Sei Nazioni U20: Inghilterra senza problemi, Italia spazzata via 52 a 7

Il XV in maglia bianca troppo superiore per i nostri ragazzi che si battono comunque con grinta e determinazione

COMMENTI DEI LETTORI
  1. andreac 8 Marzo 2013, 22:57

    allucinante!!!!!! veramente spazzati via in ogni fondamentale, non siamo riusciti a fare più di 3 passaggi senza commettere errori o ridare il pallone ai bianchi. Fortunatamente anche loro hanno commesso molti “in avanti” o finiva con un punteggio nettamente più largo. I nostri giovani devono giocare più spesso ad un livello più alto, l’eccellenza non serve più a nulla…gli unici che si salvano( anche se oggi è difficile salvare qualcuno), sono quelli che giocano in pro 12 anche se con un minutaggio limitato…se questo è il nostro futuro sono veramente preoccupato.!!!!!

    • Francesco.Strano 8 Marzo 2013, 23:02

      anche quelli in eccellenza aggiungo. A parte il numero7. poi abbiamo un allenatore che cambia la prima linea…. e MAGICAMENTE PRENDIAMO DUE METE TECNICHE. Guidi incommentabile.

    • michelangelo 9 Marzo 2013, 08:44

      non mi piace parlare dei ragazzi ma mi dici cosa salvi della partita di Esposito ???? allora o li metti tutti o taci perchè quando si perde 52-7 quelli che non sono da salvare sono proprio quelli che gicano in celtic che dovrebbero fare la differenza

      • andreac 9 Marzo 2013, 09:04

        i ragazzi non hanno colpa, semplicemente ho detto che dovrebbero giocare ad un livello più alto durante l’anno per poter pensare di vincere contro chi gioca più o meno regolarmente in campionati più competitivi. inoltre volevo chiederti di cambiare tono, io non ti conosco e non mi permetto di dirti di Tacere su un tuo commento. Si chiama educazione…

        • michelangelo 9 Marzo 2013, 09:28

          ok scusa , ti assicuro che non sono maleducato, ma non era per dirti di stare zitto , era solo per dire che se salvi qualcuno non devi salvare proprio quelli che dovrebbero fare la differenza

      • Fausto Bianco 9 Marzo 2013, 09:49

        ma non ti sei mai accorto che non li fanno mai giocare in celtic? e sono in tre: Odiete, Esposito e Campagnaro. Quest’anno non hanno mai giocato a parte Odiete che ha giocato qualche minuto ma hanno visto subito che non può giocare a quel livello!

  2. demon1981 8 Marzo 2013, 23:00

    Partita a senso unico..
    Questa purtroppo e’ la differenza tra il nostro movimento e’ quello inglese..
    Fisico e tecnica fuori dalla nostra portata…
    Ho paura che questa differenza in futuro fara’ aumentare il divario anche della nostra nazionale maggiore.
    Spero di sbagliarmi…
    Cmq vedere l’Italia sia under che maggiore, sta tornando ad essere una sofferenza quasi insopportabile!

    • Giovanni 8 Marzo 2013, 23:27

      Beh la differenza è maggiore a livello giovanile, perchè gli inglesi crescono prima dei nostri, sia dal punto di vista fisico che tecnico (visto che a 18-19 anni giocano già contro i migliori). I nostri maturano verso i 23-24 anni, quindi col passare degli anni il gap tende a ridursi. La cosa preoccupante, a mio avviso, è vedere così tanti errori su aspetti tecnici che dovrebbero già essere assimilati. Poi nel “Paese del calcio” vedere limiti enormi nel gioco al piede…

      • Hullalla 9 Marzo 2013, 17:34

        Ti sei chiesto come mai in Inghilterra “maturano” prima e in Italia “maturano” dopo?
        Per cortesia non tirare fuori tesi eugenetiche…

  3. aristofane 8 Marzo 2013, 23:03

    La differenza fisica e tecnica tra le due squadre è mostruosa, per fortuna soprattutto la prima, rimediabile…. ma non credo besti un po’ di palestra…. manca soprattutto tecnica del placcaggio, manca decisione nell’atto stesso, ho visto troppe volte poca cattiveria, poca violenza (positiva, perché se non ti scagli con violenza contro l’avversario lui fa metri, e ti ritrovi a difendere in svantaggio…). Gli inglesi sgomitano sbuffano, pestano e scalciano, i nostri sperano di passare con un impatto singolo, ma è ovvio che non può accadere ad un certo livello. Forse la selezione dovrebbe partire dalle doti di placcaggio stesse, o mi fai una meta ogni placcaggio sbagliato (anche un avanzamento di più di 3-4 metri è un placcaggio sbagliato) oppure il gioco non vale la candela… sarò molto “sudafricano”, ma preferisco pareggiare 0-0 che perdere 50-49…

    • San Isidro 9 Marzo 2013, 00:46

      è tremendamente tutto vero…questi ragazzi le qualità ce le hanno, ma oggi hanno fatto vedere poco..speriamo in una partita decisamnete migliore contro l’Irlanda

    • Fausto Bianco 9 Marzo 2013, 09:53

      Purtroppo i ragazzi non sono motivati. Non c’è solo un problema di fisico o tecnica; c’è anche un problema mentale. Abbiamo bisogno di uno staff che li sappia portare alla vittoria

  4. Giovanni 8 Marzo 2013, 23:06

    La differenza fisica era nota ed è stata evidente. Quello che preoccupa è il livello tecnico: ci sono due anni di differenza tra la maturazione dei loro e quella dei nostri. A parte 3-4 elementi, gli altri francamente non sono ancora pronti per quel livello (soprattutto la mediana) e questo dovrebbe far riflettere (e molto) i tecnici azzurri. Si sono viste mancanze gravi su alcuni aspetti tecnici di base: calci da fermo che non escono, touche sbagliate, placcaggi mancati, sostegni in ritardo.

  5. Katmandu 8 Marzo 2013, 23:10

    Bah poco da commentare loro più forti più veloci più cattivi e pasticcioni come noi quando l’altro giorno dicevo che nel resto di ovalia dai 16 anni in avanti i giovini vengono preparati per un livello più alto non mi credevate e i risultati sono questi loro si allenano con giocatori che poi giocano la premier i nostri fanno gli sboroni in serie A/B e solo una minima parte gioca ad alto livello
    Abbiamo seconde che non placcano un mm che gioca costantemente sotto pressione un apertura che nonostante tutto ha giochicchiato benino visto che ha placcato e gestito quel poco di gioco meglio delle altre volte dei 3/4 che rimbalzavano poi il commentatore che dice” guardate la particolarità loro anche placcati continuano a correre ” dai non siamo di questo mondo hanno bisogno di molto più tempo per maturare e si vede
    Poi l’arbitro che va in palla placcaggio pericoloso di odiete? Palla giocabile? Palle fuori che reputa dentro? 2 ammoniti? Le terze italiane che fanno giri strani per entrare in maul? Ma che guarda? Bah in palla proprio non serviva aiutarli

  6. Katmandu 8 Marzo 2013, 23:12

    Ah la cosa più bella della serata mi son dimenticato di commentare ma quanto é bello il taglio di capelli del tallonatore/ pilone inglese un figurino 😉

    • M. 9 Marzo 2013, 09:44

      La cosa più bella Gritti con Devoto Oli e gli incubi del liceo… ahahah mi ha fatto scompisciare…

  7. andreac 8 Marzo 2013, 23:16

    io sono disperato altro che tallonatore:-))) vorrei tanto che mio figlio praticasse questo bellissimo sport, ma siamo “piantati” rispetto alle altre unit…non vedo una propensione a livello federale per migliorare la base e questo mi rattrista molto…spero che chiunque abbia a cuore questo sport, faccia di tutto per cambiare questa situazione…cosi non si può proseguire!!!!

    • demon1981 8 Marzo 2013, 23:19

      concordo in pieno!

    • michelangelo 9 Marzo 2013, 08:38

      se sei disperato per questo vuol dire che non hai capito niente di rugby Porta tuo figlio a giocare a pallavolo o basket così riuscirai a vincere con Galles Francia Irlanda e Scozia.
      La federazione sta facendo quello può con i ragazzi che ha ma non è colpa sua se i ragazzi prima scelgono il calcio poi il basket poi pallavolo poi……
      Siamo la decima o undicesima o dodicesima (secondo gli anni)nazione del rugby per cui BASTA!!!!!!!!!
      se non vi piace cambiate sport e smettete di rompere!!!!

      • andreac 9 Marzo 2013, 09:06

        no porto mio figlio a giocare a rugby perchè mi piace questo sport, che le cose vadano bene cosi, ci sei solo tu che lo dici…

        • michelangelo 9 Marzo 2013, 09:24

          io e tante altre persone che non scrivono qua. Voi siete quelli che volete vincere anche qundo non si può , l’importante è lavorare seriamente e sia i ragazzi che i tecnici lo fanno. Se per voi non va bene potete sempre guardare altri sport dove siamo superiori all’inghilterra tipo calcio basket e pallavolo

          • Da 9 Marzo 2013, 09:34

            Michelangelo, se io ti dico che non è accettabile che in 12 anni tu abbia prodotto pochi giocatori d’alto livello per la nazionale che fanno la differenza quando vanno in campo è sbagliato?
            Se io ti dico che tutto il settore dell’alto livello è da cambiare perché non ha lavorato in maniera competente secondo le possibilità che aveva è sbagliato?
            Se preferissi che a guidare le giovanili Italiane sia chiamato una persona con un signor curriculum e con provata esperienza di successo è sbagliato?
            Poi, attenzione, io non critico la tua opinione perché è giusto rispettare quella di tutti.
            Esprimo solo le mie perplessità

          • michelangelo 9 Marzo 2013, 09:46

            hai ragione bisogna rispettare le opinioni di tutti , ma sono stanco di sentire gente che ha delle formule magiche per cambiare le cose ,bisogna rendersi conto il materiale umano è questo ,dall’accademia escono i migliori giocatori che piaccia oppure no , la dimostrazione è che sia le zebre che la benetton pescano li per i giovani.
            ma pensate che se ci fossero giocatori di 18-19 più forti in giro le due celtiche non li prenderebbero???
            vi ricordo che l’anno scorso c’erano due bravissimi allenatori GREEN e DE CARLI e le cose sono andate più o meno così .
            Non si può semplicemente ammettere che gli altri sono più forti senza dare le colpe a nessuno???

          • mauro 9 Marzo 2013, 10:03

            mai pensato che ci sia qualcosa di sbagliato nel sistema e non nel materiale umano? Qui non è questione di palla ovale o rotonda è questione di metodo. Il rugby, anche se a te probabilmente non fa piacere, è diventato uno sport professionistico in tutto il mondo, solo qui in Italia continua ad andare avanti con il pane e salame e come i dilettanti allo sbaraglio. Nessuno ha la bacchetta magica ma chiedere un minimo di professionalità non credo sia un delitto. Poi non trovo niente di male nel voler vincere: è alla base della competizione. Solo ai perdenti non interessa vincere (così almeno dicono loro…)

          • Dan 9 Marzo 2013, 12:22

            Mi rifiuto di pensare che i giovani italiani (o “materiale umano” come sono stati definiti) siano inferiori agli altri a priori.

          • michelangelo 9 Marzo 2013, 13:32

            Dan:a 18 anni si

          • Da 9 Marzo 2013, 13:58

            No. A 18 anni si può essere preparati allo stesso modo degli Inglesi a patto che si faccia lo stesso tipo di preparazione che fanno loro che in Italia, a mio modo di vedere, non si fa. Questo lo do per certo

  8. 6nazioni 8 Marzo 2013, 23:16

    lo ripeto per l’ultima volta con questo tipo di accademie non si vincera’
    neanche nel campionato under20 di serie b in cile.
    guidi n.p.

    • kinky 9 Marzo 2013, 07:51

      Ciao 6nazioni, su alcune cose hai ragione ma Marinaro più forte di Gori hai preso un abbaglio grande come una casa…magari mi dici che pure Padovani è forte e hai fatto centro. Un apertura che usa il calcio-passaggio all’ala 5/6 volta a partita secondo me è solo un presuntuoso. Quei tipi di calcio si fanno quando è quasi sicura la meta con l’ala totalmente libera e non alla…provamoce che magari ce va bbbene!!!

      • Katmandu 9 Marzo 2013, 08:35

        Bah il mm non gli darei colpe eccessive calcolando che davanti non spingevano abbastanza da fronteggiare gli inglesi
        Stesso discorso per padovani alla fine è stato abbastanza positivo avendo una pressione che difficilmente si vede in giovanile e in eccellenza
        Il problema vero é che la mischia non reggeva, i raggruppamenti sembravano un optional e i 3/4 volevano risolvere la partita da soli isolandosi spesso e perdendo spesso l’uno contro uno

      • 6nazioni 11 Marzo 2013, 14:38

        kinky marinaro lo vedo giocare spesso da due anni e ti posso
        assicurare che e’ piu’ forte del fenomeno gori.
        ps visto con l’inghilterra gori stava bene in tribuna insieme a benvenuti.
        padovani non lo conosco…..

    • mezeena10 9 Marzo 2013, 08:50

      abbaglio che non è servito a farlo fuoriuscire dal brancolare nel buio!
      kinky, li ha visti dal vivo che diamine, marinaro nettamente piu forte di gori!!! ahahahahahahahah

      • Katmandu 9 Marzo 2013, 10:14

        Io non dico che marinaro è nettamente più forte ma giudicando solo la partita di ieri calcolando che aveva una mischia che non si imponeva ma che retrocedeva costantemente ha fatto anche tanto tu hai giocato 10 mezeena non so se hai mai provato a giocare 9 e vederti i culi dei tuoi compagni che ti vengono addosso e già senti sul collo la pressione avversaria
        Ecco ieri nel marasma generale non mi sento di dare un giudizio negativo al 9 era complicato e ha fatto meglio dei suoi compagni in media

        • michelangelo 9 Marzo 2013, 10:55

          secondo me ha fatto meglio Violi

          • Fausto Bianco 9 Marzo 2013, 11:16

            e perchè non provare Francescato

        • michelangelo 9 Marzo 2013, 13:24

          non voglio discutere le qualità del giocatore, ma secondo me ieri sera Marinaro era un po addormentato Violi più vispo

        • 6nazioni 11 Marzo 2013, 14:40

          quoto tutto
          mezeena10 ha giocato? con chi………..
          oristano..

  9. PedemontanaRugby 8 Marzo 2013, 23:35

    Guidi non pervenuto? Stai scherzando? Guidi è la meritocrazia fatta persona, secondo FIR. E’ il cervello di Guidi che non è pervenuto. Questi giocatori sono o sono stati tutti in accademia, e la FIR ne porta vanto, ma non si riesce a comprendere che cosa abbia prodotto nei giocatori la frequentazione dell’accademia. Sono inferiori fisicamente e atleticamente, sono inferiori tecnicamente. L’allenatore li ha allenati? oppure stava in osteria? Se tutto va bene ce lo togliamo dalle balle, e poi sono cavoli di Calvisano.

    • 6nazioni 8 Marzo 2013, 23:48

      perche’ guidi allenera’ calvisano?
      beati loro

    • spisier 9 Marzo 2013, 09:20

      un ‘ altra perla nella carriera di Guidi , che fa Curriculum , tanto da meritarsi la promozione alla guida del Calvisano……

  10. osservatore 8 Marzo 2013, 23:41

    L’ho scritto anche di la .Volevo solo dire che per come vengono reclutati questi ragazzi rendono anche troppo, quando giocano nelle under 16 vengono selezionati in realta’ rugbystiche che sono letteralmente terzo mondo del rugby,basta vedere le convocazioni che fanno,sono scritte nei vari siti regionali fir,ad esempio in societa’ che giocano in campionato elite’ under 16 ne vengono selezionati 1,2,o3 ed in societa’ che giocano in regionale ne convocano 2,3,4,5,6,,all’incirca, dei selezionati ne sono piu della meta’ che giocano in regionale e meno della meta’ giocano in elitè,per capirsi l’ultima societa’ elitè di una regione fa 70 punti alla prima del campionato regionale della stessa regione,poi senza contare il livello dei selezionatori,verificate gente verificate e vi darete delle risposte.

  11. Hrothepert 8 Marzo 2013, 23:51

    A me hanno impressionato le masse muscolari dei sassenachs, i nostri mi hanno ricordato i giocatori dei miei tempi dei giovanottoni, anche grossi, ma dei normali giovanottoni, loro sono molto più strutturati perfino del Jonha Lomu di quell’ età.

    • Francesco.Strano 9 Marzo 2013, 02:12

      ma questo Devoto inglese? ;’)

      • Hrothepert 9 Marzo 2013, 09:29

        I’m a (half) SCOT please and i love sassenachs like a finger i a…eye!!!

    • mezeena10 9 Marzo 2013, 08:52

      quoto hroth, impressionanti davvero..fortissimi anche tecnicamente pero!
      c’è un abisso tra i giovani italiani e i giovani inglesi..anzi una fossa delle marianne 😉
      @strano non bisogna certo essere devoti inglesi per riconoscere la superiorità altrui..si chiama sportività!!!

      • Hrothepert 9 Marzo 2013, 09:38

        Buongiorno Mez, me le hanno dette di tutte, mi hanno dato del federale, del gatto (o volpe, non so) ecc.., ma “devoto inglese” NOOO, proprio a…ME…NOOOO!!!

        • mauro 9 Marzo 2013, 10:06

          scusa Hro ma Devoto era un sassenach player, in parole povere era uno dei loro. Non hai sentito la battuta di Gritti sul Devoto Oli

          • Hrothepert 9 Marzo 2013, 10:32

            Per fortuna…no!!! Ho visto il secondo tempo. Chiedo venia, pensavo che la frase fosse rivolta a me, grazie mauro per la spegazione.

  12. San Isidro 9 Marzo 2013, 00:05

    Partita a senso unico, siamo stati nettamente messi sotto. Il gap fisico e tecnico è stato enorme. Nonostante tutto i nostri ragazzi a tratti si sono battuti con grinta e tenacia, ma oggi l’avversario era troppo superiore. Quanto alle critiche sopra espresse, ricordiamoci comunque che abbiamo fatto una grande prestazione contro la Francia e purtroppo a Viterbo contro il Galles non siamo riusciti proprio a giocare a causa del tempo. Quanto ai singoli, non dimentichiamoci che abbiamo tre ragazzi che sono nelle rose celtiche (Odiete tra l’altro sta giocando con continuità alle Zebre), e quasi tutti gli altri provengono dai club d’Eccellenza, nei quali spesso sono titolari. Altri, come Buscema e Moriconi, giocano titolari in Seria A con la Capitolina, che non è poco alla loro età, e c’è Pasquali che si sta formando all’accademy dei Leicester Tigres, dopo un anno di formazione in Scozia. Buttare il fango addosso a questi ragazzi mi sembra quindi ingeneroso perchè le qualità individuali ce le hanno. Ovviamente la differenza è netta perchè ci confrontiamo con nazionali che sono l’espressione di movimenti giovanili parecchio avanti al nostro per struttura, formazione e qualità. E parliamo comunque di nazioni rugbysticamente molto più evolute rispetto all’Italia, per noi dunque ogni passo è decisamente in salita. I ragazzi delle altre nazionali giovanili si stanno formando tutti nelle accademy delle franchigie celtiche o dei club inglesi, oppure giocano in pianta stabile in Top 14 e Premiership, qualcuno pure in Pro 12, è evidente che possiamo competere solo fino ad un certo punto. Ovviamente il nostro movimento giovanile ha bisogno di un miglioramento, e proprio in un commento di ieri mi chiedevo perchè le giovanili azzurre non riescono a formare un’apertura che almeno possa entrare in una nostra squadra celtica, visto che prendevo ad esempio Jackson, che domani farà il suo secondo cap con l’Irlanda, gioca titolare con l’Ulster e fino a due anni fa era nella nazionale irlandese u.20…

    • Katmandu 9 Marzo 2013, 00:14

      Te l’ho scritto ieri paddy jackson gioca perchè se lo merita ha mandato in pensione humphryes tranquillo oggi hai visto qualcuno che potrebbe vagamente passare per titolare in un campionato d’elitte europeo? Io no nemmeno padovani che secondo me è l’unico che salverei oggi e poi che centrano le partite degli altri giornate? E poi ti rendi conto lo dici anche tu i nostri fanno gli sboroni nei campionati inferiori italiani e gli altri fanno panca in premier dato che hai visto le partite di serie A/ B e anche di premier vedi qual’è la preparazione che hanno i vari atleti e i risultati son questi
      Dai 16 anni in avanti non abbiamo campoonati di livello per formare i giovani

      • San Isidro 9 Marzo 2013, 00:41

        ma è quello che dico anche io, e che ho anche scritto nel marcare la differenza tra il nostro movimento e gli altri…ovviamente chi ha merito gioca, come Jackson..a parte questo, è certo che il nostro movimento giovanile va ristrutturato e riformato..il punto è proprio nel fatto che le nostre nazionali giovanili non riescono a produrre giocatori che potrebbero ad oggi entrare a far parte di una rosa celtica..a parte i giocatori che hanno talento (Odiete, Campagnaro, Esposito), gli altri si esprimono attraverso l’Eccellenza, che comunque non è poco, non ho mai detto che fanno gli “sboroni” nelle serie inferiori, anzi tutt’altro! mi hai frainteso! per me se uno gioca a 18/19 anni titolare in serie A significa che ha qualità, perchè, come sai, è difficile trovare spazio da titolare in serie B o in A se sei giovanissimo, ancor più nell’Eccellenza, ma il punto è proprio qui: noi abbiamo solo questo, mentre magari gli altri ragazzi inglesi giocano già in Premiership! dobbiamo anche rivedere anche la funzione della nostra accademia di Tirrenia…il paragone con le altre giornate era riferito a qualche commento facile che ho letto sopra (non tuo) che era pesantamente critico con questi ragazzi, e dico che, tutto sommato, in questo 6N di categoria abbiamo fatto una grande prestazione contro la Francia…

        • Katmandu 9 Marzo 2013, 08:24

          San il discorso è questo un selezionatore nazionale è costretto a pescare in serie B un ragazzo perchè è il migliore in quel ruolo, ora con tutto il rispetto che posso avere per i ragazzo e la categoria a questi livelli è carne da cannone, non è preparato per il livello di gioco a questi livelli poco da fare
          La verità è che noi maturiamo più tardi basta

          • San Isidro 9 Marzo 2013, 11:36

            Kat, ma è sempre quello che ho detto anch’io, mentre i nostri sono nelle rose di Eccellenza o di serie A (che comunque non è poco), gli altri già si fanno le ossa in Top 14, Premieship e Pro12, oppure nelle rispettive accademy (anche se pure noi abbiamo Pasquali che si sta formando in un’accademy)

    • mauro 9 Marzo 2013, 08:03

      San:dire che il nostro movimento giovanile ha bisogno di un miglioramento è un eufemismo. Qui si tratta di rifondare. Gli under 20 in Italia arrivano fino a 16 anni e dovrebbero confrontarsi fra di loro, per fortuna che qualcuno gioca in Eccellenza…Mancano i fondamentali: hai visto come pulivano le ruck i nostri, andavano a spingere via i loro bestioni, ben piantati a terra, anzichè tentare un più facile ribaltamento laterale togliendo gli appoggi. Purtroppo non è la maturità fisica che manca è una crescita tecnica adeguata quella che non c’è. D’altra parte chi insegna nel nostro settore giovanile? Gente di buona volontà, ex ora in pensione – più nonni che preparatori – o ragazzotti che per un qualche motivo hanno dovuto abbandonare il rugby giocato ma non resistono al richiamo. Hai visto il loro staff… e il nostro. Bisognerebbe girare un pò per i campi degli under per capire perchè il reclutamento oggi è alto ma il raccolto è scarso.

      • San Isidro 9 Marzo 2013, 11:41

        mauro, giustissimo quello che dici, ma proprio perchè quasi tutti i nostri nazionali u.20 si trovano in pianta stabile nelle rose della nostra Eccellenza o di serie A (e ripeto che comunque non è poco per un giovane emergente) i fondamentali dovrebbero averli acquisiti…e poi abbiamo tre ragazzi che sono in Pro 12 e uno che si sta formando con l’accademy dei Leicester Tigres che magari dovrebbero dare un apporto maggiore, ma purtroppo ieri non c’è stato neanche quello…

    • crosby 9 Marzo 2013, 08:12

      No due anni fa. Paddy Jackson ha giocato tutto il 6 Nazioni Under 20 dello scorso anno…anno 2012! In neanche 1 anno e’ apertura titolare dell’Ulster in Pro12 e dell’Irlanda al 6 Nazioni.

      • San Isidro 9 Marzo 2013, 11:43

        è vero, ma PJ ha giocato nella nazionale u.20 anche nella RWC 2011 qui in Italia…

  13. osservatore 9 Marzo 2013, 00:22

    non mi sono spiegato!!se porti ai box di formula uno una croma ,la potrai preparare bene quanto vuoi ma la cilindrata è e restera’ bassa,fermo restando poi che i meccanici di scuderia sono quello che sono.

  14. osservatore 9 Marzo 2013, 00:46

    il movimento francese attuale lo abbiamo visto con la nazionale maggiore,ripeto le selezioni giovanili vengono fatte all’italiana maniera che conosciamo ed il risultato è questo,se venissero scelti ragazzi che sono una spanna sopra a quelli scelti nei vari campionati dove andrebbero ma giocare si vedrebbero giocatori di spessore nettamente superiori.

  15. Francesco.Strano 9 Marzo 2013, 02:05

    le comiche sentire che guidi è stato scelto secondo meritocrazia. quali meriti have avuto? elencatemi esperienze internazionali, trofei vinti, staff tecnico con cui ha collaborato……
    rimpiango green e de Carli Dell anno scorso!!!!!

    • kinky 9 Marzo 2013, 07:59

      Secondo me era una frase ironica, quella!!
      Ps speriamo che nell’ultima partita dia spazio a Buscema, ma secondo me non lo farà…metti che questo giochi benissimo come fa poi Guidi a giustificarsi nell’essersi intestardito con Padovani 10?!?

      • Francesco.Strano 9 Marzo 2013, 10:37

        basta vedere la mischia del primo tempo…. e la seconda che prende due mete tecniche.. quello è troppo convinto di sé e delle sue scelte.

    • Hullalla 9 Marzo 2013, 17:52

      Eppure (purtroppo) i risultati di green e De Carli non sono stati poi cosi’ diversi…:-(

  16. michelangelo 9 Marzo 2013, 08:15

    non si può stare un po rilassati, pensare che che gli inglesi erano più forti e smettere di dire che è colpa di Guidi di Cavinato di Green di De Carli di Dondi delle accademie ecc.ecc..?
    Vi elenco i giocatori che conosco che sono usciti dalle accademie e che si comportano egregiamente in Celtic
    gori- benvenuti -favaro-venditti-ferrarini- manici-sarto-odiete-campagnaro-esposito-furno (credo)lovotti (ci andrà)ecc ce ne sono ancora ma non li ricordo.
    Anche la benetton negli ultimi anni ha pescato solo nelle accademie.
    Se ci sono altri fenomeni in giro fatelo sapere perchè secondo me Guidi sarebbe ben contento di chiamarli e vincere

    • mezeena10 9 Marzo 2013, 09:29

      ti straquoto!
      i fenomeni li abbiamo dietro la tastiera e fra i nuovi head coaches della nazionale!
      tutti (tranne qualcuno) a sputare sentenze senza prendere atto della cosa piu evidente e cioè che gli altri sono nettamente superiori, per tanti e ormai troppi motivi!
      gli inglesi, oltre ad essere quasi definitivamente formati fisicamente, hanno le abilità e competenze individuali già consolidate a quell’età, solo da affinare..
      chi dice che guidi etc etc è lo stesso\i che ieri diceva\no che brunel non capisce un acca! non ne farei un dramma, si commenta e commentano per quel che sono, analfabeti del rugby!!!

      • andreac 9 Marzo 2013, 09:42

        mi sembra che gli inglesi siano anche Troppo grossi per la loro età!

        • Hrothepert 9 Marzo 2013, 09:53

          Era quello che sottindendevo dire io con l’ intervento di ieri sera.

      • luis 9 Marzo 2013, 10:06

        Scusa “professore”, ma mi sembra che ci sia del vero nel succo dei commenti fatti ( da intenditori, semplici appassionati ,etc).
        Non voglio discutere dei ragazzi, un plauso per l’impegno, ma credo che il problema riguardi semplicemente chi educa,insegna,istruisce questi ragazzi:quello che si dovrebbe fare è trovare qualcuno che sia in grado di insegnare ai ns.allenatori, se vuoi veramente far crescere il movimento, altrimente se andiamo avanti con le teorie del prof.federale questi sono i risultati. La cosa è grave a livello giovani perchè quelli sono il ns.futuro.

    • spisier 9 Marzo 2013, 09:34

      ‘scolta , Buonarroti , non difendere Guidi , per favore : in mischia abbiamo inizialmente tenuto poi siamo ritornati negli spogliatoi ( due tecniche , dopo due gialli ma anche dopo le sostituzioni … ) . Le touche , te le raccomando …Possibile non riuscire a portarne giu ‘ piu’ di 1 pulita ? ma che schemi gli insegnano ? su almeno 5 , sulle 7/8 sbagliate il nostro saltatore non ha visto la palla e sulle altre , con le nostre finte di salto ci incasinavano . E ormai siamo alla 4 sconfitta senza lode …

      • Da 9 Marzo 2013, 09:39

        Mez, scusami, ma io non ci credo che, dopo tutte le sconfitte dell’under 20 di questi anni, il lavoro di Ascione e company sia credibile. Non è possibile!
        A parer mio, tutti i Minto (prendo uno a caso eh) che son passati dalle accademie sarebbero ai livelli degli Inglesi di ieri sera con un settore giovanile guidato da una persona competente e con provata esperienza.
        Poi mi sbaglierò ma, prima, vorrei vedere se ho ragione. Ah, ovviamente bisogna dargli il tempo giusto per lavorare. Perlomeno una decade o un quinquennio

      • michelangelo 9 Marzo 2013, 10:02

        no guarda io non voglio difendere Guidi anche perchè non so neanche chi è , però non so se hai visto la partita con il galles e le touche le abbiamo vinte tutte , per cui non credo che in settimana abbia insegnato al tallanotare tirare le touche corte o storte , o a Esposito di non tirare le palle fuori,o a Padovani di piazzare fuori, sto solo semplicemente dicendo che non è sempre colpa dell’allenatore.
        per quanto riguarda le tecniche la seconda l’abbiamo subita con un uomo in meno ,causa un giallo che non c’era e anzi c’era calcio a nostro favore in quanto c’era un tenuto clamoroso ,credo che fosse Violi che aveva la palla in mano e l’altro non lha mollata

        • Francesco.Strano 9 Marzo 2013, 11:08

          Padovani può starsene tranquillamente a casa.. mai visto un giocatore così scarso al piede. Ripeto la sua posizione è il n. 9..seppur share alto, ma non è un problema

          • michelangelo 9 Marzo 2013, 11:25

            a mogliano gioca 10

      • mezeena10 9 Marzo 2013, 10:04

        che c’entra michelangelo lo sai solo te..
        @Da ascione ho avuto la “fortuna”??? di averlo come professore all’università di perugia e al corso allenatori..conosco piu che bene le sue “teorie” tanto da prenderne le distanze molto nettamente!
        l’abisso tecnico con gl’inglesi ieri era piu che evidente, non credo dipenda esclusivamente da guidi o chi per lui, è un problema del rugby italiano..formare i formatori deve essere la priorità, ma quando abbiamo qualcuno degno (vedi tony green o de carli ad es.) non battiamo ciglio se qualche buontempone lo “caccia via” o non fa niente per trattenerlo..
        ma soprattutto è un problema culturale, non possiamo pretendere di competere ad armi pari con chi vive e mastica rugby a casa a scuola al catechismo etc..
        riforma sport scolastica, sport gratis per tutti fino ai 12 anni, possibilità di provare tutti gli sport e solo dopo scegliere, investire in strutture ed infrastrutture per lo sport..
        nella campagna elettorale per le politiche zero parole sullo sport, nei programmi dei partiti zero parole sullo sport!
        speriamo almeno col nuovo presidente del coni si possa muovere qualcosa!

        • mezeena10 9 Marzo 2013, 10:05

          pardon non avevo visto che rispondevi a michelangelo, pensavo lo stessi dicendo a me! sorry 😉

          • Da 9 Marzo 2013, 10:14

            Rispondo a tutti e due: per me il problema non è Guidi ma il materiale che il settore tecnico che cura le giovanili gli ha dato a disposizione. Stessa cosa per le altre selezioni degli anni passati quando, alla guida, c’erano i De Carli e i Green.
            Quel che dico io e che sostengo da tempo è che, con persone più preparate di quelle attuali, il settore giovanile produrrebbe meglio e, soprattutto, i ragazzi sarebbero pronti prima per l’alto livello e, quindi, per la nazionale.

          • mezeena10 9 Marzo 2013, 10:32

            ma infatti siam d’accordo Da!
            gli altri per esempio prendono un graham henry come consulente (peraltro in un movimento gia ben radicato e produttivo come quello argentino), qui chi c’è??? cavinato??? mah!!!
            brunel non è stato libero di scegliere in completa autonomia (vedi polemiche per lo staff tecnico), ora a cavinato si da carta bianca..son queste le cose che fan storcere il naso, altro che “innovazione nella continuità”, qui c’è solo continuità coi pessimi risultati ottenuti, inoltre perseverare è quantomeno diabolico!

          • Da 9 Marzo 2013, 12:44

            @michelangelo: secondo me, se alla guida delle giovanili ci fosse un Graham Henry, un Warren Gatland, un Stuart Lancaster o anche un Franco Smith, insomma uno capace, si noi miglioreremmo la situazione tecnica e avremmo più risultati (giocatori già pronti a 18-20 anni per l’alto livello e la nazionale per capirci).
            Poi se ne prendono uno e continuiamo a far questi risultati faccio mea culpa e offro una birra a tutti 😀

          • Hullalla 9 Marzo 2013, 17:59

            @Da l’anno scorso c’era Toni Green e i risultati sono rimasti su per giu’ gli stessi (io stesso avevo molte speranze)

          • Hullalla 9 Marzo 2013, 18:00

            @ Da: adesso paga le birre!!! 😀

          • Da 9 Marzo 2013, 19:44

            @Hulla: intendevo uno del valore di Graham Henry da allenatore come direttore del settore giovanile a sostituire Ascione non un ct. competente. Siccome di nomi non ne conosco ho tirato fuori l’ex ct degli AB.
            So anch’io che Green è un ottimo coach e abbiamo perso uno su cui ci si poteva affidare in termini di miglioramento.
            La birra, cmq, la offro lo stesso 😉

        • luis 9 Marzo 2013, 10:11

          E’ per questo che bisognava cambiare tutto in federazione, a cominciare dal presidente che parlava di” innovazione nella continuità” del tipo delle “convergenze parallele” politiche !

          • michelangelo 9 Marzo 2013, 11:38

            secondo voi se cloniamo Graham Henry gli facciamo allenare i ragazzi dai 15 ai 20 anni e poi ne mettiamo un altro ad allenare la nazionale maggiore poi cloniamo anche guidi o cavinato e facciamo la stessa cosa con gli ALL BLACK secondo voi fra 5 anni vinciamo????? ma dai !!!!

          • Francesco.Strano 10 Marzo 2013, 16:30

            bisogna cambiare gli uomini… se avessimo un bacino più grande…avremmo gli stessi risultati con gente FEDERALE ma non MERITEVOLE di allenare i GIOVANI

        • lupo 9 Marzo 2013, 11:15

          Visto chi è stato eletto nuovo presidente del CONI io ci spero pochino, al massimo farà costruire piscine e centri massaggi su ogni terreno a disposizione

          • mezeena10 9 Marzo 2013, 12:09

            e la cosa che temo anch’io..oltretutto è uno nato presidente..
            speriamo faccia seguire i fatti alle tante, forse troppe, buone proposte!
            sicuro lo marcheranno stretto, in piu ci son grandi atleti nel direttivo che dovrebbero essere una garanzia..staremo a vedere

      • Francesco.Strano 9 Marzo 2013, 10:40

        parole sante… chi ha visto la Italia della anno scorso è stata fortunata molto ma creava gioco!!!

  17. M. 9 Marzo 2013, 09:48

    Comunque devastati nell’uno contro uno, superioi in tecnica, fisico, capacità di superare la linea, pulire in ruck, riposizionarsi. Non c’è storia. Ma se noi difendiamo bene 5 minuti, recuperiamo, prendiamo punizioni e non le buttiamo fuori, per almeno rifiatare e riprendere territorio non si può fare nulla. Se buttiamo non oltre i 10 metri il calcio di ripartenza, se ci isoliamo sempre dopo le maul costruite bene. Insomma è pezzesco che gli andiamo anche a regalare cose…

    Comunque l’arbitraggio dell’irlandese, dal fischio casuale al primo tempo, allo “use it”, ai due gialli, a una meta tecnica quando avevano già normalmente marcato, vogliamo dire due parole anche su di lui?

  18. M. 9 Marzo 2013, 09:49

    La cosa peggiore della serata, se si può fare una classifica, i lanci in touche di Moriconi…

    • umbro55 12 Marzo 2013, 07:51

      Moriconi aveva la febbre. Ha chiesto lui di uscire, perché si sentiva male. Non avrebbe dovuto giocare

    • umbro55 13 Marzo 2013, 11:08

      E poi semmai la cosa peggiore sono stati i calci sbagliati di Esposito e Padovani, che ci hanno privato di 6 punti e della possibilità di capovolgere per ben tre volte il fronte di gioco. Le touches almeno per il 50% sono andate bene.

  19. balin 9 Marzo 2013, 10:40

    il gap fisico è impressionante, possibile che sia tutto a posto? mica so’ figiani..

    il nostro migliore mi è sembrato M’Banda che neppure gioca in eccellenza

  20. malpensante 9 Marzo 2013, 10:44

    Per me, il peggiore l’arbitro. Ovviamente ininfluente ma inguardabile. Più guardo ‘sti ragazzi più mi sembra evidente la follia sovietica del sistema accademie.

  21. Francesco.Strano 9 Marzo 2013, 10:57

    notare che su twitter non compare nulla sulla disfatta di ieri….

  22. lupo 9 Marzo 2013, 11:22

    note positive: M’bandà e Andreotti mi sembrano proprio due bei prospetti
    Cowan dickie (il mio taglio di capelli a 18 anni ahahah, ma allora ascoltavamo i clash, non justin bieber) farà divertire chiunque ami il ruolo del tallonatore per anni e anni e trovo sia rappresentativo del cambiamento in atto da quelle parti: sempre più un pilone centrale aggiunto…che bel rugbista, magari fosse nato 1000 Km più a sud

  23. Stefano S. 9 Marzo 2013, 11:43

    Chi parla di una nostra GRANDE prestazione contro la Francia(6-13)nella prima partita..vorrei citarvi i loro GRANDI risultati… sconfitta dal Galles 13-27,sconfitta dall’Inghilterra 40-10,sconfitta dall’Irlanda 22-5….

    penso si commentino da soli questi risultati,con i nostri.

    • GiorgioXT 10 Marzo 2013, 01:17

      Infatti in Francia cadranno parecchie teste dello staff…

  24. Hullalla 9 Marzo 2013, 17:29

    “….arriva un piazzato che Padovani spedisce in touche e da cui l’Italia organizza una pericolosa email, poi abbattuta…..”
    Ci hanno abbattuto perfino le emails!!!… :-DDDD

    • malpensante 9 Marzo 2013, 17:34

      L’ufficio stampa della FIR è sempre da nobel. Rinnovamento nella continuità.

  25. JkSl 9 Marzo 2013, 20:07

    Io vorrei solo dire un paio di cose sulla prestazione di ieri dei ragazzi dell’under20

    Per prima cosa di sicuro non è mancata la voglia di battersi, credo che dall’inizio alla fine della partita i ragazzi ci abbiano davvero messo il cuore! Tuttavia gli errori individuali sia nel placcaggio che nel gioco al piede sono stati parecchi, per quanto riguarda quelli nel placcaggio sono maggiormente evidenziati dal fatto che l’Italia ha trascorso quasi l’intero match in difesa e si sa, se difendi e basta è normale che sbagli molti più placcaggi dell’avversario; per quanto riguarda il gioco al piede a parer mio è stata una delle cose che ci ha penalizzato di più sia sotto il punto di vista del punteggio, i piazzati sbagliati, che della pressione, più di una volta dopo numerosi fasi difensive in cui sono riusciti a recuperare il pallone non sono stati in grado di mandare la palla in touche e questo significa perdere il possesso e non uscire mai dalla pressione dell’avversario.

    Indubbiamente il divario fisico e tecnico era evidente, ciò a cosa è dovuto ???
    Sicuramente non alla poca applicazione o al poco allenamento dei nostri ragazzi che sia nei club che nelle accademie si fanno il ” culo ” tutti i giorni, molte volte lontani da casa e dalla famiglia, ma sicuramente alla scarsa abitudine a giocare a questi livelli!!

    Il divario fra l’Italia e l’Inghilterra ha numerose cause:

    La lunga tradizione che caratterizza gli Inglesi (noi siamo nel 6 nazioni dal 2000) ricordo che la Francia entrata a far parte del 5 nazioni nel 1910 dovrà aspettare fino al 1959 per vincerlo

    Il ricco vivaio di giovani da cui possono attingere grazie anche a un sistema di campionati che vede coinvolte le scuole e i college, il bacino rugbystico inglese è paragonabile a quello calcistico italiano

    La possibilità che i giovani Inglesi hanno di giocare ad alto livello grazie ad un campionato la Premiership (12 Squadre) che è paragonabile alla Celtic League ( 2 Squadre Italiane), mentre il campionato di eccellenza è di livello molto inferiore.

    Quindi tutto ciò che possiamo fare è continuare a sostenere i nostri ragazzi e credere in loro, i risultati arriveranno con il tempo l’importante è che loro continuino a lavorare con impegno come stanno già facendo!

    • Stefano S. 10 Marzo 2013, 01:16

      Il divario a cosa è dovuto?Te lo dico io:
      alimentazione,forma partita e coach internazionali..

    • graffio 10 Marzo 2013, 10:50

      Finalmente un intervento equilibrato JkSl, però qualche precisazione.
      1) I calci sbagliati (anche quelli di punizione rimasti in campo …) e le touche completamente a caso, sono certamente dovuti all’affanno; se avete visto le facce dei ragazzi erano stravolte, e ciò naturalmente era dovuto all’eccesso di pressione ed all’evidente gap fisico. Sicuramente i ragazzi ci hanno messo il cuore, ma la differenza era davvero troppa; peraltro almeno le situazioni in cui hai la palla in mano senza pressione come calci di punizione e touche …
      2) Gli errori di placcaggio, oltre alla fatica di dover giocare sempre in difesa, come hai giustamente evidenziato, a mio avviso sono dovuti alla diversa “agilità” dei giocatori inglesi (e francesi/gallesi/irlandesi/ecc.), nel senso che ritengo che la nostra preparazione sia volta ad un’eccessiva muscolarizzazione ed aumento di peso, che però comporta di converso una scarsa dinamicità: a me pare che in generale (non l’altra sera perchè gli inglesi erano pure più grossi) i nostri appaiano più grossi ma immensamente più lenti … ricordo al mondiale U20 un Piermaria Leso atleticamente inguardabile, ma gli esempi sono molteplici.
      3) Sono completamente d’accordo sull’impegno dei ragazzi, nonchè della enormità della “base” inglese rispetto a quella italiana, però Guidi forse ha lasciato fuori qualche elemento che meritava prediligendo il fisico rispetto alle competenze: Campagnaro sarà anche un ariete, ma non tiene una palla in mano che è una, Benvenuti a mio avviso pur avendo un bel fisico lo usa male e non va mai oltre la linea, Guarducci inesistente (a Viterbo era “pulito”), Salvetti evanescente, ecc. Gli unici che al momento si sono salvati sono Esposito, M’Bandà, Andreotti ed Odiete, per il resto mi pare sia buio pesto.
      4) E’ vero che la Francia ci mise 49 anni per vincere un 5 Nazioni, anche se in mezzo ci sono state le due guerre mondiali, per cui mi pare giusto avere un po’ di pazienza.
      5) L’anno scorso, peraltro con materiale umano diverso, la nostra U20 era bellissima da vedere, ha perso una partita vinta con la Scozia, si è comportata benissimo con Galles Irlanda e Francia, ha fatto una brutta figura solo con l’Inghilterra … Viva Green che la Federazione con il suo sistema “Massonico” s’è fatto scappare, così come Dussì!!!!!
      6) Sinchè il sistema sarà condotto da persone come Ascione, ho la vaga impressione che non andremo da nessuna parte.

      • Francesco.Strano 10 Marzo 2013, 13:15

        x graffio : parole sante.

        -riguardo il piede.. a chi insegna a questi ragazzi come calciare? allenatori con esperienza internazionale dove sono?? Guidi?!! ridicolo.

        -preparatori fisici evidentemente inadatti da cacciare al più presto.. già ho notato differenze tra lo staff di Green e questo.. tutti sembrano più lenti. Poi inutile dire che prima si forma un giocatore sulla tecnica, poi si pensa ai muscoli. Ma l avete visto il tallonatore Cowan Dickie? Quello italiano non l ho mai visto prendere palla e fare 2 metri con la palla.

        -la base è differente certo… ma ad esempio il Giappone fa quasi meglio di noi…. e vediamo infatti su chi investe…..

        -condivido sull’ Italia dell’anno scorso, molto più forte ma molto sfortunata, infortuni soprattutto, ai mondiali, con individualità migliori..assieme ad alcuni elementi di questo anno, i vari Ceccarelli, Maistri,Calabrese, Sarto, Marazzi, Scarsini,Apperley, Panico, Esposito,Bisegni, Odiete, Conforti, Campagnaro,Morsellino erano una spanna sopra l’anno scorso

        -Ascione, Guidi e compagnia bella fuori dalle palle!!!

        -come ultima cosa, portiamo questi RAGAZZI, che sono il nostro futuro, in qualche camp straniero.. ad esempio in Sudafrica o in nuova Zelanda.. cosicché possano imparare le BASI.. BISOGNA INVESTIRE su di loro… e non spendere i soldi con questo preparatori da quattro soldi.

        • 6nazioni 11 Marzo 2013, 18:39

          questi ragazzi sono 4/5 anni che stanno in accademia
          se questi sono i risultati e’ tutto lo staff tecnico delle
          varie nazionali giovanile che devono andare fuori dalle
          p…… le responsabilita’ di guidi sono minime comunque
          l’anno prossimo va in eccelenza mogliano…
          il grosso problema e’ in cile.

  26. nito 10 Marzo 2013, 00:56

    Si è detto che la prima linea dopo il primo tempo ha giocato male ma non sono d’ accordo completamente. C’ è chi è stato fatto entrare a quasi 20 minuti dalla fine, ha retto bene ed è l’ unico che è riuscito grazie al suo intervento a mandre in meta i compagni (l’ unica della serata!)…
    Ma credo non sia facile far vedere il proprio valore se non ti danno il tempo e il modo di provarlo veramente.

    • Stefano S. 10 Marzo 2013, 14:46

      Parli di Zanusso immagino.Ha sicuramente il pregio di aver fatto un bel offload.

      Comunque,per la cronaca,il n.1 Scarsini è stato sostituito a fine primo tempo causa botta ricevuta al collo con forte giramento di testa,quindi l’allenatore ha preferito anteporre giustamente la salute del ragazzo al suo utilizzo.

Lascia un commento

item-thumbnail

L’Italia A non giocherà la Toyota Challenge

La selezione avrebbe dovuto affrontare un breve tour in Sudafrica, ma si è ritirata a poco più di due settimane dall'evento

item-thumbnail

Italia under 20: Roberto Santamaria sarà il tecnico degli avanti

Il tecnico continuerà a lavorare anche con l'Accademia delle Zebre. Inoltre, Salvatore Costanzo sarà assistente dell'accademia Benetton

item-thumbnail

Italia under 20: i convocati per il primo raduno della stagione 2022-23

Sono 27 i ragazzi che si alleneranno in Ghirada dal 12 al 15 settembre agli ordini di Massimo Brunello

item-thumbnail

L’Italia “A” torna in campo a settembre per sfidare tre squadre sudafricane

Gli azzurri di Alessandro Troncon vivranno una settimana a tutto rugby nel continente africano

item-thumbnail

Brunello: “Coi giovani c’è un problema di transizione. La Nazionale maggiore? Tifo per i tecnici italiani”

Il capo allenatore dell'under 20 ha tracciato un bilancio della stagione alla Gazzetta dello Sport

item-thumbnail

Under20 Summer Series: Lorenzo Pani e Ross Vintcent nel XV ideale del torneo

La squadra migliore della manifestazione giovanile vede le maglie numero 6 e 15 sulle spalle di due azzurri. Ecco il team al completo