Fronte del Triveneto: in Friuli due società vanno con Gavazzi

Pordenone e Leonorso si sfilano e aprono alla FIR. Gli altri 15 club rimangono però fermi sulle loro posizioni

COMMENTI DEI LETTORI
  1. angelo.volpe 17 Ottobre 2012, 09:29

    “Divide et impera”… storia vecchia di millenni, nulla di nuovo sotto il sole.

    • mezeena10 17 Ottobre 2012, 09:42
    • mauguerri 17 Ottobre 2012, 10:47

      Più che l’imperiale divide et impera, la vicenda triveneta mi ricorda Jack Nicholson in “Qualcuno volò sul nido del cuculo”. Di nuovo c’è purtroppo che non siamo né all’inizio, né alla fine di un impero, ma dentro un manicomio. Speriamo in un finale diverso da quello cinematografico!

    • bebe 17 Ottobre 2012, 19:58

      Invito a verificare bene la fonte. A me risulta che due società siano sfovarevoli e tutte le altre favorevoli alla nuova Delegazione FVG

  2. Gabriele 17 Ottobre 2012, 09:35

    per fortuna che il presidente del Pordenone perima delle votazione aveva detto che non gli piaceva gavassi !

    Puito.

  3. Andrea da Treviso 17 Ottobre 2012, 10:05

    Chissà cosa gli ha promesso Gavazzi per convincerli!?!$$$$$$$$$$$$$!

    • Turch 17 Ottobre 2012, 10:57

      Gavazzi non ha promesso proprio nulla, non ha ancora convinto nessuno, e tu caro Andrea da Treviso fai proprio una figura da cretino con queste accuse. Ci sono persone che si sbattono parecchio per questo sport e non vanno in cerca di vendersi per soldi. Prima di tirare palate di merda vedi di informarti bene, perchè i leoni da tastiera sono proprio l’ultima cosa che ci serve

      • biagio 17 Ottobre 2012, 22:08

        Quoto, basta con le critiche a tutti i costi altrimenti questo sito diventa una barzelletta !!!

  4. Da 17 Ottobre 2012, 10:14

    Io ancora non ho capito quale sia il problema.
    Al di là di quelle che possano essere le soluzioni, non è meglio concentrarsi sull’aspetto tecnico? Ovvero, perché l’Alto livello è ancora in mano ad Ascione e Checchinato?

  5. AlbertoNSL 17 Ottobre 2012, 10:20

    Le dichiarazioni riportate sono quelle di una persona che non è nemmeno tesserata per alcuna squadra Friulana. Nella riunione di lunedì è stato preso atto di una decisione già in essere e la maggioranza delle società ha chiesto un incontro con la Federazione per capire le funzioni e i compiti del delegato per poter esprimere le dovute osservazioni e gli eventuali candidati (queste sono anche le posizioni di Leonorso e Pordenone). I pareri preelettorali sui candidati (non propriamente come descritti da Gabriele) rimangono tali e, a meno che qualcuno non voglia farsi una federazione ad personam, il presidente ora è Gavazzi. Secondo me si stà producendo tanta fuffa, il che non serve a progettare ma solo a distruggere. In classico stile italiota per le smanie di una persona.

  6. EnricoT 17 Ottobre 2012, 14:55

    Fa un po’ specie che un giornalista esperto come Malfatto (non presente all’incontro in questione) racconti questo episodio affidandosi ad una sola fonte, che tra l’altro è rappresentata da un personaggio che, oltre a non essere tesserato per nessuna società friulana come già giustamente sottolineato, ha sicuramente tutto l’interesse per cercare di boicottare la creazione del nuovo comitato.
    A me risulta che, pur essendoci due società teoricamente più “ottimiste” delle altre riguardo a questo possibile cambiamento, tutte siano state concordi nel richiedere, com è giusto che sia, un incontro con Gavazzi per capire meglio che cosa comporterebbe in pratica.

  7. bebe 17 Ottobre 2012, 20:01

    Malfatto ed i suoi malfatti!! dia le notizie di cui è certo…altrimenti faccia subito mea culpa!

  8. golia 17 Ottobre 2012, 22:14

    …scusate, ma cosa vi aspettate che scriva Malfatto ???
    tutto il Veneto sa che ha sempre avuto un canale preferenziale con il mitico, unico, irascibile condottiero Napoleone !

    fatta questa considerazione mi sembra che sia chiaro che, a parte le direttive del Coni, il CIV sia oramai non conforme al resto della penisola.

    giusto anche tener in considerazione il Friuli alla stessa stregua della Val d’Aosta e che sicuramente come territorio non è da meno di Trento o Bolzano.

    invece di perdersi in ciacole inutili perchè non si inizia a proporre qualche candidato Friulano che abbia il benestare della maggioranza dei club del territorio ???

  9. claubal 18 Ottobre 2012, 00:38

    Tra Malfatto giornalista di parte e Ballico Consigliere opportunista, in Friuli stanno proprio bene. In effetti gira la voce che alla riunione friulana siano state solo due le società contrarie a sentire Gavazzi per chiedere chiarimenti e pensate quali sono ? La Rugby Udine di Ballico e il Fontana di Da Ponte entrambi al soldo della Benetton. Ma è possibile che dal Friuli non ci sia neanche una smentita ? FURLANI, SVEIEVE !

Lascia un commento

item-thumbnail

Il chiarimento della FIR sulle attività consentite dopo il nuovo DPCM

Proseguono regolarmente allenamenti e campionati delle squadre impegnate in tornei nazionali e regionali. Indicazioni anche su giovanili ed Old

19 Ottobre 2020 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

La FIR ha fatto chiarezza sull’ordinanza 620 della Regione Lombardia

Spiegato in dettaglio cosa va avanti e cosa, invece, si ferma fino al 6 novembre 2020

17 Ottobre 2020 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Gavazzi: “Definito l’accordo CVC-Sei Nazioni, ma ora la mia priorità è la ripartenza”

Il presidente federale parla a anche di Pro14, Mondiale U20, ricandidatura e biglietti per la partita con l'Inghilterra

28 Settembre 2020 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Consiglio federale: i contributi alle società del massimo campionato

E su come considerare conclusi o meno i campionati se ci dovesse essere una nuova interruzione nel 2020/2021

17 Settembre 2020 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Il protocollo FIR per l’attività agonistica nazionale

Le disposizioni federali relative alla ripartenza: ci sarà un contributo per i test medici

15 Settembre 2020 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Consiglio federale: approvato il bilancio consuntivo 2019. Termine iscrizioni ai campionati il 22 agosto

Approvata anche la prima nota di variazione del bilancio preventivo 2020

1 Agosto 2020 Rugby Azzurro / Vita federale