L’IRB fa ricorso: la squalifica di Thomson è “indebitamente lieve”

Clamorosa decisione dell’International Board che impugna la sanzione per l’All Black: una settimana è troppo poco

COMMENTI DEI LETTORI
  1. MarkElla 22 Novembre 2012, 09:32

    più che giusto
    tuttavia consentitemi di dire che non si doveva arrivare a questo pastrocchio all’italiana Thomson andava subito sanzionato con due mesi a mio modo di vedere… altrimenti qui vedremo una pessima deriva di questo meraviglioso sport
    e aggiungo:
    la stagione scorsa Tuilagi andava preso per un orecchio dall’IRB e gli dovevano dire “figliolo hai sbagliato sport, per ora ti accomodi in tribuna per 6 mesi, la prossima ti trovi un vero lavoro da pugile perchè con la palla ovale hai chiuso”

    • ginomonza 22 Novembre 2012, 18:53

      Beh come vedi non solo in Italia si fanno pastrocchi

  2. kinky 22 Novembre 2012, 10:37

    evidentemente quelli dell’IRB hanno letto questo blog la settimana scorsa!!!!!! e poi Mark su Tuilagi hai perfettamente ragione…non mi sta neppure simpatico e tra l’altro secondo me ce ne sono di più forti, visto che molti dicono che è il centro più forte al mondo!!!

  3. Katmandu 22 Novembre 2012, 11:12

    Anche se non è stato un colpo forte sicuremente è stato un gestaccio e una settimana mi pare troppo poco

  4. francistower 22 Novembre 2012, 14:00

    In serie C in toscana alla fine della rack se fossi stato lo scozzese mi sarei alzato ed avrei ringraziato l’AB per aver alzato il piede appena si è reso conto che era la mia testa e non il pallone. Qui lo squalificano.

    Dalle mie parti in una situazione del genere mi sono preso un calcio caricato come dalla piazzola nel naso con tanto di frattura scomposta del medesimo, nessuna punizione nessun cartellino.

    Qui il gesto è, secondo me una palese riflesso di quando si poteva fare fermato appena il cervello si è reso conto che li c’era una testa, che pensino alla sicurezza delle serie minori invece di trattare questi 100 professionisti internazionali come ballerine.

    • Stefo 23 Novembre 2012, 13:39

      Scusa francistower ma la responsabilita’ nelle serie minori e’ dell’arbitro in campo ed in caso della Fir non della IRB.
      La IRB fa quello che puo’ e proprio il fare ricorso per la primo volta lei stessa su un caso non puo’ fare…piu’ che dire la punizione e’ troppo liveve deve avere una punizione maggiore per far capire che certi gesti non possono venir accettati e devono venir giudicati in maniera piu’ severa non puo’ fare.
      Sta aglia rbitri ed alle federazioni Nazionali poi recepire questo linea dura ed applicarla nei campionati Nazionali e enlle serie inferiori.

Lascia un commento

item-thumbnail

Il mini-film delle Autumn Nations Series 2022

È finito novembre, evviva novembre!

30 Novembre 2022 Foto e video
item-thumbnail

Perché la cessione di Will Rowlands è così importante per il rugby gallese

Il seconda linea dei Dragons e della nazionale ha offerte da Bath e Racing 92, facendo emergere le crepe nella gestione delle risorse economiche della...

30 Novembre 2022 United Rugby Championship / Altri club
item-thumbnail

Ronan O’Gara non si muove, pronto il rinnovo triennale a La Rochelle

L'head coach campione d'Europa, corteggiato da diverse federazioni per prendere in mano una nazionale, sembra vicino al prolungamento del contratto

30 Novembre 2022 Emisfero Nord
item-thumbnail

Top10: programma e arbitri della settima giornata

Dopo la pausa torna in campo il massimo campionato italiano. Si riparte all'inseguimento di Fiamme Oro e Colorno

30 Novembre 2022 Campionati Italiani / TOP 10
item-thumbnail

Dubai Sevens: le World Series volano negli Emirati Arabi

Venerdì e sabato gli Emirati Arabi ospitano il torneo Dubai 7s, tappa delle Sevens World Series maschili e femminili di rugby a sette: tante le sfide ...

30 Novembre 2022 Rugby Mondiale / Sevens World Series
item-thumbnail

Benetton, Tetaz Chaparro: “Serve una mentalità di ferro per vincere in trasferta”

Il pilone argentino analizza le difficoltà dei biancoverdi fuori casa e traccia la strada per sfatare il tabù