Challenge Cup: Cardiff rimonta Gloucester e vince la Challenge Cup

I Blues, grazie ad una grande ripresa, ribaltano una gara che sembrava chiusa ed archiviano la seconda coppa cadetta della loro storia

Rugby Union – European Challenge Cup Final – Cardiff Blues v Gloucester Rugby – San Mames, Bilbao, Spain – May 11, 2018 Gloucester Rugby’s Jake Polledri in action REUTERS/Vincent West

Al San Mames di Bilbao, la sfida tra Cardiff Blues e Gloucester apre il weekend delle finali europee in terra basca, che culminerà, sabato pomeriggio, nell’atto conclusivo di Champions Cup (tra Leinster e Racing 92). Gli inglesi, già vincitori nel 2006 e nel 2015, vanno a caccia del terzo titolo, per provare a raggiungere gli Harlequins in vetta alla graduatoria delle squadre con più successi nella competizione. I gallesi, invece, inseguono il secondo sigillo nella coppa “cadetta”, dopo averla vinta nell’ormai lontano 2010.

La gara inizia con ritmi alquanto blandi. Il primo a sporcare il tabellino del match, al minuto 5, è Jarrod Evans, che piazza il calcio del 3-0 gallese. Al settimo di gioco, arriva subito una brutta notizia per Cardiff, ma, anche e soprattutto, per il Galles, con Navidi costretto ad uscire per un problema alla clavicola. Gloucester impiega qualche giro d’orologio di troppo per entrare a pieno regime, ma, non appena gli inglesi impattano sulla sfida, lasciano immediatamente il segno: al 10′, cross kick superbo di Billy Burns per Henry Tinder, che controlla l’ovale senza patemi e timbra la prima meta dell’incontro. Twelvetrees trasforma e porta i suoi sul 7-3. Jarrod Evans risponde, sempre dalla piazzola, ma il finale di tempo è tutto di marca Cherry and Whites. Prima una punizione di Twelvetrees per il 10-6, poi, al minuto 38, una meta superba, finalizzata dalle gambe di Atkinson, al termine di un’azione gagliarda, imbastita da Braley e Tinder. Prima della pausa lunga c’è addirittura il tempo per un altro piazzato del numero 13 inglese, che, sul 20-6, sembra chiudere la contesa.

La ripresa, però, parte subito con il botto a tinte blu: pezzo di bravura di Anscombe, che scombussola la difesa avversaria con un preciso grubber per se stesso, prima di metterla in croce definitivamente con un calcio perfetto per propiziare la linea di corsa vincente di Tomos Williams, abile a bruciare in velocità il difensore su di lui e schiacciare sotto i pali per il 20-11. Evans trasforma e riporta i suoi a distanza di break.

Al minuto 50, Garces fischia una punizione discutibile contro Polledri (estremamente solido in difesa quest’oggi) con l’italiano colpevole di cacciare il pallone non in equilibrio sui propri piedi. Calcio facile, dunque, per Evans, che fissa il punteggio sul 20-16, prima di salire nuovamente sul proscenio del match sciorinando tutta la sua classe. Il numero 10 gallese lo fa in modo devastante al minuto 54, quando delizia la platea con un grubber sublime alle spalle della difesa inglese per Garyn Smith, che porta avanti i Blues.

La risposta di Gloucester è immediata. Touche sui 5 metri e carrettino vincente, con la firma del tallonatore australiano James Hanson. Tweltvetrees è infallibile e trasforma per il 27-23 in favore degli inglesi. Al minuto 74, però, dopo una serie di falli inglesi, ecco il cartellino giallo per Ludlow, che sposta definitivamente l’inerzia dell’incontro (già fatta vacillare dall’ingresso di Matt Morgan) dalla parte di Cardiff, che, grazie alla meta di Scully (trovato liberissimo al largo dai suoi compagni, abili a sfruttare al meglio la superiorità numerica), ed al piazzato di Anscombe a due minuti dalla fine, piazza il sorpasso decisivo (31-30). Secondo titolo, dunque, per il club di Arms Park.

Cardiff Blues: 15 Gareth Anscombe; 14 Owen Lane, 13 Rey Lee-Lo, 12 Willis Halaholo, 11 Blaine Scully; 10 Jarrod Evans, 9 Tomos Williams; 1 Rhys Gill, 2 Kristian Dacey, 3 Taufa’ao Filise, 4 Seb Davies, 5 Josh Turnbull, 6 Josh Navidi, 7 Ellis Jenkins (c), 8 Nick Williams;
A disposizione: 16 Kirby Myhill, 17 Brad Thyer, 18 Scott Andrews, 19 Damian Welch, 20 Olly Robinson, 21 Lloyd Williams, 22 Garyn Smith, 23 Matthew Morgan;

mete: Tomos Williams (40′), Garyn Smith (54′), Scully (75′)
trasformazioni: Jarrod Evans (41′,55′)
punizioni: Jarrod Evans (4′, 15′, 50′), Anscombe (78′)

Gloucester: 15 Jason Woodward; 14 Tom Marshall, 13 Billy Twelvetrees, 12 Mark Atkinson, 11 Henry Trinder; 10 Billy Burns, 9 Callum Braley; 1 Josh Hohneck, 2 James Hanson, 3 John Afoa; 4 Ed Slater (c), 5 Mariano Galarza; 6 Jake Polledri, 7 Lewis Ludlow, 8 Ruan Ackermann;
A disposizione: 16 Motu Matu’u, 17 Val Rapava Ruskin, 18 Fraser Balmain, 19 Freddie Clarke, 20 Ben Morgan, 21 Ben Vellacott, 22 Andy Symons, 23 Tom Hudson;

mete: Tinder (8′), Atkinson (37′), Hanson (58′)
trasformazioni: Twelvetrees (9′, 38′, 59′)
punizioni: Twelvetrees (26′, 40′, 63′)

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Challenge Cup 2019/2020: il calendario di Zebre e Calvisano

Come lo scorso anno, i ducali inizieranno in Inghilterra contro Bristol. A dicembre doppio confronto con Leicester per Calvisano

23 Agosto 2019 Coppe Europee / Challenge Cup
item-thumbnail

Challenge Cup: sorteggiati gli avversari di Zebre e Calvisano

Per le Zebre ci sono di nuovo i Bristol Bears, per Calvisano ci sono i Leicester Tigers

19 Giugno 2019 Coppe Europee / Challenge Cup
item-thumbnail

Challenge Cup: Calvisano parteciperà alla competizione nel 2019/2020

Il club lombardo si iscriverà al torneo dopo la vittoria dello spareggio playoff in Continental Shield

11 Giugno 2019 Coppe Europee / Challenge Cup
item-thumbnail

Challenge Cup: il Clermont batte La Rochelle 36-16 e trionfa per la terza volta

A Newcastle i jaunards sono sempre in controllo del match, soffrendo solo in parte i rochelais

10 Maggio 2019 Coppe Europee / Challenge Cup
item-thumbnail

Champions Cup: la formazione del Leinster per la sfida ai Saracens

Tadhg Furlong taglia il traguardo dei 100 caps

10 Maggio 2019 Coppe Europee / Challenge Cup
item-thumbnail

Challenge Cup: La Rochelle prova a essere David contro il gigante Clermont

Nella finale della coppa cadetta i pronostici sono tutti per i gialloblu, ma occhio a dare per battuta la squadra di Jono Gibbes

10 Maggio 2019 Coppe Europee / Challenge Cup
  1. LiukMarc 11 Maggio 2018, 23:01

    Dopo il primo tempo pensavo Gloucester non potesse perderla, invece da una parte si sono “seduti”, dall’altra Cardiff ha alzato il ritmo e accuratezza del proprio gioco.
    Quella meta dopo 1 minuti non ha certo aiutato gli inglesi, cosi come il giallo a 6 dalla fine.
    Posto che probabilmente Cardiff sarebbe riuscita a vincere anche in 15 contro 15, l’azione del calcio di punizione finale è emblematica del secondo tempo, Gloucester sembrava aver recuperato, e bastava tenere l’ovale per 2 minuti.
    Polledri bene con qualche cosa da rivedere, un paio di calci abbastanza regalati, ma il ragazzo è una forza della natura, si vede che a questo livello ci sta alla grande e ha solo margini di miglioramento.
    Anscombe sta facendo vedere che crescere a pane e rugby in NZL ha un certo peso, ha avuto le prime stagioni in Galles non ai suoi livelli, ma oggi sta davvero giocando un gradino sopra.
    Che colpa avevan fatto gli aironi con Nick Williams, speriamo ne caccino un altro paio quest’anno.

    • LiukMarc 11 Maggio 2018, 23:08

      *Che colpO, ovviamente

    • Airone valle Olona 11 Maggio 2018, 23:14

      Partita piacevole.
      Specialmente il secondo tempo dove alla fine Cardiff la porta a casa anche meritatamente per voglia e determinazione.
      Contento specialmente per Nick Williams, gran giocatore, uomo spogliatoio e bella persona.
      Ho avuto la fortuna di vederlo nei due anni degli Aironi in cui ero abbonato…nei primi tempi era veramente quello che teneva su la baracca (per quel che poteva ovviamente) e si vedeva che era assolutamente di un’altra categoria…d’altronde ha giocato per Munster Ulster e Blues (quelli di Auckland)…mica male no!

  2. Mr Ian 11 Maggio 2018, 23:05

    Match di uno spettacolo unico…Prova superba di Anscombe, è salito in cattedra ed ha dato lezione di gioco al piede tattico, un po’ sprovveduta la difesa inglese a non prendere le contro misure a partita in corso. Così come le verticalizzazioni assassine di Lee Lo e Halaholo. Contento per i gallesi e per coach Wilson.
    Mi è dispiaciuto vedere le facce incredule di tutto Gloucester, dai giocatori allo staff. Hanno mostrato superiorità per tutta la partita che si è però trasformata in superbia. Troppi falli commessi sui punti d incontro, tanti anche i palloni recuperati, Polledri luce ed ombre ma nel complesso una buona gara.
    Bilbao cornice stupenda

    • Airone valle Olona 11 Maggio 2018, 23:17

      Concordo con Bilbao cornice stupenda e sicuramente domani sarà super esaurito e spettacolare…però questa sera onestamente me lo aspettavo un po’ più pieno…

      • balin 12 Maggio 2018, 08:51

        Non si giocava alla pelota, né basca ne spagnola, quindi il pubblico francese arriverà solo oggi.
        Mi lascia perplesso pensare che Cardiff in pro 14 non è molto lontano da Treviso….. forse programmare un po’ meglio la partecipazione alle coppe qualche risultato potrebbe darlo

  3. Zamax 12 Maggio 2018, 00:09

    Continua il mistero Gloucester, squadra che puntualmente si spegne nel bel mezzo delle partite, a volte dopo aver esercitato una supremazia perfino irridente degli avversari. Basta un clic e i suoi giocatori sembrano diventare fantasmi, come se qualcuno avesse tarpato loro le ali. La stessa mancanza di continuità si vede in campionato. Ci dev’essere un problema mentale. Cardiff graziato nel primo tempo, colpito dagli infortuni, ma bravo a non mollare e a non perdere la testa. Trova continuità di gioco e nel finale acciuffa una vittoria forse non del tutto meritata, ma certo non rubata.

    • LiukMarc 12 Maggio 2018, 10:40

      Più che altro concedi solo 6 punti nel primo tempo, ma 25 nella ripresa, con errori stupidi e banali (vedi anche ultimo calcio, ma li c’è anche tanto merito di Cardiff).
      Gloucester ha un potenziale di livello superiore a molti, ma davvero è come dici tu, sembra basti un clic e ciao.
      Han preso se non sbaglio 20 mete nelle ultime 3 compreso ieri sera, roba da categoria inferiore.

  4. gattonero 12 Maggio 2018, 13:33

    vista su eurosport, son contento per cardiff ,vittoria meritata con un ottimo secondo tempo,Gloucester a corrente alternata…vorrei aggiungere che la qualita’ del commento delle partite e’ pessimo,non parlo di raimondi poverino che cerca di rattoppare qua e la certi discorsi senza senso, ma di munari,dovrebbe limitarsi a commentare la partita non il solito monologo su arbitri, regolamento e che in italia non siamo capaci di…,oramai e’ un disco rotto…preferisco i ragazzi di rugbychannel

  5. Camoto 11 Ottobre 2018, 18:10

    Io non darei troppo per scontato lo scarso impegno di La Rochelle. Due anni fa ci diede giù con Treviso sia all’andata che al ritorno.
    Con Bristol invece mi aspetto che si giochi alla pari se entrambe presentano i titolari.
    Previsione: 1-1 con Bristol. 2-0 per La Rochelle. 2-0 per le Zebre contro i russi. Fuori dai quarti
    Per Treviso invece vedo vittorie facili contro Agen che disdegna la coppa e non è questa gran squadra. 1-1 con Grenoble, la quale in casa vorrà evitare a tutti i costi di perdere con un’ italiana per motivi storici. 1-1 contro i Quins. Qualificazione che si gioca sui bonus.

  6. Camoto 11 Ottobre 2018, 18:10

    Io non darei troppo per scontato lo scarso impegno di La Rochelle. Due anni fa ci diede giù con Treviso sia all’andata che al ritorno.
    Con Bristol invece mi aspetto che si giochi alla pari se entrambe presentano i titolari.
    Previsione: 1-1 con Bristol. 2-0 per La Rochelle. 2-0 per le Zebre contro i russi. Fuori dai quarti
    Per Treviso invece vedo vittorie facili contro Agen che disdegna la coppa e non è questa gran squadra. 1-1 con Grenoble, la quale in casa vorrà evitare a tutti i costi di perdere con un’ italiana per motivi storici. 1-1 contro i Quins. Qualificazione che si gioca sui bonus.

  7. Camoto 11 Ottobre 2018, 18:10

    Io non darei troppo per scontato lo scarso impegno di La Rochelle. Due anni fa ci diede giù con Treviso sia all’andata che al ritorno.
    Con Bristol invece mi aspetto che si giochi alla pari se entrambe presentano i titolari.
    Previsione: 1-1 con Bristol. 2-0 per La Rochelle. 2-0 per le Zebre contro i russi. Fuori dai quarti
    Per Treviso invece vedo vittorie facili contro Agen che disdegna la coppa e non è questa gran squadra. 1-1 con Grenoble, la quale in casa vorrà evitare a tutti i costi di perdere con un’ italiana per motivi storici. 1-1 contro i Quins. Qualificazione che si gioca sui bonus.

    • Camoto 11 Ottobre 2018, 18:11

      Scusate per la tripletta 🙂 fatto casino col telefono

Lascia un commento