Speciale Rugby World Cup: cartoline mondiali – David Campese

L’audace Wallabie di origini italiane, un campione dalle doti straordinarie

COMMENTI DEI LETTORI
  1. kinky 12 Maggio 2015, 15:41

    per l’esattezza di origini vicentine…

  2. kinky 12 Maggio 2015, 15:44

    lacrime per questo campione…ne avevo fatto una mania, quasi un ossessione per quanto ero innamorato di lui!!!

    • ginomonza 12 Maggio 2015, 16:33

      E ha giocato da noi.

      • delipe 12 Maggio 2015, 20:35

        Ho avuto il piacere di vederlo sul campo e fuori nel sul periodo italiano. Ha giocato nel Petrarca e Amatori Milano se non ricordo male anche in una finale a Parma e l altra sicuramente al Plebiscito

      • delipe 12 Maggio 2015, 20:40

        E anche Galles Australia campionato 1991 ! Galles distrutto in campo
        Gran bei tempi….

  3. ginomonza 12 Maggio 2015, 16:33

    Un passaggio così non lo fai se non hai almeno intravisto un tuo compagno!
    Per me!

    • boh 12 Maggio 2015, 16:56

      Oppure se hai la certezza di avere sempre un compagno in sostegno

    • Hullalla 12 Maggio 2015, 21:02

      Un passaggio cosi’ lo fai se lo hai prima provato con il tuo club… e sbagliando s’impara…

    • mezeena10 12 Maggio 2015, 21:46

      Gino la comunicazione verbale!!! glie l’ha chiamata dove è come la voleva!

      • ginomonza 13 Maggio 2015, 06:33

        Sicuro,ma rispondevo all’articolo che esprimeva dei dubbi

  4. lupomar 12 Maggio 2015, 18:46

    Brividi ragazzi, quelle prodezze le avevo impresse nella memoria!

    Suo papà è di Montecchio Precalcino, qui a pochi passi…

  5. Katmandu 12 Maggio 2015, 18:59

    Dopo di lui solo Shane e fine degli uomini “piccolini”, un gigante!

    • Hullalla 12 Maggio 2015, 21:03

      Guarda che Campese non era mica cosi’ piccolino…

      • parega 12 Maggio 2015, 22:32

        insieme a kirwan il piu’ fisico al mondo come ala…cosi’ tanto per dire

  6. burger 12 Maggio 2015, 19:02

    Simply the best!

  7. delipe 12 Maggio 2015, 20:41

    Lui e Blanco tra i memorabili!

  8. Hullalla 12 Maggio 2015, 21:07

    Io sono cresciuto guardandolo giocare… croce e delizia, perche’ lui le cose “folli” le provava davvero, e a volte andavano bene, altre volte no!
    Pero’ lui continuava ad osare…

    Adesso suo nipote e’ un professionista di rugby league e gioca (bene) nell’Hull Kingston Rovers…

  9. parega 12 Maggio 2015, 22:04

    giocatore piu’ grande fra i piu’ grandi…abbiamo avuto la fortuna di vederlo in italia alla corte di munari col suo petrarca quando c’erano ancora dietro i salesiani e si vedeva dai giocatori importanti che prendevano
    partita a parma…..l’estremo del parma a meta’ campo ultimo dei suoi dietro, la palla cade una decina di metri dietro di lui…CAMPO sui suoi 22 circa…insomma prima che l’estremo del parma riuscisse ad arrivare al pallone era gia’ nelle mani di CAMPO…quello sprint mi rimarra’ sempre nella mia testa quadra…una differenza di velocita’ tecnica che faceva sembrare ridicoli incapaci anche dei nostri buoni giocatori
    fra le partite piu’ belle sue che io mi ricordi di aver visto…i quarti di finale contro l’irlanda al vecchio landsdown, nel video qui sopra, dove assistemmo alla sua magia…perche’ fare quel passagio con quella tranquillita’ nel mentre corri a tutta e’ una roba da marziani………..
    CAMPESE vs KIRWAN…in quel periodo si pensava chi potesse essere piu’ forte fra i due …per me non si possono fare delle distinzioni…sono tutti e due meravigliosi giocatori ….anche all’epoca non mi mettevo a pensare chi poteva essere il piu’ forte…

    • ANDY72 13 Maggio 2015, 07:48

      @parega…erano Gesuiti, non salesiani…solo per correttezza d’informazione…ero bambino, andavo al Plebiscito a vedere il Petrarca e quando lo vidi giocare capii che questo gioco con la palla ovale da qualche parte nel mondo era altra cosa…

    • Hullalla 13 Maggio 2015, 11:29

      Considera che Campese all’epoca era un vero professionista che si allenava due volte al giorno supportato da un preparatore atletico specialista di alto livello, mentre tutti gli altri giocatori italiani si allenavano tre sere alla settimana.

  10. Giovanni 12 Maggio 2015, 22:38

    Cerco di contenere il mio entusiasmo verso quella squadra australiana, cosa che in passato ha già causato uno screzio con @mez… 😀 Purtroppo non vidi giocare Campese quando era in Italia, ma lo ricordo bene in tv con quella maglia oro svolazzante ed il commento entusiasta di Rosi. Lui e Lynagh erano una spanna sopra gli altri membri di una squadra formidabile. Domanda: era lui che faceva il passo dell’oca, una specie di piccola sforbiciata in avanti per darsi slancio, quando partiva palla in mano da fermo?

    • delipe 12 Maggio 2015, 23:43

      Si Giovanni era proprio lui !
      Proprio proprio a fine carriera era diventata un po stucchevole e non sempre efficace ma per tanti anni e stato fantastico anche questa caratteristica.
      Non era affatto piccolino come ha detto qualcuno…

      • ginomonza 13 Maggio 2015, 06:41

        SW 170cm e 77 kg
        DC 180cm e 89kg

        • delipe 13 Maggio 2015, 07:31

          Si il paragone non era tanto azzaeccato 🙂 se non in nell inventiva e metamen.
          Williams 60 in 91 match Campese 64 in 101 match….ma Savea mi preoccupa ahaha

  11. campes 13 Maggio 2015, 07:09

    …che dire? indimenticabile personaggio, mi ha fatto amare ancora di più il rugby per la sua “maglia oro svolazzante”, è proprio questo il flash che ha così bene descritto Giovanni. Fantasia, imprevedibilità… ce ne fossero altri come lui…anche se credo che avrebbe vita più difficile con le difese di oggi.

    • Hullalla 13 Maggio 2015, 13:53

      Diciamo che forse oggi gli allenatori non “concedono” piu’ di osare manovre che non sono “scritte nel libro”, per provare a segnare.

Lascia un commento

item-thumbnail

Rugby World Cup 2015: polverizzati i numeri delle precedenti edizioni

Pubblicato il report sull'impatto economico degli ultimi Mondiali. E le cifre sono da record

24 Maggio 2016 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Joubert e la fuga dopo Scozia-Australia: l’ho fatto per tutelare il contesto, non me stesso

Il fischietto sudafricano torna sulla controversa uscita dal campo al termine del quarto di finale iridato

15 Aprile 2016 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

2015, un anno mondiale: 12 cartoline per rivivere la Rugby World Cup

Trionfi di squadra e record personali, amicizie, abbracci e spettacolo. Cosa ci lascia l'evento che ha dominato l'anno ovale

31 Dicembre 2015 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Matfield e la sconfitta col Giappone alla RWC: “La peggior settimana della vita”

Il veterano Springboks ripensa alla clamorosa sconfitta e a come il gruppo si è ripreso

29 Dicembre 2015 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Rugby World Cup 2015: ecco i risultati (negativi) dell’anti doping

World Rugby ha reso noti i risultati dei 468 campioni analizzati

2 Dicembre 2015 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Post RWC 2015: Jonathan Kaplan mette dietro i pali i suoi colleghi fischietti

Uno dei più stimati arbitri di sempre analizza il torneo dal punto di vista di chi l'ha diretto. E le ombre superano le luci...

20 Novembre 2015 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015