Seguici su Facebook Twitter Google+ Pinterest Instagram YouTube Feed Rss
Login        

Pro12: via alle semifinali, caccia alle irlandesi

Si inizia questa sera con Leinster-Scarlets: dirige Mitrea (diretta Eurosport 2)
marius mitrea pro12

ph. Sebastiano Pessina

Dopo il termine della stagione regolare e la pausa per le finali delle Coppe Europee, iniziano questa sera a Dublino le semifinali di Guinness Pro12, con il primo dei due incroci tra Irlanda e Galles.

 

 

All’RDS Arena va in scena la sfida tra Leinster e Scarlets. Pronostici sulla carta a favore dei Dubliners, arrivati in semifinali di Champions e che possono contare su un blocco irlandese in grande spolvero nel corso dell’intera stagione (e su una formazione di grande qualità in cui tornano Henshaw, Byrne e Carbery). Ma gli Scarlets restano un avversario solido e di assoluto livello: di fronte il miglior attacco del torneo celtico (Leinster – 674 punti) contro la seconda miglior difesa (Scarlets – 359).

Sarà una partita dagli alti contenuti tecnici e a dirigerla è chiamato il nostro Marius Mitrea, alla terza semifinale celtica: sarà assistito da Boaretto e Adamson, mentre TMO è Alan Falzone. Diretta su Eurosport 2 a partire dalla 20.45.

 

Sabato tocca invece alla Red Army di Munster, che dopo aver chiuso i testa il torneo affronta gli Ospreys che solo all’ultima giornata hanno strappato il pass per i playoff ai danni di Ulster. Discorso abbastanza simile a sopra: esperienza, solidità e buona forma da parte dei padroni di casa, dall’altra una squadra anch’essa abituata a giocare questo tipo di partite. Ma battere in casa gli uomini di Munster è davvero un’impresa.

 

 

Leinster v Scarlets: venerdì 19 maggio, 20.45 – Diretta Eurosport 2

Munster v Ospreys: sabato 20 maggio, 19.15 – Diretta Eurosport 2

 

 

Leinster: 15 Joey Carbery, 14 Adam Byrne, 13 Garry Ringrose, 12 Robbie Henshaw, 11 Isa Nacewa (c), 10 Johnny Sexton, 9 Luke McGrath, 8 Jack Conan, 7 Josh van der Flier, 6 Rhys Ruddock, 5 Hayden Triggs, 4 Ross Molony, 3 Tadhg Furlong, 2 James Tracy, 1 Jack McGrath
A disposizione: 16 Richardt Strauss, 17 Cian Healy, 18 Michael Bent, 19 Devin Toner, 20 Dan Leavy, 21 Seán O’Brien, 22 Jamison Gibson-Park, 23 Zane Kirchner

Scarlets: 15 Johnny McNicholl, 14 Liam Williams, 13 Jonathan Davies, 12 Scott Williams, 11 Steff Evans, 10 Rhys Patchell, 9 Gareth Davies, 8 John Barclay (c), 7 James Davies, 6 Aaron Shingler, 5 Tadhg Beirne, 4 Lewis Rawlins, 3 Samson Lee, 2 Ryan Elias, 1 Rob Evans
A disposizione: 16 Emyr Phillips, 17 Wyn Jones, 18 Werner Kruger, 19 David Bulbring, 20 Will Boyde, 21 Jonathan Evans, 22 Hadleigh Parkes, 23 DTH van der Merwe


onrugby.it © riproduzione riservata

ULTIME NOTIZIE IN QUESTA CATEGORIA



17 risposte a “Pro12: via alle semifinali, caccia alle irlandesi”

  1. pagliacciodighiaccio scrive:

    ladyboys andranno via lisci come l’olio.
    munster ho la sensazione che dovrà sudarsela fino in fondo.

  2. Mr Ian scrive:

    su planetrugby c’è un analisi molto interessante sull organizzazione difensiva degli Scarlets di quest anno. Grazie al lavoro di Hayward ed al credo tattico di Pivac, gli Scarlets hanno ridotto notevolemente il numero di mete subite rispetto lo scorso anno. Il tallone d achille degli Scarlets, dalla partenza di Ben Morgan, è stato quello di non riuscire a trovare dei ball carriers abbastanza potenti come il rugby di oggi esige per potersi imporre ad alti livelli. Con il suo arrivo Pivac ha portato alla squadra la sua visione di gioco neozelandese, che fa invece della mobilità del pack un arma vincente, soprattutto nel gioco aperto. In fase di possesso il lavoro di Evans e Ball è stato fondamentale per portare avanti il pallone. Mentre in fase di difensiva è proprio la mobilità del pack e di certi suoi attori, su tutti James Davies, ma anche Shingler, Barcklay, Boude, Mcleod e, la vera sorpresa dell anno, Beirne a rendere gli Scarlets una squadra molto ostica, soprattutto nel rallentare e contendere continuamente i punti d incontro; in quanto non è importante quanto grosso tu possa essere, purchè arrivi prima sul punto d incontro
    Dietro la maggior parte delle volte si gioca con una difesa rovesciata, dove la fisicità di J. Davies e Williams, ma anche Parkes, creano un muro per fermare gli avanzamenti avversari.
    Quanto alla partita di stasera sarà quasi da mission impossible, a Dublino si è patito una sconfitta pesantissima, stasera ovviamente si spera possa essere diverso, si entrerà in campo da underdog cercando di rimanete il più possibile attaccati nel punteggio. Pesano le assenze di Owens e Ball, ma sono fiducioso su Elias

  3. Eva P. scrive:

    Già pronta birra, coca-cola e ordine della pizza per stasera e per domani pomeriggio. Il mio arbitro in erba ha già sistemato fischietto e cartellini sul mobile TV, dovrò guardare la partita spostandolo di qua e di là mentre segue il gioco, sognando di essere lui al posto di Marius Mitrea, tra qualche anno.
    Stasera tifiamo Leinster, con il Munster nel cuore per la nostra finale da sogno.

  4. Jock scrive:

    Grande programma. A me tocca perderle tutte e due, caspita.

  5. Mr Ian scrive:

    mi auguro che dalla prossima volta allora questi falli siano puniti tutti con il rosso…
    sanzione esagerata, giallo tutta la vita, ma il rosso ha solamente rovinato la partita

  6. ginomonza scrive:

    Ian il rosso è dovuto : poteva spezzargli il collo.
    Scarlett buoni ma molto esagitati

  7. Mr Ian scrive:

    ho perso un anno di vita…

  8. Mr Ian scrive:

    partita che entrerà di sicuro nella storia del club, vittoria strameritata e giocata alla grande da tutti i ragazzi…come detto stamani, i punti d incontro sono stati la nostra arma vincente, mentre in difesa la coppia Williams e Davies è un muro invalicabile!!!
    Troppo contento, soprattutto perchè non si è molto abituati a queste gioie…
    Man of the match tanto per cambiare James Davies, ma Beirne, Shingler hanno giocato magnificamente…

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento