Seguici su Facebook Twitter Google+ Pinterest Instagram YouTube Feed Rss
Login        

Rugby Femminile: Spagna, la WRWC2017 si avvicina. Scozia battuta 5-10

Nel gelo dello Scotstoun Stadium una bella gara decisa dalla meta di Rial a fine primo tempo. Scozia bella ma poco concreta
ph. Matteo Mangiarotti

ph. Matteo Mangiarotti

GLASGOW – La pioggia che ha battuto l’Ovest della Scozia negli ultimi giorni dà una tregua nell’immediata vigilia del match e quando la Scozia dà il via alla gara con il drop da metà campo, allo Scotstoun fa ‘solo’ tanto freddo – ci sono 3°C, percepiti molti meno.

La Scozia parte bene, provando a testare subito la tenuta difensiva avversaria e facendo bene nelle fasi statiche, ma commettendo qualche errore di troppo di handling. La prima volta che la Spagna entra nei 22m scozzesi va a segno col piede di Garcia, che dalla piazzola punisce un fuorigioco della difesa in Dark Blue all’11’. Nonostante la gara sia trasmessa in diretta tv su BBC Alba, c’è una buona cornice di pubblico (2565 spettatori) che ha sfidato il freddo per venire a sostenere le ragazze di casa, e si fa sentire fin dai primi minuti.
Le Dark Blues, subito il colpo, ripartono in attacco a testa bassa, tenendo Las Leonas ben addentro i loro 22m ma non riuscendo mai ad essere davvero pericolose.
Al 20′ Nelson, il mediano scozzese, sceglie di calciare da quaranta metri e ha la forza necessaria, ma difetta di precisione e l’ovale si spegne di poco sotto la traversa; la Scozia continua ad attaccare e gli sforzi vengono finalmente premiati al 29′, quando la seconda linea Deborah McCormack va in meta all’angolo sotto il North Stand al termine dell’ennesima azione insistita che ha stavolta fiaccato la resistenza avversaria. Lana Skeldon, il tallonatore, manca la trasformazione ma dopo mezz’ora di gioco la Scozia adesso conduce 5-3.
Il vantaggio dura poco, però, perchè la Spagna nel ribaltamento di fronte chiude la Scozia nei suoi 5m, prima di allargare il gioco sotto il Main Stand mandando in meta il centro Vanessa Rial che sfrutta la superiorità numerica creatasi sull’altra fascia. Garcia trasforma e Las Leonas vanno a riposo avanti, 5-10.

 

Finora la differenza l’ha fatta la concretezza della Spagna, che è entrata tre volte nei 22m avversari ed è andata a segno due volte (punizione e meta), andando vicinissima alla meta nell’altra occasione. La Scozia è stata generosissima ma ha pagato cari i troppi errori commessi in fase di possesso, non riuscendo a finalizzare i grandi sforzi profusi. 
Nella ripresa Las Leonas partono fortissimo e vanno oltre la linea due volte, ma in entrambe le occasioni non mette punti a referto. Al 46′ la meta viene però annullata dal TMO, un minuto dopo – quando il gioco riprende con una mischia chiusa sui 5m scozzesi – la difesa scozzese si salva tenendo alto l’ovale portato nell’area di meta dalla seconda linea Redondo, decisamente una delle migliori in campo.
La Scozia risponde bene, risale il campo prima con un’ottima difesa avanzante, poi con ordine una volta recuperato l’ovale ma ancora una volta non riesce a trasformare gli sforzi in punti, quando il cronometro scorre veloce e il match, bello ed in equilibrio, entra nell’ultimo quarto con le spagnole ancora avanti – e che si vedono annullare un’altra occasione da meta, stavolta per un passaggio avanti su Medín, al 67′.
Negli ultimi dieci minuti la Scozia ha ancora la forza per chiudere la Spagna nei propri 22m, dopo essersi difesa molto bene finora, e va vicina due volte alla marcatura ma in entrambi i casi, dopo numerose fasi, è un piede in touche dell’ultimo ball-carrier a render vano il tutto.
Le Dark Blues chiudono il match in attacco ma non riescono a trovare la meta del pareggio.
Finisce 5-10, con Las Leonas che hanno un piede e mezzo sull’aereo per Ireland 2017, ancora prima di giocare il ritorno a Madrid sabato prossimo. Per la Scozia una delusione, ma la certezza che le ragazze di coach Munro hanno davvero imboccato la strada giusta.

 

Scozia:  15. Chloe Rollie 14. Megan Gaffney 13. Lisa Thomson 12. Lisa Martin (C) 11. Rhona Lloyd 10. Helen Nelson 9. Sarah Law 1. Heather Lockhart 2. Lana Skeldon 3. Tracey Balmer 4. Emma Wassell 5. Deborah McCormack 6. Jemma Forsyth 7. Louise McMillan 8. Karen Dunbar
A disposizione: 16. Lucy Park 17. Lindsey Smith 18. Katie Dougan 19. Sarah Bonar 20. Rachel Malcolm 21. Lyndsay O’Donnell 22. Jenny Maxwell 23. Eilidh Sinclair

Marcatori Scozia
Mete: McCormack (29′)
Conversioni:
Punizioni:

Spagna: 15 Barbara Plá 14 Maria Casado 13 Vanesa Rial 12 Maria Bravo 11 Iera Echebarría 10 Patricia Garcia 9 Anne Fernández 1 Isabel Rico 2 Aroa González 3 Laura Delgado 4 Maria Ribera 5 Elena Redondo 6 Diana Gassó 7 Paula Medín 8 Ángela Del Pan
A disposizione: 16 Saioa Jaurena 17 Isabel Macias 18 Jeannina Vinueza 19 Monica Castelo 20 Maria Losada 21 Irene Schiavón 22 Amaia Erbina 23 Anna Ramon
Marcatori Spagna
Mete: Rial (37′)
Conversioni: Garcia (38′)
Punizioni: Garcia (11′)
di Matteo Mangiarotti
Facebook

onrugby.it © riproduzione riservata

ULTIME NOTIZIE IN QUESTA CATEGORIA



4 risposte a “Rugby Femminile: Spagna, la WRWC2017 si avvicina. Scozia battuta 5-10”

  1. Osezno scrive:

    Per meno di questa performance delle Spagnole c’è gente che domanda l’arrivo de Georgia nel 6N. Quando verrà l’errore di 2006 essere corretto?

    • Antani scrive:

      Sono d’accordo sul fatto che le spagnole meriterebbero di stare nel Sei nazioni, solo che il problema è che l’errore ad oggi andrebbe corretto sostituendo le spagnole con le scozzesi, ma diciamo la verità: anche se parliamo di rugby femminile, che Sei nazioni sarebbe senza una delle Home unions?

      • Osezno scrive:

        Capisco questo, ma è il sesto anno in cui la Scozia vince il cucchiaio di legno perdendo tutte le partite mentre che la Spagna non ha un torneo annuale ufficiale e solo ha giocato tre test matches in due anni: uno ufficiale contro Hong Kong e due uncapped contro Scozia (senza giocatrici di 7s) e il Paese Basco Questa situazione non ha giustificazione sportiva e fa molto male a l’espansione dello sport.

  2. giobart scrive:

    Complimentissimi alle spagnole!

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento