Kurtley Beale, lite sull’aereo. L’ARU apre una inchiesa interna

Scontro sul volo tra Sudafrica e Brasile tra il giocatore e un altro membro dello staff wallabies

COMMENTI DEI LETTORI
  1. SAMU 1 Ottobre 2014, 14:26

    eppure non sembra il tipo…ma che sia sempre e solo colpa sua?

    • LoScozzeseMilanese 1 Ottobre 2014, 14:54

      L’anno scorso ha tirato un cartone ad un compagno di squadra, quindi potrebbe essere il tipo . Poi non so…

      • giomarch 1 Ottobre 2014, 15:36

        that one is a bronsa querta..

      • frank 7 Ottobre 2014, 10:52

        io un paio ne ho tirati…..me li hanno strappati dalle mani! giocare insieme non sempre vuol dire che ami tutti alla follia.

  2. Maury7 1 Ottobre 2014, 16:00

    Il lupo perde il pelo ma non il vizio

  3. mezeena10 1 Ottobre 2014, 19:36

    tira e tira sta corda si spezza!
    non fosse per il rispetto che hanno gli skips per Mark Ella, suo “padrino”, lo avrebbero gia rispedito a casa a calci nel deretano!

    • giannino 2 Ottobre 2014, 08:38

      non sappiamo esattamente come siano andate le cose.
      ammettendo che beale abbia un caratteraccio, bisogna considerare che 1) essere aborigeni nell’ambiente del rugby union australiano non è semplicissimo; 2) dove lo trovi in Australia un altro estremo come lui?
      secondo me, Beale è il più forte di tutti i tempi dopo Christian Cullen e forse Serge Blanco. L’unico alla sua altezza oggi è Mike Brown.

      • mezeena10 2 Ottobre 2014, 09:29

        si ma non è del popolo delle libertà, cioè non puo fare quel che cazzo gli pare (scusa il francesismo)..ci son dinamiche di gruppo che non si possono e\o devono toccare! e se ad ogni casino che succede c’ è il suo zampino beh mi farei altre domande..
        che sia aborigeno, che abbia classe, che sia bianco giallo nero, simpatico o antipaco, conta relativamente, se uno è stronzo è stronzo punto!

        • mezeena10 2 Ottobre 2014, 09:31

          e fin troppe gliene han fatte passare con la subdola minaccia del cambio di codice pre rinnovo!

        • mezeena10 2 Ottobre 2014, 09:32

          ricordi i fratelli Ella???

          • giannino 2 Ottobre 2014, 11:23

            sì, per carità. ma ci sono dinamiche che in parte ci sfuggono. va’ a sapere cosa c’è dietro tutto questo.
            io ho avuto una buona impressione di beale. l’ho conosciuto a Sydney a luglio 2013 e sembra una persona educata e di indole gentile.
            sul cambio di codice, sai che è una pratica diffusa, tanto che si è coniato il termine “code-hopper”…

          • And 2 Ottobre 2014, 14:58

            nn gioca estremo da un bel po’. Beale è un’apertura pura, anche se nei Wallabies i ruoli dei 3/4 li estraggono prima della partita

          • giannino 2 Ottobre 2014, 15:02

            non credo che sia un’apertura, no.
            il suo ruolo naturale e che ha occupato più stabilmente è estremo…

          • giannino 2 Ottobre 2014, 15:05

            è vero che ha giocato spesso apertura ma salta agli occhi che è un estremo

          • mezeena10 2 Ottobre 2014, 21:44

            a livello giovanile ha sempre giocato apertura..
            da pro ha fatto diversi ruoli: apertura, estremo e primo centro prevalentemente..
            per me non è tatticamente assennato per fare l’ estremo..
            da apertura mostra i migliori pregi, attacco, ma anche grosse lacune, tattiche e difensive soprattutto!
            troppo discontinuo, ti fa la partita monstre con numeri incredibili o ti fa perdere da solo la partita!
            di certo non lo prenderei mai nella mia squadra!

          • giannino 3 Ottobre 2014, 14:25

            è vero mezeena che giocava apertura, ma le sue caratteristiche (velocità, agilità, ripartenze ma soprattutto gioco aereo) ne fanno secondo me un grandissimo estremo

          • giannino 3 Ottobre 2014, 14:28

            guardati bene questo e poi ne riparliamo

      • San Isidro 2 Ottobre 2014, 15:53

        @giannino, non ho capito molto questa “essere aborigeni nell’ambiente del rugby union australiano non è semplicissimo”, non è per polemica, ma non ho capito cosa intendi…penso al grande Brendan Williams che ha origini aborigene eppure è stato un grande, ok che ha fatto quasi tutta la carriera in Italia, ma in Australia a certi livelli ci era arrivato, prima con il Randwick, poi selezionato con i Waratahs uno dei primi Super e qualche cosa…

        • mezeena10 2 Ottobre 2014, 20:14

          infatti ho citato i fratelli Ella per quel motivo San!

        • giannino 3 Ottobre 2014, 14:22

          volevo dire che ho qualche dubbio sul fatto che l’ambiente sia molto “accogliente” con gli aborigeni. Lo so che non ci sono seri problemi di razzismo in Australia, ma quella è comunque una condizione che non conosciamo. ce ne possiamo fare un’idea solo superficiale. personalmente, sulla base della mia conoscenza del caso, credo che il percorso umano/formativo di beale sia stato molto condizionato dalla sua “aborigenità”

          • frank 7 Ottobre 2014, 11:00

            ahhh stile Balotello<:)

  4. Rabbidaniel 2 Ottobre 2014, 00:05

    Beale e O’Connor io li terrei fuori. Vero che hanno talento e sono giocatori di estrema qualità, ma possono spaccarti il gruppo da un momento all’altro. Averli nel gruppo per i mondiali significa portarsi dell’esplosivo in valigia.

    • Maury7 2 Ottobre 2014, 00:12

      Soprattutto ora che manca qualcuno che possa tenerli a bada,e si vede

    • mezeena10 2 Ottobre 2014, 06:47

      eppure il tanto bistrattato Dingo Deans era riuscito, pur nelle troppe difficolta, ad imbrigliare i cavalli pazzi!
      che sia colpa sua anche questo episodio comunque non ci piove! 😀

    • Bardamu 2 Ottobre 2014, 07:18

      Secondo me Beale è nel gruppo e deve restarci per quello che rappresentata, oltre al essere un giocatore dal talento unico. E’ l’unico nel giro Wallabies di etnia aborigena, e in Australia oggi ci sarebbe un gran bisogno di una c.d. “quota nera” o comunque di una minima rappresentanza degli aborigeni nello sport, oltre che in ogni altro segmento della società…

      • Maury7 2 Ottobre 2014, 09:58

        Quindi ? Siccome è l’unico di etnia aborigena lo si lascia fare quello che gli pare ? Non mi sorprende se il mondo è allo sfascio,se ci sono persone che ragionano in questo modo

        • Rabbidaniel 2 Ottobre 2014, 15:28

          Infatti, la difesa delle quote etniche a qualsiasi costo è solo controproducente a lungo andare. Una società equilibrata si costruisce dalla base, non dal tetto.

    • barry 2 Ottobre 2014, 08:11

      Dalli a me tu tieniti Sgarbi e Morisi due bravi ragazzi e vediamo poi chi vince le partite!!!! A volte non si può avere tutto….Bravi, educati,affamati,motivati, disciplinati, etc

  5. frank 7 Ottobre 2014, 11:10

    gente scusate ma allora uno Quade Cooper (che per me è il dieci piü talentuoso in attività) andrebbe schiereato sempre senza se e senza ma, come qualcuno di voi sostiene a proprosito di Beale.

    invece in questo periodo (post-mondiale 2011) QC non è piü tornato sui sui livelli del SR e del TRI-Nations vinto.

    Bisogna rendersi conto che non basta genericamente avere del talento per giocare….visto che questi prendono i “soldoni” ci vuole anche della professionalità

Lascia un commento

item-thumbnail

Rugby Championship 2021: ecco il XV del torneo secondo Planet Rugby

Quade Cooper "si prende" la maglia come miglior apertura della manifestazione

5 Ottobre 2021 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Video: gli highlights di Sudafrica-Nuova Zelanda

Ecco le immagini della splendida partita che ha visto gli Springboks vincere a tempo scaduto contro gli All Blacks

2 Ottobre 2021 Foto e video
item-thumbnail

Rugby Championship: show stupendo in chiusura di torneo, il Sudafrica batte gli All Blacks 31-29

Decisivo il piazzato di Jantjies in un finale pazzo. All Blacks che avevano comunque già vinto il torneo

2 Ottobre 2021 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby Championship: All Blacks-Springboks, la carica dei 101

Il Sudafrica alla ricerca del riscatto dopo le tre sconfitte consecutive

2 Ottobre 2021 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby Championship, Ardie Savea: “Non è sempre facile pensare solo al campo”

Il capitano degli All Blacks parla della vita quotidiana all'interno del ritiro neozelandese

1 Ottobre 2021 Emisfero Sud / Rugby Championship