Zebre e Benetton divisi da falli e indiciplina. Ma non solo…

Le reazioni a caldo degli allenatori delle due squadre italiane dopo il derby celtico giocato sabato pomeriggio a Parma

COMMENTI DEI LETTORI
  1. Katmandu 23 Dicembre 2012, 14:50

    Guardatevi l’intervista di bergamauro su SI… che ridere

  2. carlo s 23 Dicembre 2012, 14:59
  3. gian 23 Dicembre 2012, 16:53

    “Loro non volevano assolutamente perdere……..loro hanno fatto di tutto per non farci segnare…” scusa Smith, a prescindere a chi vanno le simpatie, ma non ho capito, pensavi che avrebbero agevolato il bonus a treviso?! l’avversario le usa tutte per portare a casa la partita, che strano, non se lo aspetta nessuno!!!! dichiarazione folle probabilmente dettata dal fatto che pensava di passeggiare a parma e non capisce perchè non è successo

    • xnebiax 23 Dicembre 2012, 17:17

      Vabé lo “stavolta potevamo anche vincere” di Gajan é quasi ancora piú assurdo.

      • gian 23 Dicembre 2012, 18:04

        sono d’accordo, ma dal punto di vista dei numeri (in fondo erano sotto break fino a 5 min dalla fine) è meno clamorosa

      • Hullalla 24 Dicembre 2012, 11:01

        Sarebbe bastato un intercetto, e…

    • ermy 23 Dicembre 2012, 18:30

      Anche a me sono parse dichiarazioni un pò superficiali… Io sarei mooolto incazzato per non aver ucciso la partita prima e per l’approccio da feste natalizie… altro che…
      poi a chi commenta da fuori spetta dire che in effetti le Zebre nel primo tempo sono state imbarazzanti per quantitá di fallì!

      • Hullalla 24 Dicembre 2012, 11:07

        Io non capisco le critiche per i falli delle Zebre, sull stile “se ci fosse stato un altro arbitro…”.
        L’arbitro era quel che era: se le Zebre hanno saputo restare attaccate alla partita interpretando meglio il metro arbitrale, sara’ un merito loro! Tra l’altro hanno preso due cartellini gialli: come mai con 20 minuti di superiorita’ numerica e strapotere in mischia chiusa Treviso non ha saputo chiudere la partita?
        Se il gioco al largo era difficile per le condizioni del campo, bastava continuare chiedere mischia ad ogni punizione e farli crollare finche’ non si prendevano altri cartellini…

  4. kinky 23 Dicembre 2012, 17:37

    Io invece mi soffermerei sull’ acquisto di Loamanu: azzeccatissimo!! Era proprio quello che serviva per i trequarti!… è tra un po’ con Ambrosini ci si divertirà!!

    • Rabbidaniel 23 Dicembre 2012, 17:53

      Concordo, soprattutto schierato a centro. Ha le caratteristiche che mancavano nel reparto. Ambrosini ha buona attitudine e personalità, deve solo giocare di più.

      • kinky 23 Dicembre 2012, 18:07

        …per quello ho scritto che tra un po’ con Ambrosini ci si divertirà!!

  5. Gigio 23 Dicembre 2012, 19:26

    Metar el caro davanti ai bò è un modo di dire veneto per intendere un modo di agire, di fare le cose, di operare alla rovescia rispetto alla logica e questo modo di dire mi viene in mente ogni volta che in televisione vedo le partite delle Zebre giocate allo stadio di Parma: cura del terreno di gioco pressoché nulla, poca gente sugli spalti e tuttavia, cantiere aperto per la costruzione di una nuova tribuna che chissà quando riusciranno a riempire.
    Certo, il terreno ha condizionato anche le prove dei “calciatori”, ma sarebbe ora che le nostre aperture o chiunque si incarichi di trasformare i calci piazzati, impiegasse più tempo, alla fine dell’ allenamento, per affinare la tecnica. Un certo Wilkinson (Jonny) dedica ore, con cura maniacale, per mantenere una percentuale di realizzazione che garantisce alla propria squadra un “vantaggio iniziale” di almeno 12 punti a partita.
    In più di una occasione abbiamo masticato amaro per aver mancato anche una sola trasformazione (vedi contro il Leicester, sabato scorso) che avrebbe garantito una vittoria di prestigio.
    Un trevigiano che ama questo sport.

  6. Gigio 24 Dicembre 2012, 09:33

    Ho visto qualche allenamento dei Leoni, sia in Ghirada che a Monigo e ho apprezzato il serio e duro lavoro che svolgono i giocatori, ma ripeto, non ho mai visto un “serio” impegno nell’affinamento della tecnica del calcio piazzato.
    Sarei contento nell’ essere smentito dai diretti interessati: giocatori, allenatore, Direttore generale.

    • mistral 24 Dicembre 2012, 10:03

      l’attitudine al calciare la si apprende da piccoli, e mentre da noi è assolutamente “vietato” ed eretico (secondo una certa scuola di rugbystica) sviluppare l’attitudine prima dei 14, da altre parti si considera un calciatore una risorsa da, giustamente hai ricordato, 12 punti a partita… è curioso che in una patria di pallonari rotondi, dove il calciare la palla lo si assume quasi con il latte materno, a livello di nazionale di rugby ci si debba inventare un bergamirco che alla sua ormai non più tenera età si converte in calciatore… oppurer sperare che orquera mantenga la attuale condizione di forma, la stessa che ancora oggi lo fa ricordare a brive come uno dei migliori calciatori e 10 che abbiano avuto negli ultimi vent’anni…

      • Hrothepert 24 Dicembre 2012, 15:31

        Sarà che, in Italia, chiunque sia in grado di calciare discretamente una palla opta per calciare quella tonda che, comunque vada, anche da dilettante, qualche soldino glielo fa raccattare, se poi tocca il professionismo, anche nelle categorie più basse, oltre al denaro e ai contributi pensionistici, una velina o una miss di provincia gli tocca di sicuro!!

    • carlo s 24 Dicembre 2012, 10:33

      ma Mclean con la pedata che ha, perchè non lo fanno calciare?

  7. lucio 26 Dicembre 2012, 20:35

    @gian: hai perfettamente ragione,in + il secondo tempo le Zebre hanno avuto piu’ possesso e giocato molto di + con i 3/4 e rischiato di anche di fare meta… Se la Benetton (Smith) facesse giocare di piu+ i suoi 3/4 (senza dubbio superiori) avrebbe vinto piu’ di qualche partita.- Invece , sapendo di avere una mischia forte, punta principalmente sui primi 8 uomini.- IL TERRENO DI GIOCO ERA PESANTE PER TUTTI ANCHE PER LE ZEBRE ! Inotre LOAMANU e’ stat una buona scelta ma se lo usi poco , la palla alle ali e’ arrivata ben poche volte- Tutto punta sula mischia !.. fatta eccezione di qualche volta dove l’individuo prende iniziativa
    vedi DINGO W.,fa’ il brek lancia il gioco.- ma quando non ci sara’?…..Per quanto riguarda Ambrosini, magari lo facessero giocare, ma come d’abitudine la Benetton gli fara’ fare solo qualche altra sporadica apparizione, al contrario di quanto succede all’estero dove i ragazzi di 19 anni gia’ giocano intere partite

Lascia un commento

item-thumbnail

Benetton: per Hame Faiva la stagione è giunta al termine

Il tallonatore neozelandese si è operato in seguito ad un infortunio al crociato subito contro

20 Gennaio 2021 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton Rugby: Pettinelli e Lamaro, parole da futuri leader

I due avanti non si nascondono facendo autocritica ma dimostrando voglia di ripartire da protagonisti

19 Gennaio 2021 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton Rugby, in arrivo due sudafricani dai Cheetahs?

Dopo la partenza di Keatley, i Leoni sembrano vicini all'ingaggio di due volti nuovi: rinforzi per la mischia e i trequarti

19 Gennaio 2021 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton Rugby: è ufficiale la risoluzione contrattuale con Ian Keatley

Il giocatore lascia Treviso per andare a giocare in un altro club del Pro14

18 Gennaio 2021 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton, parla il preparatore Vigna: “Difficile trovare una causa comune per gli infortuni”

I Leoni lavorano in una situazione complicata, tra risultati che non arrivano a rinvii o cancellazioni delle partite che rivoluzionano i programmi

18 Gennaio 2021 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton: Thomas Gallo rimarrà tre anni in biancoverde

Il pilone argentino classe 1999, che ha anche passaporto italiano, ha firmato un lungo contratto dopo 4 mesi a Treviso

16 Gennaio 2021 Pro 14 / Benetton Rugby