Seguici su Facebook Twitter Google+ Pinterest Instagram YouTube Feed Rss
Login        

Zebre Rugby, istituzioni e imprenditori: la conferenza per farli conoscere

Il presidente Pagliarini ha fatto il punto sulla situazione della franchigia bianconera
zebre rugby lanfranchi

ph. Sebastiano Pessina

PARMA – Si è tenuta in mattinata presso la sede della Provincia di Parma l’incontro promosso dalle istituzioni locali per favorire l’avvicinamento e il contatto tra le Zebre Rugby e il mondo imprenditoriale del territorio ducale. A fare gli onori di casa il Presidente della Provincia Filippo Fritelli, che ha chiamato a raccolta i colleghi delle istituzioni “per portare avanti un progetto di sostegno comune ad una realtà importante per il territorio“.

 

Non ha nascosto il momento di forte difficoltà il Presidente Stefano Pagliarini: “Senza l’intervento delle istituzioni e la loro disponibilità saremmo ancora più in difficoltà. Ma il Pro12 dimostra che con sufficiente copertura economica e un buon progetto, si possono ottenere importanti risultati come fatto da Connacht”. Il discorso è poi passato al rapporto con la Federazione: “Per effetto del contratto che ci lega e che dura fino al 2020, nel momento in cui non riusciamo a garantire la solidità economica, la FIR ha la possibilità di togliere il titolo alla franchigia“. Servono, e subito, nuovi fondi: “Siamo stati una meteora calata e slegata dalla città. Si poteva fare meglio e prima, sicuramente, ma siamo sicuri che basterebbe un importante partner per sbloccare l’intera situazione e smuovere il mondo imprenditoriale. Dal punto di vista societario abbiamo ampliato l’organigramma non tecnico, investendo in figure legate al marketing e con un Direttore Generale: ma serve tempo per produrre risultati, anche perché nella precedente gestione non c’era esigenza di reperire risorse in quanto il budget era interamente coperto”. Già le prossime settimane potrebbero risultare decisive: “Entro metà o fine febbraio la situazione sarà più definita. Speriamo a breve di riuscire a rendere pubblici nuovi partner, perché nella peggiore delle ipotesi si creerebbero grossi problemi”.

 

È seguito l’intervento dell’Assessore allo Sport del Comune di Parma Giovanni Marani: “E’ doveroso essere vicini alle Zebre per condividere questo momento. C’è un elemento fondamentale quando si parla di trasferimento ed è l’impianto a disposizione delle Zebre, che ha permesso alla città di ospitare importanti eventi rugbistici e di riflesso di portare turisti nel territorio. Quando nel 2012 si è presentata l’occasione di ospitare la franchigia, abbiamo accelerato perché ciò avvenisse. Il Comune ha lavorato perché negli anni venisse percepita come una realtà cittadina, per esempio con il logo UNESCO sulla maglia. Il trasferimento sarebbe una grave perdita”. “Sappiamo che se Parma non potrà accettare ci sono altre città pronte a farsi avanti – ha aggiunto il consigliere regionale  Alessandro Cardinali – La Regione è sensibile al tema e non mancherà di interessarsi per lanciare un messaggio alle realtà economiche imprenditoriali”.

 

In conclusione, ha preso parola il Consigliere Federale Stefano Cantoni: “La Federazione investe e crede nel progetto Pro12, investendo 4 milioni di Euro l’anno in ciascuna delle due franchigie. Il contratto che ci lega al Pro12 scade nel giugno 2020 e come Federazione dobbiamo garantire la nostra presenza in questo campionato. Un impianto come lo Stadio Lanfranchi non ha molti uguali in Italia e Parma ha tutte le caratteristiche per ospitare una franchigia”.

Facebook

onrugby.it © riproduzione riservata

ULTIME NOTIZIE IN QUESTA CATEGORIA



28 risposte a “Zebre Rugby, istituzioni e imprenditori: la conferenza per farli conoscere”

  1. carlo s scrive:

    E’ andato in scena: Zebre ultimo atto.
    La gestione è evidentemente fallimentare. Mi spiace per i ragazzi e per la squadra, che mi era simpatica.

    La gestione Parma ha fallito su tutta la linea, non solo nel settore tecnico.

    Spero si trovi una sistemazione con un sponsor vero con trasferimento in una grande Città meglio se Roma o Milano, altre soluzioni di periferia non hanno senso.

  2. M. scrive:

    In pratica a gennaio si sono accorti che non hanno fieno in cascina e che non l’hanno mai avuto.
    Dice: l’obiettivo è vincere il Pro 12. Risate grasse nelle teste degli appassionati. Ma contemporaneamanete dice: se entro febbraio non troviamo chi mette soldi chiudiamo baracca.

    Un misto di amarezza e comicità involontaria.

  3. cammy scrive:

    Mi sembra di rivedere le conferenze stampa del parma calcio prima del fallimento..

  4. Dusty scrive:

    Ovunque ci sia uno sponsor serio, credibile, appassionato e che abbia un progetto allora è lì che si deve spostare la franchigia. Inutile fare ragionamenti su grandi città che non hanno mai dimostrato di avere la voglia di occuparsi di rugby.

  5. M. scrive:

    Comunque presentare come “incontro con il mondo imprenditoriale” quando la tizia presente era una mandata lì dall’Unione industriali praticamente per caso e dovere di presenza…

  6. Rabbidaniel scrive:

    Farlo prima, molto prima, no?

  7. parega scrive:

    fanno e disfanno le societa’ per la celtic come fosse serie c….vivendo alla giornata e affrontando i problemi quando i buoi sono gia’ scappati
    poi qualcuno si lamenta se ci si lamenta…e anche tanto…di questa gestione federale
    direi che al massimo vanno bene a gestire un chiosco ai laghetti di campogalliano…neanche rimini o sardegna

  8. ginomonza scrive:

    Nebbia fitta a parma anzi come dicono dalle parti di Hullalla & gsp : thick, very thick :)

  9. carlo s scrive:

    no baiuchin, no party

  10. arali scrive:

    Mai visto qualcuno che.sponsorizza una squadra dichiaratamente sull orlo del fallimento

  11. deegan scrive:

    1.000.000 di euro per finire la stagione………
    https://www.youtube.com/watch?v=zt5OYX8gUrw

    cosa vi dicevo da lungo tempo passando da TRoll………….Inesorabile il cammino verso il fallimento e immeritato per tutti?…quasi tutti.
    ho spesso accusato i giocatori di scarso attaccamento alla maglia ignorantemente e qualunquemente dico oggi, perchè sono oramai 3 anni che vivono una situazione Vergognosa, hai voglia a vendere le “bandierine” zebrate, Devi ELEMOSINARE (perchè di questo si tratta) 1milione di euro per finire il campionato?
    oggi quando ho visto il servizio su TV parma ho cambiato canale ho scelto BOING davano Doraemon e allora mi sono rilassato.
    buna giornata a tutti.
    https://www.youtube.com/watch?v=-G6oC2Cz6qg

    Sempre e ovunquemente FORZA NOCETO domenica ci vuole mente sana in corpore sano!!!!!!!!!!!!

  12. fulvio.manfredi scrive:

    “Si al decreto banche, lo Stato salva MPS”.
    “Si al decreto celtiche, la FIR salva le Zebre”. E’ l’unica soluzione, ma con quali prospettive??..

  13. leo64 scrive:

    Non volevo scrivere niente perché parlare male delle Zebre è come sperare sulla Croce Rossa. Ma il presidente ha detto vogliamo vincere il Pro12. Intervista integrale. Sono non lo so non mi viene la parola.

  14. Jock scrive:

    Disastro. Dall’ inizio.

  15. 6nazioni scrive:

    altra fuffa, con duemila euro vogliono anche vincere il pro12 poveri noi.

  16. Leozama scrive:

    Il progetto del riportare una grande squadra di rugby a Parma è fallito miseramente. Peccato e dispiace per per i tifosi, perché so cosa vuol dire, visto che sono un grande tifoso del Parma Calcio, ma lo stesso Parma Calcio deve servire da esempio per ricreare a Parma una vera squadra finanziata da imprenditori locali e per la minima parte dalla FIR… e magari darle un nome accettabile perché Zebre mi sembra un po’ fuori luogo…

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento