Zebre Rugby: la formazione per la trasferta in casa degli Ospreys

I 23 elementi scelti da Michael Bradley per la sfida al Liberty Stadium: tornano Padovani, Palazzani e Meyer

ph. Luca Sighinolfi

Il capo allenatore delle Zebre Rugby, Michael Bradley, ha annunciato ufficialmente la formazione della franchigia federale per la trasferta gallese in casa degli Ospreys.

Fra i ventitré che scenderanno in campo venerdì sera al Liberty Stadium di Swansea, si rivede Edoardo Padovani, che si prende la maglia numero 15 in un triangolo allargato che vede la presenza anche di Paula Balekana e di Jamie Elliott.

Confermata la cerniera mediana composta da Boni e Bisegni, mentre in mediana Guglielmo Palazzani si schiererà al fianco di Francois Brummer. L’Azzurro rileva così il posto di Riccardo Raffaele, che non trova posto neanche in panchina, dove siederà il nuovo acquisto Renton.

Nel pack c’è spazio per il ritorno dai primi caps internazionali per Johan Meyer, a supporto di Licata e Mbanda. Biagi e Sisi formano la coppia di seconde linee, mentre Bello, Ceciliani e Ah-Nau compongono la prima linea.

Bradley porta in panchina soltanto due trequarti: la maglia numero 23 sarà del terza linea della Fiamme Oro Jacopo Bianchi, permit player della franchigia di Parma.

La formazione

Zebre:

15 Edoardo Padovani
14 Paula Balekana
13 Giulio Bisegni
12 Tommaso Boni
11 Jamie Elliott
10 Francois Brummer
9 Guglielmo Palazzani
8 Giovanni Licata
7 Johan Meyer
6 Maxime Mbandà
5 George Biagi (cap)
4 David Sisi
3 Eduardo Bello
2 Massimo Ceciliani
1 Cruze Ah-Nau

A disposizione:

16 Luhandre Luus
17 Daniele Rimpelli
18 Giosuè Zilocchi
19 Apisai Tauyavuca
20 Samuele Ortis
21 Joshua Renton
22 Maicol Azzolini
23 Jacopo Bianchi

Non disponibili per infortunio: Mattia Bellini, Carlo Canna, Gabriele Di Giulio, Renato Giammarioli, Matteo Minozzi, Riccardo Raffaele, Jimmy Tuivaiti, Marcello Violi.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Pro14: Zebre in trasferta a Thomond Park per sfidare Munster

Padovani e Sisi subito in campo dopo gli impegni con la nazionale, per una partita davvero proibitiva. Kick-off alle ore 20:45

23 marzo 2019 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Pro14, Zebre Rugby: la formazione che sfida Munster

Palazzani e Canna comporranno la mediana del XV guidato da capitan Biagi. In panchina si rivedono Violi e Bellini

22 marzo 2019 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Zebre Rugby: rinnova Marcello Violi

Il mediano di mischia ha affidato al club di Parma il suo futuro fino al 2021

21 marzo 2019 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Zebre: il punto sull’ultima parte di stagione. Per la trasferta di Munster rientrano in gruppo Violi e Bellini

La voglia di riscatto degli emiliani passa dalle prossime quattro partite

20 marzo 2019 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Un nuovo pilone argentino per le Zebre Rugby

Per sopperire alle assenze di tre piloni destri, a Parma è arrivato Marco Ciccioli, sette presenze nei Pumas tra i vari tornei minori

14 marzo 2019 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Zebre Rugby: Eduardo Bello fuori tre mesi

Il pilone argentino tornerà in campo solo nella prossima stagione

12 marzo 2019 Pro 14 / Zebre Rugby
  1. ghiacciosecco 29 novembre 2018, 13:35

    Mi chiedevo: ma Venditti ultimamente non è mai tra i 15 e nemmeno in panchina.

    Dal suo Instagram vedo che è spesso a Milano per un Master e mi chiedo se questo incida sulle preferenze di Bradley. Magari la redazione sa qualcosa in più…

  2. xnebiax 29 novembre 2018, 14:06

    Qualcuno conosce l’entità dell’infortunio a Di Giulio?
    E Canna?
    Penso sia la prima volta che Ortis viene preferito a Krumov.
    Ancora inutilizzato James Brown mentre Bianchi ha ormai un secondo indirizzo a Parma.

  3. Camoto 29 novembre 2018, 14:14

    Eccola li.
    Biagi a parte, che non aveva praticamente giocato, tutti infortunati i rientrati in anticipo.
    Eppure che Canna era bello che fasciato anche lui lo si notava.
    Mettiamoci poi Di Giulio, ogni volta che ingrana gli succede qualcosa.
    Ps
    Nell’ articolo si fa riferimento all’ esclusione di Raffaele. Ma sembra anche lui infortunato anche perché la performance di Renton non giustificherebbe da sola.

  4. Parvus 29 novembre 2018, 14:32

    speriamo che le zebre siano più ciniche degli ospreys!

  5. sanfrancesco 29 novembre 2018, 14:51

    non per fare il polemico, ma se zebre e treviso fanno giocare solo ali straniere, poi la nazionale che fa?
    paula e elliott settimana scorsa non mi sono sembrati irresistibili

    • Camoto 29 novembre 2018, 15:21

      Purtroppo sono infortunati i titolari Di Giulio e Bellini
      Comunque si. Finora, magari ci smentiscono, alle Zebre a parte Apisai non convince nessuno dei nuovi stranieri.

      • xnebiax 29 novembre 2018, 16:12

        Se Venditti è fuori forma non è colpa di Bradley.
        E di ali italiane forti in Top12 chi c’è?

        • Camoto 29 novembre 2018, 16:47

          Quello che mi chiedi non vedo come si lega a ciò che ho scritto.
          In realtà stavo scusando e non attaccando Bradley quando ho citato i titolari visto che Balekana ed Elliot sono dietro nelle gerarchie.
          Il discorso sugli stranieri invece è generale e non sulle ali. Tra quelli arrivati in estate e quelli dopo finora a parte Apisai non mi convince nessuno. Non è un paragone col top12, almeno non in questo commento, ho sottolineato che quelli arrivati non stanno per ora dimostrando di essere adatti al livello.

          • narodnik 29 novembre 2018, 16:55

          • xnebiax 29 novembre 2018, 17:35

            @Camoto
            Io rispondevo a sanfrancesco.
            A me Balekana non dispiace, non è forte ma sa giocare a rugby.

          • Camoto 29 novembre 2018, 17:53

            Ok @xnebiax.
            Sembrava avessi risposto a me perché era sotto la mia e non la sua.
            Ciao

        • gian 29 novembre 2018, 18:15

          i primi che mi verrebbe da dire, d’onofrio, coppo, bruno, poi ci sono altri 3 o 4 ragazzi bravi che un giro in giostra potrebbero farlo, ma adesso non ricordo i nomi, che da questi 6 o 7 ne tirassi fuori un paio da provare con costanza, schifo non farebbe

        • sanfrancesco 29 novembre 2018, 21:56

          D’onifrio

    • narodnik 29 novembre 2018, 16:48

      Mezza squadra sono stranieri,questa è la franchigia di sviluppo per la nazionale si ma della Repubblica delle banane.

      • Parvus 29 novembre 2018, 17:59

        si proprio repubblica delle banane….
        hai perfettamente ragione!!!
        vedrai che in un prossimo articolo diranno che non sono stati cinici, o che non hanno difeso con il cuore…, o che non riescono a buttare il cuore oltre l’ostacolo…….., o come dice sempre il socio di munari…, mai paura ragazzi!!!!

    • Nuvole! 29 novembre 2018, 23:25

      In compenso Simone Rossi é andato a giocare all’ASR Milano per avere piú tempo per l’universitá…

  6. Maxwell 29 novembre 2018, 18:46

    10 nazionabili su 15
    6 su 8 in panca
    8 nazionabili in lista infortunati
    9-15 ’97 e ’98
    Cioffi; De Masi, M. Zanon, Schiabel (70’ Bronzini), D’Onofrio; Rizzi, Trussardi
    9-15 ’98 e ’99 e ’00
    15 Michelangelo BIONDELLI (Rugby Viadana 1970)*
    14 Alessandro FUSCO (Accademia Nazionale Ivan Francescato)*
    13 Matteo MOSCARDI (FEMI-CZ Rovigo)
    12 Damiano MAZZA (Accademia Nazionale Ivan Francescato)*
    11 Giovanni D’ONOFRIO (Accademia Nazionale Ivan Francescato)*
    10 Antonio RIZZI (Petrarca Padova)
    9 Nicolò CASILIO (Patarò Calvisano)

    • xnebiax 29 novembre 2018, 21:56

      Io penso che alcuni stranieri non siano strettamente necessari e che i loro ingaggi, con buona pianificazione e lungimiranza forse non sarebbero stati necessari.
      Per esempio Tevi e il suo sostituito Brown. Se le Zebre avessero da luglio ingaggiato Bianchi e un altro (per esempio Amenta (e chissenefrega se ha già 28 anni)) ecco uno straniero in meno, ma forse costi maggiori.
      Tauyavuca, Balekana e Brummer non penso abbiano nei loro ruoli giocatori italiani di eccellenza già subito pronti per il livello Pro14.
      Elliot e Renton vanno a coprire imprevisti a stagione in corso. Giocatori pagati quindi solo metà stagione e vogliosi di mettersi in mostra.
      Forse un 3/4 in più ad inizio stagione le Zebre lo potevano prendere, ma in che ruolo? Così invece di prendere 3 italiani (un mediano, un centro, un’ala) a fare minutaggio limitato hanno preso dei giocatori per mezza stagione dove serviva. Per me ha senso.
      Poi in un mondo perfetto ci sarebbe uno sponsor da 3 milioni di euro che permette una rosa di 47 giocatori, con quelli non impiegati nel Pro14 distribuiti ai club di Top12 per il finesettimana.

      E comunque mentre noi ci facciamo tutti sti problemi Alivereti Raka ottiene la cittadinanza francese e non penso Brunel si farà tanti pensieri a convocarlo.

Lascia un commento