Seguici su Facebook Twitter Google+ Pinterest Instagram YouTube Feed Rss
Login        

College Rugby: dal Sudafrica un 221-0 che fa discutere

Il DoR della squadra vincente: la partita andava interrotta
palla rugby fango

ph. Henry Browne/Action Images

Sabato scorso l’Under 15 del Grey College di Bloemfontein ha battuto 221-0 i pari età del Durban’s Glenwood. Nello stesso weekend, altre sfide si concludono 164-0 e 152-0 sempre a favore del Grey College (sotto tutti i risultati degli incontri giocati nel weekend tra i due college). E Wessel du Plessis, Director of Rugby del Grey, non ci sta. Quella partita andava interrotta per non umiliare i ragazzi sconfitti e per non rischiare che lascino il gioco.

“Avrei fermato tutto se fossi stato a bordo campo – ha dichiarato a Netwerk24 – Ad un certo momento, i ragazzi del Glenwood stavano quasi immobili e subivano mete. Deve essere stato davvero umiliante per loro e per i tifosi”.

 

 

Tutti i risultati del weekend tra i due college (il numero di formazioni è abbastanza impressionante)

Prima squadra  83-10
Cherries (seconda)  74-8
Peaches (terza)  124-6
Playboys (quarta)  147-0
Packs (quinta)  121-0
Pigs (sesta)  152 – 0
Crocs (settima)  164-0

16A  82-20
16B  88-9
16C/D  150-0

15A  24-27
15B  109-0
15E  95-7
15D  221-0

14A  36-19
14B  66-3
14C  104-0
14D  129-0
14E  29-10


onrugby.it © riproduzione riservata

ULTIME NOTIZIE IN QUESTA CATEGORIA



7 risposte a “College Rugby: dal Sudafrica un 221-0 che fa discutere”

  1. ambi scrive:

    La Forza del rugby sud africano sono le scuole e i college.

  2. Hullalla scrive:

    Che invidia: hanno college con sette squadre per anno di etá…

  3. amedeolupo52 scrive:

    Se fosse stata interrotta allora sarebbe stato umiliante, che gli sconfitti non si muovessero nemmeno più è un problema dell’allenatore. Prima di imparare a vincere si deve saper perdere con coraggio e onore, lottando fino a che non sia finita.

  4. lexv scrive:

    Certo che andava interrotta!

  5. mistral scrive:

    è sicuramente un dato importante, ma qual’è il messaggio?… che un college di una città ha fatto (nel rugby) un mazzo tanto ad un college di una altra città, e quindi viva i più bravi (nel rugby), o che anche nel rugby bisogna lasciara spazio ai mediocri (per non deprimerli, poverini!) e non più onorarli (alla neozelandese) giocando al meglio delle proprie possibilità?…

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento