Seguici su Facebook Twitter Google+ Pinterest Instagram YouTube Feed Rss
Login        

Rugby Europe Championship: la Romania spezza il dominio della Georgia

Decisiva la vittoria nel confronto diretto (e la consulenza di Massimo Cuttitta). Spagna terza
tifosi romania rugby

ph. Sebastiano Pessina

Va alla Romania l’edizione 2017 del Rugby Europe Championship. Decisiva la vittoria di Bucarest contro la Georgia, campione in carica da sei anni consecutivi: le due squadre hanno chiuso a pari merito la classifica e in questo caso la vittoria finale va al vincitore dello scontro diretto.

 

Spagna-Belgio: a Madrid tutto facile per le Furie Rosse, che si impongono con un netto 30-0. La Spagna si conferma terza forza del Sei Nazioni B, mentre è seconda nella classifica del botteghino (media di 7.500 presenze nelle partite interne).

Russia-Germania: dopo un primo tempo combattuto e chiuso sul 12-7, nella ripresa la Russia dilaga e marca sei volte per il 52-25 finale.

Romania-Georgia: allo Stadio Arco di Trionfo va in scena un match combattutissimo. La spunta la Romania 8-7, grazie anche alla grande prova della mischia ordinata, allenata questa settimana dal consulente della federazione rumena ed ex allenatore del pack scozzese Massimo Cuttitta. “La mischia ordinata è andata davvero bene – ci ha raccontato a fine match – I ragazzi hanno eseguito quanto preparato in una settimana di lavoro”.

 

Classifica: Romania 18, Georgia 18, Spagna 13, Russia 9, Germania 8, Belgio 2.


onrugby.it © riproduzione riservata

ULTIME NOTIZIE IN QUESTA CATEGORIA



46 risposte a “Rugby Europe Championship: la Romania spezza il dominio della Georgia”

  1. jazztrain scrive:

    Noi in mischia abbiamo perso parecchio, la Romania tiene testa alla fortissima mischia georgiana grazie al fatto che Marcello Cutitta sia diventato ‘allenatore…

    Con tutto il rispetto per De Carli, ma vedo che ogni volta che Cutitta va all’estero fa sentire la sua mano!

    Torniamo alla partita: Vlaicu si è ispirato a Canna, ha ciccato una trasformazione e due punizioni, ma ha segnato la quarta (non è riuscito a superare il record del nostro sfortunato numero 10) quella decisiva. Per fortuna dei rumeni l’effetto Canna ha colpito anche l’estremo georgiano M. Kvirkashvili che ha sbagliao due decisivi calci di punnizioni, il secondo è andato sul palo, ma non c’era il Venditti georgiano.

    La sorte era benevola con i rumeni, stavolta.

  2. dart2002 scrive:

    Chi è la squadra con più publico?
    Che media di spettatori?

  3. jazztrain scrive:

    Ora che dirannno i georgiani…

    La prima della Tier 2 cotro l’ultima del 6 Nazioni?

    Romania-Italia?

    :D :D :D !

    A parte gli scherzi Georgia in flessione e meno performante dello scorso anno…

    Si era capito che qualcosa non stava andando bene, grazie ai risultati degli ultimi test match di novembre.

  4. jazztrain scrive:

    Ultima riflessione: è stata una delle più belle edizioni degli ultimi anni; non c’è stato il dominio assoluto della Georgia se non in alcune partite (Germania e Russia) avendo perso contro la Romania e faticato sia contro la Spagna che qualitativamente gioca il rugby migliore del Tier 2, e persio contro il fanalino di coda del Belgio che ha ottato ma che è stato sfortunato in alcune circostanze.

    La Romania, dopo la sconfitta imprevista con la Germania, non ha mai mollato, ha saputo stringere bene i denti contro la Spagna per poi vinncere agevolmente contro le altre.

    La vittoria della Romania ha un certo peso perché stavolta i georgiani erano in formazione tipo (Gorgodze era presente in campo).

    La roboante Germannia, dopo i proclami, dopo il colpacco con la Romania, e le sue ambizioni chiude al quinto posto; non ha un numero elevato di giocatori, e i suoi limiti strutturali si sono evidenziati durante il torneo, perdere con ua modesta Russia che ha gocato male l’intero torneo…

    La Russia sembra la russia zarista di inizio secolo XX, in declino, incapace di fare gioco, mischia inesistente etc… E’ già assai che si trovi nel massimo campionato Tier 2.

    Il Belgio, fanalino di coda, ha da recriminare parecchio, ma ha lottato con onore in tutte le partite.

    La Spagna, infine, vera sorpresa del torneo, a differenza della Germania, non ha fatto roboanti proclami di qualificazione, ha meritato il terzo posto candidandosi naturalmente alla prossima edizione come terza forza.

    Ha vinto bene contro una Russia incolore, ha messo in difficoltà Georgia e Romania, ha vinto facilmente contro le altre squadre.

    Potrebbe essere lei la prossima protagonista delle qualificazioni mondiali, dopo vedo la Germania e la Russia.

  5. Bala Sporca scrive:

    la Spagna sta facendo bene sia a XV che a VII. prendendo anche molti argentino/spagnoli. i club si sono riempiti di tanti ragazzini figli di argentini di ritorno (si stimano circa 500.000 argentini in Spagna fra Spagnolo Argentini e Italo Argentini di passaporto). tanti club si stanno riempendo di ragazzi come mai ci si ricordava.. da tenere d’occhio.

  6. Nicolae scrive:

    Squadra rumena che ha vinto aveva solo 6 giocatori di Francia e gli altri 17 giocatori del nostro campionato, Superliga. 4 giocatori erano sotto 22 anni.

    Georgia aveva 16 giocatori provenienti da Francia, Inghilterra e Russia. Questo risultato conferma che la Superliga è un campionato professionistico in aumento.

    Ci sono stati circa 5.000 spettatori. Ma il prezzo medio di un biglietto era 18 euro.

    Georgia ha avuto 50.000 spettatori, ma il biglietto è stato solo 3,5 euro. E ‘una grande differenza.

    Abbiamo bisogno di tempo per sviluppare strutture per la gioventù e i nostri club professionisti. Oltre 7-8 anni, penso che saremo ancora più forti.

  7. demon1981 scrive:

    Sottolinerei l’ottimo torneo della Spagna!
    Perde di misura contro Georgia e Romania e vince contro tutte le altre
    Bravi!

  8. Osezno scrive:

    Il Spagna-Belgio non ha stato così facile per noi. Avviamo giocato mezzo secondo tempo con 13 uomini. Un rosso e due gialli… Mà avviamo stato fortunati perche il terzo try e il punto bonus sono arrivati comunque.

  9. zappinbo scrive:

    Complimenti ai romeni!!

  10. fabrio13H scrive:

    Vedo con piacere che un po’ di interesse il 6N B sta suscitando un po’ di interesse anche qui, del resto, se ieri sera ho fatto bene i conti, la Romania si è installata a ruota nostra con circa un punto di svantaggio mentre la Georgia dovrebbe rimanere circa un punto e mezzo sopra di noi. Ovviamente tenendo conto di tutte le relatività del ranking che però: 1) sarebbero inevitabili con qualsiasi modalità di calcolo 2) è comunque più oggettivo delle classifiche redatte dai giornalisti negli anni della mia gioventù 3) trovo inevitabile e giustissimo che castighi (almeno lui, ranking ;) ) chi si ostina a fare a testate con chi è il doppio più forte mettendo insieme quasi solo sconfitte, considerando invece meglio chi si è confrontato con squadre di livello tale da permettergli di avere all’attivo un buon numero di vittorie assieme alle inevitabili sconfitte.
    Brave Romania e Spagna, non bene la Russia ma neanche così male; in realtà, come rilevato da alcuni in altre pagine, la cosa non chiara è la discrepanza di risultati con quelli di alcuni club russi. Per il Belgio, benché possa raccogliere simpatie, mi pare che i risultati dicano che è attualmente la più debole in maniera netta. Sulla Germania, da una parte bei progressi che, con i dovuti tempi, non certo brevi, fanno a pensare a un cammino verso posizioni di una certa importanza nel rugby internazionale, d’altra parte penso anche che nella prossima edizione i tedeschi dovranno anche stare attenti a non retrocedere: dovrebbe risalire dal terzo livello il Portogallo che ha discrete tradizioni.

    • fabrio13H scrive:

      …abbastanza bene la Georgia che ha comunque perso la coppa per un punto nei confronti della seconda e comunque vicina, potenza, facendo il suo nelle altre partite. Il tutto dopo aver vinto parecchie coppe consecutivamente.

  11. passatello scrive:

    Per cortesia qualcuno mi può spiegare esattamente il meccanismo di punteggio dei bonus in questo torneo ?
    Chi perde anche se segna 4 mete non ottiene nessun bonus.
    Si ottiene il punto di bonus solo segnando 3 (oppure 4) mete più dell’avversario ?
    Il bonus difensivo lo si ottiene con uno scarto massimo di 7 (oppure 5) punti ?

    Grazie

  12. fracassosandona scrive:

    la cosa divertente è che parrebbe che ieri in campo abbiano premiato la Georgia anche se, a termini di regolamento, il Torneo l’ha vinto la Romania…

    http://www.rugbyeurope.eu/precision-rec-ranking

  13. Danthegun scrive:

    Nell’anno in cui più di tutti si è parlato di far entrare la Georgia nel 6 nazioni e di concedergli spazio contro le tier1 queta non vince il 6 nazioni B. Stupendo.

    Continuo ad essere convinto che un test a novembre e uno a giugno tra la perdente del 6 nazioni A e la vincente del 6 nazioni B possa essere di interesse collettivo. Senza pretese di promozione/retrocessione che non stanno ne in cielo ne in terra, ma solo per lo spettacolo e per la crescita del rugby europeo.

  14. Meridion scrive:

    Ho seguito tutto il torneo , le mie conclusioni:
    Bene rugby Europe che ha dato la possibilità a tutti di vedere il torneo e anche la 2nda divisione in parte, molti appassionati hanno visto questo torneo che comunque è affascinante.
    Georgia: La squadra più forte ma ha cominciato a ridursi il gap con le altre, involuzione nel gioco sia con i panchinari sia con i titolari, non si può campare di rendita facendo a ”capate” Italia docet…Deve essere umile.

    Romania: avevo scommesso nella loro visttoria finale, dopo la Germania in cui erano stati spreconi/sbruffoni non calciando per i pali neanche all’80esimo per la vittoria, feriti nell’orgoglio hanno iniziato a macinare contro la Georgia mischia sontuosa…(Maus Cutitta appena arrivato..), rimangono alcune lacune..Hanno tutti il fisico da cassonettone!! La superliga è superiore all’Eccellenza ed un gradino sotto la premier russa, ma possono far più che bene, magari ingrandire Arcu de triumph anche..meritano stadio più grande!

    Russia:…BOH…!!! Oggetto misterioso, sulla carta poteva dar filo da torcere a chiunque invece prime partite disastro totale..Bene nella sfida con i Georgiani, in una situazione ambientale difficilissima (inno fischiato purtroppo)..poi a Valanga sui tedeschi…Hanno il 4 campionato professionistico in europa, ma ha pochissimo seguito..e raccoglie poco, anche perchè a Novembre test mach di basso livello.

    Spagna: La bella! Divertente, Tre-quarti frizzanti, completa..Forse li rivedremo alla rwc, movimento che fa spettatori tra nazionale e campionato/coppa, ma ha poco professionismo e ne soffre, tuttavia mette in difficoltà i Rumeni a casa loro e sfiora impresa con la Georgia.

    Germania: Un pò arrogantelli, partita mostruosa contro i Rumeni, tenaci e ordinati..Il movimento è apena ”rinato”..ce ne vorrà ancora di tempo per competere con Lelos e Oaks, servono strutture e pubblico.

    Belgio:Onore a loro hanno combattuto al meglio i Diable noir, stadio sempre pieno (come anche in Olanda, certo stadi piccoli), e sono stati anche sfortunati contro la Russia.

    Per chi dice di fare test match contro le prime 2, dico semplicemente che non c’è trippa per gatti su 10 partite 8/9 le vincono gli Azzurri(reputo Tonga più forte dei Georgiani al di la degli ultimi risultati)…Certo che giocare contro di loro servirebbe sia a noi che a loro!!!.

  15. giobart scrive:

    Grandissimo risultato della Romania, complimenti.

  16. balin scrive:

    brava Romania
    e qui si può dire che almeno nel 2015 li abbiamo incontrati e battuti ;-)
    comunque occhio, son gente che ha storia e palle!

    • Antani scrive:

      Quella partita tra l’altro è la dimostrazione che l’Italia a un certo punto spegne il cervello, che giochi con Inghilterra o Romania… Grande vantaggio acquisito nella prima parte del match poi buttato via quasi completamente …

      • fabrio13H scrive:

        Una vera figura di c…ioccolato, anche se qui sul blog molti trovarono modo di arrampicarsi per giustificare il comportamento dei nostri, invece penso che il miglioramento passerebbe anche dal vincere nettamente quelle partite, forse ancor più che dall’andare ogni momento a fare a cornate con chi ci è sopra di due categorie.

  17. panda scrive:

    Io penso che noi dovremmo avere il coraggio, ma ne dubito, di fare come la Francia che giocava con una nazionale sperimentale la allora coppa Europa.
    Molto sperimentale contro le squadre più deboli, infarcita di titolari della nazionale maggiore contro di noi, che spesso arrivavamo secondi.
    Sarebbe un’ ottimo sistema per sperimentare giovani e si porterebbe a casa qualche vittoria che potrebbe galvanizzare l’ ambiente.
    Per finanziare basterebbe eliminare una inutile e deprimente franchigia e con i denari risparmiati rafforzare un unica franchigia rimasta e finanziare questa nuova attività internazionale.

    • fabrio13H scrive:

      Certo che una cosa in cui siamo ben specializzati è il volere le cose a nostro uso e consumo (apparentemente). Vorremmo la Maggiore partecipante a un torneo d’elite in cui è due categorie inferiori alle altre e la seconda Rappresentativa a giocare con le Nazionali maggiori dei Paesi di secondo livello. Lo faceva la Francia ma il rugby deve andare avanti verso l’internazionalizzazione avvicinandosi alle strutture paritarie dei tornei vigenti negli altri sport, cosa che tra l’altro, a mio parere, farebbe le nostre fortune molto più che andare a scornarsi con chi ci è di due categorie superiori. Riesumare strutture dell’epoca amatoriale, alla lunga, fa solo male a tutto il rugby.

      • panda scrive:

        Forse non hai compreso quello che volevo dire.
        Io penso al nostro livello sia sportivo che economico sia possibile una sola franchigia su cui concentrare gli sforzi.
        Per quanto riguarda le rappresentative nazionali penso che per i conti economici siamo costretti al 6 nazioni, fin quando non ci cacceranno via. La seconda nazionale, finanziata parzialmente dai soldi della franchigia eliminata, giocherebbe con squadre del nostro livello e servirebbe come esperienza internazionale a tanti giocatori non ancora pronti al 6 nazioni.

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento