La riforma per gli allenatori e il confronto con l’estero: intervista a Pasquale Presutti

Con il coach dei Medicei e consigliere federale abbiamo parlato del nuovo percorso di formazione per i tecnici

COMMENTI DEI LETTORI
  1. Manna 3 Gennaio 2018, 14:06

    Grande Stima per Presutti (PP in Nazionale), però non condivido questi due punti (cambia tutto per non cambiar nulla):

    ” Soprattutto Frati allora ha insistito sul concetto che la FIR dovrebbe incentivare gli allenatori ad andare all’estero. “Incide anche la disponibilità degli allenatori, all’inizio lo si fa perché piace – esordisce Presutti – Dalle altre parti fare il tecnico è una professione, da noi sicuramente non lo è, almeno per il 90% dei casi.”

    Giustissimo, ma gli allenatori non devono andare all’estero. DEVONO AVERE LA POSSIBILITà DI IMPARARE DAI MIGLIORI IN ITALIA. Invece di erogare fondi per campionati inutili (pro14), fino a prova contraria, palazzi romani, contributi per rifacimento di stadi nel deserto (dove c’è la nebbia..), si dovrebbe pensare al risultato di lungo periodo. E non saranno di certo due-tre tecnici irlandesi soli in un sistema “incorruttibile” a migliorare i fallimenti di questi ultimi 20 anni.

    Anche in questo nuovo corso, inoltre, le consulenze dall’estero non mancheranno. “Ci sono state e sicuramente ci saranno. In passato c’è stato anche un incontro aperto ai tecnici dell’Eccellenza, con l’allenatore delle Accademie irlandesi. Sono sempre venuti a fare dei corsi d’aggiornamento, sarà così in futuro. La FIR ha sempre invitato dei tecnici relativi ai lanci di gioco da fasi statiche, o prettamente su touche, mischia ordinata eccetera. Insomma, siamo pienamente consapevoli del valore degli scambi internazionali. Dovevamo migliorare qualcosa sui corsi d’aggiornamento, ma sicuramente con questa riforma ci saranno dei perfezionamenti”.

    NON SERVONO CONSULENZE, SERVONO FORMATORI ai corsi FIR di FORMAZIONE STRANIERA! Ancora con questa tiritera dello scambio di favori (elettorali) e delle poltrone attaccate al sedere.

    Infine, MIGLIORI TECNICI= migliore gioco=migliori giocatori(forse)=migliore attrattività negli stadi italiani (desolamente vuoti rispetto agli anni che furono)

  2. massimiliano 3 Gennaio 2018, 18:36

    non mi è chiaro cosa cambia per chi era già un tecnico tesserato

  3. Re 3 Gennaio 2018, 20:53

    Dall’intervista si comprende perfettamente che siamo lanciati a tutti velocità verso… il baratro. È credo non siano solo le parole comprese male dell’ottimo Presutti ma di una volontà ben precisa di non voler andare al di là della mediocrità attuale.

Lascia un commento

item-thumbnail

Gli staff tecnici della nazionale under 20 e dell’Accademia Nazionale per il 2020/2021

Il consiglio federale ha comunicato una parte degli staff tecnici per la prossima annata agonistica

30 Maggio 2020 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Il Protocollo FIR per la ripresa degli allenamenti

La Federazione detta le linee guida per una prima ripresa delle attività

25 Maggio 2020 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Pro14 e CVC: accordo trovato, ora è ufficiale. La FIR diventa socio paritario del torneo

La società d'investimento entra a far parte della competizione celtica e punta dritta verso il Sei Nazioni

22 Maggio 2020 Pro 14
item-thumbnail

Alfredo Gavazzi: “L’obiettivo è non lasciare indietro nessuno”

Le nostre domande al presidente FIR sull'attuale emergenza, sul mondiale Under20, lo staff azzurro e molto altro

8 Maggio 2020 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Ecco i contributi FIR del fondo di salvaguardia in favore delle società

Il consiglio federale ha comunicato modalità e importi della ripartizione dei contributi per i club

24 Aprile 2020 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Il Consiglio federale incrementa il fondo per il rugby domestico: 2 milioni di euro

Saranno assegnati ai club con un criterio basato sulla partecipazione, giovedì 23 la pubblicazione della tabella definitiva dei contributi

17 Aprile 2020 Rugby Azzurro / Vita federale