Marco Riccioni, le sensazioni dopo il ritorno in campo

Contro il Tolone ha giocato solo ventisei minuti, importanti per capire a che punto era il suo cammino

riccioni

ph. Sebastiano Pessina

In stagione ha giocato poco più di cinquanta minuti complessivi, tra l’altro in partite mai banali come le trasferte contro Munster e Tolone. Nessuna delle due ha lasciato ricordi indimenticabili per Marco Riccioni, anzi, ma è un segno della fiducia riposta in lui da parte di Kieran Crowley, che non ha avuto paura nel lanciarlo titolare contro i francesi nell’ultima partita di Champions Cup, pur avendo recuperato da poco dall’infortunio al menisco che lo ha tenuto fuori per quasi quattro mesi. “Tornare in campo è stata una buona cosa – ha detto in un’intervista a Il Gazzettino – dopo essere stato fermo tanto tempo, rientrare dall’inizio è stato emozionante. Poi, se giochi contro Tolone, non proprio una squadra facile da affrontare, è tutto un sommarsi di cose positive che ti fanno stare bene”.

I giudizi sul suo ritorno possono essere limitati solo ai primi 26′ del match: “Dovevo prendere confidenza col terreno di gioco, con l’agonismo. Non è stata la miglior prestazione, ma non posso lamentarmi”. Durante le settimane del Sei Nazioni, con le assenze di Ferrari e Pasquali impegnati in Nazionale (dove Riccioni è stato invitato al ritiro), il pilone destro classe 1997 potrebbe ritagliarsi uno spazio importante. “Mi sento abbastanza sicuro nelle fasi statiche, magari devo rientrare un po’ negli schemi in attacco e in difesa: la partita con Tolone è anche servita per vedere a che punto sono. Pensavo di essere più indietro, invece mi sono integrato bene nel sistema”.

I prossimi mesi definiranno meglio anche le ambizioni del Benetton Treviso, al momento quinto nella Conference B del Pro14 dopo le sei vittorie conquistate. “Vincere è sempre bello e se lo riesci a fare con continuità, tutto diventa più semplice: dagli allenamenti, allo spirito con cui ti alzi la mattina e vai al campo, perché c’è la consapevolezza di poter giocare sempre per la vittoria – spiega l’ex capitano dell’Under 20 – Entriamo in campo e possiamo dire che questa partita la si può vincere, perché siamo all’altezza. Avere la confidenza per pensare di vincere anche partite di un certo livello aiuta moltissimo e questa è la mentalità che ci ha portato a conquistare dei risultati importanti”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Champions Cup: gli highlights di Leinster-Benetton

Una partita da otto mete: cinque degli irlandesi, tre degli italiani

17 Novembre 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

La sfida al colosso Leinster e l’emozione di un ritorno: il Benetton Rugby in Champions Cup

Parte da Dublino il viaggio del Benetton nell'Europa che conta, fra difficoltà e voglia di vincere

16 Novembre 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton Rugby: la formazione per l’esordio in Champions Cup con Leinster

Kieran Crowley sceglie Ian Keatley in cabina di regia. Assenti Monty Ioane e Ratuva Tavuyara

15 Novembre 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Champions Cup: il Benetton Rugby in diretta su DAZN

Si parte sabato 16 novembre, con la trasferta di Dublino contro Leintser

15 Novembre 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton Rugby, il monito di Tebaldi: “Leinster in Champions Cup è un’altra squadra”

Il mediano di mischia non vede l'ora di scendere in campo e dare il suo contributo alla causa biancoverde

13 Novembre 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Pro14: Benetton, la sconfitta arriva all’ottantesimo

Un secondo tempo di sofferenza sembrava essere il viatico al pareggio per i biancoverdi, sconfitti da un calcio di Jones a tempo scaduto. Finisce 20-1...

9 Novembre 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
  1. try 19 Gennaio 2018, 09:58

    Bene sapere che è stato un cambio programmato.
    Ora lo vogliamo vedere sempre più in campo, perchè questo ragazzo ha numeri.

  2. ghiacciosecco 19 Gennaio 2018, 10:17

    Curioso di vederlo sempre di più all’opera. Consiglio anche alla redazione di cambiare foto altrimenti Crowley continuerà a pensare che non è fit 🙂 Scherzo ovviamente.

  3. LiukMarc 19 Gennaio 2018, 11:41

    Ma Zanusso? no che a Treviso di loosehead ne rimangono (De Marchi, Traorè…), di lui si sa niente?

    • try 19 Gennaio 2018, 15:50
    • Hullalla 19 Gennaio 2018, 16:14

      De Marchi a destra é adattato e si merita di poter giocare a sinistra, mentre Traoré ha cambiato varie volte lato e sarebbe ora di stabilizzarlo da una parte, perché ha bisogno di dare piú certezze in chiusa e cambiarlo di lato troppo spesso non aiuta (la mia impressione é che probabilmente a sinistra potrebbe rendere meglio, ma la scelta é giusto che la faccia Ongaro… peró una volta deciso, che giochi sempre da quella parte per almeno una stagione intera).

Lascia un commento