Mathieu Bastareaud squalificato per cinque settimane

Aveva colpito deliberatamente un avversario alla testa. Una sanzione che da molti è stata giudicata non adeguata

mathieu bastareaud

ph. Reuters

Mathieu Bastareaud è stato squalificato per cinque settimane dopo il cartellino rosso ricevuto in Tolone-Castres, lo scorso 10 settembre, nella terza giornata del Top 14.

Il centro francese era stato espulso dopo aver colpito deliberatamente alla testa con l’avambraccio Christophe Samson, mentre quest’ultimo era a terra in seguito ad una ruck. La commissione disciplinare ha giudicato di media gravità l’intervento nonostante la violenza del colpo, che in questi casi equivalgono a sei settimane; i giudici ne hanno aggiunta un’altra dopo aver considerato i precedenti di Bastareaud, che a gennaio aveva ricevuto sei settimane di squalifica per un insulto omofobo a Sebastian Negri del Benetton.

L’ammissione di colpevolezza e il pentimento di Bastareaud hanno poi contribuito a ridurre di due settimane la sanzione originaria, facendola scendere alle cinque conclusive. Molti commentatori e giornalisti esperti di rugby hanno criticato la lunghezza della squalifica, per due motivi: il primo riguarda la natura dell’episodio, non trattandosi di uno scontro di gioco involontario ma di un gesto cercato e per giunta davvero violento; il secondo riguarda la squalifica inflitta invece a Will Spencer, flanker del Leicester espulso per un placcaggio pericoloso ad un giocatore dei Wasps e fermato per quattro settimane, una sola in meno rispetto a Bastareaud per una differenza forse poco marcata per due episodi diversi tra di loro.

Bastareaud potrà tornare a giocare a partire dal 15 ottobre; salterà tre partite di Top 14 e la prima sfida in Champions Cup.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Top14: il bellissimo gesto di Jerome Kaino

L'ex All Blacks si è dimostrato uomo di grande classe nel corso della celebrazione del titolo del suo Tolosa

19 giugno 2019 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Top 14: gli highlights della finale Tolosa-Clermont

Le due mete decisive di Huget, ma soprattutto la grande giocata di Thomas Ramos in occasione della seconda marcatura

17 giugno 2019 Foto e video
item-thumbnail

Top 14: Tolosa torna sul trono di Francia dopo 7 anni

Clermont battuto 24 a 18 allo Stade de France: è il ventesimo titolo per i rouge-et-noir, che coronano una stagione notevole con il Bouclier de Brennu...

16 giugno 2019 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Top 14: Tolosa e Clermont si giocano il Bouclier de Brennus

Chi vincerà il campionato francese? Le due squadre più forti del campionato si sfidano allo Stade de France, kick-off ore 20:45

15 giugno 2019 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Top14: Ronan O’Gara sarà il nuovo head coach de La Rochelle

L'irlandese assumerà l'incarico dall'inizio della prossima stagione

13 giugno 2019 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Top 14: la finale sarà Tolosa-Clermont

Quella che aspettavano un po' tutti. Anche i jaunards hanno rispettato il pronostico in semifinale, battendo il Lione 33-13

10 giugno 2019 Emisfero Nord / Top 14
  1. deegan 20 settembre 2018, 09:07

    Grande Grosso ………….e cosi vigliacco……….io ne avrei date 7 di giornate

  2. mic.vit 20 settembre 2018, 10:16

    mi fa sorridere il fatto che qui spesso si discute per gli errori arbitrali a caldo, poi ci sono le commissioni disciplinari che a freddo prendono decisioni e ti chiedi secondo quale logica…se il metro di giudizio non sono in grado di usarlo fuori a bocce ferme, come potremo mai vederlo dentro al campo?

  3. Mich 20 settembre 2018, 11:11

    Questo genere di episodi proprio non li tollero, indipendentemente dalla squalifica e dal metro arbitrale. E’ intollerabile un simile condotta, fra l’altro reiterata. Il rugby non ha bisogno di questo.
    Siamo nel classico caso in cui cinque giornate sono troppe e sei troppo poche.
    Al di la di tutto, io francamento sono stupito di come uno così possa continuare a capitanare un team importante.

  4. lupobz 20 settembre 2018, 11:58

    L’avesse fatto Ghiraldini o Parisse ne avrebbero prese 35 di settimane…

  5. gian 20 settembre 2018, 12:13

    ha una fedina penale peggio di un serial killer (a livello disciplinare sportivo, sia chiaro), ma siccome si pente gli cavano settimane, ma per favore!!!!!

  6. Unforgiven79 20 settembre 2018, 14:31

    Non è un colpo con l’avanbraccio: gli si è buttato sulla testa con tutto il peso del corpo, e pure spingendo sulle gambe… cosa voleva, spiccargliela dal busto?
    Non ho capito invece il giallo all’avversario, che reagisce con un sorriso ironico che è tutto dire.

  7. Dusty 20 settembre 2018, 15:23

    Lo voglio ripetere ancora: in Francia hanno un serio problema di disciplina in campo, fuori dal campo e a livello di giustizia sportiva. ne vedremo ancora delle belle.

Lascia un commento