L’accademia Internazionale della Auckland Rugby Union apre all’Italia

Un progetto aperto a giocatori, tecnici, dirigenti e media manager. Qui tutte le info

COMMENTI DEI LETTORI
  1. berton gianni 22 Gennaio 2015, 10:52

    Quanto pevare ?
    Trad : how much money ?
    Beh, se ci vanno Piscione and Co. quanto meno tornano con un bel tatuaggio tribale…

    • Alberto da Giussano 22 Gennaio 2015, 10:58

      Sul sito ci sono i costi: una settimana 2.800 dollari NZ, circa 1.800€

    • gianluca.pisanu 22 Gennaio 2015, 11:04

      potrebbero invece fare la contromossa e aprire le accademie italiane ai neozelandesi! 🙂

      • Spinoza 22 Gennaio 2015, 12:18

        Si però a pari prezzo ! E che cavolo! Chi siamo noi per costare meno?

    • 6nazioni 22 Gennaio 2015, 11:39

      ci sono varie opzioni, da giocatore,tecnico,preparatore.
      da giocatore x 4 settimane sono :
      opzione a 3.300 euri
      opzione b 4.100 euri

    • Joest 22 Gennaio 2015, 23:13

      figuriamoci se non si perdeva l’occasione di sparare (cazzate) a zero

  2. venezuela 22 Gennaio 2015, 10:56

    Praticamente il paradiso in terra….ehh avessi vent’anni in meno un bel mesetto in nz me lo farei proprio….

  3. Pesso 22 Gennaio 2015, 11:00

    Proprio gratis non sarà, però è un’occasione. Una federazione che sapesse vedere aldilà del proprio naso organizzerebbe un qualche tipo di concorso per pagare il viaggio a tot allenatori e a qualche giocatore. Chiaro che in un mese non si diventa campioni, ma si può imparare parecchio

  4. Alberto da Giussano 22 Gennaio 2015, 11:09

    Diciamo che più che tecnica è un esperienza culturale.

    • 6nazioni 22 Gennaio 2015, 11:42

      vale piu’ un mese in N.Z. che tutta la trafila dei tuoi cdf e (*) in italia.

      • Alberto da Giussano 22 Gennaio 2015, 11:46

        Perchè miei ?

        • 6nazioni 22 Gennaio 2015, 12:04

          A.d.G. da quello che leggo sei l’avvocato difensore delle
          scelte scellerate della fir.
          Forse mi sbaglio?

          • Alberto da Giussano 22 Gennaio 2015, 12:07

            Ma ti costa così tanto contestare le mie affermazioni nel merito e non per partito preso?

          • space 22 Gennaio 2015, 17:48

            @6n Alberto in questo caso ha ragione da vendere (come spesso accade,secondo me): tra l’altro se fossi in lui vi avrei mandati in mona con sta litania continua dell’avvocato dei federales, avvocato di Gavazzi ecc….se dovessi farlo lo contesterei sulla sostanza delle sue affermazioni e non su ste presunte “parentele”!

          • space 22 Gennaio 2015, 17:53

            E non avevo neanche letto i commenti sotto…signur sant.

  5. soa 22 Gennaio 2015, 11:21

    Articolo interessante che profuma di pubblicità. Di sicuro un’esperienza formativa.

  6. dengra 22 Gennaio 2015, 11:31

    E’ sicuramente una fantastica opportunità poter vivere e vedere la realtà nz delle accademie……vedere come lavorano gli allenatori o capire come gestire il tutto da un punto di vista organizzativo o capire come è l’approccio riabilitativo del recupero degli infortuni…….ma comunque mi sembra di intravedere un aspetto solo ed esclusivamente economico…..a parte che una permanenza di 1 settimana in NZ costa un BOTTO…..e poi MAMMA FEDERAZIONE CHI SCEGLIERA’ DI MANDARE ? UN GIOVANE O UN VECCHIO TECNICO STILE CICCIONE O UN DIRIGENTE CHE FA’ SOLO VACANZA?

  7. dengra 22 Gennaio 2015, 11:33

    giusto per essere precisi la FEDERAZIONE FRANCESCE invita nelle proprie accademie sparse sul territorio anche giocatori che provengono da nazioni di 2 e 3 fascia.

  8. Thunderstruck 22 Gennaio 2015, 11:38

    Interessante scambio italo-nzl di cognizioni.
    Da loro impareremo lo sviluppo del rugby e da noi impareranno la baldoria culinaria dei terzi tempi…
    Scherzi a parte, credo sia un’iniziativa splendida, estremamente formativa e che spero abbia molte adesioni.

  9. tunga 22 Gennaio 2015, 11:42

    Le fiamme oro gia lo fanno a waikato.
    Vanno i giocatori x tre mesi

  10. lupo 22 Gennaio 2015, 12:15

    non mandarci dirigenti\manager ma solo tanti giovani tecnici per le skills e giovani allenatori per 4 settimane anzichè una (al limite fanno 4 volte il corso…repetita iuvant) e riportarsi a casa i futuri formatori sarebbe la logica…quindi la f.i.r. manderà ascione et similia più qualche allineato in gita premio.
    Come già scritto da altri la stessa cosa la fanno in francia a due passi da noi, ma noi siamo troppo “saputi” per andare a studiare dai cugini 🙁

    • lupo 22 Gennaio 2015, 12:31

      dimenticavo:
      mi scuso con l’ottima e capacissima redazione ma
      Je suis fracassò
      c’era chiaramente ironia più che cattiveria…giallo chiaramente immeritato 😉 (faccina ironica a scanso di equivoci)

  11. Spinoza 22 Gennaio 2015, 12:25

    Ho visto sul sito trynz che c’è una certa Melita Martorana come Director, Marketing and Events. Mmmmmh…

    • Alberto da Giussano 22 Gennaio 2015, 12:30

      Credo che ognuno di noi ha mandato almeno una volta , i prpri figli in Irlanda per imparare l’inglese. Bella vacanza, esperienza formativa interessante , ma l’inglese restava , più o menno, allo tesso livello del mese prima.

      • Spinoza 22 Gennaio 2015, 12:36

        Credi male, io non ho mai mandato nessuno.

      • berton gianni 22 Gennaio 2015, 12:38

        Mi dispiace per te, caro AdG, ma mio padre non mi ha mai mandato in Irlanda. Mai.
        Faceva venire direttamente le irlandesi da noi… 😀

      • Stefo 22 Gennaio 2015, 12:42

        Piu’ che altro non capisco la connessione tra il tuo commento AdG come risposta al commento di Spinoza…

        • Spinoza 22 Gennaio 2015, 12:49

          Il mio non era un commento, era una informazione.

          • Stefo 22 Gennaio 2015, 12:50

            Si ok, non cambia la sostanza che non e’ chiaro cosa risponda AdG…

          • Alberto da Giussano 22 Gennaio 2015, 12:56

            in effetti con Melita centra poco, volevo solo sottolineare lo spiccato aspetto di marketing della presentazione dell’articolo e del sito collegato.

          • Stefo 22 Gennaio 2015, 13:03

            Ah ok AdG ora piu’ chiaro…

          • mezeena10 22 Gennaio 2015, 19:17

            esatto AdG!

          • mezeena10 22 Gennaio 2015, 20:46

            e non ci sarebbe niente di male poi..

  12. Schioppo 22 Gennaio 2015, 13:04

    Penso di stare seriamente pensando di andarci ad agosto…

  13. venezuela 22 Gennaio 2015, 13:36

    Mandaci almeno la cartolina….

  14. papavero 22 Gennaio 2015, 14:25

    Adg non sei l’avvocato difensore delle scelte federali per me sei proprio le scelte federali. Spiccato senso di marketing dell’articolo mi sembra un pò politica del fango.
    Sono talmente avanti questi che se si girano indietro sono ancora al futuro per noi.
    Perchè poi nel tuo club c’è uno che fà tutto ma proprio tutto che è neozelandese e SUA ALTEZZA SERENISSIMA RE G ascolta senza fiatare?.
    Forse anche lui è stato preso per il marketing dopo aver leggo un’articolo un pò pompato?

    • Appassionato_ma_ignorante 22 Gennaio 2015, 15:23

      Vorrei spezzare una lancia in favore di AdG perché non è assolutamente vero che è “sempre allineato al regime” (per dirla in vacca). Ha le sue idee, le argomenta e prende delle posizioni che a volte possono sembrare “allineate” ma spesso non lo sono. Mi pare che su questo forum AdG venga attaccato da alcuni talebani anti-FIR e anti-Gavazzi per puro partito preso, con un astio che trovo assimilabile all’odio razziale.
      Ora, io sono il primo a NON difendere il presidentissimo o l’operato della federazione, perché per me l’unica cartina al tornasole delle scelte operate è “sono state oneste, intelligenti e vincenti?” (e sappiamo bene come stanno le cose).
      Ma la cieca requisitoria per partito preso contro chicchessia è tanto stupida quanto controproducente ed è pura ideologia. È un distillato di inciviltà. È chiedere troppo di moderare i toni ed evitare attacchi personali come questi?

      • Da 22 Gennaio 2015, 15:42

        Povero Alberto. Periodicamente, salta fuori sempre la stessa discussione 🙂

        • Alberto da Giussano 22 Gennaio 2015, 15:56

          Caro Papavero, io non sono uno che se la prende. Credo sempre che ci sia del buono in ogni essere umano, quale penso tu si. Spesso gli utenti del blog, coperti dall’anonimato non riescono a controllare i propri istinti rancorosi quindi la tolleranza è dovuta.
          Detto questo, spiegami cosa centrano Gavazzi e Dean McKinnel, se affermo che nella presentazione dell’iniziativa il Marketing ha un aspetto predominante. Come è giusto che sia, aggiungo anche, visto che stanno vendendo settimane di soggiorno.
          Spesso rispondere argomentando è fatica me se anche tu imparassi a farlo faresti del bene a te stesso e a tutti noi.

      • Thunderstruck 22 Gennaio 2015, 16:43

        Standing ovation, vorrei dirti. Ma se togliamo i talebani a cui fai menzione, devi accontentarti di qualche applauso.

  15. giobart 22 Gennaio 2015, 14:34

    Una settimana di ferie dal lavoro? Impossibile!

  16. Appassionato_ma_ignorante 22 Gennaio 2015, 15:25

    Bella questa iniziativa neozelandese. L’istruzione superiore di qualità costa perché anche offrirla ha un costo non indifferente. Un articolo-pubblcità? Ma ben venga, se quanto offerto è roba seria.

  17. giomarch 22 Gennaio 2015, 16:44

    Non e’ che checchinato anche stavolta cassa tutto alla fine come per i blues?
    O quello e’ un episodio isolato perche ai blues c’erano troppi ex-trevigiani?

  18. papavero 22 Gennaio 2015, 17:30

    Caro Adg, è giusto che non te la prendi anche perchè nemmeno io me la prendo. Poi stiamo parlando di rugby che diciamo conta ma insomma non così tanto.
    Sicuramente in ogni persona c’è del buono in te sicuramente e ti assicuro che non nutro nessun sentimento di rancore nei confronti ne tuoi ne del Sig. Gavazzi ( in ordine di importanza) ahahahah.
    Io non penso che quell’ academy sia organizzata come una agenzia di viaggi che vende delle vacanze penso che che la loro idea di strutturazione prevede dei corsi (MASTER) dove si può imparare, perfezionare, migliorare aspetti di tecnica, gestione, o anche solo capire come loro trattano analizzano e costruiscono le cose.
    Voglio dire se noi sapessimo fare tutto questo, se avessimo dei corsi simili ben fatti organizzati o dalla FIR ( non può far tutto) o da club capirei la tua critica, ma onestamente non vedo niente di tutto ciò in giro. Sicuramente non ho la tua proprietà di linguaggio e di scrittura ma spero di aver argomentato. Senza rancore.

    • Alberto da Giussano 22 Gennaio 2015, 17:42

      Ma io non parlato di agenzia di viaggi. Ho solo detto che il successo dell’iniziativa sarà funzione diretta del numero di soggiorni che gli italiani compreranno. E quindi bene fanno ad usare ogni forma di marketing, compreso lo spot su “On Rugby”.

      • Paolo 22 Gennaio 2015, 19:25

        Perdonami alberto, ma non è uno spot.
        Una delle più importanti franchigie dell’emisfero sud apre alla possibilità per giocatori, dirigenti, tecnici di fare un percorso formativo al suo interno, in quello che è uno degli ambienti rugbustici più organizzati e all’avanguiardia del mondo. Direi che la notizia c’è.
        Poi, sì, la “nostra” Melita Martorana è coinvolta nella cosa ma questo ci ha concesso “solo” la possibilità di essere i primi sulla notizia

        ps: volendo esiste la possibilità di rimanerere in NZ anche per mesi. Non la presenterei come una vacanza-studio per ragazzini.

        • Alberto da Giussano 22 Gennaio 2015, 20:23

          mi è scappato spot, è un po’ pesante hai ragione.

          • 6nazioni 22 Gennaio 2015, 20:40

            ti scappa spesso la frittata caro A.d.G.

  19. papavero 22 Gennaio 2015, 18:06

    ADG da una persona della tua esperienza e cultura rugbystica mi aspetto un commento sulla qualità delle cose non sul successo della cosa. Se no penso ma sono sicuro che mi sbaglio che vuoi spostare l’attenzione o sminuire la cosa.
    Ti ripeto e senza NESSUN TIPO DI IRONIA: da una persona preparata come te.

    • lupo 22 Gennaio 2015, 19:05

      non puoi pretendere un commento sulla qualità delle cose ad una persona seria senza che questa abbia potuto verificare con mano la cosa…paga tu il mesetto per ADG e se quando torna non ti fa la recensione allora prenditela 😉

    • Alberto da Giussano 22 Gennaio 2015, 19:08

      Guarda che l’ho già fatto. Lo ripeto se vuoi. In 3/4 settimane, che tu sia giocatore o allenatore, non puoi imparare molto ( pur spendendo 8/9.000 euro) , sicuramente dal punto di vista culturale e conoscenza sportiva generale è un esperienza formidabile.

      • mezeena10 22 Gennaio 2015, 19:57

        AdG io vado giu per il lions tour..un mese di permanenza piu o meno, piu un giro a sidney dal mio step-bro..
        puoi spendere molto meno volendo, devi organizzare con anticipo..io mi sto preparando da ora, 2 anni prima!

        • Alberto da Giussano 22 Gennaio 2015, 20:11

          Io credo che una persona che si vuole occupare professionalmente di rugby, non può non conoscere la NZ. Sarebbe come se chi volesse occuparsi di storia dell’arte e non visitasse l’Italia.
          Sul come, ci sono mille opportunità. Certo, chi non ha nessuna relazione può usare il sistema di cui sopra.

          • mezeena10 22 Gennaio 2015, 20:44

            beh piu relazioni che avere i parenti “in loco” 😉
            dicevo piu per le partite, biglietti, spostamenti, logistica in generale..
            i miei stanno vicino Hamilton, ma li ci passano una volta..

    • mezeena10 22 Gennaio 2015, 19:22

      ma scusa papavero tu che ne sai della “qualita delle cose”???
      hai forse soggiornato li? o lo deduci da che cosa? perche senti Auckland Academy?
      inoltre è aperta a coach e giocatori di tutto il mondo, non solo italiani..
      e non credo che il loro scopo ultimo sia preparare tutte queste persone, dargli competenze, ma visti i prezzi il fine ultimo è guadagnarci!
      sempre imo!

      • mezeena10 22 Gennaio 2015, 19:24

        e piuttosto che mandare frotte di persone in NZ, non sarebbe piu semplice ed economico pagare il soggiorno qui a tecnici NZ?

        • space 22 Gennaio 2015, 21:10
        • mezeena10 22 Gennaio 2015, 21:25

          aggiungo un’ ultima cosa su AdG: io son stato forse il primo a “testarlo”, dopo un iniziale periodo di conflitto, normale dico io, un po colpa mia, atteggiamento sbagliato con un nuovo utente, un po sua, finche non ha capito in fondo come porsi..
          poi come è normale che sia si puo esser d’ accordo o meno, quando dice cose sagge (formazione, progetto scuola etc) o quando difende a spada tratta la sua squadra (normale anche questo imo)..
          noto con un certo disappunto che ultimamente appena scrive due righe c’ è qualcuno che cerca la rissa!
          per chiarire non mi riferisco certo ad ermy, che condisce i suoi post con una certa ironia che non è compresa a fondo da tutti..
          e poi mica ci si puo offendere per quelle che in fondo son delle semplici battute..
          #oggisiamtuttiavvocati 😀

  20. WinstonSmith 22 Gennaio 2015, 18:48

    sarebbe molto bello per i ragazzi, quattro settimane offrirebbero sicuramente la possibilità di maturare una esperienza significativa sia sotto il profilo rugbistico che – ed è quello che più conta – sotto il profilo umano. Mi sembra peraltro che i costi siano elevatissimi: la semplice permanenza, perché le spese di viaggio resterebbero a parte, costerebbe infatti € 3.275 ossia una cifra realisticamente ben al di fuori della portata di molti. Se ci fosse un supporto economico delle società (?) o della Federazione (???) ci si potrebbe anche ragionare sopra, così mi sa che resterà una iniziativa riservata ai pochi Paperon de Paperoni che calcano i campi da rugby. Ammesso che ce ne siano

    • lupo 22 Gennaio 2015, 19:10

      proprio per quello penso che sarebbe saggio che andassero a queste cose più i formatori che i giocatori. abbiamo millemila accademie, qualche giovane tecnico federale da mandare a studiare per poi fare da noi il formatore itinerante darebbe un senso a questo circo.

  21. tunga 22 Gennaio 2015, 21:17

    Conosco bene melita è una professionista e sono felice che faccia parte di questa operazione.
    È davvero un bel modo di vendere il proprio prodotto.
    Poi che un italiana si occupi in nz di un evento cosi mi fa doppiamente piacere

  22. ginoconsorsio 23 Gennaio 2015, 00:33

    Ne parlavamo ieri sera proprio con….. ma mandare 2/3 persone( per tipologia) un po in Inghilterra, poi in Irlanda e poi in Francia;oltretutto potendo finanziarli con fondi di formazione dalla U.E. sarebbe proprio sto grosso sacrificio? E senza andare in capo al mondo…..mah!

  23. Jeppo 23 Gennaio 2015, 09:46

    In passato, il personale ed ex personale (Ascione, Lusi, et al.) hanno viaggiato in molti altri paesi per visitare e conoscere fonti alternative. Questo può includere strutture di sviluppo, cliniche di coaching, workshop calci, etc.
    Questo è sempre sembra essere viaggio di arricchimento personale piuttosto che la ricerca di nuove risorse per migliorare la situazione del gioco nazionale.
    Qualcuno può nominare una situazione in cui questi membri del personale; ovviamente finanziato dalla FIR; sono tornati dalle loro ‘vacanze’ con un programma definito per diffondere le loro conoscenze acquisite al pubblico di rugby? Quante forum; presentazioni; documenti ecc. sono stati resi disponibili dopo questo ovvio investimento?
    Quante volte FIR si è fatto rappresentare ad conferenze tecniche IRB (ora World Rugby)solo per il contenuto di queste conferenze a perdersi in qualche archivio personale?
    Purtroppo la Federazione ha il carro davanti ai buoi. Si ritiene che i club italiani dovrebbero essere onorati di avere queste persone che lavorano per loro. Invece penso che la Federazione dovrebbe essere onorato di avere così tanti club che lavorano per loro!
    La totale mancanza di responsabilità rende continua le zone segretezza e Comfort.

Lascia un commento

item-thumbnail

Super Rugby Pacific: a Auckland splende un colore solo, Blues campioni dell’edizione 2024

Match difficile per i Chiefs a Eden Park, con la squadra di Auckland che alza la coppa 21 anni dopo l'ultima volta

22 Giugno 2024 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Niente Super Rugby? E Beauden Barrett torna a giocare col suo primo club

L'All Black ha vestito la maglia della propria squadra 14 anni dopo l'ultima volta

17 Giugno 2024 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Super Rugby Pacific: chi sono le finaliste dell’edizione 2024

Al termine della seconda semifinale giocata a Weelington è emerso il nome della squadra che sfiderà i Blues il 22 giugno

15 Giugno 2024 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Australia: un altro giovane talento molla i Wallabies per passare al Rugby League

Dopo Nawaqanitawase, un altro australiano lascia a piedi Joe Schmidt per passare al rugby a 13

12 Giugno 2024 Emisfero Sud
item-thumbnail

Super Rugby: i risultati e gli highlights dei quarti di finale

Tre squadre neozelandesi qualificate per le semifinali del prossimo week-end

8 Giugno 2024 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Super Rugby Pacific 2024: designati i quarti di finale

Conclusa la stagione regolare, le otto squadre qualificate si giocheranno un posto in semifinale

1 Giugno 2024 Emisfero Sud / Super Rugby