Galles, parlano le Regions nel giorno del meeting WRU

I boss di Cardiff e Newport si dicono perplessi dalle prese di posizione della federazione

COMMENTI DEI LETTORI
  1. Mr Ian 2 Gennaio 2014, 09:20

    Cardiff e Newport rimarranno con mamma wru, sono quelli più titubanti e che non vogliono lasciare la Celtic..

    • tony 2 Gennaio 2014, 10:00

      Non ne lascia nessuna hanno chiesto,hanno bleffato, e adesso mestamente tornano ….

    • San Isidro 2 Gennaio 2014, 16:12

      ma si è il giusto compromesso: Ospreys e Scarlets in Premiership mentre Blues e Dragons resano tra noi italo-celti…due per uno non fa male a nessuno…

  2. Appassionato_ma_ignorante 2 Gennaio 2014, 09:33

    Non so perché, ma leggendo queste parole mi sono venuti in mente i bambini che per protesta minacciano di scappare di casa e magari pure lo fanno, salvo poi ritornare dopo essersi allontanati 100 metri o un chilometro o quel che è.

    • Appassionato_ma_ignorante 2 Gennaio 2014, 09:34

      “Leggendo queste parole” = la dichiarazione delle regions.

    • tony 2 Gennaio 2014, 09:58

      Giusta espressione in altro post parlai dell bluff…inglesi e franchigie gallesi….

  3. Katmandu 2 Gennaio 2014, 10:04

    Delle cose nell’articolo non mi tornano (non per colpa di paolo sia chiaro 😉 )
    1 le regions non vogliono andare da nessuna parte, ma se fino l’anno scorso volevano armarsi di bastoni per andare in premier
    2 abbiamo sempre voluto lavorare con la wru, ma se non ricordo male non han preso parte a qualche riunione in cui erano invitati con la wru
    3 non possiamo firmare alcun accordo perchè non sanno la struttura delle competizioni per l’anno venturo, che sappia io al momento di certo c’è che gli inglesi non vogliono fare le coppe europee ma questo non vuol dire che non si faranno e inoltre la CL è messa a rischio dalle regioni gallesi (cioè loro stessi) per cui danno a se stessi la colpa del fatto che cercano un altra strada?
    Son forti pure loro non solo gli inglesi, e poi la minaccia di andare per vie legali, dai mi sa che la WRU ha annusato il bluff e ora che ha messo ha pareggiato la chiamata delle regions vuole vedere cosa hanno in mano, il nulla o poco meno!

  4. ginomonza 2 Gennaio 2014, 12:25

    Paolo forse ingannati non è proprio la traduzione corretta va bene la prima e la terza ma la seconda mi sembra eccessiva come interpretazione.

  5. berton gianni 2 Gennaio 2014, 13:03

    A questi perlustrati, pusillanimi minatori di frodo invierei, con traduzione simultanea in gaelico, il Fede Emilio col suo : Che figura di merda…
    Sutor ne ultra crepidam.

  6. parega 2 Gennaio 2014, 13:04

    gareth davies del Newport : ” Sono le regions ad aver creato i giocatori del Galles che hanno vinto negli ultimi 10 anni: non sono stati preparati negli stage della nazionale ma nei club del Galles, poi dalle regions e solo alla fine sono andati in nazionale”.

    peccato che i soldi sono arrivati tutti dalla federazione gallese , loro al massimo avevano i soldi per pulire il campo !!!!
    ci vorrebbe piu’ serieta’ nelle dichiarazioni senza fare la voce grossa con i soldi degl’altri !!!

    • Mr Ian 2 Gennaio 2014, 13:12

      Davies dice la pura verità!

      • parega 2 Gennaio 2014, 13:15

        certo lo so’ , ma il concetto e’ che hanno potuto farlo solo con i soldi della federazione, secondo me non e’ seri dire che si fatto un buon lavoro e prendersi tutti i meriti quando hai potuto farlo con i soldi di altri …per lo meno io la penso cosi’

        • parega 2 Gennaio 2014, 13:15

          cioe’ sono franghicie federalizzate …non club indipendenti …e’ diverso

      • Stefo 2 Gennaio 2014, 13:15

        No Ian non dice la verita’ perche’ non dice da dove i soldi in realta’ provengono…una questione sostanziale!Volendo dircela tutta l’inizo della formazione avviene nei club locali anche essi finanziati dalla WRU.

        • parega 2 Gennaio 2014, 13:19

          yesss stefo …per me l’ultima parola dovrebbe essere della federazione ….chi caccia i dindin e’ giusto che abbia l’ultima parola per lo meno e’ quello che penso io
          addirittura volendo dirla tutta i presidenti delle 4 franchigie potrebbero essere anche a libro paga della federazione …niente di esagerato no ? cioe’ dipendenti

          • Katmandu 2 Gennaio 2014, 13:58

            @mr ian i soldi per la formazione chi li caccia? Punto. Certo le regions han fatto un lavoro enorme per conto della federazione e probabilmente han raccolto molto meno di quanto han seminato, basti pensare che i blues fino l’anno scorso avevan nel rooster Warbutton, Roberts e mezzoscheo, probabilmente l’anno prossimo nessuno dei tre starà a Cardiff e quanto han vinto i Blues negli ultimi anni? Le regions prese singolarmente avendo la possibilità di spendere la stessa quota di sterline magari senza vincoli sulla formazione avrebebro fatto altre scelte sul mercato, magari prendendo un centro argentino, una terza Nz e un estremo sudafricano quindi non avrebbero avuto ne i blues ne il galles 3 campioni di livello assoluto
            É sempre il solito discorso del cane che si morde la coda

      • Mr Ian 2 Gennaio 2014, 15:12

        Scusate, ma la federazione non ha fatto altro che investire, non spendere soldi, e mi pare che dopo 10 anni i risultati siano arrivati, mica i clubs sono dei supermarket soldi-giocatori, conoscete meglio di me la complessità della formazione e i rischi che un club corre nello sviluppo dei giocatori.
        Allora nei paesi dove si è speso e non sono arrivati i risultati cosa dovevano fare??
        La WRU non è per nulla riconoscente per il lavoro sporco che si svolge nel paese.

        • Stefo 2 Gennaio 2014, 15:38

          Mr Ian la federazione gallese non ha altro che fatto il suo lavoro ed egregiamente se vogliamo dirla tutta.
          Il loro compito (come quello di qualsiasi federazione) detto in 2 parole e’ investire nella crescita e sviluppo dello sport all’interno della loro area geografica di referenza e ti sfido a dire che la WRU non abbia fatto questo in maniera egregia.
          Ovvio che non possa far questo centralmente ma che la cosa venga fatta a livello locale tramite i club prima e le Regioni e le loro Academy dopo ma queste ultime senza i finanziamenti della WRU non avrebbero fatto nulla, finanziamenti a partire dai corsi di formazione degli allenatori che sono quelli che fanno il vero lavoro sporco.
          No troppo facile dire abbiamo fatto tutto noi e voi raccogliete i frutti e basta quando quanto e’ stato fatto e’ stato fatto grazie ai progetti creati e finanziati dalla WRU.

          • Mr Ian 2 Gennaio 2014, 15:49

            Tutta la querelle che si è creata ha buttato solo del fango nella macchina perfetta che è la WRU, però, penso sarai d’accordo con me, che ci sono degli aspetti della questione a mio avviso illogici.
            Non capisco perchè continuare con la CL quando questa competizione continua a perdere appeal, ricordiamoci che manca ancora lo sponsor per la prossima stagione. Gatland continua a dire che la CL non è ad un livello adatto per suoi giocatori, per cui continua la diaspora gallese, adesso tocca agli allenatori smentire i rumors di stampa…
            Il passaggio in AP dovrebbe avvenire di comune accordo e non invece come atto di divorzio.

          • Stefo 2 Gennaio 2014, 17:21

            Lo sponsor per forza manca se non si chi giochera’ e qui sono le prime cole delle Regioni.
            Seconde colpe delle Regioni e loro discoro illogico: accusano la WRU di non poter confermare le competizioni Europee?Chi e’ che sta mantenendo in gioco gli Inglesi e la loro RCC?Le Regioni gallesi!Le altre union compresa quella francese che ha comprato con 2 milioni a teste le squadre del T14 sono pronte almeno per il prossimo anno a mettere su la HC ANCHE SENZA inglesi. Le Regioni Gallesi si stanno vendendo per un tozzo di pane agli inglesi. Se la CL e’ a rischio e’ proprio per colpa delle Regioni non della WRU, IRFU o SRU.
            Una B&I league sarebbe senza dubbio interessantissima ma non di facile gestione visto che sarebbero almeno 22 squadre tra quelle che giocano in Aviva e le 10 celtiche…ed occhio a mettere la testa nella bocca del leone perche’ i Wray e soci ti useranno finche’ fa loro comodo.
            Gatland un giorno dice che si dovrebbe mettere la regola che in Nazionale gioca solo chi gioca in Galles e lo dice quando le Regioni sono in CL, un giorno dice che la CL non gli va piu’ bene…anche lui che si chiarisca un po’ le idee e non per forza quello che dice Gatland e’ corretto.
            Invece che pensare ad andare a vendersi il mulo agli inglesi forse sarebbe il caso che si lavorasse per rilanciare la CL, gia’ il sistema meritocratico rendera’ la lega piu’ interessante visto che non si potranno perdere partite e gia’ questa stagione si vede come le squadre top si siano messe a correre subito. Forse se le Regioni si allineassero o si fossero allineate prima si poteva e potrebbe lavorare a rilanciare la CL che ti ricordo prima di tutto sto casino aveva firmato con Sky per una partita a settimana per i prossimi 4 anni un contratto TV aggiuntivo rispetto a quelli pre-esistenti.
            A me sembra che del fango se ne stiano tirando molto piu’ addosso le Regioni tenendo in gioco gli inglesi, vendendosi il mulo a loro per un tozzo di pane, mettendo a rischio il resto del sistema celtico che poteva e puo’ essere rilanciato.

          • gsp 2 Gennaio 2014, 18:25

            Ian, l’ap ha sicuramente meriti, vantaggi e potenzialitá maggiori.

            Ma se vuoi fare il campionato o coppa anglogallese, allora la RFU approccia la WRU, si mettono daccordo, si pianifica per bene per un paio d’anni e poi si inizia partendo quasi alla pari, considerando che sarai cmq e sempre un parente povero.

            Quello che non puoi fare è venderti per un mln all’anno, e forzare la tua federazione a capitolare abbandonando il modello di rugby che ti ha permesso di ottenere i risultati che hai avuto. Tra l’altro forzando la tua federazione a pagare penali se abbandonano la ERC.

            Le regioni hanno fatto una figura barbina della banda del buco a servizio della banda bassotti di BT, nonostante giornali amici e campagne sui social media che neanche l’esercito di Silvio.

            Lo smacco finale te l’ha dato la wru quando t’hanno detto che loro rappresentano I 300 club gallesi.

            Niente vieta a Scarlets ed ospreys di affiliarsi alla RFU, com’è per il calcio, senmpre che la RFU sia daccordo.

      • maxsavo 2 Gennaio 2014, 19:36

        Ian le regioni sono state create e finanziate dalla wru, ora non puoi pretendere che possano convincere la propria federazione a girare le spalle alla CL e alla HC, tradendo di fatto le altre federazioni, senza un più che valido motivo ragionevole da tutti i punti di vista.. ma invece per che cosa? per qualche soldo in più promesso dai club inglesi che non vedono l’ora di spaccare le competizioni esistenti per crearne altre simili (ma anche uguali) ma l’importante è che siano in mano a loro.. Con la promessa che così riempiranno gli stadi in eterne sfide, e giù soldi a palate per tutti.. Non vi faremo retrocedere.. ahahaha.. Poi che abbiano formato giocatori è proprio lo scopo per le quali sono state fondate, anche perché se non lo facevano le avevano già chiuse con quello che costano.. Che devono dire allora Neath, PontyPridd, Carmarthen e gli altri 300 club gallesi ? Non meritano pure loro una ricompensa per i giocatori che hanno formato?

  7. Stefo 2 Gennaio 2014, 13:08

    Entrambi ieri hanno parlato tanto durante la partita di CL sulla faccenda, ben imbeccati dai giornalisti.
    Una cosa molto interessante per l’Italia l’ha detta Holland:
    “What we have done is put a new negotiated position on the table to play in a new Champions Cup with the English which would see the Welsh regions come into an additional £1million each for three years, which would also see extra resource for the Irish and Scots if they want to join.”
    “Irish and Scots” nessuna menzione degli “Italians”…

    • Katmandu 2 Gennaio 2014, 13:51

      Stefo ma si sa che noialtri ci sopportano solo per i soldi che mettiamo (e nemmeno troppo) noi non siamo come loro, ma apparte questo, loro han solo cercato di organizzare un altra copetizione che portava più soldi per ognuna delle franchige mi pare abbastanza riduttivo da dire per quello che han fatto, loro possono pure proporlo ma poi minacciare di andare per vie legali o di non fare più formazione non mi pare proprio che sia nella posizione per esprimersi, mi sa tanto di un dirigente che cerca adesso di ribaltare le carte in tavola per poi dire davanti la pubblica piazza che lui ha fatto di tutto per salvare la sua azienda…. Per cui non ci baderei troppo, anche se ho capito il concetto che volevi esprimere

  8. Hrothepert 2 Gennaio 2014, 18:13

    Dove sta il giudice che dovrebbe decidere sulle sorti del Rugby Gallese?!?
    A…Londra!! ….SUDDITI!!!!

    • ginomonza 3 Gennaio 2014, 11:15

      Hro,
      si nota tutto il tuo indipendentismo scozzese 😉

    • Schwalger 4 Gennaio 2014, 16:27

      per la proprietà transitiva… sudditi=subjects=soggetti…
      sono proprio dei “soggettoni” (come si direbbe dalle mie parti…)
      hai voglia a cantare “land of my fathers” in Inglese…
      quando finirà questa soap televisiva?

Lascia un commento

item-thumbnail

URC, Glasgow e Connacht: le formazioni delle avversarie delle italiane

Torna Mack Hansen per gli irlandesi, sei internazionali scozzesi tornano in formazione per la squadra di Franco Smith

item-thumbnail

Perché la cessione di Will Rowlands è così importante per il rugby gallese

Il seconda linea dei Dragons e della nazionale ha offerte da Bath e Racing 92, facendo emergere le crepe nella gestione delle risorse economiche della...

30 Novembre 2022 United Rugby Championship / Altri club
item-thumbnail

URC, la formazione di Edinburgh per la trasferta contro il Benetton

Gli scozzesi saranno ancora senza gli internazionali per la trasferta in Italia

25 Novembre 2022 United Rugby Championship / Altri club
item-thumbnail

URC: rinviate Sharks-Ulster e Lions-Glasgow Warriors

La squadra irlandese e quella scozzese fermate da un virus intestinale

item-thumbnail

Sam Lousi: il verdetto della squalifica per il fallo su Geronimo Prisciantelli

Il tongano comprometterà anche una parte dell'autunno internazionale

item-thumbnail

L’incredibile beffa per Franco Smith… che non può tornare a casa sua

Il tecnico dei Glasgow Warriors non ha potuto seguire i suoi ragazzi in Sudafrica per problemi burocratici