Ian McKinley, un giocatore speciale: intervista al nuovo volto dell’Italia

Il Benetton, le sfide della Nazionale, il rapporto con l’Italia e la felicità nel veder praticare sport con i ‘suoi’ occhiali

COMMENTI DEI LETTORI
  1. lupobz 8 Novembre 2017, 08:12

    Gran persona e gran giocatore, la chicca finale sui ragazzini e’ molto bella

  2. arali 8 Novembre 2017, 08:43

    la sua è una storia incredibile e davvero commovente, lo spessore del personaggio non ha bisogno di commenti

  3. mauro 8 Novembre 2017, 08:53

    L’ho conosciuto di persona ed è quello che esce da questa intervista: un bravo ragazzo, in un senso che supera la banalità della definizione

    • ermy 8 Novembre 2017, 21:09

      Ottimo acquisto se restasse a Treviso ad insegnare all’accademia!!!

  4. fulvio.manfredi 8 Novembre 2017, 14:07

    Speriamo che duri un bel po’ perche e’ decisamente piu’ forte di Allan e Canna!

  5. fulvio.manfredi 8 Novembre 2017, 14:23

    Dimenticavo l’aspetto piu’ importante: convinto com’e’ del debito di riconoscenza verso l’Italia, dara’ sempre tutto per la maglia della nazionale.

    • Superignazzio 8 Novembre 2017, 17:50

      questo è un classico esempio di come le polemiche sull’eleggibilità possano andare a farsi benedire
      fiero di essere rappresentato da questo ragazzo

  6. And 8 Novembre 2017, 15:15

    parla Italiano perfettamente meglio di tanti altri anglofoni passati da noi

  7. xaba 8 Novembre 2017, 16:26

    A VIADANA ce lo ricordiamo ancora molto ma molto bene, è stato anche capitano. Si vedeva che era di un altra categoria, sia come giocatore che come persona! Quando l’ho salutato nell’ultima partita a VIADANA, si è addirittura scusato perché non erano riusciti ad andare a playoff…molto umile.

    • Il Bonzo Tama 8 Novembre 2017, 21:42

      tanto per curiosità, perché scrivi Viadana tutto in maiuscolo?

  8. Hullalla 8 Novembre 2017, 17:06
  9. Dusty 8 Novembre 2017, 17:12

    Se vogliamo proprio dirla tutta forse solo in un paese come il nostro poteva trovare le condizioni ideali per emergere perché in un altro paese dove il rugby professionistico pretende degli standard elevati da subito e dove la concorrenza non lascia spazio a troppi sentimentalismi non avrebbe avuto il tempo per salire gradatamente come ha fatto. E lo stesso vale anche per altri giocatori che nel ns paese hanno trovato situazioni ideali per riprendere una carriere bruscamente interrotte. Dai, di questo dobbiamo essere tutti un po’ fieri.

    • tobat7 8 Novembre 2017, 20:04

      non solo, ma qui in Italia è stato concesso prima l’uso degli occhialoni (creati da un’azienda italiana) e ora – come scrive lui e come ho visto seguendolo su Twitter – giovani con lo stesso problema possono giocare e non solo in italia visto che poi altre federazioni si sono accodate (chissà se la IRFU l’avrebbe fatto se non fosse stato per il nostro Ian…)

  10. Bariddu 8 Novembre 2017, 18:52

    ma lo rapano anche lui a zero come gli altri? eh bisogna di si eh!

    • Camoto 8 Novembre 2017, 19:34

      Gli tocca se vuole continuare a giocare in Italia.
      L’unico che è sfuggito a questa tradizione è finito a fare il barista….
      L’altro a cui è stato risparmiato il codino è stato rimandato in Nuova Zelanda.
      A Lazzaroni hanno rimandato più volte l’esordio non sapendo ancora cosa rapare (senza offesa eh)

  11. tobat7 8 Novembre 2017, 20:09

    la storia di McKinley è sempre emozionante.

    Ora nei film rugbistici frutto della mia mente posso aggiungere un irlanda – italia 21-22 con calcio di trasformazione all’82’ di un certo McKinley, Aviva Stadium scosso dagli applausi, sipario, titoli di coda.

    Scrivo già a federico buffa per suggerirgli la storia 😉

  12. stevelacy 9 Novembre 2017, 12:11

    Ai vari commentidovrebbero mettere il “mi piace”, o un indice di gradimento come si diceva una volta.
    Gli ultimi due sono troppo belli

Lascia un commento

item-thumbnail

Italia: come eravamo è come vogliamo essere

Tornare a quello che era l'Italia del 2013 è l'obiettivo a breve termine degli Azzurri di oggi

5 Aprile 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Bigi: “Siamo alla ricerca di una decisione condivisa sugli stipendi”

Il capitano azzurro sottolinea i temi caldi del momento: il possibile proseguimento della stagione professionistica e la questione compensi dei giocat...

30 Marzo 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Le migliori giocate di Jake Polledri

Tra Nazionale e Gloucester: tutta l'esplosività del flanker azzurro

21 Marzo 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: Italia-Inghilterra rinviata

E' ufficiale: la gara conclusiva del Sei Nazioni degli Azzurri è rimandata a data da destinarsi

5 Marzo 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: Giulio Bisegni guarda all’Inghilterra

Il trequarti dell'Italia e delle Zebre parla dal raduno della Nazionale in vista dell'ultima giornata del Torneo

4 Marzo 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020, i convocati dell’Italia: in raduno dal 2 marzo

Giovanni Pettinelli, Federico Ruzza e Federico Zani sono stati rilasciati al Benetton Rugby

29 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale