Nel futuro dell’Inghilterra potrebbe non esserci solo Twickenham

Il Ceo della Federazione, Steve Brown, vorrebbe portare la nazionale anche in altre zone del Paese

ph. Reuters

La Federazione inglese traslocherà in un altro stadio diverso da Twickenham per uno dei Test Match pre-Mondiali 2019. Come riporta il Telegraph, inoltre, la decisione rientra all’interno di un piano più grande da parte della RFU, che dovrebbe prevedere un test autunnale all’anno lontano da Londra a partire dal 2020.

In precedenza, la Federazione non aveva mai dimostrato grandi aperture verso un possibile cambio di sede, anche solo per una partita, poiché rispetto alle gare dell’Inghilterra a Twickenham il ritorno economico potrebbe essere addirittura la metà (5 milioni di sterline contro i 10 attuali per ogni sfida, più o meno).

Per Steve Brown, Ceo della RFU da settembre, un cambio di politica però sarebbe essenziale per meglio sostenere l’immagine di uno sport che, soprattutto nel nord ovest del Paese, deve fare i conti con la grande concorrenza del rugby league.

“Vogliamo mantenere equilibrio – ha detto Brown – Abbiamo una buona occasione per cominciare a giocare da altre parti. Non c’è solo Manchester (una delle possibili sedi per sfidare Irlanda o Galles l’estate prossima, ndr), ma anche altre zone nel nord ovest e nel nord est. C’è competizione con il calcio e con il rugby league nella comunità, ma  anche grande storia rugbistica. Club come Sale e Newcastle hanno forti legami con la loro gente”.

“Non abbiamo per forza bisogno di uno stadio di calcio, ma per la sfida di Coppa del Mondo nel 2015 contro l’Uruguay ci sono state 55.000 persone. È il parametro a cui guardiamo. Alcune città, Manchester in particolare, sono molto interessate ad avere più rugby union. Anche Newcastle lo è”.

“Vogliamo che diventi una costante. Non vogliamo che sia un unicum, questa è la sfida – ha continuato Brown – Un test a novembre potrebbe essere un’opzione. Dobbiamo guardare a queste gare come un investimento per creare interesse e partecipazione”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Quattro stelle di Tolone per i Barbarians

Inizia a definirsi la squadra per la sfida all'Inghilterra XV del 2 giugno prossimo, in cui ci sarà anche l'esordio delle ragazze

item-thumbnail

Italia: Ghiraldini operato, comincia la corsa alla Rugby World Cup

Il tallonatore azzurro si è sottoposto all'operazione a Roma e proseguirà la riabilitazione a Tolosa

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: cosa ci dicono i numeri di fine torneo

Il Galles bada al sodo, puntando sulla propria grande difesa. Tra i singoli spicca Braam Steyn nelle statistiche individuali

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: Alun Wyn Jones vince il premio come miglior giocatore del torneo

Il capitano del Dragoni diventa il quinto gallese ad ottenere questo riconoscimento

item-thumbnail

Le avventure di Russellberry Finn

Sabato abbiamo visto di cosa può essere capace la Scozia quando il suo 10 è in stato di grazia

item-thumbnail

Sei Nazioni : il calendario e gli orari delle edizioni 2020 e 2021

L'Italia aprirà la sua avventura post Mondiale contro il Galles, a Cardiff, l'1 febbraio 2020

  1. Waene 25 marzo 2018, 16:44

    Siete un ottimo blog e vi ritengo altamente professionali, per questo mi permetto di farvi notare che, ultimamente, mi pare abbondino le traduzioni letterali dall’inglese. Uno sforzo in più per rendere più scorrevoli i testi in italiano? Grazie 😉

  2. gian 25 marzo 2018, 17:41

    questi sono grandi come il norditalia più toscana ed emilia romagna ed hanno problemi di disaffezione tali da spostare la sede dei match….
    non va bene, proprio per niente

  3. mic.vit 25 marzo 2018, 20:19

    il circo equestre della nazionale…quanto non mi piace!!

Lascia un commento