Rugby Seven disciplina “strana”? Forse, ma giudicate queste…

200 metri nuoto ad ostacoli, salto in lungo a cavallo, tuffi a distanza… Le stranezze olimpiche raccontate da Marco Pastonesi

COMMENTI DEI LETTORI
  1. Dusty 3 Agosto 2016, 08:29

    e vogliamo parlare del tiro al piccione (ovviamente vivo) nell’edizione del 1900, oppure del volo con la mongolfiera?
    Senza dimenticare che ai primi del novecento si gareggiava anche per la Pallacorda e l’arrampicata su fune.

  2. Giovanni 3 Agosto 2016, 09:41

    Appunto, agli albori. Adesso siamo nel 2016. Ma l’importante è tenerci un piede dentro: business is business.

  3. Bubi 3 Agosto 2016, 10:33

    Se continua a starci il dressage (spero si scriva così ) ……

    • Appassionato_ma_ignorante 3 Agosto 2016, 12:11

      Una disciplina che, personalmente, trovo interessante come la crescita dell’erba. O il curling.

      • Hrothepert 3 Agosto 2016, 15:48

        Cos’ hai contro il Curling????
        E’ sempre meglio del badminton!!!

    • western-province 3 Agosto 2016, 16:59

      ci vorrebbe un’azione degli animalisti per eliminare questa noia mortale dalle olimpiadi ( penso si annoino anche i cavalli)

      • sentenza 3 Agosto 2016, 19:35

        Ci vorrebbe un’azione per abolire le olimpiadi e basta.

  4. malpensante 3 Agosto 2016, 11:01

    Il grande rammarico è che il presidente emerito non sia riuscito ad imporre al CIO il rugby a tette.

    • venezuela 3 Agosto 2016, 11:07

      Sai com’e’…sport di nicchia per veri appassionati…
      #Mez@AdGfree

    • Appassionato_ma_ignorante 3 Agosto 2016, 12:12

      Sbaglio o è quello sport che si gioca con due ovali?

  5. federico66 3 Agosto 2016, 11:11
  6. Frank_BOBO 3 Agosto 2016, 13:45

    Con tutto il rispetto per il Rugby a 7 (che sto anche cominciando ad apprezzare)–ma perche il R.Union alla commissione di Rio faceva così schifo?

    Grazie per le delucidazioni

  7. Frank_BOBO 3 Agosto 2016, 14:08

    Qualcuno sa dirmi perchè il “Rugby Union” non è stato inserito nei giochi di Rio?
    Grazie

    • Antani 3 Agosto 2016, 14:39

      Credo che le motivazioni siano diverse: prima di tutto quelle “politiche”: il rischi di svalutare la RWC e i calendari già abbastanza intasati. Inoltre c’è anche un problema atletico: 2 settimane sono veramente poche per pensare ad un torneo Rugby XV: non ci sono i tempi per i recuperi, a meno che pensare ad una formula molto poco attraente di quarti/semifinali/finale…

      • Frank_BOBO 3 Agosto 2016, 14:54

        Sono d’accordo, non ci avevo pensato..è che magari il R.Union avrebbe amplificato di piu’ l’influenza dei media, attratti forse da nomi piu’altisonanti ( a parte SBW), contribuendo di piu’ a diffondere questo sport (il sud america ne avrebbe beneficiato)

        • Hrothepert 3 Agosto 2016, 15:45

          FRANK_BOBO Il vero grande problema è che di Inghilterra, Galles, Scozia dovresti far gareggiare una squadra sola, che sia una delle tre, oppure una selezione unica che racchiuda i migliori atleti di tutte e tre, perchè a livello olimpico quella che partecipa è la Gran Bretagna, cui poi dovresti sommare anche quelli dell’ Irlanda del Nord, che fanno parte della GB, quindi l’ Irlanda non potrebbe partecipare con la squadra che va al Ns o alla RWC, ma soltanto con un team composto dai soli atleti dell’ EIRE; ne va da se che un torneo senza tutte le migliori dell’ emisfero nord non avrebbe senso, non ci rimane che aspettare e sperare che la Scozia riesca staccarsi dall’ Inghilterra e che l’ Ulster si riunisca alla legittima madrepatria, a quel punto il problema sarebbe minore perchè coinvolgerebbe soltanto i Sassenachs ed i loro lacchè gallesi.

          • Frank_BOBO 3 Agosto 2016, 16:41

            a pensarci ci sono già i B&I Lions..non so se per il “United Kingdom” potrebbero giocare loro, finchè non si concretizza quello che hai detto sopra..

          • Hrothepert 3 Agosto 2016, 16:48

            Perchè da essi dovresti decurtare i giocatori dell’ EIRE.

  8. Hrothepert 3 Agosto 2016, 15:49

    Io comunque, quando ero bambino, a croquet ci giocavo!!!!

  9. Paolo82 12 Agosto 2016, 13:04
  10. Paolo82 12 Agosto 2016, 13:09

Lascia un commento

item-thumbnail

La Rugby World Cup 2011 raccontata da Marco Pastonesi

Settimo appuntamento con le letture tratte dal libro "Ovalia. Dizionario erotico del rugby"

item-thumbnail

La Rugby World Cup 2007 raccontata da Marco Pastonesi

Continua il nostro viaggio attraverso la storia della Webb Ellis Cup con le letture della nostra prestigiosa firma

item-thumbnail

La Rugby World Cup 2003 raccontata da Marco Pastonesi

Quinto appuntamento le letture tratte dal libro "Ovalia. Dizionario erotico del rugby"

item-thumbnail

La Rugby World Cup 1999 raccontata da Marco Pastonesi

Quando la Coppa del Mondo si trasformò da "teatro per eroi dilettanti, a palcoscenico per attori professionisti".

item-thumbnail

La Rugby World Cup 1995 raccontata da Marco Pastonesi

Terzo appuntamento con le letture tratte dal libro "Ovalia. Dizionario erotico del rugby"

item-thumbnail

La Rugby World Cup 1991 raccontata da Marco Pastonesi

Dall'exploit di Western Samoa al pugno di Pascal Ondarts, fino alla stella David Campese