L’anno migliore e uno dei peggiori: i due volti (contestualizzati) della gestione Guidi

Dalle otto vittorie del 2015 alle difficoltà odierne. Con un occhio alla Nazionale e uno all’Accademia

COMMENTI DEI LETTORI
  1. Hullalla 19 Gennaio 2017, 09:29

    In generale non si puo’ che essere d’accordo, ma io non condivido questa frase: “Eppure dal punto di vista di qualità della rosa, l’annata era partita con ben altre aspettative.” perche’ dichiaratamente si e’ fatta la rosa al risparmio rispetto all’anno precedente, per cui non vedo come si sarebbe potuto sperare di fare di meglio, e poi mi sento perplesso leggendo questo: “la sensazione (potendo scegliere) di voler dare fiducia ai giovani italiani” perche’ in rosa sono stati inseriti dei giovani stranieri tutti da testare (e che finora non mi sembra abbiano dimostrato di poter fare la differenza a questo livello, per cui o Guidi non si fida come sembrava dei giovani italiani, oppure la societa’ non si e’ fidata di Guidi e chi ha fatto la campagna acquisti ha deciso di imporre quei giovani sudafricani (ecc.) senza alcuna esperienza internazionale a Guidi.

    • bak 19 Gennaio 2017, 09:52

      un’analisi del mercato delle zebre evidenzia che a Guidi sono stati imposti Minnie, in luogo del nr.8 argentino Colome (o come cavolo si chiama…) che giocava in ProD2 a Bayonne, il centro Samoano (che ha avuto tutte quelle traversie di visto), l’ala SA Greef e in mediana il carneade sudafricano Carletto (di cui a Parma si dice che ami molto lo “spirito”…). Infine, non so chi abbia voluto il giovane mediano di apertura argentino Bordoli. In origine, credo che Guidi pensasse ad una mediana, dopo Violi/Gullo, composta dal giovane accademico Panunzi e dall'”Avvocato”. Il primo è fuori ormai da tantissimo tempo (non so cosa si sia fatto) e del secondo si è già detto molto.

      Io sinceramente non credo che questi due giovani sudafricani “imposti” (Carlo e Greef) abbiamo cambiato in negativo le sorti di una stagione; sono più propenso a credere che Guidi si sia sentito defraudato da questa dirigenza un po’ pane e salame dal ruolo di DoR e forte dell’appoggio “federale” (vi ricordo che Gavazzi, dopo le elezioni si sentiva tradito dai Parmensi…) si sia lanciato in esternazioni (tipo Cecina) che bene non hanno fatto alla squadra.

      • ginomonza 19 Gennaio 2017, 10:25

        Bak non capisco bene:cosa intendi dire esattamente ?

        • bak 19 Gennaio 2017, 10:49

          Intendo dire che i 4 giocatori imposti dalla società (Afamasaga, Greef, Minnie e Engelbrecht) non hanno certo spostato in negativo il valore globale della squadra. Di sicuro hanno contribuito a sminuire il ruolo di Guidi in società, il quale non ha gradito ma ha esternato pubblicamente questo suo malumore (di certo non ha lavato i panni sporchi in casa). Tutto questo ha contribuito a destabilizzare una società già di sé mal guidata da una dirigenza allo sbaraglio e finanziariamente traballante. Poi secondo me si è rotto anche qualcosa a livello di spogliatoio, ma queste sono mie opinioni…

          • Hullalla 19 Gennaio 2017, 14:11

            Io infatti ho scritto che non hanno fatto la differenza e che visto il loro ingaggio e’ difficile dire che, potendo scegliere, si sia data fiducia ai giovani italiani, perche’, visto il loro valore sul campo, c’erano altri giovani italiani che avrebbero probabilmente potuto fornire prestazioni del tutto analoghe.

      • Hullalla 19 Gennaio 2017, 10:36

        C’e’ anche un giovane pilone sudafricano, che mi sembra che non hai citato.

        Fatto sta che i giovani stranieri “imposti” (come dici) sono circa il 10% della rosa e non mi sembra abbiano dimostrato di non essere in grado di fare la differenza a questo livello, quindi la dichiarazione che, potendo scegliere, si e’ data fiducia ai giovani italiani traballa un bel po’, perche’ sicuramente c’erano dei giovani italiani che potevano produrre prestazioni (o contro-prestazioni) del tutto analoghe.
        Poi che questi ingaggi siano stati voluti o meno da Guidi, io non posso saperlo e, tutto sommato, e’ poco rilevante dal mio punto di vista.

        • bak 19 Gennaio 2017, 10:57

          difficile esprimere un giudizio su questi tre ragazzi:
          Greef ha giocato due partite (sinceramente male) e poi è stato messo in naftalina; Engelbrecht ha giocato qualche scampolo di partita quà e là e sempre di rincalzo, le Roux non ha mai giocato (faceva il porta borracce a Connacht…); dei due veterani Minnie ha fatto molti minuti ma secondo me non piace a Guidi e Afamasaga ha giocato in tutto una partita e mezza, ma mi è sembrato molto più in palla di altri

          • Hullalla 19 Gennaio 2017, 14:17

            Il mio punto e’ che, se al posto di Greef, Engelbrecht e Le Roux (se vogliamo dare il beneficio del dubbio ad Afamasaga) ci fosse stato un qualunque altro giovane italiano, non avremmo di certo una classifica diversa. Per questo andrei piano col dire: “la sensazione (potendo scegliere) di voler dare fiducia ai giovani italiani”

          • fabiogenova 20 Gennaio 2017, 09:22

            Quoto dalla a alla zeta.

  2. gsp 19 Gennaio 2017, 10:27

    parlano i risultati e quelli mancano. poco da aggiungere.

    le zebre sono un problema societario che va risolto prima possibile.

    Di Guidi manchera’ invece il fatto che crede nella formazione italiana, fa giocare i giovani ed e’ consapevole del ruolo di una franchigia celtica nel completare la formazione dei giocatori italiani, che ha le sue peculiarita’. un po’ come cavinato, ma a differenza di altri.

    Forse uno come Festuccia in campo un po’ di piu’ avrebbe aiutato.

    lascia una squadra molto capace in attacco nella zona rossa avversaria, con buona capacita’ nelle uscite.

    difesa invece deficitaria, ma che dimostra chiaramente chi puo’ giocare questo livello ed a chi no, piu’ che i limiti del sistema. e che paradossalmente, in chiave 6n, e’ meno peggio di quello che sembri.

  3. passatello 19 Gennaio 2017, 10:28

    Speriamo non sia una lenta agonia fino a fine stagione. Forza Zebre!

  4. Maxwell 19 Gennaio 2017, 10:45

    Gianluca,
    lo so che non eri tu quello che doveva andarsene, ma ricorda che se anche gli uomini non sono onesti, il tempo lo è.
    E PAGA SEMPRE I DEBITI E RISCUOTE I CREDITI.

    • bak 19 Gennaio 2017, 11:00

      tranquillo Max, vedrai che anche quella dirigenza non rimane; purtroppo ricomincerà tutto da zero e magari da un’altra parte (sigh, sigh…)

    • frank 19 Gennaio 2017, 14:38

      Spero il tempo non riscuota tutti i crediti che ha altrimenti a Calvisano se la passeranno male…

  5. 6nazioni 19 Gennaio 2017, 12:40

    vediamo se siete coraggiosi nel rispondere.
    secondo voi c’e’ qualche allenatore italiano che ha le competenze x allenare
    in pro12?
    ci sono 40 atleti italiani che possono giocare in pro12?
    grazie

    • LiukMarc 19 Gennaio 2017, 13:01

      Secondo me (provocatorio e non coraggiosissimo), qualche allenatore di buone capacità ci potrà essere (penso a Brunello), quello che manca A TUTTI è l’esperienza. In questo, credo che solo Cuttitta possa mettere assieme capacità e trascorsi ad alto livello e sapere come coniugare le due cose.

    • narodnik 19 Gennaio 2017, 13:06

      l ideale sarebbe seguire il modello argentino ed affidare la franchigia a uno come crowley,pensare che un tecnico e’ adeguato perche’ ha vinto campionati in eccellenza e’ ingenuo..si rispamierebbo soldi e si avrebbero risultati migliori,con un progetto del genere molti che sono andati all estero resterebbero credo,tipo sarto o favaro,uscirebbe fuori una squadra da playoff,il problema grosso sarebbe risolvere la questione permit players con l’eccellenza e le partite del periodo 6 nazioni.

      • malpensante 19 Gennaio 2017, 13:45

        Modello argentino, ovvero che l’head coach di nazionali e Jaguares sia rigorosamente argentino?

        • narodnik 19 Gennaio 2017, 13:50

          ovvero una sola franchigia federale,pero’ con tecnico straniero,affiancando assistenti italiani per imparare,se si viole migliorare,se no si continua cosi’.

    • eclipse 19 Gennaio 2017, 13:35

      Per me l’unico è Presutti.

    • cammy 19 Gennaio 2017, 20:59

      Il reale problema è che arrivano in franchigia giocatori che non sono adeguatamente preparati.. head coach italiano ci può anche stare ma dalle accademie agli assistenti della franchigia cercherei stranieri visti i risultati.. soprattutto nei trequarti..

  6. leo64 19 Gennaio 2017, 13:18

    6Nazioni no nessun allenatore Italiano è in grado di allenare in Pro12. Penso che nella Zebre ci siano 5-6 giocatori italiani che non possano giocare a questo livello. Poi mettici lo staff tecnico i dirigenti e tutti i problemi che hanno le Zebre ed è normale trovarsi in questa situazione. Comunque convocati in nazionale 15 giocatori delle Zebre. Speriamo bene.

  7. leo64 19 Gennaio 2017, 13:24

    L’ unico Italiano competente a livello internazionale sia come manager e come D.T è Munari.

  8. eclipse 19 Gennaio 2017, 13:38

    Secondo qualche rumors,Guidi potrebbe approdare il prossimo anno alle Fiamme.

  9. giobart 19 Gennaio 2017, 14:19

    Innanzitutto l’anno scorso si giocava in Challange e non in Champions, quindi le statistiche ne devono tenere conto, gli altri anni era sempre stata Champions/Heineken Cup, e poi la rosa di questo anno era nettamente migliore, Garcia e Bortolami sono stati sostituiti molto bene, quindi le colpe sono da dividere in maggior parte con lo staff e poi con i giocatori.

    • frank 19 Gennaio 2017, 14:40

      “la rosa di questo anno era nettamente migliore”

      pensieri in libertà

      • LiukMarc 19 Gennaio 2017, 14:54

        Nettamente migliore non direi nemmeno io, ma nemmeno peggiore (sulla carta) considerando che ok, han perso Bortolami, Garcia, Sarto (Ferrarini già prima, Muliaina e Burgess mai al loro livello, idem il povero Derby), ma alla fine sono arrivati i vari Festuccia, Furno, Venditti, Baker (che di suo sarebbe del livello), più giovani come Mbandà e Bellini che il loro lo fanno.
        Manca sempre il “quid” in più per renderla una squadra che se la gioca

  10. Danthegun 19 Gennaio 2017, 16:01

    Modestamente penso che non sia (solo) Guidi a non essersi dimostrato all’altezza del livello professionistico ma che, alla prova del professionismo, sia stata la società, la federazione e il movimento intero a essersi dimostrati inadeguati.
    Come si diceva in altri articoli quello che manca è il respiro lungo di un sistema rugbistico che dovrebbe dare il tempo a tutti di programmare e migliorare poco alla volta ma con costanza.

    • Twickers 19 Gennaio 2017, 18:56

      Sono d’accordo, l’impresa piu’ grande delle loro capacita e esperienza, certe cose non si possono immprovisare – portano i risultati che abbiamo, la foto-copia Aironi. A volte un po’ di umilita’ e l’onesta di dire non lo so’ ….fa’ piu’ onore che…cercare capi espiatori per scansare le proprie colpe e responsabilita’. Il rugby e’ un gioco non un giocattolo.

  11. masirugby 19 Gennaio 2017, 18:45

    Su planet rugby c’è un interessante articolo su Banks al benetton

  12. ginoconsorsio 19 Gennaio 2017, 19:27

    E vai con il gioco al massacro della dirigenza!!
    Innanzi tutto, le scelte dei giocatori sono state fatte da Guidi( con l’aiuto concordato da chi sta sopra a livello nazionale) scelte a volte molto onerose, in termini economici e gestionali. Poi, qui non si discute del valore relazionale dell’uomo, ma si cerca di dare sempre e comunque la colpa ad una società che si è trovata Guidi ed altri sul ” groppone ” per volere di chi c’era prima( e non lo nomino.) Ora se mi posso permettere un appunto per la scelata condivisa degli stranieri, passi che si scelga italiano soprattutto, ma quando vengono a mancare 15 giocatori di livello per giocare in nazionale, chi facciamo entrare, sempre i permit proposti da Calvisano? Non vi viene il dubbio che lo scontro sia più in alto e Guidi si sia stufato di fare da caprio espiatorio? Io un pensiero ce lo farei….

    • fabiogenova 20 Gennaio 2017, 09:34

      Non dico tutte, ma ti lascio per certo che molte scelte non le ha fatte Guidi. Questo indipendentemente dalle sue responsabilità. Quel cve ha detto Biagi dieci giorni fa è chiarissimo e del tutto condivisibile

  13. ottoterza 22 Gennaio 2017, 17:14

    Buongiorno a tutti sto adesso guardando la partita zebre vs Wasps con soddisfazione
    Devo dire che sinceramente la partenza di Guidi non è stata una sorpresa
    I suoi limiti caratteriali nel gestire lo spogliatoio ( purtroppo ho avuto a che fare con lui e con tutta quella schiera di allenatori che hanno la sua stessa impostazione) rendono vane tutte le capacità tecniche che io non posso e non voglio giudicare ma gli insulti e le mortificazioni ai propri giocatori che il ” Sig. Guidi” ha abbondantemente profuso fin dalle nazionali giovanili fino alle ultime sue partite sono indicativi del personaggio.
    Adesso probabilmente andrà alle ffoo e spero troverà pane per i suoi denti….
    Il principio è sempre lo stesso rispetta se vuoi essere rispettato ….

Lascia un commento

item-thumbnail

Pro14: Zebre surclassate a Dublino. Leinster si impone 63-8

Partita a senso unico alla RDS Arena

23 Ottobre 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

5 motivi per seguire Leinster-Zebre Rugby

La franchigia emiliana va a sfidare i campioni in carica in un match dai molti spunti

23 Ottobre 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Zebre: la formazione che affronta il Leinster

In mediana la coppia ex Calvisano Casilio-Pescetto, nel pack partono Masselli e Buonfiglio

22 Ottobre 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Zebre Rugby, Masselli: “Novembre e dicembre mesi importanti: voglio diventare un giocatore chiave”

L'avanti sta acquisendo sempre più consapevolezza dei suoi mezzi fisici e tecnici

14 Ottobre 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Zebre Rugby: lungo stop per Iacopo Bianchi

Il terza linea multicolor si è sottoposto in settimana ad un'operazione alla spalla

10 Ottobre 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Video: la meta da “contropiede calcistico” di Federico Mori

Pezzo di bravura, estro e improvvisazione da parte del centro della franchigia multicolor

10 Ottobre 2020 Pro 14 / Zebre Rugby