RWC, dopo Francia-Italia: da Brunel a Castro il focus è il metro arbitrale

Tra gli azzurri tiene banco la questione-disciplina: non si fa polemica ma si chiede chiarezza

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

C’è amarezza nella pancia di Twickenham in questo dopo Francia-Italia. Per il risultato, per il modo in cui si è giunti a questo 32 a 10, per l’infortunio di Masi e sì, anche per l’arbitraggio. Ma andiamo con ordine.
Jacques Brunel si presenta in conferenza stampa e chiarisce subito: “La Francia ha meritato di vincere. Noi siamo stati sfortunati sin dall’inizio con Masi che è dovuto uscire per la rottura del tendine d’Achille. E’ il terzo centro che si infortuna dopo Morisi e Garcia: ora vedremo il da farsi, decideremo in settimana ma certo non abbiamo tante risorse. Aspetto Benvenuti, comunque qualcuno arriverà. La Francia è favorita del girone, abbiamo avuto un comportamento all’altezza dell’avversario, penso che in rapporto al nostro avversario siamo stati nei loro 20 metri più di quanto loro non siano stati nei nostri. Va però detto che c’è stato un diesequilibrio tra la nostra mischia e la loro nell’arbitraggio. Questo è stato il fattore determinante: le cose andavano bene poi nell’ultimo mese c’è stata difficoltà nel metro dell’arbitraggio con Scozia, Galles e oggi con la Francia, davvero troppe volte”.

 

Leonardo Ghiraldini, capitano in assenza di Sergio Parisse inizia dalla partita ma poi arriva anche lui all’indisciplina: “A tratti abbiamo fatto vedere delle buone cose, la difesa soprattutto. Quando abbiamo avuto il pallone siamo riusciti ad avanzare ma non a concretizzare. Ci sono cose positive, sotto l’aspetto mentale e della preparazione fisica, non dobbiamo arrenderci e la mentalità non deve cambiare. Certo il fatto di aver preso così tanti calci di punizione ha fatto la differenza. La mischia per noi è fondamentale, tanto più a questi livelli, ma stasera non siamo mai riusciti ad entrare nella partita in maniera netta e chiara”.
Martin Castrogiovanni arriva in mixed zone con l’aria piuttosto torva e ai giornalisti italiani dice che non vuole parlare, ma si ferma con quelli francesi: “La Francia non ha fatto tanto ma quello che ha fatto lo ha fatto bene. L’arbitraggio? Difficile da comprendere. Intendiamoci: ha sempre ragione ma ogni settimana è una cosa diversa e allora diventa difficile, se ci dicono cosa dobbiamo fare lo facciamo… forse mi devo tagliare capelli e barba”.

 

Parole non disimili quelle che arrivano da Alessandro Zanni: “C’è stata tanta indisciplina, forse non abbiamo capito il metodo arbitrale e abbiamo preso troppi calci contro, loro hanno sfruttato le occasioni al piede e hanno scavato un solco, sono stati cinici: con 18-19 calci contro non si vince una partita. Ora testa bassa e continuare a lavorare, c’è da preparare la partita con il Canada, dobbiamo giocare altre tre partite e daremo il massimo, ancora non è detto nulla di definitivo”.
Deluso anche Edoardo Gori: “Potevamo fare di più, ci siamo preparati bene, certo tutti quei falli contro fischiati non aiutano. Problemi di approccio mentale? Mah, non mi pare, non stasera, comunque dobbiamo migliorare”.
Chiude Aguero, che torna sull’indisciplina: “Nnon è che una quadra fa sempre fallo, a volte può essere 50 e 50… ma non sta a me giudicare e non voglio fare polemiche, dobbiamo solo lavorare per far cambiare l’immagine che evidentemente hanno della nostra mischia. Noi non vogliamo imbrogliare, vogliamo giocarla pulita, però devono darci gli strumenti per capire come dobbiamo giocare”.

 

Chiudiamo con le dichiarazoni di parte francese. Il ct Philippe Saint-André inizia con la situazione medica di Huget: “Le notizie non sono rassicuranti, ci sono dei dubbi: potrebbe essere legamento crociato, vediamo con gli esami. La partita è stata difficile, lo sapevamo che sarebbe stata così, fisica. L’Italia è una squadra solida e dura in difesa, certo noi potevamo fare meglio perché sappiamo che se vogliamo arrivare primi nel girone dobbiamo vincerle tutte. Abbiamo spinto bene in attacco ma l’Italia ha impedito che ci arrivasero palle veloci. Ci abbiamo però provato, ora dobbiamo proseguire e crescere. Siamo stati solidi: l’Italia ha quasi battuto il Galles due settimane fa, non ci sono partite facili, basta pensare al Sudafrica oggi… Mancanza di disciplina? Sì, ma da entrambe le parti, sono stati fischiati davvero tanti falli”.
E anche capitan Dusautoir parla del direttore di gara: “C’è stato un problema con la linea del fuorigioco, non abbiamo ben capito che cosa voleva l’arbitro”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: Italia, il punto della situazione da Sugadaira

Le parole di Minozzi, Ghiraldini (che sta recuperando) e Tebaldi, a nove giorni dall'esordio mondiale. Gli azzurri intanto si sono spostati a Osaka

14 Settembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Nuovi dettagli sull’addio di O’Shea alla panchina dell’Italrugby

Dopo la notizia dell'avvicendamento tra il tecnico irlandese e Rob Howley emergono nuovi particolari

12 Settembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Guglielmo Palazzani: “Abbiamo ricevuto una grande accoglienza in Giappone”

Il mediano di mischia azzurro ha parlato dell'ambientamento in terra nipponica e dell'imminente gara contro la Namibia

10 Settembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: Rob Howley sarà il nuovo ct della nazionale a partire dal 2020

Il tecnico gallese siederà sulla panchina degli Azzurri, da capire se prima o dopo il prossimo Sei Nazioni

10 Settembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: Negri, Budd e Sisi hanno alzato la competizione in seconda linea

Per l'Italia mondiale tante scelte sembrano ormai fatte, ma forse venerdì abbiamo scoperto qualcosa in più

10 Settembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: l’accoglienza per l’Italia all’arrivo in Giappone

Gli azzurri nel frattempo hanno cominciato la settimana di ritiro a Sugadaira, definita la Mecca del rugby

9 Settembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
  1. Alberto da Giussano 20 Settembre 2015, 08:57

    Dusatoir è un uomo intelligente, misurato oltre che un rugbista con i contro fiocchi.
    Leggete la sua dichiarazione e piantatela con questa storia degli arbitraggi inadeguati.
    La prima linea italiana, oggi, prima di parlare di incapacità arbitrale dovrebbe parlare di ben altro.

    • davide p. 20 Settembre 2015, 09:28

      quoto alberto…altro stile italiota per far cagnara: prendersela con l’arbitro.
      comunque se posso fare un plauso a sky, ottimo il servizio online…ma per l’amor del cielo spostate pierantozzi su partite minori, dio ha una voce insopportabile…mentre ho apprezzato voce e stile dei telecronisti di georgia e giappone…qualcuno sa chi sono??

      • space 20 Settembre 2015, 09:32

        Concordo. E poi mi spiegate che diavolo ci fa Elio la dentro?

        • mauro 20 Settembre 2015, 11:38

          forse dovresti chiederti cosa ci fa Pierantozzi, ma i gusti non si discutono.
          Risentiti il commento al termine della partita, fatto da parte di uno che di rugby non ne capisce, leggi i commenti di questo blog e dimmi chi ne capisce di più…

          • mezeena10 20 Settembre 2015, 12:15

            Pierantocci patetico!
            fortuna sky ha il doppio audio!
            chi dice che Joubert ha arbitrato male o è orbo o è in malafede! anche Zanni deludente, dice “l’ arbitro ha fischiato a caso”..inaccettabile!!!
            l’ indisciplina mica è responsabilità del ref..nei primi 5 minuti 8 falli commessi, 20 in tutta la partita..
            impossibile pensare di vincere..

      • Alberto da Giussano 20 Settembre 2015, 09:33

        Dovrebbero essere Moreno Molla e Nicola Ruggero.

      • F2 20 Settembre 2015, 11:43

        Sky ha sempre avuto ottimi commentatori di rugby iniziando dalla supercompetente coppia Munari&Raimondi (oggi a D-max sigh ).

        Certo per questi mondiali non hanno cronisti esperti e capaci e persistono a far commentare a gente come De Rossi, che si da giocatore era bravo , ma da commentatore è meglio che vada a farlo al bar sport di Livorno, è inascoltabile. Ieri Georgia-Tonga è stato penoso, per fortuna che Moreno Molla è davvero bravo.
        Pierantozzi fa il suo assieme a Fusetti che non sono male.
        ma per favore speriamo che De Rossi sui campi da allenatore o qualcos’altro e non davanti ad un microfono.

        • Unforgiven79 20 Settembre 2015, 13:24

          Qualcuno si ricorda di quando commentava Bertarello (con Costantino per il Top14, ma anche prima su La7)? Doveva dir sempre la sua, ma mi sembrava un bell’equilibrio tra lucidità e passione.

    • M. 20 Settembre 2015, 09:32

      Non dicono inadeguati, dicono “diteci cosa dobbbiamo fare”.

      Perché anche a me non sembra normale che in tre partite:
      – con la Scozia ci fischiano contro ogni mischia e le perdiamo tutte.
      – con il Galles ci fischiano a favore ogni mischia e le vinciamo tutte.
      – con la Francia ci fischiano contro ogni mischia e le perdiamo tutte.

      Ora o il Galle fa schifo in chiusa, o noi siamo totalmente schizefrenici, o qualche cosa nei vari metri arbitrali cambia.

      Posto che anche l’arbitro è parte del gioco e a lui ti devi adeguare, quindi le “scuse” stanno a zero. Ma qua non sono scuse, sono giuste richieste di avere chiaro un metro unico. Per dire: tutti introducono ormai non sul tallonatore, non è regolare, è tollerato. Moltissime volte i piloni tirano in basso, dalla maglia, è tollerato. Si parla di cose del genere insomma.

      • ermy 20 Settembre 2015, 09:41

        Potrebbero andare a chiederglielo alla mischia del Japan che ieri all’82’ carrettava gli Springboks!!! Ma fatemi un piacere!!!

      • enricalvisano 20 Settembre 2015, 16:07

        Concordo. Da una partita all’altra la mischia passa da certezza a punto debole, poi di nuovo certezza e così via. E non si vede quasi mai una mischia fatta e finita, tutto si conclude con un fallo da una parte, dall’altra o da entrambe. Per questo servirebbero degli arbitri che sappiano valutare le mischie davvero bene, non si può valutarle a caso, con ogni arbitro che fa a modo suo.
        Cosa c’entri la mischia del Giappone in tutto questo, poi, lo sanno solo i soliti provocatori di professione.

    • kinky 20 Settembre 2015, 11:19

      Alberto da Giussano scusa ma non capisco. Se si lamentano i nostri sono dei coglioni s di lamentano gli altri (peraltro vincitori) sono dei signori. Proprio Dusatoir parla di fuor gioco che sul 25-10 e noi in attacco a 7 mette dalla metà si è ritrovato all’altezza di Gori e l’arbitro non gli ha fischiato niente?

      • malpensante 20 Settembre 2015, 11:25

        E’ l’impareggiabile erre francese che li rende signorili.

      • Alberto da Giussano 20 Settembre 2015, 12:24

        Kinky.Desatoir Conclude dicendo che agli arbitraggi é necessario adeguarsi.

        • kinky 20 Settembre 2015, 14:32

          Questo è pacifico e sicuro. Sono stato il primo a scriverlo dopo la partita contro la Scozia che la cosa peggiore non è stato il fatto che Castrogiovanni si è fatto sottomettere dal pilone avversario ma che non si è adeguato al metro di misura dell’arbitro!
          Però se mi scrivi così su Dusatoir allora il francese mi piglia pure per il culo: bisogna adeguarsi all’arbitro (comunque è una sacrosanta verità) tant’è che sul 25-10 in netta difficoltà con la mia squadra sono andato Ben oltre la linea del fuorigioco che tanto l’arbitro non mi fischiava niente visto che nella stessa azione precedentemente i miei compagni hanno fatto almeno 4 falli ripetuti senza essere sanzionati.

          • kinky 20 Settembre 2015, 14:34

            Sia chiaro Alberto, non voglio giustificare la nazionale ne tantomeno l’arbitro (che a mio avviso non è stato neanche male, tranne due episodi lampanti) ma come fanno le inteviste i giocatori e coach…tutti pieni di ipocrisia!

          • kinky 20 Settembre 2015, 14:38

            Anzi dir di più: noto meno ipocrisia dai nostri che da Dusatoir. I nostri non si sentono tutelati? Fanno bene a lamentarsi, o meglio, fanno bene a chiedere spiegazioni. Io al posto loro e con 3 partite davanti farei lo stesso, che vi piaccia o no che sia elegante o meno che non rispecchia i valori del rugbysta provetto ma al mondiale si guarda al concreto e se serve lamentarsi per ottenere di più lo faccio, ancor di più se non mi sento inferiore all’avversario (parlo della prima linea in mischia chiusa) e vengo perenne te sanzionato pure con la maglia mischia ordinata!

    • Bravo Wilko 20 Settembre 2015, 16:49

      Giusta osservazione …. Alberto da Giussano … ma rimane anche il fatto che i giap in 10 anni e con budget inferiori alla FIR hanno fatto un lavoro serio, noi in 15 anni e budget doppi nulla …. è il caso di usare il motto di Gavazzi: di sconfitta in sconfitta alla catastrofe finale

      • TommyHowlett 20 Settembre 2015, 21:06

        Budget inferiori? Gli sponsor del rugby in Giappone sono tutte multinazionali come Panasonic e Mitsubishi, per citarne un paio, che ci mettono vagonate di yen. Il campionato locale è tra i più ricchi al mondo. Aggiungiamoci la capacità, a noi sconosciuta, di fare sempre le cose bene e si capisce perché loro battono il Saf e noi ne becchiamo 30 dai francesi più scarsi della storia

    • balin 20 Settembre 2015, 21:39

      Non ho capito, Dusautoir parla male dell’arbitro però ha vinto, può farlo. I nostri idem, ma hanno perso, non possono farlo. O no?

    • Hullalla 21 Settembre 2015, 06:04

      Castro: “L’arbitraggio? Difficile da comprendere. Intendiamoci: ha sempre ragione ma ogni settimana è una cosa diversa e allora diventa difficile, se ci dicono cosa dobbiamo fare lo facciamo…”

      Dusatoir: “C’è stato un problema con la linea del fuorigioco, non abbiamo ben capito che cosa voleva l’arbitro”

      Non ci vedo differenze abissali. Il rispetto dell’arbitro non e’ mancato a nessuno dei due.
      E’ mancato pero’ a Paddy O’Brian, all’epoca capo degli arbitri mondiali, quando ha apertamente criticato l’arbitro che aveva “fatto fare brutta figura” agli All Blacks quella volta nel finale a Milano, minacciandolo esplicitamente di non farlo arbitrare piu’. Se puo’ mancare di rispetto anche il capo degli arbitri mondiali senza nessuna conseguenza, non vedo perche’ fare tante storie a riguardo.

    • ike 21 Settembre 2015, 07:03

      quotonissimo! Averne di gente come Dusatoir che gioca e parla solo quando serve e non a vanvera!!!!

  2. Mr Ian 20 Settembre 2015, 09:08

    ragazzi se si parla di arbitraggi siamo alla frutta più totale ed iniziano a starmi sulle balle….suvvia, cambiamo registro e concentriamoci sulla prossima partita perchè il Canada di ieri ha fatto vedere buone cose

    • mezeena10 20 Settembre 2015, 12:22

      ciao ian, senti le interviste di zanni e ghiraldini..l’ alibi piu facile hanno scelto, inaccettabile!!!

  3. maximages 20 Settembre 2015, 09:10

    Ma andate a…

  4. Appassionato_ma_ignorante 20 Settembre 2015, 09:21

    Per quel poco che ci capisco io, l’arbiraggio mi è parso decisamente all’altezza. La mischia non ha fatto il suo dovere, punto. Forse ci sono state un paio di furbate francesi (tipo far crollare la mischia dando l’impressione che fossero gli avanti italiani), ma la verità è che nell’economia generale della partita non ha inciso. In generale, mi sono sembrati inadeguati sia Castrogiovanni che Aguero, ma mi posso sbagliare.

    • frank 20 Settembre 2015, 12:41

      sei appassionato e non poì così ignorante come vuoi suggerire col tuo nick 😉

    • enricalvisano 20 Settembre 2015, 16:11

      Castro ormai ha finito la birra, purtroppo. Aguero non penso l’abbia mai avuta. Quindi sì, sicuramente i nostri piloni non erano all’altezza, ma al di là di quello certi dubbi restano… se nemmeno con il TMO si riesce a dare il giallo per quella cattivissima presa al collo in ruck, la moviola a cosa serve?
      In linea di massima la partita è stata arbitrata abbastanza bene, ma nel rugby anche i dettagli fanno la differenza. Anche se sono convinto avremmo perso comunque, in questo caso.

      • Airone valle Olona 20 Settembre 2015, 22:51

        No dai me lo ricordo Aguero a Viadana non quando tornò negli Aironi ancor prima, era un buonissimo giocatore se ne andò in Inghilterra ai Saracens probabilmente dal ritorno agli Aironi in poi è entrato in fase discendente ma dire che non ne ha mai avuta…

  5. tunga 20 Settembre 2015, 09:26

    Non sono d accordo la partita l abbiamo persa noi.
    Ma le valutazioni arbitrali pesano condizionano e certo non sono state chiare specialmente x noi che possiamo rivederle al rallentatore.

    • Alberto da Giussano 20 Settembre 2015, 09:35

      Ma che ognuno dei protagonisti se le guardi nell’intimo della sua camerette e impari a regolarsi di conseguenza.

      • Francesco.Strano 20 Settembre 2015, 10:07

        @Adg ti quoto per la prima volta…..

        • ginomonza 20 Settembre 2015, 13:40

          A dir la verità è la terza volta che lo quoti ! 😉

  6. franzele 20 Settembre 2015, 09:34

    Il metro di giudizio arbitrale è un problema, la soluzione è sapersi adeguare e avere le risorse per farlo.
    Comunque io vado in controtendenza, non mi piacciono quelli che tirano palate di letame in testa ai nostri ragazzi, è facile sparare dal divano.
    A tratti ho visto una bella squadra, nella confusione e nella foga abbiamo fatto molti errori e tanti ne abbiamo fatti fare ai galletti. Loro erano battibili ed erano preoccupati, la partita ci è sfuggita di mano. Ma loro sono effettivamente più forti, abbiamo due realtà rugbistiche che non possono nemmeno essere confrontate, qualche volta sarebbe il caso di ricordarselo.

    • Francesco.Strano 20 Settembre 2015, 09:41

      E soprattutto avere un capitano che si faccia sentire ?????????

  7. aiabasta 20 Settembre 2015, 09:36

    Non sono in grado di giudicare sulle mischie, ma anche a me i nostri sembravano sulle ginocchia. Però a proposito di metro arbitrale posso dire con certezza che se il fallo (platealmente antisportivo) di tilus borde lo faceva gori, si sarebbe seduto 10 minuti fuori dal campo a cavallo dei due tempi sul 9-3.

    • eryberto 20 Settembre 2015, 17:29

      Sono completamente d’accordo. Nascondere la sconfitta dietro la performance arbitrale non è giusto, la francia ha vinto per suo esclusivo merito (e demerito italiano), però il fallo di tillous borde era inammissibile, tanto che l’arbitro lo stava avvisando in tempo reale….aggiungo che, forse i tempi concessi all’uscita della palla nelle ruck, erano dilatati quando erano in possesso i francesi.
      Tra gli articoli che ho letto tempo fa, proprio su questo blog, si citava un pezzo (forse di un ex-giocatore irlandese, scusate ma non ricordo) dove si evidenziava la predisposizione degli arbitri nei confronti delle avversarie dell’italia.

  8. ermy 20 Settembre 2015, 09:38

    Mandatelo via, vi prego, anche subito adesso, farebbe meno danni così piuttosto che continuare a raccontare e trasmettere a questa squadra questo spirito da pensionato… basta!!! L’avevo detto che se lo si licenziava subito (assieme alle dimissioni di Gavazzi, sia chiaro…) avremmo guadagnato un anno nella costruzione della squadra 2019, alternando e provando i Canna e i Violi agli Allan e Gori, portando terze linee italiche al posto dei figiani, etc,etc…
    poi nel 2019 magari ci troviamo in girone pure il Japan!!!
    #forzajapan

    • gattonero 20 Settembre 2015, 13:11

      quoto,qui un anno fa si leggeva che era un suicidio aver esonerato il CT,ora mi chiedo se non si sia buttato,come scrivi tu, un anno di preparazione per il mondiale 2019…
      #forzajapan

      • ermy 20 Settembre 2015, 15:11

        Gattonero, è matematica! Quindi lo si sapeva anche un anno fa… per chi voleva vedere… 😉

    • Hullalla 20 Settembre 2015, 14:01

      Mi sa che le dimissioni di Gavazzi resteranno una chimera…

  9. Francesco.Strano 20 Settembre 2015, 09:40

    Ma anche il SUDAFRICA parlerà di arbitraggio?

  10. Frederick 20 Settembre 2015, 09:44

    più che degli arbitri bisognerebbe preoccuparsi dell’indisciplina,non è possibile regalare cosi tanti calci,detto questo non ho approfondito i commenti/interviste ma nessuno penso si sia sognato di dire che la partita l’abbiamo persa per l’arbitro. Rispetto agli ultimi scempi al sei nazioni non è stata una partita del tutto negativa. Quando si perde fa male,soprattutto per chi come il sottoscritto nel clima mondiale si era illuso che l’Italia potesse battere la Francia ma ragionando a freddo era ingenuo pensare che i problemi strutturali e le lacune di fondo scomparissero magicamente ( la “partita storica della vita” avviene all’incirca a sei nazioni alterni ogni due anni con qualche sporadica vittoria),questi sono gli attuali limiti di squadra e movimento e bisogna prenderne atto. Spero che adesso non si deconcentrino per le partite con Romania e Canada.

  11. burger 20 Settembre 2015, 09:45

    Non viene mai nominato il coach della mischia chiusa, De Carli, lui ha capito cosa vogliono gli arbitri???
    La disciplina aumenta con le certezze, qua c’è poco di solido, la Geogia ha capito molto meglio di noi il metro arbitrale, ci vuole un coach georgiano

    • Burroughs 20 Settembre 2015, 10:25

      Più che altro il videoanalyst dovrebbe studiare l’arbitro prima dell’incontro e riferire al tecnico della mischia…

      • gsp 20 Settembre 2015, 10:47

        Vero, ma il tecnico della mischia dovrebbe dare opzioni.

        • malpensante 20 Settembre 2015, 11:29

          Peppe, oh, là. Se fischia e rifai uguale, è perché tutta la mischia non sa cosa fare di diverso, hai voglia di pettinare la tua personale bambola. Caffè pagato che non sei acuto, di più. Acuminato.

          • giomarch 20 Settembre 2015, 16:08

            Se non ci capisci molto impari a tallonare veloce almeno le tue non le perdi come hanno fatto i nipponici. .

      • Hullalla 20 Settembre 2015, 14:03

        Le franchigie Sudafricane (senza scomodare la nazionale) hanno un videoanalyst dedicato solo agli arbitri.
        Abbiamo problemi di numero (ancor prima di parlare di qualita’) di persone nello staff della Nazionale (e delle franchigie di Pro12 no???)

    • mauro 20 Settembre 2015, 11:41

      forse varrebbe la pena di parlare anche del suo lavoro, di quello che fa e di quello che non sa fare. Ma siccome anche lui viene da Perpignan, ne parliamo alla fine del mondiale.

  12. ivo romano 20 Settembre 2015, 09:45

    Poite aveva chiaramente lanciato messaggi con la partita della Scozia facendo capire quanto eravamo fallosi ed indisciplinati e Joubert ha arbitrato alla stessa
    maniera.Cialtroni entrambi.Se si fischia 19 falli (intendo quelli veri) ci dovrebbero stare un paio di cartellini gialli oppure fischi cose banali per favorire
    chi sai tu.Poi c’è il codardo di turno di Galles-Italia,che galleggia appoggiato da federazioni che contano,che si inventa tre punizioni di seguito (come aveva fatto con l’Inghilterra)e aggiusta la pacca per i suoi amici.Avete mai visto
    una sola volta(compreso Pro12)che un giudice di linea alzi la bandierina a ns. favore, sempre e regolarmente contro(Minto gli deve urlare in faccia a 20 cm.
    che era strangolato).Noi siamo scarsi,piccoli,sporchi e neri.
    Politicamente non contiamo un c…o.
    Gavazzi dice che politicamente contiamo molto
    Ognuno ha le proprie opinioni.

    • Alberto da Giussano 20 Settembre 2015, 09:55

      Valutare il peso politico di una nazione sul metro arbitrale applicato è come pensare che se come italiani avessimo all’estero una grande considerazione non dovremmo prendere le contravvenzioni quando parcheggiamo a Berlino in doppia fila. Ma fammi il piacere, non le dicono più nemmeno i giocatori di calcio queste stupidaggini.

      • enricalvisano 20 Settembre 2015, 17:03

        Allora Alberto spiegami perché gli arbitri sono sempre delle solite nazioni, e quando c’è un errore è sempre ed inesorabilmente a vantaggio della squadra blasonata.

        • 6nazioni 20 Settembre 2015, 17:44

          quando si vince arbitri buoni,quando si perde arbitri non
          buoni, ecco un tifoso interista prestato al rugby.
          in una partita di rugby vince sempre il PIU’ FORTE.

          • mezeena10 20 Settembre 2015, 18:49

            quotone!
            chiacchiere e bon! e alibi a iosa..

  13. berton gianni 20 Settembre 2015, 09:50

    Gli arbitri sono…un male necessario.
    Ce ne sono di bravi e di meno bravi, ovvio.
    Vero e’ che il loro vertice dovrebbe puntare a far si che il metro di giudizio sulle mischie sia il piu’ univoco possibile.
    Il fatto e’ che, soprattutto in Italia, siamo stati quasi tutti rovinati dal calcio e dalle sue moviole.
    OT
    Un “pensiero di vittoria” va al giovane cestista Alessandro Pagani, colpito da un brutto attacco cardiaco, durante un torneo.

    • Alberto da Giussano 20 Settembre 2015, 10:02

      A Manerbio ieri sera, bravo presidente.

  14. Paolo 20 Settembre 2015, 09:59

    Buongiorno a tutti
    Volevo chiedere una cosa non inerente l’argomento dell’ articolo.
    Se qualcuno di Voi ha Sky online, mi può dire se nel programma di oggi c’è solo Galles-Uruguay? No, perchè ci dovrebbero essere anche Samoa-USA e All Blacks-Argentina

    • Paolo 20 Settembre 2015, 10:02

      Ringrazio in anticipo

    • Burroughs 20 Settembre 2015, 10:04

      Paolo, anch’io ho Sky online. In effetti ho controllato proprio ora e sembra esserci solo Galles-Uruguay. A quel che so io, avendo dato i nostri soldini, dovrebbero farci vedere tutto.
      Comunque, potrebbe essere solo un problema di aggiornamento della pagina…

    • gattonero 20 Settembre 2015, 13:12

      anch’io ho in programma solo galles uruguay

  15. Burroughs 20 Settembre 2015, 10:08

    Fermo restando che è abbastanza insulso prendersela con l’arbitro, facendo finta di non capire cosa voglia (1°tempo, quattro, non uno, calci di punizione contro fischiati su nostra introduzione), permettetemi solo di dire che, a mio modesto avviso, un bravo arbitro è un arbitro che evita di fischiare qualsiasi cosa succeda in campo, mentre dovrebbe concentrarsi solo su quelle più importanti.
    Esempio: Zanni in sostegno perde l’equilibrio e mette per qualche secondo le mani per terra, fallo, francesi sdraiati in ruck, nulla…

    • malpensante 20 Settembre 2015, 11:30

      Quella è stata davvero incomprensibile, tra l’altro le ha alzate subito senza ravanare.

      • And 20 Settembre 2015, 15:20

        pure quelli di ITV non hanno capito questa chiamata di Joubert

  16. ivo romano 20 Settembre 2015, 10:15

    Alberto, penso che dovremmo essere quasi coetanei e allora mi permetto di dirti
    che il rugby è uno sport meraviglioso e gli uomini che fanno parte sono
    gente spesso straordinaria e generosa.
    La classe arbitrale a livello europeo eè autoreferenziale, immodificabile e spesso disonesta con le federazioni piu’ deboli.
    La Scozia ha paizzato il terzo arbitro in Pro12,quando noi faremo la stessa cosa
    ne riparleremo.

    • Alberto da Giussano 20 Settembre 2015, 10:18

      Non mi fraintendere, ma è un tema che mi mette l’orticaria.

    • ginoginetto 20 Settembre 2015, 10:39

      il rugby , parlo da ex arbitro, è lo sport di squadra più condizionato dalle scelte arbitrali, che però, bontà sua, si auto-assolve sulla enorme premessa filosofica che lo contraddistingue. Le premesse però solo oramai riscontrabili nei campi di serie C , dove si lotta e si perde o vince per una birra. A questi stratosferici livelli questo non esiste più. E’ di evidenza solare che il giro stretto tende a non far entrare nessuno. Sono solo arbitri di cultura anglosassone, fanno tanta fatica anche i francesi. Ne porto esempi storici. Nel 95, 99, 03, 07, 11, 15 nessun nostro ha arbitrato una sola partita, eppure parliamo di Giacomel, Lombardi, De Santis, e di altri davvero validi. Nel Sei Nazioni ci fanno sistematicamente sbandierare di 16, dico 16 edizioni, pur avendo visto scempi folli da parte di anglosassoni, Irlanda Italia del 2006 è caso di scuola. Ciò porta a riscontrasi sempre tra di loro. nello specifico se l’Italia ha commesso 19 falli, neanche nelle partite amatoriali, e la Francia 16, ma tanti a partita fatta, e nessun giallo , è evidente che l’arbitro ha chiaramente perso il senso della partita. Il non giallo al mediano di mischia è così evidente che avrebbe, di molto, girato l’inerzia dell’incontro. E non val il discorso che “avremmo perso…lo stesso…” E’ vero tecnicamente, ma in campo, spesso, è l’inerzia emotiva che condiziona il gioco. Giocare sempre in carrozza è davvero un altro sport. Poi è ovvio, i nostri dimostrano ingenuità da campionato U 16. MA ripeto il senso dell’arbitraggio nella partita è elemento che esiste e che costruisce la partita, altro che storie. Detto questo vittoria francese meritata, ma non nel punteggio

      • tony 20 Settembre 2015, 10:47

        Verissimo vittoria meritata ma non nel punteggio.Non voglio ritornare sull’arbitraggio …però la stampa è del tuo parere.

      • gsp 20 Settembre 2015, 11:28

        ginoginetto mi farebbe piacere palarne con calma, a partita morta e sepolta.

      • bangkok 20 Settembre 2015, 12:43

        Hai perfettamente ragione. Qui non si vogliono assolvere gli azzurri che errori ne hanno fatti a iosa, ma non è nemmeno possibile far finta che l’arbitro non puo’ condizionare l’andamento di una partita in maniera veramente pesante.

      • R2D2 20 Settembre 2015, 12:53

        Esattamente quello che ho scritto io nel commento alla partita. Sono confortato dal fatto che la penso come un ex arbitro.
        Vuol dire che non ho perso tutto il senno….

      • Darko 20 Settembre 2015, 13:13

        Quoto totalmente, è intollerabile che la classe arbitrale sia una casta chiusa appannaggio delle squadre in testa al ranking. E le sfumature a volte contano molto…come vedere o non vedere un francese che si infila nella nostra rolling maul vicino all’area di meta, puoi tornare a mani vuote o con 7 punti e un giallo.

      • gallico 20 Settembre 2015, 16:41

        completamente daccordo!

      • Legionario 20 Settembre 2015, 23:29

        Concordo ma forse le federazioni dei Paesi minori dovrebbero fare fronte comune e chiedere più trasparenza

  17. Francesco.Strano 20 Settembre 2015, 10:21

    Comunque 9 falli equamente divisi tra Furno,Castro e Zanni sono troppi…… Sopratutto per gli standard del beneventano e del friulano……

    Ma la cosa più IGNOBILE è che Brunel resti al suo posto !!!!! Senza palle (da rugby ,per specificare)

    • Francesco.Strano 20 Settembre 2015, 10:22

      Assieme a tutti i senatori…… E ai giovani che meriterebbero di giocare di più che invece stanno in panchina o tribuna

  18. burger 20 Settembre 2015, 10:30

    Brunel, fosse x lui se ne sarebbe sndato da anni
    Il rugby italiano e’ finto, gli arbitri? Il solito alibi
    Resp, alto livello che dice?? Colpa degli arbitri
    Mai uno che dica abbiamo sbagliato?
    Georgia e japan sono disciplinati perche’ hanno certezze nel gioco noi solo alibi, e post siu social
    Gavazzi un po di dignita

    • mauro 20 Settembre 2015, 11:47

      “Brunel, fosse per lui se ne sarebbe andato da anni”
      Difatti è rimasto perchè sua moglie è innamorata dell’Italia, come la moglie di Zidane che ha voluto andare a Madrid perchè le piaceva il mare.
      Ma fame un piaxer…

  19. gsp 20 Settembre 2015, 10:32

    Manca anche l’allenatore della mischia, oltre al capo allenatore. Sulla disciplina é sintomo della preparazione mentale della squadra. Nessuno ricorda quanto c’ha mouneimne a rivoltare la squadra sulla disciplina.

    Insomma basta vedere Jap per capire la differenza tra una squadra allenata ed una raffazzonata.

    Cmq ancora 3 partite ed in bocca al lupo.

    • malpensante 20 Settembre 2015, 10:49

      La Georgia.

      • gsp 20 Settembre 2015, 10:54

        Esatto, una squadra che gioca a fare il meglio con quello che ha. Non l’ho vista in tv, ma sono daccordo con te, Gori male, male ieri. Roba da metterlo in panca alla prox.

        • Rabbidaniel 20 Settembre 2015, 11:08

          Gori ha giocato veloce la prima punizione, in quel momento ho trattenuto una bestemmia, le altre no.

          • Francesco.Strano 20 Settembre 2015, 11:18

            Macche ????? Gori è un fenomeno……….

            Giocherà anche la prossima finché qualcuno non si accorgerà che Violi li è superiore per talento….

          • gsp 20 Settembre 2015, 11:23

            In quel momento ho capito che la partita non era preparato, o il mediano non era al corrente del piano. Errore imperdonabile, m’ha fatto bestemmiare come un turco.

          • malpensante 20 Settembre 2015, 11:38

            Peppe, il piano non c’è. Lo stesso di scapoli ammogliati: se anche un mostro di disciplina come Zanni svacca, una domandina su che cazzo di strutture abbiamo da eseguire è il minimo. Leggevo di Allan che non attacca la linea e non ha un bel passaggio: ma se gioca con Bastardòn addosso che cerca di investirlo con la locomotiva, vorrei anche vedere che facesse vedere altro oltre che evitarlo e darla via senza perderla. Chiedere al braccio di Kelly, per referenza.

          • gsp 20 Settembre 2015, 12:35

            Manca tutto e non si sa che cazzo hanno in questi due anni.

            Peró Io so, rabbi sa, tu sai che quella palla non va giocata veloce in una partita punto a punto. Gori non lo sa?

            Poi anche Brunel ha una sfiga negli infortuni che la metá basta.

          • malpensante 20 Settembre 2015, 12:59

            4

          • gsp 20 Settembre 2015, 13:13

            Dico 2 (forse meno) a preparare specificamente questa partita contro la Francia. Della serie “you had one job…” Sui 4, a vabbeh. Non riesco a capire come Brunel arrivi a livello di qualitá del lavoro cosí bassi del suo personale lavoro e del suo staff, ed accettarli.

            Adesso vediamo chi chiama, non so chi sia rimasto nella lista dei 50.

  20. burger 20 Settembre 2015, 10:35

    Per curiosita’, ma Bergamauro xche’ non e’ entrato al posto di Minto?
    Favaro chiamato all’ultimo gioca prima di lui?
    E’ stato convocato solo x il record in accordo con i dirigenti, ci sono altre ragioni? Triste…..

  21. rd973 20 Settembre 2015, 11:11

    Che le decisioni dell’arbitro siano indiscutibili quando si è in campo ci stà e lo apprezzo, ma a partita finita e con il dovuto rispetto ed educazione dell’arbitraggio se ne dovrebbe poter discutere eccome!
    Gli arbitri non sono dei infallibili e imparziali, sono esseri umani che commettono errori, hanno le loro simpatie e antipatie e qualcuno può avere anche i suoi interessi, in buona o cattiva fede.
    Se ad una squadra vengono concesse cose che all’altra non sono consentite non c’è più equilibrio nel match.
    Nella partita Sud Africa – Giappone ho visto un sudafricano tirare una maul, ripeto tirare, non spingere, prendendo per la maglia un giocatore giapponese con l’arbitro a due passi che non ha fischiato nulla. Placcaggio al collo sudafricano fischiato con una semplice punizione, a parti invertite sarebbe stata la stessa cosa? Se a farlo fosse stato un tongano (con la nomea che hanno), semplice punizione o cartellino giallo se non rosso?
    Parliamo del lasciare il pallone dopo un placcaggio o del rotolare via? Alcune squadre sembra che possano concedersi dai 5 ai 10 sec di maneggi vari, ad altre vengono consessi dai 5 ai 10 millisecondi per evaporare nel nulla.
    Sono solo alcuni episodi e volutamente non ho preso in considerazione l’Italia perchè essendo anche io umano, come gli arbitri, il mio giudizio potrebbe essere influenzato dalle mie passioni

    • pesopiuma 20 Settembre 2015, 11:23

      Sono d’accordissimo.
      L’Italia ha mille problemi (primo tra la mancanza costante dei sostegni sui giocatori che riescono ad avanzare).
      E ieri ha preso troppi falli contro per propri demeriti. Però non è la prima volta che si nota una fiscalità sistematica contro la nostra nazionale senza vederla dall’altra parte. Due esempi in particolare:
      1. Ogni volta che l’Italia ha impostato la maul, i francesi arrivavano da tutte le parti. Ho visto Pape almeno tre volte appeso in mezzo alla maul italiana. E’ chiaro che se l’arbitro non sanziona l’avversario gioca su quello.
      2. la pulizia della ruck fatta col braccio al collo da parte del francese (non ricordo chi) nel secondo tempo. Solo calcio di punizione. A parti invertite 9/10 avrebbe dato il giallo.

      • pesopiuma 20 Settembre 2015, 11:24

        E la meta di Mas non è proprio limpido che abbia toccato la base del palo, a dirla tutta. O comunque lo ha fatto con ben più di un movimento

        • malpensante 20 Settembre 2015, 11:40

          Magari se Luke si risveglia a tempo, non la tocca.

          • Rabbidaniel 20 Settembre 2015, 11:48

            È andato a placcare alto uno col baricentro bassissimo. Che altro dire?

          • pesopiuma 20 Settembre 2015, 12:33

            l’errore del placcatore non lo nega nessuno, ma quella non è meta.
            L’Italia ha perso assolutamente per demeriti propri, ma certe scelte danno comunque fastidio, non penso la Francia ne abbia bisogno.

          • mezeena10 20 Settembre 2015, 12:35

            e se poco prima quando joubert ha chiamato maul si fossero buttati sopra i francesi e il pallone sarebbe stato turnover, invece son rimasti sulla linea in posizione di partenza..
            insomma in tanti han dormito ieri..

      • gsp 20 Settembre 2015, 12:38

        Peso,I sostegni mancano perché Manca piano, strategia, comunicazione, ed il mm, per scelta o necessitá, fa il c…o che gli viene in testa.

        • pesopiuma 20 Settembre 2015, 12:58

          Manca tutto, altro che. Dopo 4 anni non c’è una identità, nemmeno elementare, di gioco. E’ un fallimento del tecnico.
          E non difendo nemmeno chi secende in campo. Non correre appresso al compagno che fa il buco è colpa del giocatore che non si attiva per il sostegno. Così come il fatto che la scelta di gioco con la palla in mano è quasi sempre quella sbagliata: anche in assenza di strutture, a quel livello una capacità di lettura minima (ma proprio minima, del tipo entro o la passo…) da parte del giocatore mi sembra normale.
          Però non è la prima volta che si nota verso gli altri una certa manica larga che con noi non c’è mai nel metro arbitrale: è un argomento tabù?

        • gsp 20 Settembre 2015, 13:15

          Peso, quello che volevo dire é che I sostegni sono lenti, non per lentezza dei giocatori, ma per mancanza di organizzazione.

          • pesopiuma 20 Settembre 2015, 16:01

            Io vado pure oltre…al di là della mancanza di organizzazione, i giocatori non hanno proprio l’attitudine a portarlo, il sostegno. Se Ghiraldini fa un buco come quello di ieri sera, il compagno deve accelerare, convergere con la corsa e corrergli dietro, non stare a guardare. Son cose che si imparano da ragazzi. Questa è una questione di mentalità, di formazione; Brunel o non Brunel, organizzazione o meno, stiamo parlando di fondamentali basilari.

  22. ivo romano 20 Settembre 2015, 11:15

    @ginoginetto.Curiosità tecnica:introduzione in mischia del Giappone,dopo 1 secondo preciso la palla ce l’ha in mano il loro 8,l’avevano fatto 5-6 volte
    contro di noi nel tour estivo senza che l’arbitro intervenisse, perchè un conto è metterla un pò storta(lo fanno tutti) e c’è un po’ d’ingaggio un conto
    è metterla direttamente dietro la gamba del tallonatore,per me erano tutti falli da fischiare.

  23. Sergio Martin 20 Settembre 2015, 11:17

    Abbiamo visto tutti, ieri sera, che possono esserci stati degli errori dell’arbitro piu’ a nostro sfavore. E pure io ieri sera mi sono incacchiato. Allora facessero una seria analisi della partita e, se è vero, facciano il solito dossier da mandare a chi di dovere. Ma parlare, cosí, a caldo, dell’arbitraggio, quando hai perso 32-10, ha il sapore della scusa. Abbiamo perso e “giustifichiamo”. Il focus andrebbe messo su altro. Purtroppo, Aguero e Castro ieri sera non mi sono parsi all’altezza. Mi dispiace dirlo, per tutte le battaglie – vinte – che ci hanno regalato, ma è cosí. La partita la perde chi fa meno punti, e noi con le nostre sportellate ne facciamo sempre meno degli altri. FIR: prendete la partita del Giappone di ieri sera e fate una seria analisi su di essa, allrgando il campo a ragionare su come siano arrivati a vincere contro il Sudafrica ai mondiali, cosa che noi ci sogniamo.

    • tony 20 Settembre 2015, 11:23

      @Sergio Aguero e Castro è da quando hanno cambiato le regole sull’ingaggio che soffrono….purtroppo.

      • tony 20 Settembre 2015, 11:37

        Vorrei dire di più , se avessero uno come Manuel Ferrari, magari qualche problemino in meno ce l’avrebbero.

        • Machete 20 Settembre 2015, 13:22

          hanno ambedue 34 anni è questo il principale problema!!

          • tony 20 Settembre 2015, 15:55

            Vero anche questo….

          • Sergio Martin 20 Settembre 2015, 17:06

            Esatto

          • Hullalla 21 Settembre 2015, 06:09

            L’eta’ non sembra un problema per Matfield.

    • Francesco.Strano 20 Settembre 2015, 11:23

      Ma chi fa l analisi????? Non credo che I nostri analyst abbiano un curriculum da invidiare………

      Non sanno manco loro cosa analizzare

      • LiukMarc 20 Settembre 2015, 13:32

        Su questo mi sa che devo darti ragione, non sembra che si sappia analizzare una partita come si deve, nè tantomeno il metro arbitrale (una squadra seria sa già come arbitra uno o l’altro a grandi linee prima della partita, e ci si adatta. Gli irlandesi in questo insegnano).

  24. faduc 20 Settembre 2015, 11:47

    Scusate, io di mischia ne capisco poco. Ma se Castrogiovanni si mette lungo per puntellare, vuol dire che non tiene la spinta iniziale, con il risultato che se la mischia avanza di un centimetro (anche perché gli avversari vedono la sua postura e, magari, cedendo un attimo lo fanno cadere) lui va lungo

  25. Giovanni 20 Settembre 2015, 12:06

    Ma che tristezza di dichiarazioni! Il metro arbitrale…non una parola su altre cose. Andate a rivedere le linee di corsa dei trequarti nipponici: i nostri vanno ancora dritti all’autoscontro dopo 20 anni. Anzi, 20 anni fa c’era Vaccari che aveva i cambi di direzione, oggi nessuno. Andate a rivedere i sostegni alle ruck dei giapponesi e poi quelli pachidermici dei nostri. Andate a rivedere come facevano girare la palla in velocità loro e come i nostri fanno inavanti dopo 3 passaggi pur giocando più lenti. Che tristezza!

    • Sergio Martin 20 Settembre 2015, 12:07
    • Zamax 20 Settembre 2015, 12:36

      Hai ragione. Finché si parlerà dei singoli, delle scelte di Brunel, o degli arbitri continueremo a non vedere il problema principale. I guai che tu evidenzi derivano tutti però dal fatto che l’Italia (caratteristica negativa di tutto il rugby italico) è una squadra che non corre. E la “corsa” di una squadra deriva dalla sua organizzazione, non dalle qualità atletiche dei giocatori. La lentezza nei riposizionamenti e nel sostegno è esasperante. Non ci sono automatismi. E i tempi morti nella reazione agli sviluppi del gioco ci condannano a giocare con l’handicap sia in difesa sia in attacco. Guardando la Georgia difendere alla morte contro Tonga si intuiva bene come vi fosse sempre la preoccupazione di non farsi risucchiare nei raggruppamenti più del dovuto e di mantenere la difesa schierata a ogni costo. Se si applica la stessa logica in attacco si capisce bene perché i nostri, non applicandola, siano quasi costretti ad “andare” dritti all’autoscontro…

      • Alberto da Giussano 20 Settembre 2015, 14:04

        Lo Staff! questo sconosciuto!!!!

        • oliver63 21 Settembre 2015, 00:45

          Se elimini le franchigie ti avanzano un sacco di soldi da mettere nello staff della nazionale

  26. fantasyste 20 Settembre 2015, 12:06

    Io sono delusissimo. Continuo a guardare il Giappone e mi chiedo quando saremo capaci di certe imprese 🙁

  27. LiukMarc 20 Settembre 2015, 12:42

    MI viene da piangere… Continuiamo a buscarcele ad ogni partita o quasi e tiriamo fuori l’arbitro (che comunque non mi ha convinto al 100%, ma è un’altra storia).
    Quando gioca il Giappone?

  28. ginomonza 20 Settembre 2015, 13:02

    Sono 88 post per discutere di arbitri.
    Ora in Pro12 si dice che gli arbitri sono contro e così nel 6N ed ora pure nella rwc.
    Sarà mica per caso che siamo noi che non ci capiamo niente?

    • andrease 20 Settembre 2015, 13:32

      caro gino hai ragione da vendere!
      anche perchè non è possibile che tutti gli arbitri ce l’abbiano con noi visto che, ad eccezione del match col galles, ci fischiano sempre gli stessi falli.
      Inutili le parole di Castro che dice sugli arbitri “ogni settimana è una cosa diversa”, quando è lui il primo a rifare le stesse cose che gli hanno fischiato la settimana prima!
      Cambiare mentalità gente e giocare con lo stesso diavolo in corpo dei Jap!
      che poi è quello che facevamo 20 anni fa…

      • kinky 20 Settembre 2015, 15:50

        Caro Gino sono 88 post che si parla dell’arbitro perché il tema dell’articolo riguarda l’arbitro!

        • ginomonza 20 Settembre 2015, 19:32

          Anche questo è vero ! 🙂
          Però penso tu abbia capito il succo ! 😉

  29. Machete 20 Settembre 2015, 13:19

    quindi è colpa dell’arbitro se :
    – i piloni si sdraiano…quelle volte che joubert fa ripetere la mischia si sdraiano di nuovo
    – pronti via punizione per noi Gori batte veloce (in settimana dovranno benedire il mio palazzo per quante ne ho dette)
    – c’è gente che non sa placcare (Sarto va alto su Picamoles che giustamente lo lascia per terra e si fa 50 metri …Mclean pensa di fermare uno col baricentro basso in corsa prendendolo per la maglietta)
    – Vunisa viene schierato per l’ennesima volta a 8 dove rende zero
    – i cambi sono sempre un optional
    – il migliore degli azzurri è Allan che placca difende e calcia bene pur essendo puntato da uno come Bastereud alla faccia dei senatori che dovrebbero dare l’esempio
    – non c’è un piano di gioco difensivo ……tralasciando quello offensivo che non credo sia proprio contemplato
    – la preparazione atletica?? alcuni dopo 20 minuti avevano già la lingua di fuori
    si si proprio colpa dell’arbitro!!!

    • Alberto da Giussano 20 Settembre 2015, 14:02

      Ecco! Bravo.

    • xnebiax 20 Settembre 2015, 15:24

      sottoscrivo in toto…
      Castro e Aguero reggono in mischia se e solo se l’arbitro gli fa fare la mischia come piace a loro.

    • enricalvisano 20 Settembre 2015, 17:19

      E Gori quanti palloni ha perso in ruck a causa della sua atavica lentezza?

      • Machete 20 Settembre 2015, 21:58

        Gori è inguardabile…non solo da ieri purtroppo !

    • Airone valle Olona 20 Settembre 2015, 23:05

      92 minuti di applausi!

  30. jazztrain 20 Settembre 2015, 13:20

    Ho visto la partita in differita a casa di amici.
    Il padrone di casa, che ha giocato per anni a pilone destro era arrabbiato con il metro adottato dall’arbitro; infatti, sosteneva la tesi, che la fiscalità dell’arbitro su alcuni falli dei nostri, contrapposto al lassismo adottato nei confronti dei francesi era eccessiva e che le sue scelte ci abbiano penalizzato troppo al punto da creare le premesse per il successo dei transalpini.

    Ripensando alla partita, ho visto tanta buona volontà, ma per l’ennesima volta non siamo stati in grado di concretizzare le nostre azioni grazie alle nostre ingenuità sia in attacco che in difesa (mi riferisco anche ai falli in mischia che tanto ci hanno penalizzato). Dispiace, perché non ho visto una Francia irresistibile, non mi sono sembrati superiori ai nostri, semmai ho visto una Francia cinica sul modello anglosassone che ha messo da parte il rugby champagne per sfruttare al massimo i nostri errori (la differenza alla fine è stata di due mete ad una per i transalpini)

    Ora dobbiamo tentare di reagire giocando al meglio contro Canada e Romania, sperando, inoltre, che contro l’Irlanda ritorni Parisse e si possa tentare l’impossibile (Giappone docet)…. Io credo che sia prematuro fare bilanci, i bilanci si devono fare alla fine del torneo.

    In ogni caso, quando finirà il Campionato, si dovrà aprire una discussione a tutti i livelli all’interno della nostra Federazione, non si può continuare a gestire in maniera così superficiale un movimento come quello rugbistico nazionale. Se l’andazzo dovesse continuare allora non saremo più credibili a livello internazionale e potremmo pagare a caro prezzo le conseguenze.

    P.S. Se la Georgia dovesse battere gli argentini nella prossima partita, e riuscisse a raggiungere i quarti, chi impedirebbe loro di chiedere in futuro di entrare al posto dell’Italia nel 6 Nazioni?

  31. zattozatto 20 Settembre 2015, 13:42

    Chiedo lumi…. io non capisco ancora la gestione del “vantaggio” da parte degli arbitri… a volte tornano sul fallo dopo 10 fasi e altre dopo 2 fasi il vantaggio è finito.Non si potrebbe fare una regola che dopo 3 fasi il vantaggio è finito?

    • Alberto da Giussano 20 Settembre 2015, 14:00

      Il vantaggio non si misura in tempo o in fasi ma in metri reali guadagnati.

      • enricalvisano 20 Settembre 2015, 17:24

        Però in una nostra azione il vantaggio era finito senza che fossimo avanzati di un passo

  32. edopardo 20 Settembre 2015, 13:54

    Cambiando discorso.. ma noi chi mettiamo a fine campionato al posto di una prima linea spompata e un pò in anni?Chi or ora al posto di cittadini,rizzo,aguero,castro,goldenyus,bergamasco,gracia,masi,parisse?
    Sono molto preoccupato.
    Mi sembra modestamente che siamo giustamente dove siamo nel ranking,sto guardando usa,samoa e ad errori e falli siamo piu o meno li come momenti di blackout a momenti lucidi.Ma almeno mi pare che siano tutti o quasi molto piu giovani in queste squadre.

    • tony 20 Settembre 2015, 14:53

      Mettiamo Zanusso,Lovotti,Ferrari,DeMarchi,Cedaro,Steyn,Mbanda,Negri,Barbini,Boni,Benvenuti,Bisegni, Morisietc per dire a pari età Zanusso e Ferrari sono più performanti di quanto lo fosse Totò Perugini. Poi chiaro è tutto da vedere.

  33. Montsegur 20 Settembre 2015, 14:04

    Ce la possiamo giocare con tutti, così si dice, ma poi perdiamo sempre. Boh, forse non capisco io.

    • PaoloTO82 20 Settembre 2015, 14:51

      Ma sai un allenamento con noi lo farebbe chiunque.

  34. frank 20 Settembre 2015, 14:27

    Samoa – USA molto soporifera…

  35. GioDuke 20 Settembre 2015, 14:28

    Giusto per capire meglio il metro arbitrale e la comprensione delle regole dai più esperti, io ho notato questi possibili “errori” da parte dell’arbitro nei nostri confronti.

    – Meta di Mas non proprio limpida,
    – fallo di Zanni in ruck molto severo con calcio da posizione favorevole dato ai francesi
    – giallo evidente non dato ai francesi per un placcaggio al collo
    – forse un tenuto a terra dato ai nostri (che forse c’era) ma a fronte di un ingresso in ruck precedente dei francesi che hanno impedito il nostro sostegno

    C’è stato altro su cui poter questionare di altamente evidente? Dico così perchè il giudizio in mischia chiusa è cmq sempre opinabile.
    grazie a chi mi risponderà

    • Alberto da Giussano 20 Settembre 2015, 15:45

      Mettiamola così. Il giorno che un marito si mette a elencare le “colpe” della moglie è meglio che si separi. Idem per il rugby, il giorno che un giocatore, allenatore, dirigente spettatore di rugby si mette contare i torti arbitrali subiti è meglio che smetta perchè sta vedendo,giocando o allenando un altro sport.

      • gsp 20 Settembre 2015, 16:07

        AdG. Lascio la partita da parte, ma c’é un problema strutturale su arbitri, come decidono, come vengono scelti, é sulla mancanza totale di costanza nelle decisioni.

        • Alberto da Giussano 20 Settembre 2015, 16:38

          Certo che c’è. Gli strumenti tecnologici esistenti dilatano queste discrepanze. Ma la sostanza non cambia. Come esiste un problema di formazione degli allenatori esiste anche un problema di formazione degli arbitri. Gli allenatori nelle sedi opportune possono anche dire la loro su come si trattano alcune situazioni di gioco. Che lo facciano a fine partita è inaccettabile.

  36. venezuela 20 Settembre 2015, 14:47

    E dopo aver risolto il problema apertura,visto che Allan sta onorando la maglia da titolare, ci rimangono da risolvere i seguenti:
    – problema centri….finiti
    – piloni….confusi
    – n8….insostituibile
    – estremo….ciapanò
    – ali….boh
    – preparatori atletici….da reparto geriatrico
    – allenatore….colpa degli arbitri
    ma il Giappone cosa porta??

    • enricalvisano 20 Settembre 2015, 17:28

      Concordo su Allan. Però per una volta che Venditti e Sarto fanno vedere qualcosa di buono, mi sembra strano definirli con un “boh”.

      • venezuela 20 Settembre 2015, 19:07

        mi spiego meglio: il pari ruolo Nakaitaci ha toccato forse meno palloni di loro e ha fatto più metri di loro messi insieme, altra cosa: calcio in profondità su Spedding, quindi un bel volpone, Sarto sale a mille facendosi fregare troppo ingenuamente, te lo insegnano fin dagli under che in questi casi devi accelerare fino a quando l’estremo riceve la palla dopodichè lasciare da parte la foga e andare a placcare possibilmente….

  37. Bula Bula 20 Settembre 2015, 14:59

    Mi sembra veramente assurdo che si parli dell’arbitraggio nel rugby!la prima cosa che si impare nel campo é che l’arbitro ha sempre ragione…. I problemi sono ben altri…perché dare tanti soldi a due franchigie che per di piú giocano all’estero invece di usarli per promuovere l’eccelenza…e al massimo chi la vinca abbia “l’onore” di giocare la Championship Cup??e poi dare tanti soldi alle franchigie per cosa??per lavorare cosi male con i giocatori…guardate Rizzo/Ghiraldini/Barbieri, per esempio, come sono migliorati giocando in una squadra con preparazione e qualitá tecnica all’estero…

    • PaoloTO82 20 Settembre 2015, 15:06

      Sei sarcastico o sul serio?

      • Bula Bula 20 Settembre 2015, 15:15

        Lo stesso Ghiraldini ha affermato che é in miglior forma adesso…per cosa sará??per come si allena a Leicester adesso o per come lo preparavano a Treviso????io dico solo che bisognerebbe dare piú soldi hai club italiani (in italia) perché formino meglio i giocatori…

        • PaoloTO82 20 Settembre 2015, 18:35

          No prima devono formare i formatori… guarda l’Argentina. Giochi in casa o niente nazionale ma prima si sono strutturati

    • enricalvisano 20 Settembre 2015, 17:31

      Sull’inutilità delle franchigie ho già espresso parecchie volte la mia opinione, gli errori della federazione li conosciamo un po’ tutti… ma l’arbitro non si critica -in campo-! Però per quanto ne so non ha ancora diritto a modificare a piacimento il regolamento, quindi se fa dei gravi torti arbitrali, magari pure voluti, a fine partita si ha tutto il diritto di farlo notare. Magari in maniera garbata e non dicendo “è stata colpa dell’arbitro” come ha fatto questa manica di pirla capitanata dall’inutile baffo.

  38. And 20 Settembre 2015, 15:28

    ma quella pulizia di Rizzo su Parra in ruck..era legale? x me ha rischiato. Se Furno non rotola via è colpa di Joubert? A parte quella di Zanni nel primo tempo le altre chiamate di Joubert mi paiono giuste.

    • enricalvisano 20 Settembre 2015, 17:32

      Aveva già le mani sul pallone, perché Rizzo non avrebbe potuto fare ciò che ha fatto?

  39. Stormtunder 20 Settembre 2015, 15:57

    L’italia ha perso la Francia ha vinto. Punto. Non si discute. Poco gioco e poche idee degli azzurri, sicuro. Allenatore, staff e movimento che non fanno il oro dovere. Giusto.
    Nel rugby non si parla mai di arbitro!
    Ma questo vale quando sei in campo. Sul blog vale eccome!
    Non cerco alibi. La partita è stata persa.
    Ma scusate tanto, a chi dice che “ci si deve adeguare al metro di giudizio dell’arbitro”, mi spiegate cosa significa? Che con un arbitro gioco a rugby e con un altro gioco a ping pong? Con uno valgono le regole del handbaal e con un altro valgono quelle del ciapa nò?
    Se in ruck una squadra fa il cacchio che vuole e l’altra viene sanzionata se entri con lo scarpino slacciato, se in mischia mi lego e l’avversario crolla mi fischi contro perché sono io che non l’ho fatto stare in piedi? Ma per piacere. Ho fatto abbastanza mischie e ruck e maul, anche se non sono arbitro, da rendermi conto che ieri sera (e non solo ieri) contro l’Italia c’è stato un metro di giudizio che non era da rugby, o quantomeno, non potete dirmi che sono i giocatori che si devono adeguare. Non posso fare una partita da pilone legandomi in modo, e la partita dopo con un altro arbitro mi devo legare in modo diverso? Ma che zocca state dicendo? Io mi alleno e spingo e mi lego allo stesso come mi viene insegnato ai termini di regolamento. Se son più forte vinco la mischi se no la perdo. Non è che se capisco l’arbitro vinco se non so adeguarmi perdo. Allora lo sport diventa “capire l’arbitro” non spingere più forte. Ma per piacere. Smettete di fare i moralisti e dire che parlare di arbitri è un alibi. Si gioca male e si perde, va bene, ma se vai sotto di 18 punti e non sai nemmeno perchè, il resto della partita che fai? Non è stato l’avversario a metterti sotto, ma il fatto che le regole che conosci del gioco non valgono più. Quindi continui a giocare come hai imparato o giochi violando le regole rischiando di prendere altri falli? Comunque resta il fatto che non è l’avversario che ti mette sotto ma una componente del gioco che dovrebbe essere quasi invisibile nel gioco stesso. Ci siamo sempre presi gialli giusti, ma vedere ieri Gori trattenuto dal francese e nemmeno un giallo che se invece fosse stato GIUSTAMENTE sanzionato avrebbe influenzato l’andamento della gara, e invece nulla, solo il ditino a dire “non farlo più che così non si fa eh”. Ma per piacere. Smettetela di sparare a zero sugli azzurri che sono i meno colpevoli di tutti, o forse non lo sono proprio. Una partita viene condizionata dalla forza di una squadra sull’altra, dal punteggio che varia con lo scorrere dei minuti: se vado sotto di 20 punti devo cambiare piano di gioco e invece di trasformare una punizione la mando in touche cn risultati diversi e incerti. Ma se sono sotto di 3 punti la punizione la piazzo e ne prendo 3 sicuri anche io. Quindi se l’arbitro con le sue decisioni trasforma una contesa in un qualcosa di diverso, non venitemi a dire che l’arbitro non si discute!

    • Alberto da Giussano 20 Settembre 2015, 16:18

      Provo a spiegartelo. Non è che nel rugby non si può discutere delle decisioni arbitrali. Gli arbitri nello loro riunioni fanno solo quello. Gi allenatori nelle riunioni tecniche lo fanno continuamente.
      Kapland mise insieme 5 arbitri e riguardarono un incontro internazionale, le decisioni condivise arrivarono si e no al 50%.
      Il concetto è un altro e presuppone una conoscenza e un rispetto dello Sport e delle sue regole ( esse maiuscola) che molti non hanno più o non hanno mai avuto.
      Che un allenatore o un giocatore parlino dell’arbitraggio a partita finita è da un lato assolutamente inutile e dall’altro profondamente anti sportivo se quelle parole servono a giustificare defaillances.
      L’arbitro è un uomo e sempre, finchè non arbitreranno dei robot, avrà propri metri di giudizio, che un allenatore o un giocatore dicano che sono o meno d’accordo su quel metodo conta zero.
      Vorrei vedere cosa succederebbe se un arbitro dicesse a fine partite che non condivide il game plain di un allenatore.
      Tu se vuoi puoi dire la tua su come si arbitra una partita, ma ciò ha lo stesso valore del due di picche quando briscola è bastoni.
      Il blog è poi pieno di gente che boccia, promuove, insulta arbitri, ma tutto ha lo stesso valore dei calci piazzati in allenamento: zero.

      • berton gianni 20 Settembre 2015, 16:36

        Condivido AdG.
        L’unico reale problema sugli arbitri,che vedo nel rugby ( a differenza del basket, per esempio ), e’ la “baronia” che esiste.
        E’ come una casta di intoccabili.
        E’ una stortura che da anni annorum ho notato esistere nel rugby, stupidamente.
        Quelli che sono considerati, a torto o a ragione, i numeri uno, non hanno alle spalle nessuno che gli bruci il culo.
        Non sono a rischio concorrenza; non rischiano il posto.
        Finisce che ognuno di loro, si sente come autorizzato a farsi un suo modus vivendi, giudicando alcune fasi di gioco a propria intpretazione.

        • Alberto da Giussano 20 Settembre 2015, 16:41

          Questo è vero. Ma un buon cristiano ( purtroppo non è il mio caso) va a messa anche se il prete è un cretino.

          • berton gianni 20 Settembre 2015, 16:59

            Soprattutto se la perpetua e’ maiala…

          • Sergio Martin 20 Settembre 2015, 17:02

            😀 😀 😀

      • Hullalla 21 Settembre 2015, 06:25

        Quando l’Italietta ha provato a dar fastidio agli All Blacks a Milano, schiacciandoli in mischia per gli ultimi minuti ad un apsso dalla loro linea di meta, si e’ scomodato il capo mondiale degli arbitri (casualmente Neozelandese) a rilasciare una pubblica intervista dicendo che l’arbitro avrebbe dovuto penalizzare l’Italia, che il pilone destro neozelandese e’ un bravo ragazzo e ha imparato durante gli anni ad essere correttissimo e che quell’arbitro, se continua cosi’, non sara’ piu’ considerato adatto a dirigere partite internazionali.
        Paddy O’Brian in quell’occasione non si e’ dimesso e nessuno lo ha cacciato a calci in culo: evidentemente andava bene cosi’.

        Questo evento ha aperto i cancelli dell’inferno: da allora e’ chiaro e palese che criticare gli arbitri fa parte integrante del gioco.
        Se poi vai a leggere con calma le dichiarazioni pre e post partita degli allenatori del Tri-Nations, ne trovi fin che vuoi (sia appunti e critiche preventive che a posteriori) e non sono MAI stati sanzionati. Evidentemente nel rugby moderno va bene cosi’.

        Alle verginelle farebbe bene meditare sul fatto che un fischio in un senso o in un altro, nel favoloso mondo del turborugby, puo’ facilemnte spostare milioni di euro. Una volta ci si giocava una birra, oggi si parla di giocarsi fabbriche di birra.
        E’ il professionismo, bellezza!

        Alzi la mano che l’ha voluto.

        • Andrea B. 21 Settembre 2015, 07:02

          E’ da quella famosa dichiarazione di O’Brian, talmente clamorosa nel contenuto da essere quasi surreale, che ho smesso di avere fiducia nel mondo arbitrale.. e se l’arbitro in quella circostanza avesse dato ( magari sbagliando, per carità, però siamo tutti umani) addirittura meta tecnica all’Italia, Paddy O’Brian che faceva? Lo crocefiggeva in sala mensa?
          Da allora per i “ref” solo rispetto formale, perché sennò, senza almeno quello si finirebbero dritti dritti nel teppismo dei pallonari…

  40. Stormtunder 20 Settembre 2015, 16:24

    Caro ADG, non devi spiegarmi quanto contano le mie parole o quelle del coach a fine partita, io mi sono espresso nel modo in cui l’ho fatto solo in risposta a chi ha scritto e pensa che ieri sera la partita dell’Italia sia stata persa da giocatori bolliti che cercano solo alibi invece che pensare a fare il loro dovere. Ieri chi non ha fatto il proprio dovere ( e le immagini dimostrano che la mia non è una opinione) è stato l’arbitro. e non è un alibi per giustificare una sconfitta. Se si fosse vinta ieri sarebbe stata un’impresa, e basta quest’ultima paola a far capire la differenza che c’era in campo tra le due squadre e i due movimenti in generale. Ciò non toglie che se sistematicamente punisci una squadra perché sbadiglia, e lo sbadiglio a termini di regolamento non è contemplato, quella squadra, forte o debole che sia perderà la partita.

    • Alberto da Giussano 20 Settembre 2015, 16:31

      Io rispetto il tuo punto di vista,ma non ne condivido una virgola.

  41. Stormtunder 20 Settembre 2015, 16:36

    Per essere più preciso: a termini di regolamento le spalle dei piloni devono essere all’altezza delle anche. Se, al momento dell’introduzione comincio a spingere ed il pilone davanti a me porta le spalle all’altezza delle caviglie io non posso stare dritto, ma per forza della spinta mia e di tutta la mischia vado a terra lungo e disteso. Il fallo non è mio ma del pilone che abbassa le spalle. Vogliamo parlare anche dell’angolo di spinta che deve essere dritto e non ad angolo verso l’interno? Rivedete le immagini ( che ieri sera le telecamere mostravano dall’alto) e ditemi dove il pilone francese spingeva. Pulizia nelle ruck: l’entrata deve essere dal gate, ossia da dietro all’uomo placcato a terra, guardate e riguardate quante volte i francesi facevano pulizia nelle loro ruck lateralmente. Sostegno nelle ruck: il placcatore non può contendere il pallone al placcato ma deve rotolare via dalla sua parte e non da quella opposta per consentire agli avversari di pulire la ruck: andate a rivedervi quanti tenuti sono stati fischiati contro all’Italia perché il placcatore non mollava il placcato e dopo quanti secondi fischiava il tenuto. Non dico che sia stato sistematico ma nell’economia della partita su 19 punizioni contro l’Italia almeno 10 erano non fiscali ma opposte, e almeno 12 punti in meno alla Francia non sarebbero arrivati. Poi c’è il caso del giallo non dato che ho citato sopra. Sempre nell’economia generale della partita sono tutte decisioni che influenzano l’andamento generale ed il punteggio e non sono alibi. Poi le mie parole contano come il due di picche, ma le immagini sono lì da vedere, e a memoria non so più quante partite ho visto di test match o 6 nazioni in cui gli arbitri non abbiano preso almeno una decisione determinante a variare il risultato contro l’Italia. Se già bisogna giocare la partita perfetta per vincerla, e poi mi ci metti dentro dei calci o delle mete che non meritavo di prendere, allora mi si bolliscono i cosiddetti.

    • Alberto da Giussano 20 Settembre 2015, 16:44

      Tanto per dicutere visto che il Galles sta demolendo l’Uruguay.
      Qual’è la tua proposta nel merito?

    • Bula Bula 20 Settembre 2015, 17:14

      Non mi piace mai parlare del giudizio degli arbitri peró hai pienamente ragione sulla questione dei piloni…il giudizio é stato sbagliato…da vero rugbista sarebbe meglio andare avanti, aprirsi una birra e vedere come si gioca a rugby dal Galles 😉

  42. Stormtunder 20 Settembre 2015, 17:03

    Che c’entra che il galles demolisce l’uruguay, che il giappone ha battuto il sudafrica che se l’auto è senza benzina cambio la gomma? Si parla della partita francia italia di ieri sera e dell’arbitro della stessa partita. Non di tutte le partite e nemmeno di tutti gli arbitri e nemmeno di tutte le partite arbitrate da joubert e nemmno dome mia zia condisce la pasta con le sarde.

  43. matteo81 20 Settembre 2015, 17:29

    Oramai questo blog dovrebbero chiamarlo “ontiroalpiccione”, certi commenti rasentano e superano il ridicolo, ed evidenziano una poca conoscenza del rugby e delle dinamiche di una squadra in generale. Si da adosso a tutto e a tutti senza la minima cognizione di causa e spesso raziocinio.

    Si spara addosso a tutti e a tutti per scendere dal fantomatico carro dei perdenti, si pratica senza ritegno l’arte della dissociazione non si capisce bene da cosa. Si chiede la testa del colpevole, roba da quinta elementare. Pero’ la ciliegina sulla torta e la solita inutile lista di nomi di alternative prese a caso dall’elenco di giocatori dell’eccellenza.

    Boh, francamente non vi capisco molto

  44. mirco77 20 Settembre 2015, 17:32

    Ieri sera ero allo stadio con mio amico inglese che ha giocato nella English Rugby Championships per un paio di anni e anche lui diceva che alcune chiamate dell’arbitro contro l’Italia erano state scandalose.
    Detto ció, concordo con tutti quelli che hanno detto che anche con una piú “equilibrata”direzione di gara probabilmente non avremmo vinto. Anche perché ieri sera é mancata come al solito quella “convinzione/cattiveria”nei momenti critici della partita che contro una Francia poco piú che sufficiente avrebbe potuto portarci ad un risultato diverso.

  45. gatodiaz 20 Settembre 2015, 19:08

    Munari sulla giornata di ieri. Nella seconda metà esprime il suo parere sulle aspettative per i risultati dell’Italia e sul suo effettivo livello nel rankig. http://m.ilgazzettino.it/video/rugby_i_mondiali_di_munari_06_il_primo_sabato_di_rugby_world_cup_68899.shtml#

  46. Schwalger 20 Settembre 2015, 20:09

    ma eddi jones è sicuro che vada agli stormers…? nn possiamo fargli un contrattone a lui e borthwick? con licenza di allenare/coordinare anche gli allenatori dell’eccellenza e delle celtiche? e anche accademie varie…

    • Schwalger 20 Settembre 2015, 20:24
      • mezeena10 22 Settembre 2015, 08:02

        ha gia firmato con gli Stormers..capatine ne vedremo meno a Treviso mi sa..
        comunque allenamento base, skills e passaggi..
        in molti qui dovrebbero ricomciare dalle basi, il classico run catch and pass!
        ma la grande autoreferenzialità dei tecnici italiani non lo permetterà mai!!!

  47. sannita 20 Settembre 2015, 20:29

    è vero che ci dobbiamo adattare agli arbitraggi, ma davvero il giallo a tilles bordes era sacrosanto, e a ruoli invertiti sarebbe stato dato. ergo c’è sempre una sudditanza psicologica nei confronti delle piu forti!!!

  48. Joest 20 Settembre 2015, 22:07

    RIDICOLI: VANNO BENE SOLO CON ELIO A SPARARE CAZZATE…..

    PERDIAMO CON LA FRANCIA IN MODO PESANTE E PESSIMO E QUESTI SE LA PRENDONO CON L’ARBITRO ????

    >e POI CE LA PRENDIAMO CON GAVAZZI….

    PER PIACERE GAVAZZI CACCAILI A CALCI IN CULO

    • andrease 21 Settembre 2015, 00:22

      ma poi anche gavazzi si caccia via prendendosi a calci nel culo?

    • mezeena10 22 Settembre 2015, 08:03

      tda potresti avere anche ragione, ma sarebbe divertente se glielo andassi a dire in faccia!
      che son ridicoli, intendo..

  49. RigolettoMSC 20 Settembre 2015, 22:41

    Vabbe’, ragazzi, capisco la delusione di alcuni di noi, ma arbitro o non arbitro questa Francia ieri seri sera era fuori dalla nostra portata.

    Perlomeno ho notato impegno più o meno da parte di tutti, il problema è che “quando non se puede no se puede”, e la “botte da il vino che contiene”… Che possiamo dire se Castro non è più quello che è stato? E se Aguero non ce la fa? E se a Gori manca sempre un punto per fare cento?

    Purtroppo manca un piano di gioco adatto ai nostri mezzi, manca la convinzione di poter fare bene, e questo non è colpa dei giocatori, ma di uno staff tecnico piuttosto deficitario. Brunel è di sicuro un allenatore serio e competente, ma stento a capire il suo lavoro e quello del suo staff. Poi le direzioni arbitrali non ci aiutano ma (ieri sera la punizione data su Zanni si può definire solo ridicola e il mancato giallo a TB grida vendetta), ma di certo non sono il problema principale se non nell’estrema difficoltà a capire come l’arbitro dirigerà la gara. E quindi ancora un problema di organizzazione e quindi di settore tecnico e, in estrema sintesi, responsabilità diretta dell’allenatore e del suo staff.

    • Joest 21 Settembre 2015, 06:29

      Mancano nuovo giocatori all’altezza. Abbiamo sempre gli stessi giocatori dal 2202 per non dire dal 1999 (Castro, parisse, bergmauro, Masi)

      • boh 21 Settembre 2015, 07:21

        Joest, non è che mancano, si scartano, per mantenere il privilegio ad alcuni. Hai presente la politica, o una qualsiasi carica pubblica non trovi delle analogie?
        Quando noi, avremo capito questi meccanismi e ce ne libereremo, avremo fatto un enorme passo avanti.

  50. francesco totti 21 Settembre 2015, 00:06

    la partita è stata decisa nel 1°tempo. la proverbiale indisciplina italiana è stata rilevata minuziosamente da un’arbitraggio che non è stato all altezza più per un discorso di metro di giudizio che di merito nelle scelte e questo è un fatto.
    la cosa non è passata inosservata nemmeno fuori dai confini nazionali …
    molte scelte discutibili di joubert hanno penalizzato più l italia che la francia e questo è un altro fatto.
    dopodiché resta tutta la nostra inconsistenza in attacco e quella maledetta incapacità cronica di concretizzare tutte quelle fasi in attacco.
    ECCO io DICO che se l’italia avesse concretizzato con un paio di mete magari anche trasformate in due momenti distinti dove ci è andata vicinissima e mi riferisco al 2°tempo ..bhe .. adesso tutto il mondo starebbe parlando di una partita rubata dai francesi perché l’italia avrebbe trasmesso tutt’altra sensazione e l’avrebbe trasmessa anche a quelli che in questa discussione difendono un arbitraggio che onestamente ne ho visti di migliori…
    in definitiva capisco lo sfogo dei giocatori, che a mio avviso ci sta tutto, ma se vogliono andare avanti devono capire che serve ben altro per vincere le partite

  51. sandruzzo 21 Settembre 2015, 14:07

    Ma… mi viene da pensare… che il Carisma di Parisse incida così tanto sulla qualità della Nostra mischia?

    Possibile che i singoli sballinino così perchè manca qualcuno che tiene “uniti” gli avanti?

    • mezeena10 22 Settembre 2015, 08:35

      c’ era un Napoli con Maradona e uno senza..
      il rapporto tra italia e Parisse è piu o meno quello!
      non è solo questione di leadership, è di gran lunga il miglior giocatore italiano, uno dei migliori giocatori al mondo!
      vedi tu! 😉

Lascia un commento