Benetton Treviso: capitan Dean Budd rinnova fino al 2020

È il primo annuncio della società in vista del prossimo anno. Il giocatore: “Questa è casa mia”

ph. Ettore Griffoni

Il Benetton Treviso ha annunciato il rinnovo del contratto di Dean Budd per i prossimi due anni. Il seconda linea, nato e cresciuto in Nuova Zelanda, resterà alla Ghirada almeno fino al 2020, quando saranno ben otto le stagioni complessive giocate con la maglia biancoverde.

Budd era arrivato in Italia nell’estate del 2012 e aveva vissuto da protagonista la miglior annata trevigiana nel Pro12, con il settimo posto finale e le dieci vittorie in campionato. In quella stagione, del barbuto neozelandese si ricorda soprattutto la splendida prestazione personale offerta a Belfast contro l’Ulster, condita da una tripletta decisiva per il pareggio finale sul 29-29.

Con il tempo, il 31enne ha gradualmente cambiato la sua posizione in campo fino a diventare stabilmente un seconda linea, ruolo in cui è anche diventato a tutti gli effetti un titolare per Conor O’Shea con la maglia azzurra dell’Italia (6 cap fin qui). A inizio stagione, coach Kieran Crowley lo ha nominato nuovo capitano del Benetton, con cui ha toccato 100 presenze nel giorno della vittoria in rimonta contro i Cheetahs, lo scorso 6 gennaio.

“La squadra è in crescita, ci stiamo impegnando per riportare il club ai suoi giorni gloriosi – ha dichiarato Budd – Personalmente credo che abbiamo il potenziale per essere uno dei club più forti in Europa: siamo una famiglia, un grande gruppo di giocatori dotati di passione e personalità”.

Che Budd abbia riversato tutte le proprie energie alla causa biancoverde non è evidente soltanto dalle sue parole, ma anche dalle lacrime del post-partita contro gli Scarlets a dicembre, quando Treviso venne sconfitto sonoramente dai gallesi in un match con ben altre aspettative. “Il mio obiettivo per i prossimi anni è quello di dare il mio cuore e la mia anima per raggiungere tutto ciò che meritiamo di essere: una squadra di livello – ha continuato – Vorrei ringraziare i nostri tifosi per il loro continuo supporto, è un grande onore scendere in campo allo Stadio Monigo insieme a voi ogni fine settimana. Questa è casa mia, sarò biancoverde per sempre. Grazie”

Il rinnovo del capitano, inoltre, sarà soltanto il primo in vista della prossima stagione, come annunciato dal direttore sportivo Antonio Pavanello. “Il principale obiettivo che ci siamo prefissati è stato quello di mantenere l’ossatura della squadra, quindi cercare di trattenere le pedine fondamentali e gli atleti che si sono maggiormente messi in evidenza. – ha dichiarato – Come ogni anno ci saranno giocatori che lasceranno il club perché non reputati idonei al nostro progetto, altri invece che avremmo voluto confermare ma che per motivi economici o familiari non siamo riusciti a trattenere; prossimamente comunicheremo anche i loro nomi”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Benetton Rugby, il ruggito di Ian Keatley: “Ho molta fiducia in questo club”

Il trequarti ha voglia di iniziare una nuova avventura mettendosi a disposizione anche a livello tattico

16 luglio 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Pro14: è iniziata ufficialmente la stagione di Benetton Rugby e Zebre Rugby

Tutti i dettagli sulle rose delle due franchigie

15 luglio 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton: Sgarbi e Tavuyara rinnovano fino al 2021

L'ala figiana e il centro veneto resteranno a Treviso almeno per altre due stagioni

2 luglio 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton Rugby: permit players ed invitati per la seconda parte del raduno

Dal 15 luglio, sei ragazzi reduci dal Mondiale Under 20 si aggregheranno al gruppo dei Leoni in Ghirada

28 giugno 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton Rugby: il punto di Antonio Pavanello dopo la prima fase di ritiro

Il ds analizza il lavoro coi permit players e gli allenamenti dei nazionali, con un pensiero verso Champions Cup e Pro14

28 giugno 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton, Rizzi: “Il lavoro la chiave per la mia carriera”

Il giocatore si sta preparando alla prossima stagione lavorando fisicamente alla Ghirada, insieme agli altri biancoverdi non convocati in Nazionale

27 giugno 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
  1. try 17 gennaio 2018, 18:09

    Grande Dean!!
    Comunque volevo ricordare che in nuova zelanda giocava spesso seconda linea.
    Giocatore di qualità tecniche ed umane eccellenti!!

  2. mamo 17 gennaio 2018, 18:17

    Ma quanto bene vogliamo al nostro Capitano ?!

  3. mauro 17 gennaio 2018, 18:27

    Lo leggo solo io l’annuncio che Banks se ne andrà?

    • massimiliano 17 gennaio 2018, 18:44
    • gattonero 17 gennaio 2018, 18:47

      no,penso manchi solo l’ufficialita’ a questo punto…

    • onit52 17 gennaio 2018, 18:50

      …prepariamoci ad annunci fotocopia diluiti nel tempo….ma passa tutto in secondo piano, l’ attenzione si concentra su ” chi avremmo voluto trattenere ma non è stato possibile”..
      suspence palpabile.

    • try 17 gennaio 2018, 19:01

      lui fa parte dei motivi economici, Douglass dei motivi familiari.

    • Turch 18 gennaio 2018, 01:24

      Forse ricordo male, ma Banks aveva un biennale.
      Comunque visto quel che e` successo lo scorso anno i contratti valgono poco

      • umberto 18 gennaio 2018, 08:53

        Si, biennale… la stagione scorsa (nella quale non si è fatto vedere) e la stagione corrente

  4. bangkok 17 gennaio 2018, 19:52

    Motivi economici: pure Ioane e Faiva?
    Speriamo proprio di no!!

  5. post 17 gennaio 2018, 21:55

    Io invece spero in una riconferma di Baravalle. Faiva in attacco è forte, però in mischia e in difesa l’argentino è superiore. Sarebbe un peccato lasciarlo andare, può diventare l’erede di Trompis.

  6. kinky 17 gennaio 2018, 23:43

    Tony, che anticipazioni ci dai?

  7. matteol 18 gennaio 2018, 00:54

    Spero riescano a trattenere Ioane, Faiva, Baravalle e Douglas.

  8. LiukMarc 18 gennaio 2018, 09:28

    Aspettiamo news degli insider tony e luis…
    Intanto ottima notizia, Budd è un po’ quello che Gelde era a Parma, punto fermo della squadra ma non solo. Avercene.
    Tra gli stranieri immagino che oltre a Banks e Douglas (condivido che per il terza linea sia davvero un peccato, ma motivi familiari non si discutono), anche Tagi sia sulla via di allontanarsi, considerando quanto ha giocato.

  9. lucadiscepolo 18 gennaio 2018, 10:44

    Douglas peccato che va via ma poco importa abbiamo una tale abbondanza di terze linee.. per l’anno prossimo riporterei budd , zanni e lazzaroni in terza e acquisterei un paio di seconde di ruolo , alte e con cognizione di causa non adattate.. una sarebbe Cannone sicuramente e l’altra potrebbe essere anche Furno che in mitre cup ha fatto benone così allunghiamo anche la coperta in ottica nazionale..

    • massimiliano 18 gennaio 2018, 11:51

      concordo su Cannone, meno su Furno; se al momento è a casa a fare le parole crociate potrebbe anche esserci un motivo…

    • try 18 gennaio 2018, 13:45

      Douglas oltre ad essere un ottimo giocatore è anche un leader. Una grossa perdita.
      Sulle seconde concordo con Cannone e sul riportare Lazzaroni in terza. Per Budd invece lo lascerei in seconda, dato che anche in NZ giocava spesso in seconda. E anche Zanni credo che alla sua età convenga tenerlo in seconda.

      • lucadiscepolo 18 gennaio 2018, 15:13

        Il punto è che se teniamo budd e Zanni come seconde fisse giocano pure come titolari perché sono giocatori di esperienza rispetto a fuser herbst e Ruzza e rispetto ai potenziali come cannone che potrebbero arrivare dalla U 20 e così le seconde vere che abbiamo non si fanno le ossa.. poi andiamo a giocare le partite della nazionale logicamente e mettiamo dal primo minuto budd e fuser cHe per motivi diversi poi entrambi non si dimostrano all’altezza dele seconde avversarie ( argentina e sud Africa negli ultimi TM di novembrè ).. budd perché ha i suoi anni e non regge il livello fisicamente dei TM e Fuser perché gioca poco con TV.. perciò se Zanni e Budd sono delle terze devono giocarsi il posto con le altre terze e non “rubarlo” alle seconde vere

Lascia un commento