Rugbymercato: Joe Carlisle lascia Treviso, sarà un London Welsh

Il club inglese annuncia l’ingaggio del mediano d’apertura che saluta così il Benetton dopo una sola stagione

COMMENTI DEI LETTORI
  1. fracassosandona 29 Aprile 2015, 12:16

    era l’unica squadra al cui cospetto poteva presentarsi con un curriculum da vincente: la stagione di Treviso è un trionfo di soddisfazioni a confronto con quella degli Welsh…

  2. Katmandu 29 Aprile 2015, 12:19

    Ripeto la mia convinzione non é così disastroso in difesa ma i suoi errori son grossi come delle case, ma palla in mano é la miglior apertura che si sia vista a Treviso da molto tempo a questa parte

  3. armin 29 Aprile 2015, 12:31

    vorranno rinforzare la difesa con questo acquisto.
    sicuramente palla in mano è un buon giocatore ma se accarezzi anziché placcare..

  4. gsp 29 Aprile 2015, 12:31

    troppo biondo, cosi’ risalta troppo.

    • Rabbidaniel 29 Aprile 2015, 12:40

      Già infatti.

    • kinky 29 Aprile 2015, 14:42

      stesso discorso varrebbe se fosse realmente forte! Jean Pierre Rive ti ricorda qualcosa?!?

  5. Rabbidaniel 29 Aprile 2015, 12:47

    I Welsh sono quello che sono, ora, ma non andrà a giocare a Piacenza (con tutto il dovuto rispetto per Haimona e Barraud).
    Io la vedo così, un giocatore che la Benetton, soprattutto quella di inizio anno, non poteva permettersi. Ha giocato con la mischia in condizioni disastrose e con una squadra tutta da costruire. Le condizioni peggiori per un giocatore che non fa dell’agonismo puro il proprio punto di forza.
    Tanto premesso, vedremo chi arriverà, perché in rosa non ci sono aperture che diano un minimo di garanzia.

    • gsp 29 Aprile 2015, 12:53

      a volte creando davvero dal nulla in attacco.

    • soa 29 Aprile 2015, 13:04

      Ragusi, provarlo non farebbe male.

    • zappinbo 29 Aprile 2015, 14:21

      ottima analisi, grazie!
      Io per salutarlo farei con le manine alla Calderoli in Mai dire martedí: “ctsciau, ctsciau, ctsciau”

  6. berton gianni 29 Aprile 2015, 12:47

    Diciamo che tecnicamente non si discute.
    Per quello che riguarda i limiti difensivi, Treviso non aveva le “capacita’ ” di non renderle evidenti.
    Persona corretta e molto professionale.
    Semplicemente non era adatto.
    Ciao Carla Isola alias Carlotta.

  7. Stefo 29 Aprile 2015, 12:51

    E’ stato a lungo il capro espiatorio dei tifosi, esageratamente, senza dubbio non e’ un placcaotre o un difesnore incredibile ma come sottolineato da Rabbi spesso i suoi limiti venivano evidenizati da dei problemi che andavano oltre i suoi ben chiari limiti difensivi.
    In attacco pero’ ci sa fare, non un fenomeno per carita’ chiarisco subito ma senza dubbio si e’ visto che ci sa fare…non so se sia un errore madornale per treviso lasciarlo andare, i problemi di organizzazione difensiva son rimati tutta la stagione e quindi probabilmente resterebbe un “lusso” che la squadra non puo’ permettersi ma allora vediamo chi portano a casa per sostituirlo.

    • gsp 29 Aprile 2015, 12:53

      o magari si risolvono i problemi difensivi.

      • Stefo 29 Aprile 2015, 12:56

        Quello lo devi fare a priori…ma un giocatore come Carlsile per Treviso probabilmente e’ un lusso messi sulla bilancia pro e contro…

        • giomarch 29 Aprile 2015, 13:25
        • And 29 Aprile 2015, 14:06

          @ Stefo

          su Tuitavake: seguo + che altre il Test Rugby o il Pro12 o il Super Rugby quindi mi sono perso le sue gesta nel Montpellier

    • lucadiscepolo 29 Aprile 2015, 13:30

      Sam Christie è più completo e maturo rispetto alla bella biondina.. in Ghirada spero arrivi qualche altro giovane dall’ eccellenza perchè i ragazzi che sono arrivati quest’anno ( Zanusso e Bacchin ) hanno fatto bene

      • gsp 29 Aprile 2015, 13:31

        non ne sono arrivati solo due dall’eccellenza.

      • Rabbidaniel 29 Aprile 2015, 13:48

        Questione di opinioni. Christie è un centro, placca di più, non c’è ombra di dubbio, per il resto non mi pare che tecnicamente i due siano paragonabili.

  8. bangkok 29 Aprile 2015, 13:28

    Un giocatore così ha bisogno di avere una swuadra solida intorno a lui. Tipo Morne Steyn nel Sudafrica. Il Benetton di quest’anno e, molto probabilmente anche del prossimo, non puo’ avere un giocatore che in difesa si defila.

  9. Mr Ian 29 Aprile 2015, 13:40

    Per la cronaca i Welsh mettono sotto contratto anche Kieran Murphy, flanker ex Scarlets…

  10. luis 29 Aprile 2015, 13:51

    Nel rugby moderno non basta saper passare la palla, ciao Carlotta, non ti rimpiangeremo.

    • Il Doge n1 29 Aprile 2015, 14:31

      Quoto al 120% !!!

    • gsp 29 Aprile 2015, 14:39

      nel rugby moderno anche la capacita’ di fare gioco al piede, calciare con una certa ffidabilita’, saper leggere che osa succede dietro la linea di difesa, ed avere le abilita’ tecniche per andarci oltre non sono propio secondarie.

      cmq non e’ un fenomeno, puo’ essere che non si senta la sua mancanza ma non lo darei neanche troppo per scontato. vediamo adesso chi sara’ la terza apertura, ovviamente il minimo sarebbe che deve’essere di formazione italiana e/o nazionabile.

  11. And 29 Aprile 2015, 14:01

    ero convinto andasse in Eccellenza

  12. dogriccio 29 Aprile 2015, 14:11

    faccio un discorso un po’ più ampio. ma siamo sicuri sia tutta colpa sua?
    premesso che sia senza dubbio l’apertura più forte, palla in mano, passata a queste latitudini da parecchio parecchio tempo.
    mi spiego,
    a fare l’allenatore con le figurine siamo tutti capaci, a 15# metti Dagg, poi 14# Habana o Savea o chi preferite.
    nel mondo normale o dei club normali l’allenatore deve far tesoro di quello che ha.
    siamo sicuri che Carlisle sia stato messo in condizione di fare il meglio?
    non si poteva evitare di mettergli a fianco un secondo play? in fondo lui il gioco lo girava abbastanza bene da solo (e in più c’era Hayward).
    non si poteva mettere un ala/estremo che si cambiasse con lui in fase di non possesso? non mi sembra il tipo di giocatore non in grado di coprire la profondità.
    just my two cents

    • Rabbidaniel 29 Aprile 2015, 14:23

      Sono abbastanza d’accordo con te. In un’intervista Casellato disse una cosa che non capii molto: affermò che Christie a 12, con Carlisle a 10, era l’opzione migliore anche per la comune madrelingua. Per quanto capirsi bene sia molto importante, non credo che su un campo da rugby si discetti della tecnica versificatoria di Johne Donne.

      • dogriccio 29 Aprile 2015, 16:56

        mah io penso che se giocavi con

        ————-Carlisle 10
        ——————-Bacchin 12 (Sgarbi eventualmente)
        ————————Morisi 13
        Pratichetti 11————-Nitoglia 14
        ————–Hayward 15

        con Pratico che in difesa giocava da 10# io dubito che lo avresti esposto a queste figuracce e magari in attacco era più fresco/sveglio per farti la giocata.
        con questo non voglio dire che sia un dramma il fatto che se ne vada, ma che se non diventiamo tutti un po’ più elastici non caviamo un ragno dal buco.
        (vedasi discorso di Munari, comunque uno dei pochi che ci capisce in italia, sull’apertura che vogliamo tutto e subito, play, calciatore, placcatore ecc.ecc. senza game plan adeguato agli interpreti che hai puoi essere anche Graham Henry ma non porti a casa niente.)
        saluti

    • malpensante 29 Aprile 2015, 14:37
    • xnebiax 29 Aprile 2015, 14:44

      È un po’ quello che si faceva in nazionale con Orquera e Masi… Casellato non mi pare abbia cercato questa soluzione… forse troppo elaborata per una squadra in costruzione.

      • malpensante 29 Aprile 2015, 14:51

        Sarebbe bastato non farli giocare insieme.

      • gsp 29 Aprile 2015, 15:08

        magari un giorno tra un paio di settimane faremo anche un bilancio tecnico onesto del primo anno di Casellato, senza sconti e senza accanimenti.

        in termini di accanimenti, indizio Guidi alle Zebre, il buon Canna che va a parlare con lui prima di firmare.

        • Stefo 29 Aprile 2015, 15:14

          Se anche la “magpie” lo da per fatto…

          • gsp 29 Aprile 2015, 15:21

            adesso l’ho capita. 🙂

        • xnebiax 29 Aprile 2015, 15:18

          Canna è andato a parlare con Guidi?
          Come le sai tu queste cose?

          • malpensante 29 Aprile 2015, 15:41

            Però, giusto un biennale, così si mette tranquillo. Prima parla con Guidi, poi con De Rossi. Perfetto stile Zebre, c’è stata anche la visita apostolica del capo, manca niente.

          • Stefo 29 Aprile 2015, 16:01

            “la visita apostolica del capo”…ma chi tu o AdG?

          • malpensante 29 Aprile 2015, 16:01

            xne, peppe fa lo gnorri ma è la vera eminenza grigia delle Zebre, direi lo spirito vitale, come i lampascioni nella frittata.

          • malpensante 29 Aprile 2015, 16:23
          • gsp 29 Aprile 2015, 19:49

            Mal, sei fermo all’era analog. ormai l’eminenza grigia non si una piu’, si usa gialla, arancione, verde, a volte anche un po’ marrone. via il colore, via anche l’associazione, e via di conseguenza. zebre in fuga.

  13. xnebiax 29 Aprile 2015, 14:40

    Treviso ha avuto un problema in difesa per tutta la stagione. Lui non era adatto, anche se bravo in attacco. Ci ha pure provato a placcare, ma i giocatori gli sgusciano via anche quando lui li “placca”, e questo creava problemi alla difesa che si aspettava lui li fermasse.
    Non è certo un cattivo giocatore, ma non ha funzionato con la squadra che aveva intorno.
    Adesso ci vuole un 10 forte. Io spero in Hayden Parker, sarebbe perfetto.

  14. Giovanni 29 Aprile 2015, 16:41

    A leggere certi interveenti pare quasi che ci sia il timore che al suo posto venga qualcuno meno bravo. A me Carlisle non ha convinto e non piango all’idea che parta, però forse la verità sta nel mezzo: è arrivato un po’ troppo giovane nel bel mezzo di una fase di piena ricostruzione. Magari fosse venuto a Treviso un paio di stagioni dopo o in un team maggiormente consolidato l’avremmo tutti apprezzato di più. E’ anche vero che per gli stranieri che vengono nelle nostre franchigie vale un discorso simile a quello che si fa per gli americani che vengono a giocare nelle squadre di basket italiane: ci si aspetta che facciano la differenza; se sei magari anche di buon livello ma uno dei tanti giocatori del roster allora c’è delusione da parte dei tifosi.

  15. luis 29 Aprile 2015, 17:51

    Sarà anche un crac in attacco ma non si può vedere un rugbista che NON placca, non esiste.

  16. cip 29 Aprile 2015, 17:59

    A parte che son capaci tutti a giocare apertura con la mischia degli AB, ammetto che non mi è mai piaciuto in difesa… riusciva a placcare meno di Haimona!
    Strano che l’abbia preso Rowland Phillips che, molto esperto di difesa, non ama particolarmente quelli scarsi e poco efficaci in un’organizzazione difensiva!

  17. parega 29 Aprile 2015, 21:13

    sono veramente dispiaciuto per GIANNI BERTON visto che hanno deciso di mandare via il suo pupillo il suo preferito
    come farai senza la tua belinda ?

    • berton gianni 29 Aprile 2015, 22:00

      Ciao Parega.
      Forse ti confondi in quanto non ho nulla ne’ contro ne’ altro nei suoi confronti.
      Il mio preferito, da sempre, e’ Van ZylZyl. Dovrebbero clonarlo o quantomeno toglierli dieci anni…
      In tutti i casi, non ho mai scaricato merda nei confronti di Carla Isola detta Carlotta.
      Non era un giocatore adatto per Treviso, ma resta una persona in gamba.
      Ma parliamo di coscie serie : davvero resti, “corrotto” , nelle paludose file della Lov ?? 😀
      Al Rugby & le Tette e’ tutto un altro…palpare !!

    • gsp 29 Aprile 2015, 22:10

      Aspetta che Zatta gli compra un altro suo pupillo: BUSCEMA!!!

  18. fabiogenova 29 Aprile 2015, 22:07

    Questo è uno sport di contatto. Chi lo evita come la peste, come ha fatto Carlisle per quasi tutto il campionato, non è neanche un giocatore di rugby. Sono molto duro, ma davvero mi ha impressionato negativamente.

  19. rigamonti 29 Aprile 2015, 22:09

    Esistono molti giocatori che si possono permettere di non placcare ad alti livelli? Se sì, chi sono?

Lascia un commento

item-thumbnail

Benetton, Tiziano Pasquali: “L’idea è quella di alzare un trofeo”

Il pilone romano spiega quali sono le ambizioni personali e del club biancoverde

item-thumbnail

Benetton, Amerino Zatta: “Ogni anno ci siamo prefissati di fare un gradino alla volta”

Il presidente dei Leoni presenta la stagione 24/25 sia di URC che di Champions Cup

item-thumbnail

Comincia preparazione all’URC del Benetton: i convocati, gli assenti e il programma di lavoro

Due programmi differenti tra chi comincerà subito e i Nazionali impegnati nei test match e nelle altre competizioni

item-thumbnail

Benetton Rugby: nel 2023/24 un bilancio da 14 milioni, numeri da record destinati ad aumentare

Il bilancio consuntivo del club trevigiano evidenzia una crescita esponenziale sul piano organizzativo e finanziario

item-thumbnail

Benetton Rugby: un giovane prospetto azzurro rinnova in biancoverde

Resta nutrita e di qualità la batteria dei centri a disposizione di coach Bortolami per la prossima stagione