Seguici su Facebook Twitter Google+ Pinterest Instagram YouTube Feed Rss
Login        

Italseven: tre sconfitte nei gironi di Exeter

Azzurri battuti da Germania, Spagna e Inghilterra. Domenica sfida al Belgio
italia seven

ph. Matteo Zardini

La Nazionale Italiana Seven maschile è scesa in campo a Exeter nella quarta e ultima tappa del Grand Prix Rugby Europe, il circuito europeo di prima fascia.

Inseriti nella Pool C con Germania, Spagna e Inghilterra gli uomini di Andy Vilk hanno chiuso il girone a fondo classifica dopo essere stati fermati sul 17-12 dai tedeschi nel match inaugurale, essersi arresi per 19-10 alla Spagna nella seconda uscita di giornata ed aver chiuso contro l’Inghilterra, impostasi per 19-5.

Settimi nella classifica generale del circuito con 22 punti, quattro lunghezze davanti alla Georgia, gli Azzurri saranno impegnati domenica nella parte bassa del tabellone. Primo avversario il Belgio.


onrugby.it © riproduzione riservata

ULTIME NOTIZIE IN QUESTA CATEGORIA



5 risposte a “Italseven: tre sconfitte nei gironi di Exeter”

  1. TommyHowlett scrive:

    A cadenza annuale faccio questa domanda: visto che il 7 è diventato sport olimpico, la FIR ha in previsione qualche forma di investimento oppure dobbiamo continuare a vivacchiare nella Serie C o D del circuito internazionale?

  2. burger scrive:

    E provare con qualche 100 ista? Poi insegnare il gioco, forse si fa prima
    Nel 7 serve tanta velocita’

    • Gremo scrive:

      Eh ma il problema è che un centometrista magari ti mette pure due mete in sprint, però se c’è da placcare, spostarsi o passare diventa un uomo in meno. Meglio prendere un’ala con una vera formazione rugbistica e fare poi un lavoro specifico sulla velocità, non pensi? Poi per darti un’idea del divario tra noi e gli altri: Carlin Isles degli USA correva i 100m in 10.24, non era abbastanza per una carriera nell’atletica e ha ripiegato su un altro sport, il rugby. Il miglior italiano agli ultimi europei di atletica invece li ha corsi in 10.25.

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento