Test-match 2014, la Francia apre allo straniero

Sono 38 i giocatori convocati per novembre. E Spiccano Kockott e Atonio

COMMENTI DEI LETTORI
  1. Giovanni 21 Settembre 2014, 16:29

    La Francia equipara Kockott? …e noi replichiamo con Haimona – Vunisa! 😉 Occhio, galletti…

    • Rabbidaniel 21 Settembre 2014, 17:46

      Vedrai che fra un anno e mezzo equipareremo anche Barraud e chi più ne ha più ne metta.

  2. San Isidro 21 Settembre 2014, 16:46

    Chiedo perchè non so, ma per Chiocci si tratta della prima convocazione? A me questo pilone del Toulon piace molto…

    • Stefo 21 Settembre 2014, 17:47

      Si prima convocazione calcola che ha 24 anni comunque

  3. San Isidro 21 Settembre 2014, 16:51

    Altra domanda, questa stagione non sto seguendo granchè il Top 14 (a parte il Top 14 de la URBA che si appresta a terminare, almeno nella regular season), ma Forestier del Castres? Infortunato o scelta tecnica? Perchè era un altro pilone interessante…

    • fabiogenova 21 Settembre 2014, 19:50

      Credo scelta tecnica, non mi risultano infortuni…

  4. dogriccio 21 Settembre 2014, 17:31

    Atonio dicono sia un animale. Per il resto equiparare un giocatore va bene se il movimento produce elementi di valore e l’equiparato serve ad aumentare il livello, ben altra cosa la nostra situazione dove l’equiparazione nasconde l’incapacità di formare elementi. Ripassatevi mentalmente la sfilza di equiparati e dei loro back up italiani…..

    • Rabbidaniel 21 Settembre 2014, 17:45

      Infatto fra Kockott e un Botes c’è una certa differenza. Cmq il Sudafrica si pentirà di averlo lasciato ai Bleus.

  5. And 21 Settembre 2014, 19:21
  6. fabiogenova 21 Settembre 2014, 19:55

    Posso dire che mi fa piacere per Chiocci? E’ proprio di Tolone, l’unico giocatore della città costazzurrina e quello che si esalta di più. Bravo Xavier!

    • San Isidro 21 Settembre 2014, 20:26

      concordo fabio, le volte che l’ho visto giocare con i rouge et noirs mi ha dato sempre un’ottima impressione, sia in chiusa che in gioco aperto, sono contento per lui…anche il buon Menini è del Toulon, ma non so di dove sia originario lui…
      ps: tu hai già fatto i biglietti per i Pumas? adesso sono un pò impicciato, ma da Ottobre comincio ad organizzarmi per la trasferta genovese, poi ci mettiamo d’accordo…

      • fabiogenova 22 Settembre 2014, 21:46

        Ok, in che zona prendiamo il biglietto?

        • San Isidro 22 Settembre 2014, 22:34

          fabio, non voglio condizionarti, tu comunque fai il biglietto quando vuoi e nel settore dello stadio che preferisci…io fino alla prima settimana di Ottobre temo di non farcela a fare i biglietti, mi organizzo dopo…l’importante è che, qualora dovessi salire, ci si riesca ad organizzare per un eventuale Meet & Beer prima o dopo la partita o, perchè no, anche prima e dopo…comunque in caso starò almeno un paio di giorni anche perchè voglio rivedere la città, quindi il tempo non mancherà per un ritrovo…

  7. mezeena10 21 Settembre 2014, 23:49

    “cosi fan tutte”..mah..

  8. sandro 22 Settembre 2014, 07:01

    Con tutte le differenze tre i nostri e i loro…. Vunisa non è sicuramente male… E rispetto ad Haimona e’ di un altro pianeta…

Lascia un commento

item-thumbnail

A Chicago sarà ancora All Blacks-Irlanda: la rivincita del 2016

Al Soldier Field dovrebbe andare in scena il remake della storica vittoria degli Irish sui Tuttineri

item-thumbnail

Eddie Jones fa i complimenti all’Italia e chiede tempo per il suo Giappone

Il tecnico elogia Lamaro e compagni "rimandando" i suoi giocatori alle prossime sfide internazionali

item-thumbnail

Summer Series: l’estate della Scozia prosegue in scioltezza, Cile battuto 11-52

La squadra di Gregor Townsend ci mette 30' per iniziare a ingranare, ma poi non si ferma più

item-thumbnail

Italia, come sta Paolo Garbisi?

Il mediano di apertura azzurro è uscito al 67', durante il test match col Giappone, per un forte impatto alla testa contro l'anca di un avversario. Ag...

item-thumbnail

L’Italia chiude le Summer Series nel modo migliore, bel successo sul Giappone di Eddie Jones

Azzurri che partono e chiudono forte con un netto 14-42, soltanto un po' troppa indisciplina ha tenuto a galla i nipponici a cavallo dell'intervallo

item-thumbnail

L’Argentina domina, l’Uruguay non c’è: a Maldonado finisce 79-5

Partita a senso unico per ottanta minuti. Teros irriconoscibili rispetto alla Rugby World Cup