervista al direttore sportivo del Benetton Rugby

La grande stagione appena passata, le novità sui permit player e tanti altri temi con uno dei massimi protagonisti dell'ascesa biancoverde

17 maggio 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton Rugby: rinnovi per Alessandro Zanni ed Angelo Esposito

L'avanti prolunga sino al 2020, l'ala, iinvece, fino al 2021

16 maggio 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

80° minuto: l’analisi statistica della stagione assieme a Marco Riccioni

Italrugbystats ha approfondito con il pilone teramano i dati più interessanti della sua stagione da rookie in Pro14

15 maggio 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton Rugby: cinque giocatori lasciano ufficialmente il club veneto

Ai saluti diversi elementi di spicco dell'ultima decade biancoverde

8 maggio 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Ratuva Tavuyara ci ha fatto divertire

L'ala figiana è arrivata al Benetton tra qualche incognita, ma ha disputato una stagione di altissimo livello e di grande stile

8 maggio 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Sei partite da ricordare del Benetton Rugby 2018/2019

Salutiamo la grande stagione dei Leoni con una classifica da riporre nel cassetto e tirare fuori per futuri amarcord

6 maggio 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
  1. fulvio.manfredi 1 dicembre 2018, 10:05

    Un sano realismo: se steccano anche questa è stagione fallita!

    • Marte_ 1 dicembre 2018, 11:06

      Purtroppo è così

    • Mr Ian 1 dicembre 2018, 11:42

      I Kings in caso offrono sempre il meglio del loro repertorio, dinamismo, atletismo tanto coraggio nel placcare. Ovviamente le fasi statiche rimangono il loro tallone d achille.
      Un rugby attento e semplice potrebbe essere la chiave per la vittoria di Treviso.
      Una sconfitta mi dispiacerebbe ma non mi lascerebbe sorpreso più di tanto, molte grandi hanno rischiato di fare un passo falso a Port Elizabeth

      • Marte_ 1 dicembre 2018, 11:47

        Condivido, ma dato che Treviso si è già giocato alcuni bonus..non vincere significa rinunciare ai PO

    • ginomonza 1 dicembre 2018, 12:07

      Pur dispiacendomi concordo 😢

    • kinky 1 dicembre 2018, 12:07

      Boni, state boni…..un primo verdetto possiamo darlo solo fra cinque partite a fine anno dopo questa, le due contro gli Harlequins e le due contro le Zebre.

      • aries 1 dicembre 2018, 12:28

        Vero, un po’ presto per tirare le somme, anche parziali.
        Credo però che la vittoria sia fondamentale, sopratutto per ľumore (anche il nostro). In trasferta vorrebbe dire tanto!
        Forza leoni!

      • balin 1 dicembre 2018, 15:12

        ma dai esageruma nen, sono d’accordissimo con kinky
        (comunque per stasera non son troppo ottimista)

  2. tony 1 dicembre 2018, 13:39

    Non vedo come dei ‘leoncini’ possano vincere contro i ‘re’ difficile 🙂 🙂

  3. gattonero 1 dicembre 2018, 13:57

    i king sono una squadra potente, dinamica,micidiale nel gioco rotto ,non bisogna creare le condizioni ideali per loro come successe lo scorso anno in sudafrica…

  4. mic.vit 1 dicembre 2018, 13:58

    all’andata li abbiamo messi sotto nelle fasi statiche…ripartire da li per portarla a casa…certo non concedere mete in prima fase come contro i cheetas sennò si galvanizzano e tenere ritmi quanto più bassi tanto è meglio…

  5. Giovanni 1 dicembre 2018, 15:10

    “Comments are closed” è la nuova trovata filofederale di OnRugby (cfr.post sulla partita delle Zebre ieri).
    Cara redazione, vi conviene eliminarla direttamente la sezione dei commenti, dato che vi sono sempre più indigesti quelli di critica alla FIR.

  6. Bariddu 1 dicembre 2018, 15:11

    se nell’attesa qualcuno vuole vedere i Barbarians con il nostro Benvenuti:
    https://easyview.eu/watch.php?stream=bbc-two

  7. Parvus 1 dicembre 2018, 16:43

    giovanni sei perfetto e tutto al tempo giusto. giovanni ha più che ragione, l’interuzzione dei commenti sulla partita delle zebre un pò puzza!!!!!
    ancora bravo giovanni, e di averne di persone così attente.

  8. TommyHowlett 1 dicembre 2018, 18:33

    Perché le mete italiane valgono sempre e solo 5 punti? Un calciatore che ogni tanto ne trasformi qualcuna no eh?

    • mic.vit 1 dicembre 2018, 19:11

      c’è vento…stavolta mck non ha tante colpe

    • tobat7 1 dicembre 2018, 19:31

      4 mete molto al largo e vento fortissimo. stasera veramente poche colpe per MCK

  9. matteo7 1 dicembre 2018, 18:35

    scusate ragazzi…qualche streaming????

  10. LiukMarc 1 dicembre 2018, 19:01

    Tre mete, si è davanti, e bene cosi.
    Però ogni tanto errori davvero banali (handling, placcaggio, grubber, prese al volo) e un Tavuyara che io sinceramente terrei più come impact player dalla panchina, visto i danni che può fare a squadre stanche. Duvenage meno male che Pavanello lo ha preso, altra roba rispetto ai nostri

  11. mic.vit 1 dicembre 2018, 19:13

    bene così…stiamo facendo un gioco molto deprimente per loro…continuare tenendo ritmi bassi
    p.s. e ti pareva che non prendevamo un’altra meta in prima fase

Lascia un commento